Non siamo più soli

Pubblicato il 31 gennaio 2017 da Mauro Bafile

L’aula del Senato a Palazzo Madama. REUTERS/Alessandro Bianchi
————————————————————————-

Sorpresa. Ecco, questa è stata la prima reazione, che si è trasformata a tratti in soddisfazione, altri in indignazione, man mano che i lanci d’agenzia arrivavano sul tavolo della Redazione. La mozione presentata dal senatore Pier Ferdinando Casini, assieme ai colleghi della Commissione Affari Esteri, è stata votata come previsto. Quindi, rispettati i pronostici.

Ma, ne siamo certi, la proposta del senatore Casini, che si è fatto eco degli appelli accorati della nostra Collettività, avrebbe incontrato ben altre difficoltà se non fosse stata preceduta dal lavoro di sensibilizzazione dei nostri parlamentari eletti all’estero, e non solo di questi.

Ci riferiamo, in primis, all’on. Fabio Porta, al senatore Claudio Micheloni, al Sottosegretario Mario Giro, al nostro Ambasciatore Silvio Mignano e, ci sia permesso dirlo con un certo orgoglio, anche alla nostra “Voce” che attraverso i suoi articoli ha contribuito ad aggiungere il suo granello di sabbia. Ognuno, nel suo ambito, ha spezzato lance a favore del Venezuela e degli italiani del Venezuela.

Numerose le occasioni durante le quali ciascuno si è fatto eco delle nostre esigenze e ha sottolineato le difficoltà della realtà politica, istituzionale, economica e sociale del Venezuela, con particolare attenzione ai temi riguardanti i prigionieri politici, la sistematica delegittimazione del Parlamento, la carenza di generi alimentari e la crisi umanitaria dovuta alla difficoltà di reperire una gran varietà di farmaci.

Quindi, la mozione del senatore Casini, che ha percepito nonostante la sua breve parentesi venezuelana le difficoltà della comunità e del Paese, sono state la spinta finale per ottenere, da parte del governo italiano, aiuti concreti volti a sostenere la nostra comunità.

I riflessi sulla nostra comunità si sono fatti sentire immediatamente: il ministro Alfano, intervenendo nel dibattito, ha anticipato l’invio, da parte della Farnesina, di cinque funzionari nelle sedi di consolato e Ambasciata e annunciato che altri sei verranno prossimamente per rinforzare ulteriormente l’organico. Una decisione, questa, orientata soprattutto a migliorare i servizi consolari in un momento in cui sono notevolmente aumentate le richieste di pratiche burocratiche a causa della situazione particolarmente delicata del Paese.

Nell’ambito politico, la mozione impegna il governo Gentiloni a farsi promotore d’iniziative internazionali orientate ad ottenere dal governo del presidente Maduro una condotta costruttiva, a impegnarlo a rispettare la separazione dei poteri e a salvaguardare gli organi costituzionali, a ottenere la libertà dei prigionieri politici e a favorire il dialogo tra governo e opposizione.

Su quest’ultimo argomento, il ministro Alfano, sempre nel suo intervento, ha posto particolare accento facendo riferimento alla mediazione del Vaticano volta a promuovere un dialogo che, ha tenuto a precisare, non ha ottenuto alcun risultato a causa della mancata collaborazione delle autorità che hanno reso insufficienti gli sforzi sia del governo italiano e sia degli altri mediatori.

Soddisfazione e indignazione, dicevamo ad apertura del nostro Editoriale. E’ stata questa la nostra reazione nel leggere gli interventi di alcuni esponenti di altre formazioni politiche. Se l’atteggiamento della Lega Nord, partito palesemente xenofobo e razzista, e della Sinistra Italiana, partito che confonde gli ideali intrinsechi nel socialismo con la narrativa demagogica e populista del governo venezuelano, erano scontati, lo stesso non può dirsi del comportamento del Movimento 5 stelle che si propone come alternativa di governo.

