Segnali di protezionismo da Trump, Bce in allarme

Pubblicato il 25 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – La nuova ventata protezionistica innescata dall’elezione di Donald Trump comincia a mettere in allarme diverse istituzioni internazionali, che temono ripercussioni sulla crescita. Inclusa la Banca centrale europea: nonostante lo stesso Mario Draghi abbia detto che è troppo presto per giudicare gli sviluppi dopo le presidenziali Usa, da due fonti qualificate filtra preoccupazione, specie dopo che Trump, assunto l’incarico, sembra voler tenere fede alle promesse elettorali.

A lanciare l’allarme più forte era stata Christine Lagarde, che a Davos, la scorsa settimana, aveva usato parole pesanti: l’economia mondiale rischia “un ‘cigno nero’ davvero grande che avrebbe effetti devastanti, se si ripetessero nel 2017 in maniera negativa tutti gli elementi di rottura che ci aspettiamo sulla base di quanto accaduto nel 2016, e se si va a finire in una corsa al ribasso sul fronte fiscale, del commercio internazionale e della regolazione finanziaria”, aveva detto la numero uno del Fmi.

Parole pronunciate in un riferimento neanche troppo velato alle politiche annunciate da Trump e alla minaccia di Londra di rispondere con un drastico taglio delle tasse sulle aziende per attrarre capitali. Lagarde “ha ragione, sono parole perfettamente condivisibili”, spiega una delle fonti qualificate interpellata sulla posizione della Bce in merito.

“C’è preoccupazione”, conferma la seconda fonte. Mario Draghi, nel consiglio Bce del 19 gennaio scorso, ha detto che “è troppo presto” per commentare sulle posizioni della nuova amministrazione americana. Che per ora ha confermato l’addio al Tpp, il trattato di Partnership trans-pacifica, e lavora su una sorta di ‘exit-tax’ sulle aziende che volessero delocalizzare ulteriormente le proprie manifatture, ma minaccia anche tariffe sull’import.

La posizione ufficiale della Bce non può essere più di tanto esplicita: ogni banca centrale è ben attenta a tenersi alla larga da simili questioni che, ricordano sempre i banchieri centrali, spettano alla politica. Anche ieri Peter Praet, capo economista e consigliere esecutivo della Bce, ha detto che i tempi non sono ancora maturi per farsi un’idea di come Trump articolerà le proprie politiche sul commercio estero.

Ma l’impatto dei segnali protezionistici potrebbe non essere trascurabile sullo scenario di crescita, e di questo le banche centrali devono tener conto. La Bce, nel suo bollettino economico di dicembre, scrive che “i rischi al ribasso includono un possibile rialzo nel protezionismo commerciale” e ora quei rischi sembrano farsi un po’ più concreti.

Gli ultimi verbali dei consigli Bce disponibili, relativi al meeting del 7-8 dicembre, sorvolano su questo tema. Ma la discussione su quei rischi diviene inevitabile ora che l’amministrazione Trump entra nel vivo dei dossier. Basti pensare che l’indice Ifo che misura la fiducia delle imprese tedesche, a gennaio, è sceso a sorpresa a gennaio e fra le cause, secondo diversi economisti, ci sarebbe il clima di incertezza sulle mosse di Trump e sulla Brexit.

Il ministro delle Finanse tedesco, Wolfgang Schaeuble, ha detto “non riesco davvero a immaginare che l’amministrazione Trump arrivi a danneggiare seriamente il libero commercio globale”. Ma la Germania rischia di trovarsi quel dossier in cima alle priorità da discutere al G20 di cui quest’anno ha la presidenza.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

09:01Blitz antimafia a Roma, sequestri per 280 milioni

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Arresti e sequestro di beni da 280 milioni di euro a Roma: anche bar, ristoranti, pizzerie e sale slot. I carabinieri del Comando provinciale di Roma stanno eseguendo una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 persone ritenute responsabili a vario titolo di appartenere a due associazioni a delinquere finalizzate a estorsione, usura, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita e il fraudolento trasferimento di beni o valori. I carabinieri, nel corso di un'operazione condotta anche con la partecipazione dei finanzieri del locale Nucleo di Polizia Tributaria, stanno eseguendo nelle province di Roma, Napoli, Milano e Pescara un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Roma su richiesta della locale DDA nei confronti di 23 persone. Decine le perquisizioni. La maxi-operazione scaturisce da un'indagine dei carabinieri denominata "Babylonia", su due sodalizi criminali "in vertiginosa crescita" sul territorio capitolino, con base a Roma e Monterotondo.

