Renzi detta i tempi, dieci giorni e si decide tutto

Pubblicato il 27 gennaio 2017 da ansa

RIMINI. – Dopo essere sparito per quasi due mesi dai radar mediatici, Matteo Renzi torna sul palco e, riunendo gli amministratori locali del Pd a Rimini, chiarirà perché all’Italia servono nuove elezioni. Ma l’ex premier non vuole precipitare tutto: Renzi infatti ha raccolto l’invito ad aspettare le motivazione della Corte, arrivato anche dal colle, e annuncerà per i prossimi dieci giorni l’intenzione di andare a vedere le carte degli altri partiti.

Il punto è che se, come il leader Pd sospetta, non ci saranno modifiche condivise alla legge elettorale uscita dalla Consulta non si potrà che prendere atto con tutti gli interlocutori che la legislatura è finita. Si consumerà uno scontro a distanza tra Rimini e Roma.

In mattinata Massimo D’Alema riunirà tutte le anime della sinistra, dalla Cgil all’Arci, dal professor Pace del comitato per il No al referendum a Sinistra Italiana per lanciare i comitati “per il nuovo centrosinistra”. La vittoria del 4 dicembre ha galvanizzato l’ex ministro degli Esteri che ritiene chiusa la stagione del renzismo e punta a ricomporre un’area vasta.

All’appuntamento non ci sarà Giuliano Pisapia, che ha sbattuto la porta in faccia ad un eventuale asse con Pd e Ncd; ci saranno invece gli esponenti di SI e, dal Pd, i governatori Enrico Rossi e Michele Emiliano e i bersaniani Roberto Speranza e Nico Stumpo, in realtà più come attenti osservatori che come costruttori attivi di un movimento fuori dal partito, almeno per ora.

La minoranze dem, contraria alle elezioni a giugno, deciderà solo in base alle mosse del leader Pd che cosa fare alla luce di un sistema proporzionale. “Più che la scissione dei bersaniani, però, sarebbe la scissione di Renzi dal Pd”, spiegano dalla sinistra alludendo ad alleanze “spurie”, in realtà smentite dal Nazareno.

Accuse e attacchi che l’ex premier, che interverrà alle 18, ignorerà, ignorerà cercando di concentrarsi sulle parole d’ordine della ripartenza: ruolo centrale dei sindaci (un ritorno ideale alle origini), portare il Pd fuori dal Palazzo e tra la gente. E un attacco alla miopia dell’Ue, capace solo di “letterine incomprensibili”.

In questo quadro Renzi sosterrà che servono nuove elezioni non perché lui abbia fretta ma perché il paese non può aspettare fino al 2018 in una situazione politicamente bloccata. Per questo, il segretario dem darà la disponibilità a verificare la prossima settimana la possibilità di modifiche condivise ai due sistemi elettorali di Camera e Senato.

“Andiamo a vedere se è un bluff”, ragiona Renzi. Le motivazioni della decisione della Consulta, che potrebbero arrivare, a quanto si apprende, già alla fine della prossima settimana, chiariranno poi se i togati della Corte indicano strade alla politica.

In meno di un mese, quindi, l’ex premier è convinto che sarà chiaro che non ci sono alternative alle urne con le leggi uscite dalle diverse sentenze della Corte. A quel punto nel Pd si aprirà il vaso di Pandora delle liste e delle candidature: Renzi avrà l’ultima parola sui capilista bloccati e tratterà direttamente con le correnti.

“Prima però ci vogliono le primarie per la leadership, primarie vere non la ‘gazebata’ di una domenica”, chiarisce la minoranza che vuole contare il suo peso per farlo poi valere nelle candidature.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

  • Paolo Silveri

    Ma chi si crede di essere? Sbruffone come al solito. Non ha capito che conta come zero. Non sarà lui a dettare la legge elettorale né i tempi di scioglimento delle camere. Se poi si illude di essere eletto ha fatto male i conti. Il numero di persone che non lo sopporta è grandissimo, compresi quelli del suo partito. Emigri finchè è in tempo.

Ultima ora

17:29Calcio: Pioli, spero di essere all’Inter tra tre anni

(ANSA) - MILANO, 24 FEB - "Zhang Jindong molto importante e stimolante. Ha molto carisma, esprime concetti che entrano dentro. La sua presenza e' importante, sia quando c'è che quando non c'è. Con lui parliamo di presente ma anche di futuro": lo dice l'allenatore dell'Inter Stefano Pioli nella conferenza stampa di presentazione della partita contro la Roma. Il proprietario dell'Inter e' arrivato a Milano per la sfida contro i giallorossi e testimoniare la propria vicinanza alla squadra in un momento molto delicato della stagione. Pioli - che ieri e' stato a cena con Zhang - conferma che si sta già programmando il futuro del club. L'allenatore e' entusiasta: "Sono qua da tre mesi e mezzo e spero di esserci fra tre anni. Non mi sembra di essere invecchiato".

