Corruzione: Italia migliora, ma sessantesima al mondo

Pubblicato il 25 gennaio 2017 da ansa

ROMA. – In un anno l’Italia ha guadagnato una posizione nella classifica mondiale dell’Indice di percezione della corruzione (Cpi). Un passo avanti, che però – osserva l’associazione Transparency International, che ha diffuso la graduatoria – “è ancora troppo poco”: l’Italia rimane al 60/mo posto nel mondo ed è terzultima nella classifica Ue. Peggio di noi, in Europa, solo Grecia e Bulgaria.

Con un punteggio di 47 su 100, dove 0 corrisponde a “molto corrotto” e 100 “per nulla corrotto”, nel 2016 l’Italia si è piazzata alla pari di Cuba. Nel 2015 era 61/ma con 44 punti. Danimarca e Nuova Zelanda (90 punti) sono al primo posto; seguono Finlandia (89) e Svezia (88). Germania e Regno Unito (81) sono al 10/mo, la Francia al 23/mo (69). Fanalino di coda la Somalia (10), preceduta da Sud Sudan (11), Corea del Nord (12) e Siria (13).

“Il trend di miglioramento è un segnale due volte positivo – ha osservato il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, presentando i dati – perché malgrado in Italia si parli di corruzione, e nei paesi in cui si parla di corruzione la percezione è più alta, negli ultimi due anni l’Italia ha guadagnato nove posti. E’ ancora poco ma è il segnale di inversione di tendenza: si percepisce un elevato tasso di corruzione, ma si evidenzia che è stata messa in campo una politica che sul piano della repressione e su quello della prevenzione sta dando un minimo di risultati, quanto meno nel recupero della fiducia”.

Ora ha aggiunto Cantone, “bisogna salire in graduatoria” e non “mettere in discussione questa tendenza”: “siamo uno strano paese in cui gli obiettivi non sono spesso la corruzione ma l’anticorruzione. Basta che si verifichi un evento particolare per chiedere immediatamente il ritorno alle mani libere” e “quelli che le hanno richieste sono i primi a puntare il ditino” in caso di risvolti giudiziari.

Il rapporto misura la corruzione percepita nel settore pubblico e politico in 176 paesi nel mondo. Il 69% ha ottenuto un punteggio inferiore a 50. Il Cpi mostra che in generale nel 2016 la percezione della corruzione è aumentata: “sono più i Paesi che hanno perso punti di quelli che ne hanno guadagnati”, osserva Transaprency.

L’Italia invece ha migliorato per il terzo anno consecutivo la sua posizione, segno di “uno sguardo più ottimista sul nostro Paese da parte di istituzioni e investitori esteri”. Dal 2012 a oggi l’Italia ha riconquistato 12 posizioni nel ranking mondiale, portandosi dal 72/mo al 60/mo posto.

“Anche in Europa si sta lentamente risalendo la china, dall’ultima posizione alla terzultima, con solo un punto di differenza dai Paesi più avanti”, cioè Romania e Ungheria. Dopo l’Italia, nell’Ue, ci sono solo Grecia (69/mo) e Bulgaria (75/mo). “Siamo in zona retrocessione”, ha osservato Cantone. Il punteggio dell’Italia è passato da 39 su 100 del 2011 all’attuale 47.

“La corruzione è un cancro e non guarisce dall’oggi al domani – ha detto il presidente di Transparency International Italia Virginio Carnevali – si guarisce lavorando in tanti, tutti i giorni e a piccoli passi”. Cantone e Carnevali hanno firmato un protocollo attuativo per la gestione delle segnalazioni dei whistleblower del settore pubblico.

“La tutela dei whistleblower, cioè di coloro che decidono di segnalare un caso di corruzione di cui vengono a conoscenza, è fondamentale per Transparency International Italia, che da anni sta spingendo per l’approvazione di una norma che garantisca loro tutele e protezioni efficaci”, ha detto Carnevali.

“E’ difficile misurare la corruzione ma bisogna provare a mettere il massimo impegno. Stiamo lavorando su elementi di valutazione decisivi, ovvero sull’individuazione di indici di anomalia sufficienti per rilevare quanta corruzione ci sia, alert che possano fornire elementi di corruzione di un paese”, ha concluso Cantone.

