Non siamo più soli

Pubblicato il 31 gennaio 2017 da Mauro Bafile

L’aula del Senato a Palazzo Madama. REUTERS/Alessandro Bianchi
————————————————————————-

Sorpresa. Ecco, questa è stata la prima reazione, che si è trasformata a tratti in soddisfazione, altri in indignazione, man mano che i lanci d’agenzia arrivavano sul tavolo della Redazione. La mozione presentata dal senatore Pier Ferdinando Casini, assieme ai colleghi della Commissione Affari Esteri, è stata votata come previsto. Quindi, rispettati i pronostici.

Ma, ne siamo certi, la proposta del senatore Casini, che si è fatto eco degli appelli accorati della nostra Collettività, avrebbe incontrato ben altre difficoltà se non fosse stata preceduta dal lavoro di sensibilizzazione dei nostri parlamentari eletti all’estero, e non solo di questi.

Ci riferiamo, in primis, all’on. Fabio Porta, al senatore Claudio Micheloni, al Sottosegretario Mario Giro, al nostro Ambasciatore Silvio Mignano e, ci sia permesso dirlo con un certo orgoglio, anche alla nostra “Voce” che attraverso i suoi articoli ha contribuito ad aggiungere il suo granello di sabbia. Ognuno, nel suo ambito, ha spezzato lance a favore del Venezuela e degli italiani del Venezuela.

Numerose le occasioni durante le quali ciascuno si è fatto eco delle nostre esigenze e ha sottolineato le difficoltà della realtà politica, istituzionale, economica e sociale del Venezuela, con particolare attenzione ai temi riguardanti i prigionieri politici, la sistematica delegittimazione del Parlamento, la carenza di generi alimentari e la crisi umanitaria dovuta alla difficoltà di reperire una gran varietà di farmaci.

Quindi, la mozione del senatore Casini, che ha percepito nonostante la sua breve parentesi venezuelana le difficoltà della comunità e del Paese, sono state la spinta finale per ottenere, da parte del governo italiano, aiuti concreti volti a sostenere la nostra comunità.

I riflessi sulla nostra comunità si sono fatti sentire immediatamente: il ministro Alfano, intervenendo nel dibattito, ha anticipato l’invio, da parte della Farnesina, di cinque funzionari nelle sedi di consolato e Ambasciata e annunciato che altri sei verranno prossimamente per rinforzare ulteriormente l’organico. Una decisione, questa, orientata soprattutto a migliorare i servizi consolari in un momento in cui sono notevolmente aumentate le richieste di pratiche burocratiche a causa della situazione particolarmente delicata del Paese.

Nell’ambito politico, la mozione impegna il governo Gentiloni a farsi promotore d’iniziative internazionali orientate ad ottenere dal governo del presidente Maduro una condotta costruttiva, a impegnarlo a rispettare la separazione dei poteri e a salvaguardare gli organi costituzionali, a ottenere la libertà dei prigionieri politici e a favorire il dialogo tra governo e opposizione.

Su quest’ultimo argomento, il ministro Alfano, sempre nel suo intervento, ha posto particolare accento facendo riferimento alla mediazione del Vaticano volta a promuovere un dialogo che, ha tenuto a precisare, non ha ottenuto alcun risultato a causa della mancata collaborazione delle autorità che hanno reso insufficienti gli sforzi sia del governo italiano e sia degli altri mediatori.

Soddisfazione e indignazione, dicevamo ad apertura del nostro Editoriale. E’ stata questa la nostra reazione nel leggere gli interventi di alcuni esponenti di altre formazioni politiche. Se l’atteggiamento della Lega Nord, partito palesemente xenofobo e razzista, e della Sinistra Italiana, partito che confonde gli ideali intrinsechi nel socialismo con la narrativa demagogica e populista del governo venezuelano, erano scontati, lo stesso non può dirsi del comportamento del Movimento 5 stelle che si propone come alternativa di governo.

Negli interventi dei suoi esponenti emerge – non sappiamo fino a quanto voluta – un’ignoranza assoluta della realtà politica attuale del Venezuela. Si confonde l’ingerenza negli affari particolari di una nazione con la responsabilità che hanno le altre per evitare che la vocazione autoritaria dei governi possa distruggere le basi democratiche di un Paese, annientare l’indipendenza dei poteri e violare le attribuzioni degli organi costituzionali.

C’è poi da sottolineare con quanta superficialità si sottovalutino le difficoltà dei nostri connazionali che, sempre più numerosi, vivono non sulla soglia della povertà ma nella povertà estrema. Sarebbe bene che chiedessero ragguagli all’ufficio di assistenza sociale dei nostri Consolati di Caracas e di Maracaibo.

La mozione presentata dal senatore Casini, comunque, illustra le difficoltà del paese e ci rincuora perché è la viva dimostrazione di un’Italia che non ci lascia soli. Finalmente, dopo tanti anni, il lavoro di sensibilizzazione dei nostri rappresentanti eletti al Parlamento e di tutti coloro che nel corso di questi ultimi anni hanno mostrato interesse e solidarietà verso la nostra comunità, comincia a dare i suoi frutti.

