La sfida di Obama, una Casa Bianca “ombra” contro Trump

Pubblicato il 13 febbraio 2017 da ansa

NEW YORK. – La notizia sembrerebbe una di quelle destinate a passare inosservate: Organizing for Action – gruppo nato sulle ceneri di Obama for America, la potente macchina elettorale di Barack Obama – ha assunto negli ultimi giorni 14 responsabili territoriali, con l’obiettivo di sostenere alcuni senatori democratici in prima linea nella difesa per l’Obamacare.

Eppure l’associazione – avesse trionfato alle presidenziali Hillary Clinton – era destinata a scomparire. Ma con la vittoria di Donald Trump tutto è cambiato. E’ così iniziato il suo rilancio, ordinato – dicono i bene informati – proprio da Barack Obama, che tornato a Washington dopo un periodo di meritato riposo non ha alcuna intenzione di starsene in disparte come tanti altri ex presidenti. Ma è determinato a combattere per difendere la sua eredità e – spiega chi gli è vicino – per “sabotare” le politiche della presidenza Trump. In vista della possibile rivincita nel 2020.

Lo farà da una residenza-fortino, circondata da un alto muro di cinta e che si trova solo a tre chilometri da Pennsylvania Avenue, destinata a diventare una vera e propria Casa Bianca ‘ombra’. Con all’interno una sorta di Studio Ovale per l’ex presidente, diversi uffici (tra cui quello dedicato alla raccolta di fondi) e diversi dipendenti.

Ci saranno anche un ‘press secretary’, un ‘chief of staff’ e una dependance della Obama Foundation. Avrà un suo ufficio pure la ex first lady Michelle, destinata ad avere un ruolo più che attivo. E non sono pochi a sperare che dalla stanza-studio della ex first lady possa partire la sua corsa verso il 2020, o il 2024.

Dal suo ‘bunker’ il generale Obama guiderà un esercito di circa 30 mila persone, tutte quelle che gravitano attorno a Organizing for Action, che conta oltre 250 sedi in tutta America. E che dal 2013 avrebbe raccolto oltre 40 milioni di dollari per sostenere l’agenda obamiana. E c’è chi sostiene come l’organizzazione stia già contribuendo alle tante marce anti-Trump e alle tante proteste spontanee come quelle esplose negli aeroporti contro il bando sui musulmani.

La prima vera sfida, comunque, per l’ex presidente sarà quella per i vertici del Democratic National Committee: il suo candidato è l’ex ministro del lavoro Tom Perez, 55 anni, di origini ispaniche, ex avvocato per la difesa dei diritti civili sostenuto anche da Hillary Clinton.

Se la dovra’ vedere probabilmente con Keith Ellison, 53 anni, afroamericano e primo musulmano della storia eletto in Congresso. Milita nell’ala più progressista del partito, sponsorizzato dal senatore Bernie Sanders. Insomma, all’orizzonte una nuova sfida Clinton-Sanders che si ripropone in campo dem. Con Obama più che mai determinato a prendere in mano la situazione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

10:54Big Ue rilanciano web tax, cambiare attuale fisco

(ANSA) - BRUXELLES, 26 SET - L'economia digitale cambia "profondamente" il modo di fare business e quindi "il modo in cui deve essere tassato". Per questo serve "una profonda revisione dell'attuale sistema di tassazione, per assicurare un fisco efficiente, equo e trasparente": lo scrivono Italia, Francia, Germania e Spagna in un documento congiunto circolato a tre giorni dal vertice di Tallin sul digitale, dove i capi di Stato e di Governo Ue discuteranno della web tax e delle sfide ed opportunità del digitale.

10:48Iraq: primi dati referendum, verso plebiscito per sì

(ANSA) - BEIRUT, 26 SET - Lo spoglio delle schede del referendum nel Kurdistan iracheno è cominciato nella notte e sono già emersi i primi risultati sulla base delle prime schede scrutinate, secondo i dati diffusi dalle autorità di Erbil e pubblicati sul sito Rudaw, vicino al presidente curdo Massud Barzani: circa il 93% ha votato a favore dell'indipendenza mentre circa il 7% si è detto contrario. L'affluenza alle urne è stata del 78% per cento, su un totale di cinque milioni di aventi diritto al voto. I risultati finali sono attesi entro domani sera.

