Riacquisto cittadinanza, azione concreta del governo e ripresa dell’esame in Parlamento

Pubblicato il 26 gennaio 2017 da redazione

ROMA – Il primo richiamo deve essere rivolto al Parlamento, a noi stessi, per aver bloccato l’iter di approvazione del disegno di legge di riforma della cittadinanza, ispirato alla introduzione del principio dello Jus soli per i migranti, ed aver contemporaneamente rallentato l’esame della proposta di legge che introduce soluzioni per le comunità di italiani nel mondo, entrambe da tempo all’esame del Senato.

La ragione, com’è noto, è nella resistenza che forze e movimenti di destra stanno facendo su questo tema, facilitate dai ristretti margini di maggioranza esistenti al Senato, ma comunque è arrivato il momento che anche gli altri facciano la loro parte.

Il tema della cittadinanza italiana e del suo riacquisto, oltre a quello della trasmissione da parte delle donne, deve essere affrontato con la necessaria urgenza e coerenza. Non esistono costi amministrativi aggiuntivi e, trattandosi di una platea limitata, non dovrebbero sussistere soverchie preoccupazioni relative a eventuali controesodi o acquisizione di diritti sociali o previdenziali.

Abbiamo fornito, a suo tempo, una serie di dati che partivano da alcune considerazioni di fondo: il riacquisto è diretto unicamente a chi, cittadini italiani, è stato costretto a rinunciarvi e non ha potuto avvalersi della norma transitoria sul riacquisto che è rimasta in vigore dal 1992 al 1997. Una platea che si è progressivamente ristretta per ragioni generazionali e che quindi non pone questioni irrisolvibili.

Le comunità degli italiani nel mondo, attraverso gli organismi di rappresentanza, Comites e CGIE, avanzano da lungo tempo la richiesta di riapertura dei termini per la presentazione della dichiarazione tesa a ottenere il riacquisto della cittadinanza italiana, regolata dall’articolo 17 della legge n. 91 del 1992.

Al tema della riapertura dei termini per il riacquisto della cittadinanza italiana si affianca, con analoga urgenza, la questione del riconoscimento della facoltà di trasmissione della cittadinanza da parte della donna che abbia perduto la cittadinanza italiana senza sua volontà per matrimonio contratto con uno straniero prima dell’entrata in vigore della Costituzione.

Il punto di diritto è ormai chiarissimo: dopo la sentenza in merito della Corte di Cassazione, se tutte le donne adissero i tribunali si vedrebbero certamente riconosciuto il loro diritto. Il problema, dunque, è quello di far risparmiare tempo e denaro, sbloccando la procedura anche sul piano amministrativo, oltre che su quello giudiziale.

Camera e Senato hanno svolto un buon lavoro sul tema con la presentazione di proposte di legge che, al Senato, hanno ottenuto il via libera della commissione Affari Esteri ed Emigrazione, della commissione Giustizia, della commissione Politiche dell’Unione Europea e sono in attesa della valutazione della commissione Bilancio. In altre parole al Senato si è raggiunto un buon punto nell’iter di approvazione del provvedimento.

Il nostro lavoro, in questo momento, sarà diretto ad utilizzare gli strumenti di analisi e confronto, come i Comitati per gli italiani nel mondo, per ascoltare soggetti istituzionali e istituti di ricerca e contribuire a chiarire e superare gli elementi di persistente incertezza.

(Marco Fedi e Francesca La Marca)
Deputati eletti all’estero per il Partito democratico

Ultima ora

10:52++ Agguato nel Foggiano, ucciso un uomo ++

(ANSA) - CERIGNOLA (FOGGIA), 24 AGO - Un uomo - del quale non è stata resa nota l'identità - è stato ucciso poco fa in un agguato compiuto per strada a Cerignola, nel Foggiano. Pare che la vittima sia stata ferita mortalmente con un colpo di pistola in pieno volto. Sul posto sono al lavoro i carabinieri. (ANSA).

10:40Calcio: L’Equipe, accordo Psg-Monaco per Mbappè

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Kylian Mbappè è sempre più vicino al Pag. Secondo quanto riferisce il quotidiano sportivo francese L'Equipe, ripreso anche dai siti spagnoli, il club parigino e il Monaco sarebbero arrivati ad un accordo di massima per il trasferimento del diciottenne attaccante francese. Oltre ai 150 milioni che arriveranno nelle casse del Monaco, l'accordo prevede che il Psg debba cedere ai campioni di Francia un giocatore. Le opzioni vanno da Krychowiak a Di Maria, Ben Arfa, Draxler, Guedes, Pastore o Lucas Moura. Mentre il Monaco decide, fa sapere L'Equipe, il Psg è alla ricerca di formule per rispettare il Fair Play Finanziario. Il club parigino, che ha già speso 222 milioni di euro per Neymar, dovrebbe vendere almeno un altro giocatore, oltre a quello compreso nell'operazione Mbappè, per fare cassa. Tra le soluzioni possibili la cessione di Angel Di Maria al Barcellona, che vedrebbe nell'argentino un'alternativa più economica all'ingaggio di Philippe Coutinho, per il quale il Liverpool chiede 150 milioni di euro.

