Segnali di protezionismo da Trump, Bce in allarme

Pubblicato il 25 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – La nuova ventata protezionistica innescata dall’elezione di Donald Trump comincia a mettere in allarme diverse istituzioni internazionali, che temono ripercussioni sulla crescita. Inclusa la Banca centrale europea: nonostante lo stesso Mario Draghi abbia detto che è troppo presto per giudicare gli sviluppi dopo le presidenziali Usa, da due fonti qualificate filtra preoccupazione, specie dopo che Trump, assunto l’incarico, sembra voler tenere fede alle promesse elettorali.

A lanciare l’allarme più forte era stata Christine Lagarde, che a Davos, la scorsa settimana, aveva usato parole pesanti: l’economia mondiale rischia “un ‘cigno nero’ davvero grande che avrebbe effetti devastanti, se si ripetessero nel 2017 in maniera negativa tutti gli elementi di rottura che ci aspettiamo sulla base di quanto accaduto nel 2016, e se si va a finire in una corsa al ribasso sul fronte fiscale, del commercio internazionale e della regolazione finanziaria”, aveva detto la numero uno del Fmi.

Parole pronunciate in un riferimento neanche troppo velato alle politiche annunciate da Trump e alla minaccia di Londra di rispondere con un drastico taglio delle tasse sulle aziende per attrarre capitali. Lagarde “ha ragione, sono parole perfettamente condivisibili”, spiega una delle fonti qualificate interpellata sulla posizione della Bce in merito.

“C’è preoccupazione”, conferma la seconda fonte. Mario Draghi, nel consiglio Bce del 19 gennaio scorso, ha detto che “è troppo presto” per commentare sulle posizioni della nuova amministrazione americana. Che per ora ha confermato l’addio al Tpp, il trattato di Partnership trans-pacifica, e lavora su una sorta di ‘exit-tax’ sulle aziende che volessero delocalizzare ulteriormente le proprie manifatture, ma minaccia anche tariffe sull’import.

La posizione ufficiale della Bce non può essere più di tanto esplicita: ogni banca centrale è ben attenta a tenersi alla larga da simili questioni che, ricordano sempre i banchieri centrali, spettano alla politica. Anche ieri Peter Praet, capo economista e consigliere esecutivo della Bce, ha detto che i tempi non sono ancora maturi per farsi un’idea di come Trump articolerà le proprie politiche sul commercio estero.

Ma l’impatto dei segnali protezionistici potrebbe non essere trascurabile sullo scenario di crescita, e di questo le banche centrali devono tener conto. La Bce, nel suo bollettino economico di dicembre, scrive che “i rischi al ribasso includono un possibile rialzo nel protezionismo commerciale” e ora quei rischi sembrano farsi un po’ più concreti.

Gli ultimi verbali dei consigli Bce disponibili, relativi al meeting del 7-8 dicembre, sorvolano su questo tema. Ma la discussione su quei rischi diviene inevitabile ora che l’amministrazione Trump entra nel vivo dei dossier. Basti pensare che l’indice Ifo che misura la fiducia delle imprese tedesche, a gennaio, è sceso a sorpresa a gennaio e fra le cause, secondo diversi economisti, ci sarebbe il clima di incertezza sulle mosse di Trump e sulla Brexit.

Il ministro delle Finanse tedesco, Wolfgang Schaeuble, ha detto “non riesco davvero a immaginare che l’amministrazione Trump arrivi a danneggiare seriamente il libero commercio globale”. Ma la Germania rischia di trovarsi quel dossier in cima alle priorità da discutere al G20 di cui quest’anno ha la presidenza.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

22:16Incidenti montagna: alpinista scivola e muore

(ANSA) - PANIA DELLA CROCE (LUCCA), 20 GEN - Un alpinista è morto a seguito delle ferite riportate per una caduta nel Vallone dell'Inferno sul versante occidente della Pania della Croce (Lucca). L'uomo, secondo quanto si appreso, sarebbe finito nella Buca della neve. A dare l'allarme al 118, intorno alle 17, gli altri componenti del gruppo che si trovavano con l'uomo. L'elicottero Pegaso 3 a causa delle condizioni atmosferiche e dell'approssimarsi del buio non ha potuto raggiungere l'alpinista ma è riuscito a trasportare gli uomini della stazione di Lucca, insieme con il medico, a circa 1 ora e 20 minuti di distanza, lungo il sentiero del pastore che sale al Rifugio Rossi. Sul posto si è diretta anche la squadra di Querceta(Lucca). L'uomo era in condizioni disperate. In corso le operazioni di recupero della salma. Il Sast (Soccorso alpino e speleologico Toscano) ricorda che in quota le condizioni della neve non sono buone: vento e pioggia hanno fatto affiorare strati di neve molto ghiacciata.

Archivio Ultima ora