Mauro Bafile

Ultima ora

12:11Delegato Catalogna, vogliamo rimanere nell’euro e in Europa

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Il popolo catalano vuole rimanere nell'euro e in Europa". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA sul referendum del primo ottobre. L'Ue si distingue da Madrid "per proposte pratiche, concrete". In Catalogna ci sono 600 imprese italiane, "è interesse dell'Italia e dell'Ue che rimangano". Sono questioni "pratiche che meritano risposta".

12:04Calcio: Conte, ‘nostalgia Italia,non all’estero per sempre’

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex ct azzurro Antonio Conte non vede un suo futuro "per sempre all'estero, perchè ho nostalgia dell'Italia". In Inghilterra -ha detto Conte a 'Radio anch'io sport'- mi trovo benissimo, sono contento per l'accoglienza che dei tifosi del Chelsea, che "l'anno scorso vennero in tribuna con la bandiera italiana per salutarmi. Ho nostalgia dell'Italia questo è fuori dubbio, non penso di stare all'estero troppo tempo. L'Italia è il mio paese, quindi una volta fatte delle esperienze belle, formative, importanti per la vita, alla fine tornerò. Non so tra quanto tempo, ma l'obbiettivo è quello". Alla domanda se dunque andrà in Cina, Conte ha risposto: "no. Ma è sempre difficile prevedere il futuro, per noi tecnici è il lavoro più precario in assoluto, oggi sei in un posto, domani altrove. Io voglio fare sempre bene, finire un progetto e trovare la giusta via per il dopo. Questa esperienza mi sta dando tanto, migliorando molto, magari in futuro non farò l'allenatore o il dirigente, non lo so".

11:59Don Prodi lascia parrocchia, ‘non a tutti piace la mia vita’

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Non a tutti è piaciuta o piace la mia vita; a nessuno, però, era lecito portare in pubbliche piazze valutazioni negative su di me, che hanno fatto male a me, ma soprattutto alla comunità". E' un passaggio di un testo letto da don Matteo Prodi, nipote dell'ex premier, che ieri ha annunciato dopo la messa domenicale le sue dimissioni dopo 12 anni dalla parrocchia di Ponte Ronca, frazione di Zola Predosa, nel Bolognese. Una rinuncia che, ha detto il sacerdote, oggi porterà all'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi. "Il vescovo - ha spiegato don Prodi nella lettera - mi disse già molti mesi fa che 10 anni erano abbastanza; la necessità di creare unità pastorali ha dato pure il suo contributo; ma le grandissime difficoltà che ho sperimentato, soprattutto l'ultimo anno, hanno, sicuramente, accelerato il processo". Difficoltà che non sono chiarite nel testo. L'addio non è al sacerdozio: "Io non avrò una parrocchia andrò ad officiare in zona Santa Rita di via Massarenti.(ANSA).

11:59Calcio: Conte, “certo che Italia andrà ai Mondiali 2018”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex tecnico azzurro Antonio Conte, oggi allenatore del Chelsea, è fiducioso, anzi non ha "il minimo dubbio" sulla partecipazione dell'Italia ai Mondiali del 2018 in Russia. Lo ha detto lo stesso Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. "Non ho paura -ha detto Conte in risposta a una domanda- che la nazionale italiana non vada ai Mondiali. Non ho il minimo dubbio. Si andrà agli spareggi e lì abbiamo forza sufficiente per passare. Penso non ci siano assolutamente problemi".

11:58Calcio: Champions, Conte “se passo turno,non vorrei italiane

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Se il Chelsea passa il turno a gironi della Champions, spero di non incontrare sul mio cammino squadre italiane": lo ha detto il tecnico del Chelsea Antonio Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. La Roma, che è nello stesso girone del Chelsea, secondo Conte "ha tutte le carte in regola per andare avanti. Non siamo stati fortunati nel sorteggio, il nostro è uno dei più difficili. L'Atletico Madrid ha fatto tutte le grandi competizioni negli ultimi anni, diverse finali e semifinali, ha una rosa forte. Conosco benissimo la Roma, compete per i massimi traguardi in Italia e così farà nelle altre competizioni. Noi -ha concluso Conte- siamo tornati in Champions con tanto entusiasmo e abbiamo voglia di fare del nostro meglio, ma dovremo fare la massima attenzione. Comunque, noi dobbiamo cercare di passare il turno, e poi prepararci per il sorteggio".

11:51Delegato Catalogna, pronti a negoziare fino all’ultimo

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Siamo disposti a negoziare fino all'ultimo partendo dalla condizione che il popolo catalano possa decidere". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA. "Data, quorum, censo, la domanda elettorale, siamo disposti a negoziare su tutto, ma qual è la proposta del governo spagnolo?. Rajoy ha detto no. Se c'è una volontà si puo' modificare anche la costituzione ma i popolari non hanno questa volontà politica", ha aggiunto Bellizzi.

11:45Catalogna: Puigdemont, ‘potrei essere arrestato’

(ANSA) - BARCELLONA, 25 SET - Il presidente catalano Carles Puigdemont non ha escluso di poter essere arrestato dalla polizia spagnola prima del referendum del 1/o ottobre. "Il procuratore generale lo ha ipotizzato", ha detto al programma Salvados della Sexta. "Non sarebbe una buona idea", ha aggiunto. "Ma se succederà faremo fronte a qualsiasi decisione". Puigdemont ha definito l'offensiva giudiziaria contro la Catalogna come "un fatto vergognoso, indegno di uno Stato democratico".

Archivio Ultima ora