Sudamericano U20: Vinotinto, battere l’Uruguay per volare al Mondiale

Pubblicato il 08 febbraio 2017 da redazione

CARACAS – Oggi nello stadio Olímpico Atahualpa della cittá di Quito, la Vinotinto sfiderá l’Uruguay per cercare non solo di smaltire la bruciante sconfitta subita contro il Brasile, ma anche di centrare l’ambito biglietto per il mondiale di Corea. La gara contro i Charrúas é valevole per la penultima giornata dell’esagonale finale del Sudamericano Under 20 che si sta disputando in Ecuador.

L’Uruguay sta disputando un torneo da favola: nella prima fase ha portato a casa 8 punti frutto di 2 vittorie ed altrettanti pareggi e dove ha segnato 8 reti e ne ha subiti 3. Mentre nell’esagonale troviamo tre vittorie in tre gare disputate segnando 8 gol e ricevendone soltanto uno. Questa prestazione gli ha permesso di essere la prima formazione della zona Conmebol a qualificarsi per il mondiale.

Se i charrúas riuscissero a battere il Venezuela porterebbero a casa anche il trofeo di campioni della manifestazione. La coppa del torneo continentale sfugge dalle mani della celeste dall’edizione del 1981. Basti pensare che allora indossava la maglia dell’Uruguay un certo Enzo Francescoli. Oltre all’ex Cagliari e Torino, c’erano Nelson Gutiérrez, Santiago Ostolaza, Javier Zeoli, José Batista.

Dal canto suo, la Vinotinto é seconda con 4 punti a pari merito di Ecuador e Brasile. Una vittoria contro l’Uruguay potrebbe regalare uno dei tagliandi per il torneo mondiale che si disputerá nel mese di maggio in Corea. Ma, per la sfida di stasera, Rafael Dudamel dovrá fare a meno di giocatori fondamentali come Yefferson Soteldo e Yangel Herrera per somma di ammonizioni. A loro vanno aggiunti Heber Garcia e Eduin Quero che sono stati espulsi nella sfida persa contro il Brasile.

I precedenti ci dicono, che se parliamo di categoría U20, Uruguay e Venezuela si sono sfidati in 15 occasioni con un bilancio di 7 vittorie per la celeste, 4 pareggi e 4 vittorie vinotinto. Il bottino dei gol ci dice che i charrúas hanno messo a segno ben 28 reti contro le 16 dei venezuelani.

La prima volta che si sono sfidati é stato nell’edizione del 1954, allara i charrúas vinsero per 3-1. Mentre la vittoria piú rotonda della celeste risale al 1991, quella volta s’imposero per 5-1.

Le affermazioni della Vinotinto sono arrivate nel 1974 (2-1), 2007 (1-0), 2009 (3-1) e 2015 (1-0). Venezuelani ed uruguaiani si sono sfidati nel primo turno del torneo: dopo i 90 minuti di gioco é finita 0-0.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

11:33Calcio: sfumato Mourinho, il PSG adesso punta su Guardiola

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Dopo il raggiunto accordo fra Josè Mourinho e il Manchester United, per prolungare il rapporto di collaborazione, il Paris Saint-Germain ha cambiato obiettivo per il futuro della propria panchina, attualmente occupata da Unai Emery, virando con decisione su Pep Guardiola, ora al Manchester City. Lo scrive il Mirror, che parla di un contatto già avvenuto fra i dirigenti del club francese e l'allenatore catalano, il cui contratto con i 'Citizens' scadrà il 30 giugno dell'anno prossimo. (ANSA).

11:28India: delitto d’onore, 6 condanne morte

(ANSA) - NEW DELHI, 20 GEN - Un tribunale indiano ha condannato oggi a morte sei persone a Nashik, nello Stato di Maharashtra, riconoscendole colpevoli di aver brutalmente ucciso nel 2013 nel villaggio di Sonai tre giovani 'dalit' (senza casta) nell'ambito di una vicenda presentata come 'delitto d'onore'. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Le indagini avevano provato che uno dei tre giovani 'dalit' uccisi aveva stretto una relazione con una delle studentesse appartenente ad una casta superiore. I famigliari della ragazza, assolutamente contrari alla continuazione del rapporto, attirarono l'1 gennaio 2013 in casa loro il giovane insieme a due amici con il pretesto di un lavoro di pulitura di una fossa settica. Ma il giorno dopo la polizia, allertata dai parenti dei tre giovani di cui non avevano più notizie, ne ha rivenuto i cadaveri orrendamente martoriati vicino alla casa. Dei sette imputati, uno è stato assolto mentre gli altri, fra cui il padre e il fratello sono stati condannati alla pena capitale.

