Segnali di protezionismo da Trump, Bce in allarme

Pubblicato il 25 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – La nuova ventata protezionistica innescata dall’elezione di Donald Trump comincia a mettere in allarme diverse istituzioni internazionali, che temono ripercussioni sulla crescita. Inclusa la Banca centrale europea: nonostante lo stesso Mario Draghi abbia detto che è troppo presto per giudicare gli sviluppi dopo le presidenziali Usa, da due fonti qualificate filtra preoccupazione, specie dopo che Trump, assunto l’incarico, sembra voler tenere fede alle promesse elettorali.

A lanciare l’allarme più forte era stata Christine Lagarde, che a Davos, la scorsa settimana, aveva usato parole pesanti: l’economia mondiale rischia “un ‘cigno nero’ davvero grande che avrebbe effetti devastanti, se si ripetessero nel 2017 in maniera negativa tutti gli elementi di rottura che ci aspettiamo sulla base di quanto accaduto nel 2016, e se si va a finire in una corsa al ribasso sul fronte fiscale, del commercio internazionale e della regolazione finanziaria”, aveva detto la numero uno del Fmi.

Parole pronunciate in un riferimento neanche troppo velato alle politiche annunciate da Trump e alla minaccia di Londra di rispondere con un drastico taglio delle tasse sulle aziende per attrarre capitali. Lagarde “ha ragione, sono parole perfettamente condivisibili”, spiega una delle fonti qualificate interpellata sulla posizione della Bce in merito.

“C’è preoccupazione”, conferma la seconda fonte. Mario Draghi, nel consiglio Bce del 19 gennaio scorso, ha detto che “è troppo presto” per commentare sulle posizioni della nuova amministrazione americana. Che per ora ha confermato l’addio al Tpp, il trattato di Partnership trans-pacifica, e lavora su una sorta di ‘exit-tax’ sulle aziende che volessero delocalizzare ulteriormente le proprie manifatture, ma minaccia anche tariffe sull’import.

La posizione ufficiale della Bce non può essere più di tanto esplicita: ogni banca centrale è ben attenta a tenersi alla larga da simili questioni che, ricordano sempre i banchieri centrali, spettano alla politica. Anche ieri Peter Praet, capo economista e consigliere esecutivo della Bce, ha detto che i tempi non sono ancora maturi per farsi un’idea di come Trump articolerà le proprie politiche sul commercio estero.

Ma l’impatto dei segnali protezionistici potrebbe non essere trascurabile sullo scenario di crescita, e di questo le banche centrali devono tener conto. La Bce, nel suo bollettino economico di dicembre, scrive che “i rischi al ribasso includono un possibile rialzo nel protezionismo commerciale” e ora quei rischi sembrano farsi un po’ più concreti.

Gli ultimi verbali dei consigli Bce disponibili, relativi al meeting del 7-8 dicembre, sorvolano su questo tema. Ma la discussione su quei rischi diviene inevitabile ora che l’amministrazione Trump entra nel vivo dei dossier. Basti pensare che l’indice Ifo che misura la fiducia delle imprese tedesche, a gennaio, è sceso a sorpresa a gennaio e fra le cause, secondo diversi economisti, ci sarebbe il clima di incertezza sulle mosse di Trump e sulla Brexit.

Il ministro delle Finanse tedesco, Wolfgang Schaeuble, ha detto “non riesco davvero a immaginare che l’amministrazione Trump arrivi a danneggiare seriamente il libero commercio globale”. Ma la Germania rischia di trovarsi quel dossier in cima alle priorità da discutere al G20 di cui quest’anno ha la presidenza.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

16:46Ex imprenditore trovato con 23 kg cocaina e 4 kg hascisc

(ANSA) - FERMO, 18 NOV - I carabinieri di Porto Sant'Elpidio e di Montegranaro hanno arrestato un 42enne insospettabile del posto, ex imprenditore, che viaggiava a bordo di una Maserati, del valore di circa 100mila euro, risultata immessa in Italia irregolarmente: nella sua abitazione, un appartamento con mansarda in pieno centro nella città rivierasca dove è stata estesa la perquisizione, sono stati rinvenuti 23 Kg di cocaina purissima suddivisa in panetti, oltre 2 Kg di sostanza da taglio, 4 Kg di hascisc e 25.000 euro in contanti, tutto sequestrato. Il valore di mercato dello stupefacente supera i tre milioni di euro. L'uomo, i cui movimenti venivano tenuti d'occhio già da giorni dai carabinieri, si trova ora nel carcere di Fermo.

Archivio Ultima ora