08:35Caporalato: polizia arresta in flagranza due imprenditori

(ANSA) - RAGUSA, 23 GIU - La Polizia di Stato di Ragusa ha arrestato in flagranza di reato, per sfruttamento di braccianti agricoli, due imprenditori di Vittoria: i fratelli Angelo e Valentino Busacca. Titolari di un'azienda di 40.000 mq di coltivazione in serra di ortaggi sono accusati di caporalato e sfruttamento di manodopera. Impiegavano 26 operai illegalmente: 19 richiedenti asilo, 5 rumeni (2 donne) e due tunisini. Sette di loro alloggiavano in abitazioni fatiscenti nell'azienda in condizioni degradanti. Erano retribuiti con 25 euro al giorno per almeno 8 ore di lavoro senza ferie, astensione o giorni di riposo. Solo la domenica a volte non lavoravano, ma non venivano pagati. Ieri venti agenti della Squadra Mobile di Ragusa hanno fatto accesso nell'azienda cogliendo in flagranza gli operai addetti alla raccolta dei pomodoro. (ANSA).

08:30Iraq: cecchino canadese uccide jihadista da 3,5 km distanza

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Un cecchino delle forze speciali canadesi ha ucciso un terrorista dell'Isis in Iraq da una distanza di oltre 3,5 chilometri stabilendo così un nuovo record per il colpo mortale confermato dalla distanza più lunga, che in precedenza era detenuto da un soldato britannico. Secondo quanto riporta il Times, il proiettile e' stato sparato da un fucile di precisione McMillan TAC-50 ed ha impiegato meno di 10 secondi per raggiungere l'obiettivo, che si trovava a 3.540 metri di distanza. Lo stesso esercito canadese ha confermato l'episodio.

08:26Venezuela: manifestante 22enne ucciso a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 23 GIU - Un giovane 22enne è morto ieri a Caracas durante una manifestazione contro la riforma costituzionale lanciata dal presidente Nicolas Maduro. Lo ha reso noto il deputato oppositore José Manuel Olivares. Si tratta della 75a vittima dall'inizio dell'ondata di proteste contro il governo venezuelano, nei primi giorni dell'aprile scorso.

08:23Terremoti: scossa 6,8 in Guatemala, 4 feriti e danni minori

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - E' di quattro feriti e danni di lieve entità il bilancio della forte scossa di terremoto di magnitudo 6,8 che ha interessato giovedì il sud del Guatemala. Lo riportano i media locali. Secondo i rilevamenti del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro in mare a oltre 45 km di profondità ed epicentro a più di 20 km dalla costa.

23:38Europei U.21: Slovacchia-Svezia 3-0

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - La Slovacchia ha battuto 3-0 la Svezia campione uscente nell'altra partita del gruppo A degli Europei under 21, giocata a Lublino. Reti di Chrien al 5' pt, Mihalik al 22' pt e Satka al 28' st. Questo successo permette alla Slovacchia, seconda nella classifica finale del girone, di finire a quota 6 punti con una differenza reti di +3. Ancora in corsa (alle semifinali del torneo si qualifica anche la migliore seconda dei tre gruppi) rimangono Portogallo (in campo domani contro la Macedonia, con 3 punti e una differenza reti di 0), Repubblica Ceca (ha 3 punti e differenza reti di 0, sabato match con la Danimarca) e l'Italia (stessa situazione e gioca sabato contro la Germania).

23:37Europei U.21: Inghilterra in semifinale, 3-0 alla Polonia

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - L'Inghilterra si è qualificata per le semifinali dell'Europeo under 21 battendo la Polonia per 3-0 a Kielce la Polonia padrona di casa, conquistando il primo posto nel girone A, con 7 punti. Le reti sono state segnate da Gray al 6' pt, Murphy al 24' st e Baker al 36' st.

Archivio Ultima ora