Negli interventi dei suoi esponenti emerge – non sappiamo fino a quanto voluta – un’ignoranza assoluta della realtà politica attuale del Venezuela. Si confonde l’ingerenza negli affari particolari di una nazione con la responsabilità che hanno le altre per evitare che la vocazione autoritaria dei governi possa distruggere le basi democratiche di un Paese, annientare l’indipendenza dei poteri e violare le attribuzioni degli organi costituzionali.

C’è poi da sottolineare con quanta superficialità si sottovalutino le difficoltà dei nostri connazionali che, sempre più numerosi, vivono non sulla soglia della povertà ma nella povertà estrema. Sarebbe bene che chiedessero ragguagli all’ufficio di assistenza sociale dei nostri Consolati di Caracas e di Maracaibo.

La mozione presentata dal senatore Casini, comunque, illustra le difficoltà del paese e ci rincuora perché è la viva dimostrazione di un’Italia che non ci lascia soli. Finalmente, dopo tanti anni, il lavoro di sensibilizzazione dei nostri rappresentanti eletti al Parlamento e di tutti coloro che nel corso di questi ultimi anni hanno mostrato interesse e solidarietà verso la nostra comunità, comincia a dare i suoi frutti.

Mauro Bafile

Ultima ora

19:48Voto scambio: Fi, indagati deputato e 2 consiglieri Campania

(ANSA) - ROMA, 20 GEN Il deputato di Forza Italia Luigi Cesaro e due consiglieri regionali azzurri - Armando Cesaro, capogruppo e figlio di Luigi, e Flora Beneduce - hanno ricevuto avvisi di conclusione indagini da parte della procura di Napoli, per un'ipotesi di voto di scambio in relazione a fatti che, secondo la tesi accusatoria, sarebbero avvenuti tra il maggio ed il giugno del 2015, in occasione cioè delle ultime elezioni regionali. Commenta il capogruppo Fi alla Camera, Renato Brunetta: "La solita giustizia ad orologeria. Gli italiani il 4 marzo giudicheranno anche questo". E replica Armando Cesaro: "Non ho nulla da temere. Quando si ha la coscienza pulita si affronta tutto con serenità. Io ho fiducia nella verità, che presto o tardi arriva. Per tutti".

19:42Giorno Memoria: Bruno Segre, Shoah non è finita

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 20 GEN - "Il Giorno della Memoria è particolarmente difficile da celebrare perché o vale per i giovani che devono rendersi conto di una pagina fondamentale della storia d'Europa del secolo scorso, oppure non vale nulla. Per questo io non credo alle celebrazioni che si limitino a dire che queste cose non devono accadere mai più, perché è un discorso che non porta da nessuna parte". Lo ha detto lo studioso di storia e cultura ebraica Bruno Segre, 87 anni, che oggi ad Ascoli Piceno ha incontrato gli studenti del liceo classico 'Stabili', lo stesso da lui frequentato nel 1943, quando si rifugiò nella città marchigiana, con la madre e la sorella, e dove riprese gli studi dopo la guerra. Segre, che fu ospitato da un ciabattino anarchico ascolano, non considera finita la Shoah: "E' un genocidio che è ancora in corso oggi, purtroppo. Ci sono situazioni in cui intere popolazioni vengono sacrificate, mandate in tutti i continenti".

19:14Egitto: Pence al Cairo, prima tappa visita in Medio Oriente

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - Il vicepresidente americano Mike Pence è arrivato al Cairo, la prima tappa del suo viaggio che fino a martedì lo porterà poi in Giordania e Israele. Lo riferiscono fonti aeroportuali al Cairo. Il viaggio era previsto per metà dicembre ma era stato rinviato dopo la svolta del presidente americano Donald Trump che solo pochi giorni prima aveva annunciato di voler riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele, facendo infuriare palestinesi e mondo arabo. Pence è il primo esponente di spicco statunitense ad affacciarsi nell'area dopo l'annuncio di Trump su Gerusalemme. Nel pomeriggio è previsto un suo incontro con il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi.

