Riacquisto cittadinanza, azione concreta del governo e ripresa dell’esame in Parlamento

Pubblicato il 26 gennaio 2017 da redazione

ROMA – Il primo richiamo deve essere rivolto al Parlamento, a noi stessi, per aver bloccato l’iter di approvazione del disegno di legge di riforma della cittadinanza, ispirato alla introduzione del principio dello Jus soli per i migranti, ed aver contemporaneamente rallentato l’esame della proposta di legge che introduce soluzioni per le comunità di italiani nel mondo, entrambe da tempo all’esame del Senato.

La ragione, com’è noto, è nella resistenza che forze e movimenti di destra stanno facendo su questo tema, facilitate dai ristretti margini di maggioranza esistenti al Senato, ma comunque è arrivato il momento che anche gli altri facciano la loro parte.

Il tema della cittadinanza italiana e del suo riacquisto, oltre a quello della trasmissione da parte delle donne, deve essere affrontato con la necessaria urgenza e coerenza. Non esistono costi amministrativi aggiuntivi e, trattandosi di una platea limitata, non dovrebbero sussistere soverchie preoccupazioni relative a eventuali controesodi o acquisizione di diritti sociali o previdenziali.

Abbiamo fornito, a suo tempo, una serie di dati che partivano da alcune considerazioni di fondo: il riacquisto è diretto unicamente a chi, cittadini italiani, è stato costretto a rinunciarvi e non ha potuto avvalersi della norma transitoria sul riacquisto che è rimasta in vigore dal 1992 al 1997. Una platea che si è progressivamente ristretta per ragioni generazionali e che quindi non pone questioni irrisolvibili.

Le comunità degli italiani nel mondo, attraverso gli organismi di rappresentanza, Comites e CGIE, avanzano da lungo tempo la richiesta di riapertura dei termini per la presentazione della dichiarazione tesa a ottenere il riacquisto della cittadinanza italiana, regolata dall’articolo 17 della legge n. 91 del 1992.

Al tema della riapertura dei termini per il riacquisto della cittadinanza italiana si affianca, con analoga urgenza, la questione del riconoscimento della facoltà di trasmissione della cittadinanza da parte della donna che abbia perduto la cittadinanza italiana senza sua volontà per matrimonio contratto con uno straniero prima dell’entrata in vigore della Costituzione.

Il punto di diritto è ormai chiarissimo: dopo la sentenza in merito della Corte di Cassazione, se tutte le donne adissero i tribunali si vedrebbero certamente riconosciuto il loro diritto. Il problema, dunque, è quello di far risparmiare tempo e denaro, sbloccando la procedura anche sul piano amministrativo, oltre che su quello giudiziale.

Camera e Senato hanno svolto un buon lavoro sul tema con la presentazione di proposte di legge che, al Senato, hanno ottenuto il via libera della commissione Affari Esteri ed Emigrazione, della commissione Giustizia, della commissione Politiche dell’Unione Europea e sono in attesa della valutazione della commissione Bilancio. In altre parole al Senato si è raggiunto un buon punto nell’iter di approvazione del provvedimento.

Il nostro lavoro, in questo momento, sarà diretto ad utilizzare gli strumenti di analisi e confronto, come i Comitati per gli italiani nel mondo, per ascoltare soggetti istituzionali e istituti di ricerca e contribuire a chiarire e superare gli elementi di persistente incertezza.

(Marco Fedi e Francesca La Marca)
Deputati eletti all’estero per il Partito democratico

Ultima ora

15:53Motop: Olanda, seconde libere a Vinales

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Maverick Vinales ha firmato il miglior tempo delle seconde libere, classe motoGp, sul circuito olandese di Assen, con il tempo di 1'33"130. Seconda un'altra Yamaha, quella di Jonas Folger, staccato di 367 millesimi. Terza la Honda di Marc Marquez (+0.652). Seguono la Ducati di Andrea Dovizioso (+0.660), la Honda di Cal Crutchlow (+0.698) e la seconda Yamaha ufficiale con Valentino Rossi (+0.700). Completano la top ten - cioè i piloti che al momento accederebbero alla Q2 di domani - Danilo Petrucci, Johann Zarco, Alvaro Bautista e Dani Pedrosa. In una sessione interrotta qualche minuto per la caduta di un pò di pioggia, sono rimasti fuori dal gruppo dei migliori sia Lorenzo (14/o tempo) che Iannone (17/o).

