Addio dell’Italia all’euro: per gli economisti è spettro default

Pubblicato il 07 febbraio 2017 da ansa

Italexit si può fare, ma Draghi fa i conti: “Vi costa 358 mld”

ROMA. – L’addio all’euro da parte dell’Italia? Sarebbe il default, come l’Argentina, magari senza le gomme bruciate per le strade e i supermercati saccheggiati, ma con un crac finanziario in grado di travolgere famiglie e imprese per anni. La vedono così gli esperti.

Marcello Messori, professore di economia internazionale e direttore della Luiss School of Political Economy, spiega all’ANSA che “sarebbe altamente probabile la necessità di ristrutturare il debito, una sorta di sindrome-Argentina”. Lorenzo Codogno, ex alto dirigente del Tesoro dopo anni in Bank of America e ora a capo di una sua società di ricerca finanziaria, LC Macro Advisors, valuta che “se ci fosse l’uscita dall’euro le probabilità di default sarebbero molto elevate”.

L’euro è “irrevocabile”, ha detto il presidente della Bce Mario Draghi. Ma gli economisti sull’ipotesi ‘exit’ ci ragionano: l’amministrazione Trump ostenta la propria sfiducia nel progetto europeo, ci sono elezioni ad alto rischio in Olanda, Francia e Italia nei prossimi mesi e lo spread italiano a 200 punti base è un monito dei rischi percepiti dai mercati.

La Lega Nord, un partito fino a cinque anni fa al governo, dell’addio all’euro ha fatto il suo cavallo di battaglia. Il blog del Movimento 5 Stelle invoca un referendum sull’euro “prima che sia troppo tardi” e scrive che l’addio all’euro oggi si concluderebbe in “una situazione di pareggio” fra costi – il necessario rimborso in euro dei Btp regolati da diritto estero e di quelli coperti da clausole di azione collettiva – e benefici dovuti alla conversione (e svalutazione) del resto del debito dall’euro alle ‘nuove lire’ come consentito dalla ‘Lex Monetae’, un principio internazionale che dà agli Stati tale facoltà.

Come la pensino nelle istituzioni è ben riassunto da una recente dichiarazione di Salvatore Rossi, direttore generale di Bankitalia: un addio dell’Italia all’euro sarebbe “uno scenario di disastro, di catastrofe”. Eppure l’Italia, nonostante gli sforzi di riforma, si ritrova prigioniera di un debito pubblico stellare di oltre 2.200 miliardi di euro: la situazione di “crescita zero” negli ultimi 15 anni, a detta di un recente studio di Mediobanca, “minaccia la sostenibilità”.

Ma uscire dalla moneta unica sarebbe la soluzione? L’Italia ha 48 miliardi di bond governati da diritto estero, 902 miliardi sotto clausole di azione collettiva (Cac), 210 miliardi nelle mani della Bce e si troverebbe esposta a 37 miliardi di perdite su 151 miliardi di derivati. Tutti da ripagare in euro, e con una lira svalutata: per Mediobanca sarebbero 280 miliardi – quasi il 20% del Pil – i costi netti con una svalutazione della ‘nuova lira’ del 30%, a fronte del risparmio di 191 miliardi grazie al debito sotto ‘Lex Monetae’: un differenziale che tuttavia si azzererebbe con una Bce disposta a negoziare.

Il debito pubblico italiano nelle mani degli investitori esteri è sceso negli anni, al 33-34% cui va sottratta la quota in mano alla Bce e quella dei fondi italiani di diritto lussemburghese o olandese. Si arriva al 25% ma non è poco. E del resto le ‘Cac’ (che consentono a chi ha il 25% di ogni emissione di opporsi alla denominazione) riguardano ormai la metà dei 2.200 miliardi di debito.

Ma il ‘rischio default’ va ben oltre. “Non c’è solo il debito pubblico, che peraltro è in parte consistente nelle mani delle banche italiane, ma anche il debito privato”, spiega Messori. Le banche si troverebbero passività in euro (lo sbilancio è di quasi 360 miliardi sul saldo target2 fra banche centrali) da ripagare immediatamente in lira svalutata.

Ne ha parlato Draghi giorni fa, rispondendo a una “ipotesi tecnica” che qualcuno ha interpretato come ammissione che l’addio all’euro sarebbe possibile. “Ci sarebbe un problema molto serio di collasso bancario”, secondo Messori. “Quasi sicuramente il sistema bancario andrebbe in default”, concorda Codogno.

Né godrebbero di alcuna conversione quelle famiglie e imprese indebitate verso creditori esteri, da rimborsare con una lira svalutata. Parliamo, stando ai dati della Banca dei regolamenti internazionali del secondo trimestre 2016, di passività per 93 miliardi di dollari delle banche italiane, e per qualcosa come 320 miliardi (190 verso la sola Francia) di famiglie e, soprattutto, imprese.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

11:28Netanyahu, attacco è frutto sobillazione Anp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - "L'attacco terroristico di questa mattina è frutto della sobillazione dell'Autorità nazionale palestinese" (Anp). Lo detto il premier Benyamin Netanyahu che ha aggiunto: "mi aspetto che Abu Mazen condanni l'attentato e non cerchi di giustificarlo". Netanyahu ha preannunciato che la casa del palestinese autore dell'attacco mortale, identificato in Nimer Jamal (37 anni), sarà demolita.

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

10:11Migranti: sbarcati in Sardegna oltre 100 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 26 SET - Sbarco di migranti sulle coste del sud Sardegna durante la notte. Sono oltre cento gli algerini arrivati e il numero potrebbe ancora salire, visto che già in queste ore altri stranieri sono stati rintracciati mentre si incamminavano a piedi, dopo essere arrivati a bordo di piccoli natanti, verso i centri cittadini. Dalle 23 in poi il Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, carabinieri, polizia e Capitaneria di porto sono stati impegnati per rintracciare i nordafricani. Il primo imponente arrivo è avvenuto dopo le 23 a Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Tre barchini con a bordo complessivamente 62 algerini sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle. Altri 14 su un altro barchino sono stati soccorsi in mare e trasportati direttamente in porto a Cagliari. Durante la notte altri arrivi, complessivamente 26 algerini, sono avvenuti sempre lungo la spiaggia di Porto Pino. I migranti sono stati bloccati dai carabinieri di Carbonia. Una imbarcazione con otto stranieri, sempre algerini, è anche arrivata sulla spiaggia di Domus de Maria. Infine cinque sono stati rintracciati questa mattina mentre camminavano sulla strada a Sant'Antioco e altri due a Porto Pino. Tutti dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. (ANSA).

09:53Bomba a casa imprenditore imputato di corruzione

(ANSA) - BRINDISI, 26 SETT - Un ordigno, molto probabilmente di fattura artigianale e di basso potenziale, è stato fatto esplodere nella serata di ieri, attorno alle 23, davanti all'abitazione dell'imprenditore del settore rifiuti, Luca Screti, a San Pietro Vernotico (Brindisi). Danni lievi al muro esterno della villetta, nei pressi del cancello di ingresso. Screti è l'ex amministratore della società 'Nubile' e affronta oggi al tribunale di Brindisi l'udienza preliminare in cui si valuterà la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura per lui e per l'ex sindaco Pd di Brindisi, Mimmo Consales e altre tre persone. Le accuse per entrambi sono di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio in relazione alla presunta tangente da 30mila euro versata a Consales (che ritiene sia stata invece un finanziamento elettorale incassato in ritardo) per consentire allo stesso di pagare in contanti un debito con Equitalia, e reati ambientali.

Archivio Ultima ora