(di Alice Fumis/ANSA)

Ultima ora

16:07Incendi: fiamme in Valle di Susa, evacuate alcune borgate

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un incendio è divampato a Bussoleno, in Valle di Susa, nella frazione Campo Benetton. Le fiamme hanno raggiunto i 1.900 metri di quota, bruciando un centinaio di ettari di vegetazione. I vigili del fuoco, impegnati a domare il rogo, anche con l'ausilio di due canadair, hanno evacuato alcune borgate e tratto in salvo un'anziana da un casolare di Chianocco. La donna è stata prelevata dalla sua abitazione e portata via su un'auto dei carabinieri, costretta ad attraversare la strada in fiamme. Sul posto anche i carabinieri forestali di Bussoleno, impegnati a verificare l'eventuale presenza negli alpeggi della zona di allevatori. Ancora da stabilire le cause dell'incendio, alimentato dal forte vento.(ANSA).

16:01Calcio: Milan-Genoa, Bonucci espulso con la Var

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La prima volta di un cartellino rosso deciso dalla Var costa l'espulsione a Leonardo Bonucci. Il capitano del Milan è stato sanzionato al 23' pt dall'arbitro Giacomelli per una gomitata, inizialmente non vista, nell'area del Genoa al difensore rossoblu Aleandro Rosi.

15:58Renzi, spero sia scelto migliore, se vogliono Visco facciano

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Nella mozione Pd c'è un giudizio sul passato, ma per il futuro sceglierà Gentiloni. Io non ho nomi. Ho un profilo: vorrei che chiunque fosse scelto sia il migliore o la migliore possibile". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più". "Volete nominare Visco? Fatelo. Volete nominare un altro? Fatelo. Ma il giudizio su quanto accaduto deve essere il più laico possibile", sottolinea.

15:57Bankitalia: Renzi, rivendico sia merito che metodo

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Sia nel merito che nel metodo rivendico quanto fatto" con la mozione Pd su Bankitalia. Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più".

15:52Gb: all’asta l’ultimo quadro dipinto da Winston Churchill

(ANSA) - LONDRA, 22 OTT - Va all'asta l'ultimo dipinto realizzato da Winston Churchill: lo annuncia l'agenzia Pa citando un dirigente della celebre casa d'aste Sotheby's. L'opera, raro esempio d'arte 'astratta' nella produzione di sir Winston, s'intitola 'The Goldfish Pool At Chartwell'. Fu completata nel 1962 e donata poco prima della morte del primo ministro britannico della Vittoria (nel '65) al sergente Edmund Murray, sua storica guardia del corpo. Rievoca il luogo che Churchill definì "il più speciale al mondo" per rilassarsi durante la II guerra mondiale. Stando alle previsioni, dovrebbe essere aggiudicata per una cifra attorno alle 80.000 sterline, circa 90.000 euro. Pittore dilettante quanto prolifico, oltre che statista, storico, giornalista e premio Nobel per la letteratura, Churchill dipinse in un quarantennio - dopo essersi appassionato all'hobby del pennello a partire dagli anni '20, come strumento per uscire dalla depressione in un momento politico e personale buio - 544 fra acquerelli e altre opere.

15:38Catalogna: Dastis,molte immagini violenza polizia sono false

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Finora, molte delle immagini diffuse sono dei fake, se c'è stato uso della forza da parte della polizia è stato limitato e comunque rispettava le disposizioni delle autorità" per il rispetto della legge. Lo ha detto il ministro degli Esteri spagnolo Alfonso Dastis alla Bbc, rispondendo ad una domanda sulla violenza della polizia il primo ottobre in Catalogna, durante le operazioni di voto del referendum indipendentista. "Se c'è stato uso della forza, e alcune immagini in effetti lo testimoniano, non è stato deliberato, ma è stato provocato", ha aggiunto Dastis.

15:36Namibia: rivincita del rinoceronte, azzoppato un bracconiere

(ANSA) - IL CAIRO, 22 OTT - Un cacciatore di frodo ha avuto la peggio in una battuta al rinoceronte in un parco nazionale del nord della Namibia: è stato gravemente ferito ad una gamba dall'animale e poi arrestato. La vittoria del rinoceronte sul suo persecutore consumatasi nell'Etosha National Park è stata descritta dal sito del quotidiano "The Namibian" basandosi su informazioni della polizia di Kunene. L'uomo, Luteni Muharukua, di età imprecisata, era penetrato nel parco assieme ad altri bracconieri per cacciare rinoceronti. Mentre erano sulle tracce di un esemplare, l'altrimenti mansueto mammifero è "sbucato dal nulla e ha caricato" i criminali: nella fuga, Muharukua è caduto e il rinoceronte "lo ha gravemente ferito alla gamba". A minacciare l'esistenza di questi animali imponenti ma "dall'indole pacifica" è il commercio di corni che ha causato la morte della metà dei rinoceronti durante gli anni Settanta.

Archivio Ultima ora