15:49Calcio: Messi apre alla Cina ‘andarci non è impossibile’

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Anche Lionel Messi non esclude una possibile esperienza in Cina. In una intervista a Espn, l'asso argentino del Barcellona apre ad un'avventura nel calcio della Grande Muraglia: "Non posso dire che andare in Cina sia impossibile - afferma l'argentino - nessuno può dire che ci sia qualcosa di impossibile nel calcio di oggi, ma non mi è mai passato per la mente. Terminare la mia carriera al Barcellona è quello che ho sempre voluto e quello che sogno. Penso solo a questo club e a vincere il maggior numero possibile di titoli la prossima stagione".

15:29Brexit:Gentiloni,da May buone intenzioni ma verificare

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - La proposta del premier britannico Theresa May "è una dimostrazione di buone intenzioni, ma ci sono molte cose da verificare nel merito". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni in conferenza stampa da Bruxelles, al termine del vertice europeo.

15:27Wp, Cia accertò che Putin diresse campagna hackeraggio

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GIU - La Cia accertò che Vladimir Putin fu coinvolto direttamente nella campagna di hackeraggio per screditare le presidenziali Usa sulla base di fonti interne al governo russo. Lo rivela il Washington Post che ricostruisce con decine di fonti anonime dell'intelligence Usa le reazioni di Obama per fermare le interferenze russe. La Cia sarebbe venuta in possesso di specifiche istruzioni di Putin per sconfiggere o almeno danneggiare la candidata dem Hillary Clinton e aiutare il suo rivale Donald Trump.

15:26Gentiloni,su migranti Italia soddisfatta da vertice Ue

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Sul tema migratorio credo che l'Italia possa essere soddisfatta dalle conclusioni raggiunte, anche se sappiamo bene che i problemi con cui ci dobbiamo confrontare non si risolvono con le conclusioni di un documento del Consiglio europeo". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni nella conferenza stampa a Bruxelles.

15:22Calcio: Berlusconi, Donnarumma? Serve indulgenza

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Tradiscono di più i politici o i calciatori? "I calciatori sono professionisti, fa parte della loro professione cambiare squadra". E il portiere del Milan "Donnarumma è un bravissimo ragazzo di 18 anni che si trova davanti a scelte difficili e con somme importanti. Non bisogna giudicarlo male". Lo ha detto Silvio Berlusconi, intervistato a L'Aria che tira su La7. Invece "sono stati 500 i politici che hanno cambiato casacca in questa legislatura sovvertendo il voto degli italiani", ha sottolineato.

15:06Rugby: domani Australia-Italia

(ANSA) - ROMA, Il tour dell'Italrugby nell'Emisfero Sud volge al termine ed oggi a Brisbane gli Azzurri capitanati da Francesco Minto hanno svolto l'ultima seduta tecnica della tournée. Domani il test-match contro l'Australia, l'ultima fatica per la Nazionale del ct Conor O'Shea che si presenta alla sfida con la quarta forza del ranking internazionale dopo la sconfitte di Singapore contro la Scozia e quella all'ultimo secondo contro le isole Fiji. "Abbiamo un enorme rispetto per i Wallabies - ha detto Minto - ma domani saremo concentrati soprattutto sul nostro gioco. In queste settimane abbiamo lavorato molto sul rugby che vogliamo proporre e siamo qui per mostrare il rugby italiano e fare la nostra partita. Domani sfidiamo una delle migliori squadre al mondo, credo non ci sia nulla di più appagante per un giocatore che sfidare i più forti. E' una grande opportunità per tutti noi e quello che ho chiesto ai miei compagni è una grande prestazione. Pensiamo a noi stessi ed al nostro gioco, il risultato non conta".

Archivio Ultima ora