19:10Siria: offensiva turca anti-curdi battezzata ‘Ramo d’Ulivo’

(ANSA) - ANKARA, 20 GEN - Un comunicato dei militari turchi ha reso noto che l'operazione militare lanciata la notte scorsa dalla Turchia contro l'enclave curda nel nordovest della Siria è stata denominata 'Ramo d'Ulivo'. Nel comunicato si dice anche che l'operazione militare intende proteggere i confini della Turchia, "neutralizzare" i combattenti curdi siriani nell'enclave di Afrin e salvare la popolazione locale da "pressioni e oppressione". Il testo dei militari turchi afferma pure che l'offensiva rientra nel diritto internazionale della Turchia di attuate una legittima autodifesa del suo territorio e che la Turchia intende rispettare l'integrità territoriale della Siria. Ankara infatti - aggiunge il comunicato - intende colpire "i terroristi", i loro rifugi e i loro arsenali. Sarà inoltre usata "estrema attenzione" affinché i civili non siano colpiti.

19:04Festa tesseramento CasaPound Genova,antifascisti in presidio

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - Situazione tranquilla in piazza Alimonda dove circa 300 manifestanti antifascisti hanno dato vita a un presidio dietro allo striscione 'Genova antifascista', manifestazione che avviene in contemporanea alla 'festa del tesseramento' che si tiene nella sede di CasaPound. Gli antifascisti, cantando 'Bella ciao', distribuiscono volantini con lo slogan 'se toccano uno di noi toccano tutti' facendo riferimento all'accoltellamento avvenuto venerdì scorso ai danni di un antifascista nella zona di piazza Tommaseo. "Rovineremo la festa a CasaPound perché non c'è nessuno spazio per questa feccia" hanno spiegato gli antifascisti. Intanto, mentre dentro la sede di CasaPound si trovano una cinquantina di attivisti, un cordone di polizia tiene divisi i manifestanti da via Montevideo dove si trova la sede dei neofascisti.

18:59Biathlon: Cdm, norvegese B› domina pursuit ad Anterselva

(ANSA) - BOLZANO, 20 GEN - Con un'altra prestazione straordinaria il norvegese Johannes Thingnes B› ha bissato ad Anterselva il successo ottenuto solo 24 ore prima nella sprint, aggiudicandosi anche la 12,5 km di inseguimento, davanti al francese Martin Fourcade ed al russo Anton Shipulin. Miglior azzurro in gara, il beniamino locale Dominik Windisch, 17/o. B› sta dominando la Coppa del mondo di biathlon. Dopo aver vinto nettamente la sprint, oggi nella pursuit non ha lasciato scampo ai suoi avversari. Perfetto al poligono, dove non ha sbagliato un colpo, nonostante abbia tirato molto velocemente, e fortissimo anche sugli sci, ha staccato Martin Fourcade di oltre un minuto. Per il 24enne norvegese è l'ottava vittoria stagionale, la terza in carriera ad Anterselva. Fourcade anche oggi è salito sul podio. Cosa che gli è riuscita in questa stagione in tutte le 14 gare disputate. Con il secondo posto difende anche la leadership in Coppa del mondo, proprio davanti a B›.

18:58Calcio: Serie B, Frosinone momentaneamente primo

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Classifica di Serie B dopo la 22/a giornata (Spezia-Palermo alle 18, Cesena-Bari alle 20.30, Brescia-Avellino domani alle 15): Frosinone 40; Palermo 39; Empoli 37; Cremonese e Cittadella 35; Bari 34; Parma 33; Pescara 31; Spezia 30; Venezia, Salernitana e Carpi 29; Perugia e Novara 27; Avellino 25; V.Entella 24; Cesena e Brescia 23; Foggia 22; Ternana 21; Ascoli 20; Pro Vercelli 18.

Archivio Ultima ora