17:27Elezioni: Bindi, votare ora sarebbe sciagura per paese

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - "Andare a votare ora è una sciagura per il Paese. Bisogna arrivare a fine legislatura, non per tirare a campare, ma perché ci sono cose da fare". Lo dice Rosy Bindi (Pd) a Repubblica tv, sottolineando ad esempio "come ci sia bisogno di governare l'economia".

17:20Campo progressista: 11 marzo a Roma prima riunione nazionale

(ANSA) - MILANO, 24 FEB - Si svolgerà sabato 11 marzo al Teatro Brancaccio di Roma il primo incontro nazionale di Campo Progressista, la nuova formazione politica creata da Giuliano Pisapia. Lo ha annunciato su Facebook l'ex sindaco di Milano. "Nasce Campo progressista. Vi aspettiamo a #Roma sabato 11 Marzo, per partire tutti insieme", ha scritto Pisapia. L'incontro, che inizierà alle 9.30, sarà intitolato 'La prima cosa bella'.

17:17Calcio: Conte, triste per Ranieri è prima di tutto un amico

(ANSA) - LONDRA, 24 FEB - Solidarietà a Claudio Ranieri anche da parte di Antonio Conte che però preferisce attendere qualche giorno prima di telefonare al tecnico romano. "Sono molto triste, mi dispiace perché prima di tutto Ranieri è un amico, un vero gentiluomo e un bravo manager. Non l'ho ancora chiamato - ha aggiunto il tecnico del Chelsea - perché immagino il momento che sta attraversando. Ma senza dubbio lo sentirò nei prossimi giorni. Quella del Leicester è stata una decisione davvero dura".

17:15Erdogan, possibile referendum anche su pena morte

(ANSAmed) - ISTANBUL, 24 FEB - La Turchia potrebbe tenere un "referendum" anche sulla reintroduzione della pena di morte, se in Parlamento non dovesse esserci una maggioranza sufficiente ad approvarla. A rilanciare l'ipotesi, finita al centro delle cronache dopo il fallito golpe del 15 luglio, è stato il presidente Recep Tayyip Erdogan, durante un comizio a Manisa in favore del 'sì' al presidenzialismo nel referendum costituzionale del 16 aprile. La pena capitale in Turchia è stata definitivamente abolita nel 2004.

17:14Calcio: Pioli, Roma avversario di livello

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 24 FEB - "Domenica vincerà chi saprà colpire l'avversario nei suoi punti deboli. Ci stiamo preparando per dare il massimo. L'Inter ha le carte in regola per battere la Roma, un avversario di livello": lo dice l'allenatore nerazzurro Stefano Pioli nella conferenza stampa di presentazione della partita contro i giallorossi domenica a San Siro. Si parla ancora di errori arbitrali e, soprattutto, del divario nel numero di rigori concessi alla Roma e all'Inter. Questo divario alla fine potrebbe pesare notevolmente in un campionato particolarmente equilibrato. "Dicono che alla fine dell'anno - risponde Pioli - gli errori possano bilanciarsi. Noi dobbiamo rimanere concentrati sulle nostre prestazioni. Il fatto che la Roma abbia avuto tanti rigori a favore rispetto all'Inter, può pesare".

17:11Sci: Brignone vince la combinata di Crans Montana

(ANSA) - ROMA, 24 FEB - Finiti i deludenti Mondiali di St. Moritz, l'Italia torna a vincere con Federica Brignone che, in 1'56"09, ha dominato la combinata di Coppa del mondo a Crans Montana. Per la 26enne valdostana è il secondo successo stagionale (dopo quello nello slalom gigante a San Vigilio di Marebbe-Plan de Corones, esattamente un mese fa) e il quarto in carriera, mentre per l'Italia è il 27/o podio stagionale. Secondo posto per la slovena Ilka Stuhec (1'57"10), 3/o per l'austriaca Michaela Kirchagsser (1'57"25). Per l'Italia ci sono poi Elena Curtoni 9/a (1'58"31), Federica Sosio 10/a (1'58"45), Francesca Marsaglia 12/a (1'58"74) e Nicole Delago 24/a (2'01"30). Domani superG e domenica altra combinata, l'ultima della stagione.

Archivio Ultima ora