10:45Violenza sessuale su minore, arresto nell’Oristanese

(ANSA) - ORISTANO, 26 SET - Per violenza e abusi sessuali ai danni di un minore i carabinieri in un paese dell'Oristanese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo. A far scattare il blitz dei militari - come ha anticipato il quotidiano La Nuova Sardegna - sarebbe stata proprio la giovanissima vittima degli abusi che ha trovato la forza di raccontare quello che gli stava accadendo. Una vicenda per la quale vi sarebbero anche dei riscontri. Il minore ora sarebbe ospite di una struttura protetta. Sul fatto la magistratura ed i carabinieri mantengono per il momento il massimo riserbo. L'accusa per la persona fermata ieri dai militari è quella di violenza sessuale, ma le indagini proseguono per fare piena luce su quanto accaduto. (ANSA).

10:18Promoter uccisa: esperti al lavoro nell’orto del killer

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Gli esperti del Labanof, laboratorio forense di antropologia di Milano, a Garbagnate Milanese (Milano) eseguono nuovi accertamenti nei terreni di proprietà di Vito Clericò, il 65 enne di Garbagnate Milanesec che ha confessato l'omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni di Castellanza (Varese). Insieme ai carabinieri dei comando provinciale di Varese e coordinati dal Pm Rosaria Stagnaro della Procura di Busto Arsizio (Varese) titolare del fascicolo, gli esperti analizzano tutta l'area di proprietà di Clericó, anche con l'ausilio di un escavatore. Gli accertamenti sono iniziati il giorno dopo il ritrovamento delle ossa del cranio della donna in un'area campestre di Garbagnate.

10:11Migranti: sbarcati in Sardegna oltre 100 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 26 SET - Sbarco di migranti sulle coste del sud Sardegna durante la notte. Sono oltre cento gli algerini arrivati e il numero potrebbe ancora salire, visto che già in queste ore altri stranieri sono stati rintracciati mentre si incamminavano a piedi, dopo essere arrivati a bordo di piccoli natanti, verso i centri cittadini. Dalle 23 in poi il Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, carabinieri, polizia e Capitaneria di porto sono stati impegnati per rintracciare i nordafricani. Il primo imponente arrivo è avvenuto dopo le 23 a Porto Pino, nel territorio di Sant'Anna Arresi. Tre barchini con a bordo complessivamente 62 algerini sono stati rintracciati dalle Fiamme gialle. Altri 14 su un altro barchino sono stati soccorsi in mare e trasportati direttamente in porto a Cagliari. Durante la notte altri arrivi, complessivamente 26 algerini, sono avvenuti sempre lungo la spiaggia di Porto Pino. I migranti sono stati bloccati dai carabinieri di Carbonia. Una imbarcazione con otto stranieri, sempre algerini, è anche arrivata sulla spiaggia di Domus de Maria. Infine cinque sono stati rintracciati questa mattina mentre camminavano sulla strada a Sant'Antioco e altri due a Porto Pino. Tutti dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. (ANSA).

09:53Bomba a casa imprenditore imputato di corruzione

(ANSA) - BRINDISI, 26 SETT - Un ordigno, molto probabilmente di fattura artigianale e di basso potenziale, è stato fatto esplodere nella serata di ieri, attorno alle 23, davanti all'abitazione dell'imprenditore del settore rifiuti, Luca Screti, a San Pietro Vernotico (Brindisi). Danni lievi al muro esterno della villetta, nei pressi del cancello di ingresso. Screti è l'ex amministratore della società 'Nubile' e affronta oggi al tribunale di Brindisi l'udienza preliminare in cui si valuterà la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla procura per lui e per l'ex sindaco Pd di Brindisi, Mimmo Consales e altre tre persone. Le accuse per entrambi sono di corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio in relazione alla presunta tangente da 30mila euro versata a Consales (che ritiene sia stata invece un finanziamento elettorale incassato in ritardo) per consentire allo stesso di pagare in contanti un debito con Equitalia, e reati ambientali.

09:03Terremoti: due forti scosse alle Fiji

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Le isole Fiji sono state colpite oggi da due violenti terremoti, di magnitudo 5,1 e 6,4: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Il primo, di minore potenza, é stato registrato 289 chilometri a nord dell'isola di Ndoi e ad una profondità di 579 chilometri mentre il secondo - molto più potente - ha colpito a sud delle isole, ad una profondità di 98 chilometri. Il Pacific Tsunami Warning Centre ha escluso un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora