Venezuela, approvata dal Senato la mozione di Casini con 184 sì

Pubblicato il 24 gennaio 2017 da redazione

Il sen. Casini con la stampa venezuelana all’uscita del Parlamento Venezuelano
—————————————————————————-

ROMA – Con 184 sí l’Aula del Senato ha approvato la mozione presentata dal presidente della commissione Esteri Pier Ferdinando Casini sulla situazione venezuelana. Ha invece respinto, con 173 no, la proposta dal M5S.

Il dibattito, come sempre accade quando intervengono – come d’altronde è giusto – anche elementi dalla mentalità provinciale e xenofoba, non sono mancati sprazzi di polemica; polemica il piú delle volte fine a se stessa e prodotto dell’ignoranza. Infatti, mentre c’era chi, intervenivano per fissare posizione interessanti sulle mozioni e, soprattutto esprimeva preoccupazione per i riflessi della crisi venezuelana sulla nostra Collettività, altri attraverso i social-network esprimevano fastidio e facevano dell’ironia.

“Dopo quello che è successo nel fine settimana e ancora oggi, con il Centro Italia distrutto e il Sud inondato – si esprimeva la senatrice del M5s Paola Taverna in un video postato su Fb dallo scranno della sua postazione in Aula – , uno viene in Aula al Senato e pensa: ora la politica farà qualcosa! Invece entri e scopri che dopo il minuto di silenzio e il ricordo delle vittime abbiamo parlato di Venezuela. Di come esportare la democrazia in Venezuela. Mi domando: ma secondo voi in Italia abbiamo problemi così poco gravi per dedicare una giornata di lavoro del Senato a come esportare la democrazia in Venezuela?. Non sarebbe stato meglio guardarci in faccia e dirci: fino ad ora abbiamo fatto schifo è arrivato il momento di cambiare?”.

Sulla stessa falsa linea un altro senatore del M5S: Vito Rosario Petrocelli. Questi, nell’annuncia il voto contrario del suo gruppo alla mozione sul Venezuela presentata dal presidente della commissione esteri Pier Ferdinando Casini sosteneva che “la mozione di Casini è schierata”.

– E che fa – ha detto -, ci propone di esportare il modello di democrazia ad opera di grandi potenze? Grazie, abbiamo già visto quello che succede ad esportare la democrazia da parte delle super potenze. Noi – ha aggiunto – siamo contrari a questa mozione, alla fretta che l’ha determinata e che sarebbe necessaria invece per ben altri provvedimenti. Quella di Casini è una maniera antica di trattare la politica estera. Evidentemente ancora oggi Casini può imporre le sue prassi che sono da dinosauro della politica. Io non so quanto ancora potranno durare queste prassi, del resto anche i dinosauri si sono estinti.

Non tutti gli interventi, fortunatamente, sono stati come quelli degli esponenti del M5s. Ad esempio, il senatore Luigi Compagna, membro del gruppo dei Conservatori e Riformisti, in dichiarazione di voto circa la mozione sulla crisi nel Venezuela presentata da Casini, ha detto:

– Le considerazioni fatte dal ministro degli Esteri Alfano dimostrano quanto scivolosa sia diventata di settimana in settimana la situazione venezuelana. La crisi lì è una crisi di rapporto tra opposizione e governo, ma anche una crisi di legittimità dello strumento parlamentare. Annunciando il voto favorevole del nostro gruppo alla mozione presentata da Casini, desidero esprimere consenso all’attività del governo che ha cercato di rafforzare il lavoro della nostra rappresentanza diplomatica in Venezuela.

Dal canto suo, il senatore Peppe De Cristofaro, di Sinistra Italiana, piú che preoccupazione per le attuali condizioni della nostra collettività e degli italo-venezuelani, sempre piú numerosi, che hanno bisogno della solidarietà della Madrepatria, ha espresso preoccupazione perchè, ha detto, “la mozione sembra scritta sotto la dittatura dell’opposizione venezuelana” che ha identificato con la destra.

– Non ci sto a questa ricostruzione secondo la quale gli ultimi governi sono stati la causa di questa situazione in Venezuela – ha dichiarato -. E mi rivolgo anche al Pd, chiedete ai partiti che sono con voi nell’internazionale socialista quali sono le responsabilità dell’opposizione in Venezuela. Io – ha proseguito – penso che essere così proni verso la destra venezuelana sia un errore.

Anche il capo della Farnesina è intervenuto nel dibattito. Infatti, sollecitato dalla mozione presentata dal senatore Casini, il ministro degli Esteri, Angelino Alfano si è presentato in Aula per parlare del Venezuela.

– Siamo consapevoli della gravità della situazione in Venezuela – ha detto -. Oggi stesso incontrerò Paul Richard Gallagher, segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati, con il quale faremo il punto anche sullo stato della crisi venezuelana e al quale ribadirò il sostegno dell’Italia al prezioso lavoro di mediazione messo in campo dalla Santa Sede. Il governo italiano – ha aggiunto – ritiene che la comunità internazionale deve sostenere il dialogo tra il governo e l’opposizione, e contribuire a superare la crisi economica e sociale, fonte di preoccupazione per l’intera regione sudamericana.

Il ministro ha sottolineato come il Governo italiano sta ponendo in essere ogni azione volta a contribuire a risolvere la crisi venezuelana, che desta non poche preoccupazioni. Tuttavia, ha spiegato Alfano, i tentativi di mediazione che l’Esecutivo ha portato avanti nell’ottica di riaprire un dialogo interistituzionale per addivenire ad un processo di pace, così come promosso in modo encomiabile dalla Santa Sede, non hanno portato agli esiti sperati a causa della mancata collaborazione delle autorità locali, che ha reso gli sforzi del Governo italiano insufficienti.
Il ministro ha anche segnalato l’invio, da parte della Farnesina, di altre cinque unità di personale nelle sedi del consolato e dell’ambasciata, mentre altre 6 unità partiranno prossimamente.

A conclusione della discussione, l’Assemblea del Senato ha approvato la mozione Casini presentata dalla maggioranza, e successivamente sottoscritta dai Gruppi CoR, FI-PdL e ALA, e l’ordine del giorno G1 presentato dal senatore Sangalli e da altri senatori tra cui Aldo di Biagio. La mozione approvata dall’Aula, in relazione alla profonda crisi economica, sociale e politica del Venezuela e alla proclamazione dello stato di emergenza, impegna il Governo italiano ad adottare ogni iniziativa internazionale per ottenere dal Governo venezuelano un atteggiamento costruttivo, per impegnarlo a ripristinare la separazione dei poteri e salvaguardare le attribuzioni degli organi costituzionali; per favorire un dialogo tra Governo, opposizione e società civile; per ottenere la liberazione dei prigionieri politici.

La mozione presentata dal Senatore Casini, inoltre, impegna il Governo ad adottare ogni iniziativa per alleviare la crisi umanitaria del Paese; ad approvare un piano straordinario di assistenza ai connazionali residenti in Venezuela, anche attraverso un rafforzamento delle strutture consolari; a continuare a sostenere i legittimi interessi delle imprese italiane che operano in Venezuela e vantano crediti nei confronti del Governo.

L’ordine del giorno Sangalli impegna altresì il Governo a valutare la possibilità di utilizzare strumenti di carattere risarcitorio a favore dei cittadini e delle società italiane che vantano crediti nei confronti del Governo e degli enti pubblici venezuelani.

Durante il dibattito è intervenuto il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale Angelino Alfano che ha sottolineato come il Governo italiano sta ponendo in essere ogni azione volta a contribuire a risolvere la crisi venezuelana, che desta non poche preoccupazioni. Tuttavia, ha spiegato Alfano, i tentativi di mediazione che l’Esecutivo ha portato avanti nell’ottica di riaprire un dialogo interistituzionale per addivenire ad un processo di pace, così come promosso in modo encomiabile dalla Santa Sede, non hanno portato agli esiti sperati a causa della mancata collaborazione delle autorità locali, che ha reso gli sforzi del Governo italiano insufficienti.

Il ministro ha anche segnalato l’invio, da parte della Farnesina, di altre cinque unità di personale nelle sedi del consolato e dell’ambasciata, mentre altre 6 unità partiranno prossimamente.

Ultima ora

10:52++ Agguato nel Foggiano, ucciso un uomo ++

(ANSA) - CERIGNOLA (FOGGIA), 24 AGO - Un uomo - del quale non è stata resa nota l'identità - è stato ucciso poco fa in un agguato compiuto per strada a Cerignola, nel Foggiano. Pare che la vittima sia stata ferita mortalmente con un colpo di pistola in pieno volto. Sul posto sono al lavoro i carabinieri. (ANSA).

10:40Calcio: L’Equipe, accordo Psg-Monaco per Mbappè

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Kylian Mbappè è sempre più vicino al Pag. Secondo quanto riferisce il quotidiano sportivo francese L'Equipe, ripreso anche dai siti spagnoli, il club parigino e il Monaco sarebbero arrivati ad un accordo di massima per il trasferimento del diciottenne attaccante francese. Oltre ai 150 milioni che arriveranno nelle casse del Monaco, l'accordo prevede che il Psg debba cedere ai campioni di Francia un giocatore. Le opzioni vanno da Krychowiak a Di Maria, Ben Arfa, Draxler, Guedes, Pastore o Lucas Moura. Mentre il Monaco decide, fa sapere L'Equipe, il Psg è alla ricerca di formule per rispettare il Fair Play Finanziario. Il club parigino, che ha già speso 222 milioni di euro per Neymar, dovrebbe vendere almeno un altro giocatore, oltre a quello compreso nell'operazione Mbappè, per fare cassa. Tra le soluzioni possibili la cessione di Angel Di Maria al Barcellona, che vedrebbe nell'argentino un'alternativa più economica all'ingaggio di Philippe Coutinho, per il quale il Liverpool chiede 150 milioni di euro.