10:35Terremoto: mons. D’Ercole, burocrazia spietata

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 24 AGO - L'anniversario del terremoto ''vuole essere anche sforzo di speranza, puntando a una visione del futuro positiva anche se le difficoltà, gli ostacoli e gli intralci della burocrazia spietata tentano di spingere lo spirito a un realismo fatale che rasenta il fatalismo della disperazione''. Così il vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D'Ercole ad un anno esatto dal sisma che il 24 agosto 2016 sconvolse l'Italia centrale. ''Molto resta da fare - sottolinea mons. D'Ercole -, la lentezza degli interventi pubblici in molti l'hanno più volte sottolineata; la fatica che ci attende è chiara a tutti, ma il coraggio e l'impegno hanno ripreso a camminare sulle gambe della speranza''. Poi i simboli: ''i media identificano questo terremoto come 'il terremoto di Amatrice'', ma ''il luogo che più di ogni altro può mostrare l'energia divoratrice del sisma è proprio Pescara del Tronto, dove non trovi un masso, un muro, una mezza casupola in piedi, ma tutto diventato poltiglia di ridottissimi rottami''.

10:07Fisco:non dichiara ricavi per 5 anni,scoperto medico evasore

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 24 AGO - Esercitava l'attività medica da diversi anni senza dichiarare al fisco i compensi percepiti. Un professionista evasore è stato individuato dalla Guardia di finanza di Vibo Valentia che ha fatto emergere ricavi non dichiarati, nell'ultimo quinquennio, per circa 200 mila euro. I finanzieri, nel corso di una verifica fiscale svolta nell'ambito del contrasto all'evasione, hanno esaminato una copiosa documentazione extracontabile acquisita all'atto dell'avvio del controllo scoprendo la mancata o parziale istituzione, tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie. Inoltre, sulla base di riscontri effettuati nei confronti di alcuni "clienti" si è pervenuti alla puntuale qualificazione della posizione fiscale, nonché della reale capacità contributiva del professionista.(ANSA).

10:06Incidenti stradali: muore imprenditore edile Mattioda

(ANSA) - TORINO, 24 AGO - L'imprenditore Giampiero Mattioda, titolare di una delle aziende edili più importanti d'Italia, è deceduto all'età di 52 anni in un incidente stradale. E' accaduto nella notte nel Torinese, sulla provinciale 460 tra Leini e Lombardore. L'uomo, residente a Cuorgnè, era a bordo di una Mini Countryman diretto verso casa quando ha perso il controllo della vettura che è finita nel fossato a lato della strada. E' morto sul colpo. La dinamica del sinistro è al vaglio dei carabinieri di Venaria Reale.(ANSA).

10:03Tennis:ßAtp Winston-Salem, fuori Lorenzi e Seppi

(ANSA) - ROMA, 24 AGO - Paolo Lorenzi e Andreas Seppi si fermano agli ottavi di finale del torneo Atp di Winston-Salem (montepremi di 664.825 dollari, cemento), in North Carolina, ultimo appuntamento prima degli Us Open. Il 35enne senese, dopo aver usufruito di un 'bye' al primo turno e aver esordito superando in rimonta per 2-6 6-4 6-4 il brasiliano Thiago Monteiro, è stato sconfitto dallo statunitense Taylor Fritz per 7-6(3) 7-6(7-5). Il 33enne altoatesino, dopo le affermazioni sul serbo Janko Tipsarevic (6-2 6-2) e sul britannico Aljaz Bedene (6-4 7-5), ha ceduto al tedesco Jan-Lennard Struff per 6-3 6-7(3-7) 7-6(7-3).

10:02Terremoto: un grande cuore di fiaccole ad Arquata

(ANSA) - ASCOLI PICENO - Nella notte illuminata dalle fiaccole il vescovo di Ascoli Piceno Giovanni D'Ercole alle 3:36 ha scandito i nomi delle 48 vittime del terremoto del 24 agosto 2016 nel territorio di Arquata del Tronto. E' sembrato un tempo infinito quello impegnato per leggerli tutti nel silenzio assoluto, rotto dopo ogni nome dai rintocchi di una delle campane della vecchia chiesa di Pescara del Tronto, frazione che ha registrato il più alto numero di morti e che ha ospitato la commemorazione ad un anno dal sisma. Con il sindaco Aleandro Petrucci c'era tanta gente: sopravvissuti, familiari delle vittime, volontari. Hanno dato vita ad una fiaccolata che ha raggiunto l'ex campo giochi di Pescara, dove è stato inaugurato un monumento in ricordo, disegnando a terra un grande cuore con le fiaccole. Oggi è lutto cittadino: alle 16:30 mons. D'Ercole celebrerà una messa in suffragio insieme ai sacerdoti delle zone terremotate. Saranno presenti la presidente della Camera Laura Boldrini e il ministro dell'Interno Marco Minniti.

Archivio Ultima ora