Il dibattito con l’Ambasciatore Mignano

Pubblicato il 28 gennaio 2017 da Mauro Bafile

Un dibattito, come quello a cui abbiamo assistito sabato scorso, non si era mai dato in seno alla nostra Collettività. Dal sistema degli appuntamenti di recente applicazione presso il nostro Consolato Generale di Caracas, alla carenza ormai cronica di personale per espletare anche le pratiche più banali; dai passaporti, alle pensioni; dall’assistenza sociale, alla mancanza di medicine; non c’è stato tema che non sia stato ventilato in un dialogo aperto e franco durato circa tre ore. Il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, ha risposto a tutte le domande, chiarito ogni quesito, affrontato qualunque tema. Lo ha fatto con grande umiltá e tanta, tanta comprensione verso chi, oggi, deve affrontare le difficoltà di una quotidianità avversa in un paese in profonda crisi economica, politica, istituzionale e, soprattutto, sociale.
Organizzato dalla Voce d’Italia e dal Centro Italiano Venezuelano di Caracas, anche su suggerimento dello stesso Ambasciatore Mignano, l’incontro si è svolto in un formato inedito che ha permesso a tutti, senza eccezione, di esprimersi. Non vi sono stati discorsi ma solo una breve introduzione in cui, con l’Ambasciatore, sono stati affrontati temi prettamente politici e diplomatici. I tre minuti a disposizione per ogni domanda e risposta, decisi di comune accordo con l’Ambasciatore Mignano, tre minuti comunque molto “elastici”, hanno evitato i soliti lunghi, noiosi discorsi fini a se stessi. E trasformato il dialogo del diplomatico con la comunità in un agile e interessante dibattito. Tanti i connazionali che sono intervenuti per esprimere opinioni, formulare domande, chiedere spiegazioni e manifestare preoccupazioni. L’Ambasciatore, a sua volta, ha avuto modo di chiarire dubbi e, soprattutto, di conoscere di prima mano dalla nostra Collettivitá le proprie necessitá e inquietudini.
Dall’incontro è emerso un profondo malessere nei confronti del nostro Consolato Generale e del difficile ruolo che è toccato interpretare al nostro Console Mauro Lorenzini. Molte problematiche affiorate nel corso del dibattito sicuramente saranno migliorate in un futuro prossimo; altre richiederanno più tempo ed altre ancora resteranno ancorate all’efficenza del personale in forza in Consolato e Ambasciata; un organico che, come annunciato dal ministro Alfano in Parlamento durante la discussione sulla mozione presentata dal senatore Pier Ferdinando Casini, sarà aumentato prossimamente.
Il dialogo, a volte dai toni accesi ma sempre in termini rispettosi, ha mostrato una fotografia inedita della Collettività; una immagine sbiadita del passato benessere e assai viva dei disagi che ci tocca vivere. La nostra comunità, come d’altronde tutto il Paese, vive i rigori di una crisi inspiegabile. Ci è stata scippata, da chi con il barile di petrolio a oltre 100 dollari aveva il dovere di costruire benessere invece di seminare povertà; di creare una società piú giusta, piú sicura e meno povera, l’illusione di un futuro migliore. A soffrire piú di tutti le conseguenze della crisi non è solo il connazionale che non ha avuto fortuna nella vita ma anche l’italo-venezuelano che non viveva negli agi ma al quale non mancava l’indispensabile per una vita dignitosa. Anche quest’ultimo, oggi, chiede solidarietà, assistenza, aiuto per superare questo momento di crisi. Non parliamo, poi, dei connazionali pensionati che dopo aver rinunciato ai piccoli agi del passato oggi a malapena consumano un pasto al giorno. Ad essi i farmaci, resi necessari dall’età, sono preclusi perchè irreperibili o semplicemente perchè i loro prezzi li rendono inaccessibili.
Bisogna riconoscere che il nostro Consolato Generale, nonostante le tante critiche e accuse mossegli, fa tanto per aiutare gli italiani del Venezuela. Ma, purtroppo, non è sufficente.
La nostra Collettività, come abbiamo giá scritto in passato, non può restare impassibile di fronte alla tragedia che si presenta ai suoi occhi; una tragedia di cui è protagonista un numero crescente di connazionali. E’ suo dovere stringersi attorno a loro in una manifestazione concreta di solidarietà, come ha saputo fare in passato in molteplici occasioni. Sono le nostre istituzioni, e ci riferiamo a Faiv, Centri Italiano Venezuelani e Case d’Italia, che storicamente sono state sempre in prima fila, a dover prendere la battuta e a dettare il “la”; ad organizzarsi per aiutare i tanti connazionali che oggi vivono nell’indigenza e riescono a sopravvivere grazie alla solidarietà di amici e conoscenti.
Dall’incontro di sabato scorso è emersa una comunità coesa che può e deve abbandonare egoismi, archiviare interessi personali per stendere una mano amica a chi ne ha bisogno; per alimentare lo spirito di salidarietà in un Paese in cui la bontà, la compassione e la pietà pare non esser piú di casa.
Mauro Bafile

Ultima ora

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

Archivio Ultima ora