10:35Terremoto: mons. D’Ercole, burocrazia spietata

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 24 AGO - L'anniversario del terremoto ''vuole essere anche sforzo di speranza, puntando a una visione del futuro positiva anche se le difficoltà, gli ostacoli e gli intralci della burocrazia spietata tentano di spingere lo spirito a un realismo fatale che rasenta il fatalismo della disperazione''. Così il vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D'Ercole ad un anno esatto dal sisma che il 24 agosto 2016 sconvolse l'Italia centrale. ''Molto resta da fare - sottolinea mons. D'Ercole -, la lentezza degli interventi pubblici in molti l'hanno più volte sottolineata; la fatica che ci attende è chiara a tutti, ma il coraggio e l'impegno hanno ripreso a camminare sulle gambe della speranza''. Poi i simboli: ''i media identificano questo terremoto come 'il terremoto di Amatrice'', ma ''il luogo che più di ogni altro può mostrare l'energia divoratrice del sisma è proprio Pescara del Tronto, dove non trovi un masso, un muro, una mezza casupola in piedi, ma tutto diventato poltiglia di ridottissimi rottami''.

10:07Fisco:non dichiara ricavi per 5 anni,scoperto medico evasore

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 24 AGO - Esercitava l'attività medica da diversi anni senza dichiarare al fisco i compensi percepiti. Un professionista evasore è stato individuato dalla Guardia di finanza di Vibo Valentia che ha fatto emergere ricavi non dichiarati, nell'ultimo quinquennio, per circa 200 mila euro. I finanzieri, nel corso di una verifica fiscale svolta nell'ambito del contrasto all'evasione, hanno esaminato una copiosa documentazione extracontabile acquisita all'atto dell'avvio del controllo scoprendo la mancata o parziale istituzione, tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie. Inoltre, sulla base di riscontri effettuati nei confronti di alcuni "clienti" si è pervenuti alla puntuale qualificazione della posizione fiscale, nonché della reale capacità contributiva del professionista.(ANSA).

10:06Incidenti stradali: muore imprenditore edile Mattioda

(ANSA) - TORINO, 24 AGO - L'imprenditore Giampiero Mattioda, titolare di una delle aziende edili più importanti d'Italia, è deceduto all'età di 52 anni in un incidente stradale. E' accaduto nella notte nel Torinese, sulla provinciale 460 tra Leini e Lombardore. L'uomo, residente a Cuorgnè, era a bordo di una Mini Countryman diretto verso casa quando ha perso il controllo della vettura che è finita nel fossato a lato della strada. E' morto sul colpo. La dinamica del sinistro è al vaglio dei carabinieri di Venaria Reale.(ANSA).

10:03Tennis:ßAtp Winston-Salem, fuori Lorenzi e Seppi

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Paolo Lorenzi e Andreas Seppi si fermano agli ottavi di finale del torneo Atp di Winston-Salem (montepremi di 664.825 dollari, cemento), in North Carolina, ultimo appuntamento prima degli Us Open. Il 35enne senese, dopo aver usufruito di un 'bye' al primo turno e aver esordito superando in rimonta per 2-6 6-4 6-4 il brasiliano Thiago Monteiro, è stato sconfitto dallo statunitense Taylor Fritz per 7-6(3) 7-6(7-5). Il 33enne altoatesino, dopo le affermazioni sul serbo Janko Tipsarevic (6-2 6-2) e sul britannico Aljaz Bedene (6-4 7-5), ha ceduto al tedesco Jan-Lennard Struff per 6-3 6-7(3-7) 7-6(7-3).

10:02Terremoto: un grande cuore di fiaccole ad Arquata

(ANSA) - ASCOLI PICENO - Nella notte illuminata dalle fiaccole il vescovo di Ascoli Piceno Giovanni D'Ercole alle 3:36 ha scandito i nomi delle 48 vittime del terremoto del 24 agosto 2016 nel territorio di Arquata del Tronto. E' sembrato un tempo infinito quello impegnato per leggerli tutti nel silenzio assoluto, rotto dopo ogni nome dai rintocchi di una delle campane della vecchia chiesa di Pescara del Tronto, frazione che ha registrato il più alto numero di morti e che ha ospitato la commemorazione ad un anno dal sisma. Con il sindaco Aleandro Petrucci c'era tanta gente: sopravvissuti, familiari delle vittime, volontari. Hanno dato vita ad una fiaccolata che ha raggiunto l'ex campo giochi di Pescara, dove è stato inaugurato un monumento in ricordo, disegnando a terra un grande cuore con le fiaccole. Oggi è lutto cittadino: alle 16:30 mons. D'Ercole celebrerà una messa in suffragio insieme ai sacerdoti delle zone terremotate. Saranno presenti la presidente della Camera Laura Boldrini e il ministro dell'Interno Marco Minniti.

Archivio Ultima ora