La sfida di Obama, una Casa Bianca “ombra” contro Trump

Pubblicato il 13 febbraio 2017 da ansa

NEW YORK. – La notizia sembrerebbe una di quelle destinate a passare inosservate: Organizing for Action – gruppo nato sulle ceneri di Obama for America, la potente macchina elettorale di Barack Obama – ha assunto negli ultimi giorni 14 responsabili territoriali, con l’obiettivo di sostenere alcuni senatori democratici in prima linea nella difesa per l’Obamacare.

Eppure l’associazione – avesse trionfato alle presidenziali Hillary Clinton – era destinata a scomparire. Ma con la vittoria di Donald Trump tutto è cambiato. E’ così iniziato il suo rilancio, ordinato – dicono i bene informati – proprio da Barack Obama, che tornato a Washington dopo un periodo di meritato riposo non ha alcuna intenzione di starsene in disparte come tanti altri ex presidenti. Ma è determinato a combattere per difendere la sua eredità e – spiega chi gli è vicino – per “sabotare” le politiche della presidenza Trump. In vista della possibile rivincita nel 2020.

Lo farà da una residenza-fortino, circondata da un alto muro di cinta e che si trova solo a tre chilometri da Pennsylvania Avenue, destinata a diventare una vera e propria Casa Bianca ‘ombra’. Con all’interno una sorta di Studio Ovale per l’ex presidente, diversi uffici (tra cui quello dedicato alla raccolta di fondi) e diversi dipendenti.

Ci saranno anche un ‘press secretary’, un ‘chief of staff’ e una dependance della Obama Foundation. Avrà un suo ufficio pure la ex first lady Michelle, destinata ad avere un ruolo più che attivo. E non sono pochi a sperare che dalla stanza-studio della ex first lady possa partire la sua corsa verso il 2020, o il 2024.

Dal suo ‘bunker’ il generale Obama guiderà un esercito di circa 30 mila persone, tutte quelle che gravitano attorno a Organizing for Action, che conta oltre 250 sedi in tutta America. E che dal 2013 avrebbe raccolto oltre 40 milioni di dollari per sostenere l’agenda obamiana. E c’è chi sostiene come l’organizzazione stia già contribuendo alle tante marce anti-Trump e alle tante proteste spontanee come quelle esplose negli aeroporti contro il bando sui musulmani.

La prima vera sfida, comunque, per l’ex presidente sarà quella per i vertici del Democratic National Committee: il suo candidato è l’ex ministro del lavoro Tom Perez, 55 anni, di origini ispaniche, ex avvocato per la difesa dei diritti civili sostenuto anche da Hillary Clinton.

Se la dovra’ vedere probabilmente con Keith Ellison, 53 anni, afroamericano e primo musulmano della storia eletto in Congresso. Milita nell’ala più progressista del partito, sponsorizzato dal senatore Bernie Sanders. Insomma, all’orizzonte una nuova sfida Clinton-Sanders che si ripropone in campo dem. Con Obama più che mai determinato a prendere in mano la situazione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

Archivio Ultima ora