Sanremo: Conti e De Filippi, buona la prima. Tiziano Ferro emoziona

Pubblicato il 07 febbraio 2017 da ansa

Tiziano Ferro a Sanremo 2017.

SANREMO. – Tra emozioni e risate, satira e riflessione, con gli eroi di tutti i giorni, decolla il 67/o Festival di Sanremo, nel segno di Carlo Conti e Maria De Filippi e nel nome di quello che è stato ribattezzato il nuovo patto del Nazareno. Le due superstar di Rai e Mediaset hanno giocato, hanno scherzato, hanno fatto “se stessi”. Nessuna forzatura, nessun imbarazzo, con Carlo perfetto padrone di casa e Maria (febbricitante) nel ruolo della spalla “di lusso”. E’ lei a porgere un fiore bianco a lui e a invitarlo poi a sedersi sulle scale del palco “il mio posto naturale”. Carlo asseconda, accompagna, accorre premuroso quando Queen Mary rischia di inciampare.

La star della serata è Tiziano Ferro con un toccante omaggio a Luigi Tenco in apertura: nel teatro immerso nel buio, e con le riprese in bianco e nero, il cantautore di Latina interpreta commosso Mi sono Innamorato di te “perché Tenco non si può dimenticare”. L’orchestra continua poi con una struggente versione strumentale di Vedrai, Vedrai.

L’inizio è vintage anche con la carrellata dei brani che non hanno vinto il festival ma che hanno avuto un successo in qualche caso anche planetario. Da Nilla Pizzi a Francesca Michielin, passando per I Ricchi e Poveri, Zucchero, Vasco Rossi.

La scossa a un festival rassicurante arriva con Crozza, stavolta a distanza di sicurezza dal palco dell’Ariston dove solo qualche anno fa era stato fischiato pesantemente dal pubblico che non aveva gradito la sua satira. Stavolta nel mirino finiscono la Raggi (“non è scema, è sindaco”), Matteo Salvini (“pagato dall’Europa per dire che dobbiamo uscire dall’Europa”), Gentiloni (“che è un po’ l’Amadeus della politica italiana”) e Renzi, dentoni e parrucca d’ordinanza, che consiglia a Carlo Conti di “non personalizzare mai” e di stare attento alle larghe intese “perché l’ultima volta che un toscano ha fatto un inciucio del genere si è preso una tranvata che è ancora in prognosi riservata, e rischia di sciogliersi prima il Pd della prognosi”. Stavolta niente fischi e applausi dall’Ariston che apprezza.

Pubblico in estasi anche per Ricky Martin che scatena il teatro (tutti in piedi a ballare) con un medley dei suoi successi. Ma c’è spazio anche per quelli che Conti ama definire i “contenuti del festival”. Sul palco salgono gli angeli di Rigopiano, i soccorritori dell’emergenza neve, i volontari e persino un bellissimo cane labrador abituato a lavorare in prima linea.

Conti lancia l’sms solidale per la ricostruzione delle scuole nelle zone colpite dal terremoto e avverte: “Non vi chiederei mai di fare una telefonata, se io per primo non avessi fatto qualcosa per loro”, rispondendo in maniera indiretta alle polemiche sul suo cachet. Maria invece racconta, in stile C’è Posta per te, la storia di una ragazza vittima di bullismo che ha tentato di togliersi la vita: è l’occasione per sostenere la campagna MaBasta contro il bullismo nelle scuole.

L’onore di aprire la gara degli 11 Big in gara tocca a Giusy Ferreri, mentre a chiudere è Ermal Meta. Tra un ospite e l’altro, con Raoul Bova sex symbol e la coppia Cortellesi-Albanese in versione canterina a ironizzare sui duetti celebri del festival, è stato il turno di Fabrizio Moro, Elodie, Lodovica Comello.

Emoziona Fiorella Mannoia, che sul palco dà libero sfogo a tutta la sua bravura ed esperienza, con una performance destinata a segnare questa edizione. In gara anche Alessio Bernabei, Al Bano (un po’ sottotono), Samuel, Ron e Clementino.

(delle inviate Claudia Fascia e Angela Majoli/ANSA)

Ultima ora

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

20:37Sfregiata con acido, posta un selfie su Instagram

(ANSA) - BOLOGNA, 25 APR - Ha aperto un profilo su Instagram ed ha postato un selfie Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido la sera del 10 gennaio dall'ex fidanzato Edson Tavares, ora in carcere a Forlì. "Buongiorno amici - ha scritto Gessica in un post - questo è il mio primo selfie dopo tanto tempo. L'ho fatto per garantirvi che questo è il mio UNICO profilo Instagram e che tutti gli altri sono falsi, creati da persone che si divertono a scrivere frasi e pubblicare vecchie foto rubate da internet spacciandosi per me. Vi chiedo aiuto per segnalare questi individui. Grazie mille". Centinaia i commenti di sostegno. Gessica - che la settimana scorsa ha partecipato al Maurizio Costanzo Show e a Bologna ha incontrato il ministro Andrea Orlando - nel 2007 era stata Miss Romagna e aveva conquistato la finale di Miss Italia. Poi e' decollata una carriera nel mondo dello spettacolo, con partecipazioni a programmi Rai e Mediaset come cantante. È anche addestratrice e speaker al delfinario di Rimini.(ANSA).

20:2725 aprile: ad Aosta corona ai caduti della Rsi

(ANSA) - AOSTA, 25 APR - Una corona d'alloro con il nastro tricolore e la scritta "Ai caduti della Repubblica sociale italiana" è stata deposta oggi nel cimitero di Aosta da Casapound. I militanti hanno infatti "reso omaggio" a "Emilio Piccot, caduto della Rsi" e "a cui è stata intitolata la brigata nera aostana", si legge su Facebook. Proprio a pochi metri dalla sua tomba si trova il Sacrario dei caduti in guerra, dove in mattinata si è svolta la messa ed è stata deposta una corona alla presenza delle massime autorità regionali. Alle celebrazioni ha preso parte anche il vicepresidente nazionale dell'Anpi Alessandro Pollio Salimbeni, che ha ricordato, tra l'altro, come "la pace e la democrazia hanno ancora troppi nemici". (ANSA).

Archivio Ultima ora