Raggi: “Roma riparte”. Approvato il bilancio

Assemblea Capitolina, durante il Consiglio comunale in Aula Giulio Cesare ANSA/CLAUDIO PERI
Assemblea Capitolina, durante il Consiglio comunale in Aula Giulio Cesare ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA. – Via libera dell’Aula Giulio Cesare al bilancio di previsione 2017-2019. L’ok alla manovra arriva al termine di una maratona in consiglio comunale durata una settimana per discutere il documento con i correttivi apportati dalla giunta dopo il ‘niet’ dell’Organo di revisione economico-finanziaria del Campidoglio (Oref), trasformatosi poi in un parere favorevole. La sindaca Virginia Raggi, la sua giunta e la maggioranza a 5 Stelle ‘festeggiano’ il voto con un lungo applauso liberatorio.

E’ “un risultato storico nella storia recente della città – rivendica Raggi – da anni Roma non aveva un bilancio approvato così presto. È un evento memorabile. Riportiamo legalità nei conti del Campidoglio. Roma approva il bilancio prima di molte altre grandi città italiane, come Milano che non è pervenuta”.

Intervenendo in Aula, la sindaca coglie l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. “Roma approva il bilancio prima di tante altre grandi città italiane. Nel loro caso però non ho letto o sentito parlare di ‘rischio default’ o di ‘commissariamento’ del Comune. Erano il solito ‘tanto rumore per nulla’. Per fortuna ci sono i fatti a parlare per noi. Roma riparte”.

Ancora: “L’Oref è stato particolarmente rigoroso. Abbiamo vinto la sfida”. Raggi ricorda il riconoscimento di circa 100 milioni di euro di debiti fuori bilancio “ereditati dalle precedenti amministrazioni”, ratificato dall’Aula tra Natale e Capodanno, “spazi – sottolinea – che vanno a sommarsi ai 60 milioni previsti dalla legge di bilancio dello Stato e ai circa 15 milioni concessi ai Comuni che approvano il bilancio entro il 31 gennaio”.

Dopo giornate difficili alle spalle e probabilmente altre dello stesso tenore davanti, la sindaca cerca la ripartenza nell’ordinaria amministrazione, nell’ok al bilancio nei tempi di legge ma non solo. Ha preso il via proprio oggi la trattativa del Campidoglio con i sindacati per arrivare alla definizione entro la primavera di un nuovo contratto decentrato per i 23 mila dipendenti capitolini. Il risultato di un contratto condiviso con i lavoratori comunali è ambizioso: non ci riuscì la giunta Marino che, dopo un lungo braccio di ferro con i sindacati, ripiegò sul cosiddetto ‘atto unilaterale’; non fece in tempo nemmeno l’ex commissario Francesco Paolo Tronca.

Ma è proprio partendo dai risultati di quest’ultima trattativa che il Comune a 5 Stelle tenterà l’impresa. “Presto i cittadini avranno risposte”, la promessa del capogruppo pentastellato in Campidoglio Paolo Ferrara che esclude che, a causa delle grane giudiziarie la sindaca possa lasciare: “No, assolutamente, questo è un gruppo compatto vicino al sindaco.

Credo che lei sarà a disposizione dei magistrati come è giusto che sia, con serenità. Sono stati fatti dei piccoli errori in precedenza, però i risultati saranno sicuramente superiori”. Il piano degli investimenti di Roma da oggi vale oltre 577 milioni, di cui 430 per i trasporti e 62 milioni per la manutenzione urbana. La voce ‘lotta agli sprechi’ vale 40 milioni di risparmi solo nel 2017.

Le opposizioni non risparmiano le critiche. “Il sindaco Raggi parla di città efficiente e ripristino della legalità. La domanda è se crede a quello che legge – affonda la capogruppo Pd in Consiglio Michela Di Biase -. Ancora non è partita la discussione sulle partecipate”. Per il capogruppo di Forza Italia Davide Bordoni, la manovra “non risolve i problemi della città”. Netto il gruppo consiliare di FdI: “questo bilancio rappresenta il nulla assoluto”.

(di Paola Lo Mele/ANSA)