11:12Thailandia: arrestato trafficante avorio

(ANSA) - BANGKOK, 20 GEN - La polizia thailandese ha arrestato uno dei più grossi trafficanti di animali selvatici, sospettato di aver gestito la maggior parte del contrabbando in Asia negli ultimi dieci anni. Boonchai Bach, 40enne thailandese di origini vietnamite, è stato preso in custodia ieri nel nord-est del paese, in relazione al contrabbando di zanne di rinoceronti provenienti dall'Africa, per un valore di oltre un milione di dollari, con il coinvolgimento di un funzionario locale e di un cittadino cinese. L'uomo - che ha respinto le accuse - avrebbe giocato un ruolo chiave insieme con la sua famiglia nel traffico di avorio, tigri, leoni ed altre specie a rischio di estinzione. La Thailandia è un paese di transito per il traffico di animali esotici, soprattutto verso la Cina, ed era considerata il più grande mercato illegale di avorio del mondo, prima dell'introduzione nel 2015 di un legge che punisce questi traffici.

11:09Ciclismo: Tour down under, Porte vince la penultima tappa

(ANSA) - ADELAIDE (AUSTRALIA), 20 GEN - Richie Porte ha vinto la 5/a e penultima tappa del Tour down under, gara d'apertura della stagione ciclistica internazionale, che si concluderà domani. L'australiano, vero e proprio beniamino di casa, con il tempo di 3h42'22", si è aggiudicato la McLaren Vale-Willunga Hill, lunga 151,5 chilometri, precedendo nell'ordine il sudafricano Daryl Impey di 8" e l'olandese Tom-Jelte Slagter di 10". Quest'ultimo guidava un gruppetto di corridori giunti sul traguardo con lo stesso tempo e del quale faceva parte anche l'italiano Diego Ulissi, che si è piazzato al settimo posto. In classifica generale al comando c'è sempre Impey, in 18h02'15", davanti a Porte (stesso tempo) e Slagter (a 16"), mentre Ulissi è quarto, con 20" di ritardo. Domani gran finale con la Adelaide-Adelaide (king William street) lunga 90 chilometri. (ANSA).

10:46Tennis: Australia, Fognini vola negli ottavi dopo cinque set

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Fabio Fognini segue l'esempio dell'altro azzurro Andreas Seppi e si qualifica per gli ottavi degli Australian open, in corso sui campi di Melbourne. Il tennista nato a Sanremo, 25/a testa di serie del torneo, ha battuto il 36enne francese Julien Benneteau, numero 59 del ranking Atp, dopo cinque set: di 3-6, 6-2, 6-1, 4-6, 6-3, il punteggio maturato in tre ore di gioco. Dal 1976, anno del successo in Coppa Davis in Cile, l'Italia non riusciva a presentare due atleti negli ottavi del tabellone maschile di un torneo valido per lo Slam: l'ultima volta accadde al Roland Garros, con Adriano Panatta - che poi avrebbe vinto - e Corrado Barazzutti.

10:22Usa: Pence partito per Medio oriente

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, e' appena partito per il suo annunciato tour in Medio Oriente, che lo vedrà in Egitto, Giordania e Israele. Il volo effettuerà una tappa di rifornimento in Irlanda in nottata, per poi proseguire verso il Cairo.

09:51Usa: Twitter, 700mila utenti incappati in propaganda Mosca

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - Twitter notificherà a quasi 700.000 utenti che hanno interagito con profili identificati quali potenziali veicoli di propaganda ad opera del governo russo durante le elezioni presidenziali americane del 2016. Lo ha reso noto il servizio di microblogging, che ha inoltre indicato migliaia di profili associati alla cosiddetta 'fabbrica dei troll', la societa' tecnologica russa 'Internet Research Agency' (Ira) di San Pietroburgo, che e' accusata di aver usato i social media per diffondere fake news nelle elezioni americane, profili che vanno ad aggiungersi a quelli gia' riportati al Congresso lo scorso ottobre. In particolare Twitter ha riferito di aver identificato 3.814 profili legati ad Ira, che hanno postato circa 176mila tweet nelle dieci settimane prima del voto, e altri 50.258 profili automatizzati considerati legati al governo russo che hanno twittato oltre un milione di volte.

Archivio Ultima ora