Pisapia fa le prove dell’Ulivo: “Non rottamo, ma serve una svolta”

Pubblicato il 14 febbraio 2017 da ansa

MILANO. – Prendi un ex sindaco, che ha strappato Milano al centrodestra dopo vent’anni, un senatore con un passato da ulivista di ferro e legami forti con l’associazionismo, un vicepresidente di Regione che fa parte del coordinamento di Sel e una presidente della Camera, mettili in una sala a fare un dibattito sulla buona politica moderato da Gad Lerner e quello che esce sono prove di un nuovo Ulivo, o meglio di campo progressista.

È quello che è successo a Milano dove un migliaio di persone (fra gli altri il deputato Bruno Tabacci e il fotografo Oliviero Toscani) si sono ritrovate per ascoltare la proposta di Giuliano Pisapia aperta a civismo e amministrazioni che guarda alla sinistra e al centrosinistra per non vedere “mai più una parte governare con la destra”.

L’ex sindaco non si sente un nuovo Romano Prodi, tanto che a una domanda sul leader che creò l’Ulivo, ha risposto di essere Pisapia, però è convinto che serva una svolta, “discontinuità”. “Volevo andare in pensione – ha raccontato lui che ha rifiutato di candidarsi per un secondo mandato a Milano – ma quello che mi è scattato è stato vedere quanto bisogno c’è di buona politica”, con un programma che nasce dal basso perché bisogna ascoltare.

Perché “non puoi sbeffeggiare i sindacati” e se fai scelte sbagliate, come togliere l’Imu anche a chi ha dieci appartamenti, devi “dire ho sbagliato e fare autocritica”. Difficile non pensare all’ex premier Matteo Renzi anche se Pisapia non lo ha citato e ha assicurato di non voler rottamare nessuno.

Certo, ha caricato la dose Laura Boldrini, “la sinistra ha perso la bussola e se ci sono tanti delusi è perché qualcuno li ha delusi. La sinistra ha deluso facendo la destra”. “C’è bisogno di cambiare radicalmente” ha aggiunto il vicepresidente del Lazio Massimiliano Smerigllio.

Per Boldrini l’incontro non serviva per creare un movimento politico ma per un confronto di idee. Ha comunque confermato che sarà all’appuntamento fissato per l’11 marzo a Roma. Seconda tappa di questo percorso che il senatore Franco Monaco si augura porti alla nascita del campo progressista che sappia “rispondere a una domanda estesa di sinistra di governo, civica, plurale con un marcato profilo di novità”.

Le tante amministrazioni locali di sinistra e di centrosinistra dimostrano, secondo Pisapia, che si può fare tutti insieme perché ” i leader non servono”. “Credo che diventino necessariamente un uomo solo al comando. Io – ha concluso – credo nel noi non nell’io”.

(di Bianca Maria Manfredi/ANSA)

Ultima ora

02:25Ballottaggi: Giordani vince a Padova, Sboarina a Verona

(ANSA) - VENEZIA, 26 GIU - Il centrodestra si riprende Verona, che chiude così l'era di Flavio Tosi, il centrosinistra Padova, che lascia fuori di Palazzo Moroni il leghista Massimo Bitonci. Federico Sboarina, candidato di Fi e Lega, è il nuovo sindaco della città scaligera, dove con il 57,9% dei consensi ha battuto la candidata, e compagna di Tosi, Patrizia Bisinella (42,1%), che al secondo turno godeva anche dell'appoggio del Pd. Un ribaltone simbolico se letto attraverso la lente leghista, dato che Verona era una delle città su cui puntava per il successo il leader del Carroccio, Salvini, acerrimo avversario dell'ex leghista Tosi. A Padova vince il candidato 'civico' dei Dem Sergio Giordani, che, che grazie all'apporto fondamentale della 'Coalizione Civica' di Arturo Lorenzoni, strappa la poltrona di sindaco alla Lega, defenestrato dalla sua maggioranza nel novembre 2016. Giordani, imprenditore, ha conquistato il 51,8% dei voti del ballottaggio; Bitonci si è fermato al 48,2%.

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

Archivio Ultima ora