Capriles: “El Aissami debería renunciar si tiene algo de dignidad”

Pubblicato il 15 febbraio 2017 da redazione

CARACAS¬- Henrique Capriles, gobernador del Estado Miranda, se pronunció en torno a la acusación formulada por el Departamento de Estado de los Estados Unidos, contra el vicepresidente Tareck El Aissami que lo vincula al narcotráfico, aseverando que el funcionario debería poner su cargo a la orden.

-Si tiene algo de respeto al cargo que ostenta, si tiene algo de dignidad, si respeta al pueblo venezolano, debería separarse de su cargo y solicitar a la Fiscalía que abra una investigación de una acusación tan grave. De la justicia no se salva nadie. Más temprano que tarde en Venezuela reinara la justicia, entonces todos los presos políticos saldrán en libertad y los que saquearon el país para comprar propiedades y lujos pagarán − expresó este miércoles en rueda de prensa.

A su juicio, si el gobierno fuera “trasparente ante el mundo” se sometería voluntariamente a un proceso de investigación, y solicitaría a la Fiscalía la información de Estados Unidos sobre el caso del Vicepresidente, para realizar la averiguación correspondiente.

-Que tiene una cantidad de empresas –sostuvo Capriles-, de apartamentos, de bienes y de hasta un avión de 15 millones de dólares. El Aisaimi, da la cara. Se te acusa de proteger y supervisar grandes de cargamentos de droga con destino a México y Estados Unidos, por vía aérea y acuática, cuando fungías como ministro del Interior, y Samark López por ser su testaferro. Se te acusa de proteger narcotraficantes, controlabas aeronaves que despegaban de una base aérea. ¿Hasta cuándo nuestra Fanb será indiferente contra estos señalamientos?
Asimismo, el gobernador desmintió las acusaciones del presidente Nicolás Maduro en su contra, en el que lo señala de estar implicado en los casos de soborno de la empresa de construcción brasileña Odebrecht, por lo que solicitó se abra una investigación para comprobar la verdad de los hechos.

-Jamás en mi trayectoria como servidor público he firmado un contrato con Odebrecht – indicó-. No hay un solo contrato, ni en Baruta ni en la Gobernación de Miranda, que lleve mi firma. A nosotros nos sacaron del Metro de Los Teques. Eso era otra caja oscura. Por allí pasó el director del Sebin, el señor González López. Si se meten en serio en este tema, a más de la mitad del gabinete de Maduro le salpica.

Por último, el gobernador le exigió al Presidente informarle a los venezolanos las medidas que tomará sobre la circulación del billete de 100 bolívares, el cual, según anunció dejará de circular el próximo lunes 20 de febrero.

Ultima ora

12:11Delegato Catalogna, vogliamo rimanere nell’euro e in Europa

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Il popolo catalano vuole rimanere nell'euro e in Europa". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA sul referendum del primo ottobre. L'Ue si distingue da Madrid "per proposte pratiche, concrete". In Catalogna ci sono 600 imprese italiane, "è interesse dell'Italia e dell'Ue che rimangano". Sono questioni "pratiche che meritano risposta".

12:04Calcio: Conte, ‘nostalgia Italia,non all’estero per sempre’

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex ct azzurro Antonio Conte non vede un suo futuro "per sempre all'estero, perchè ho nostalgia dell'Italia". In Inghilterra -ha detto Conte a 'Radio anch'io sport'- mi trovo benissimo, sono contento per l'accoglienza che dei tifosi del Chelsea, che "l'anno scorso vennero in tribuna con la bandiera italiana per salutarmi. Ho nostalgia dell'Italia questo è fuori dubbio, non penso di stare all'estero troppo tempo. L'Italia è il mio paese, quindi una volta fatte delle esperienze belle, formative, importanti per la vita, alla fine tornerò. Non so tra quanto tempo, ma l'obbiettivo è quello". Alla domanda se dunque andrà in Cina, Conte ha risposto: "no. Ma è sempre difficile prevedere il futuro, per noi tecnici è il lavoro più precario in assoluto, oggi sei in un posto, domani altrove. Io voglio fare sempre bene, finire un progetto e trovare la giusta via per il dopo. Questa esperienza mi sta dando tanto, migliorando molto, magari in futuro non farò l'allenatore o il dirigente, non lo so".

11:59Don Prodi lascia parrocchia, ‘non a tutti piace la mia vita’

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Non a tutti è piaciuta o piace la mia vita; a nessuno, però, era lecito portare in pubbliche piazze valutazioni negative su di me, che hanno fatto male a me, ma soprattutto alla comunità". E' un passaggio di un testo letto da don Matteo Prodi, nipote dell'ex premier, che ieri ha annunciato dopo la messa domenicale le sue dimissioni dopo 12 anni dalla parrocchia di Ponte Ronca, frazione di Zola Predosa, nel Bolognese. Una rinuncia che, ha detto il sacerdote, oggi porterà all'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi. "Il vescovo - ha spiegato don Prodi nella lettera - mi disse già molti mesi fa che 10 anni erano abbastanza; la necessità di creare unità pastorali ha dato pure il suo contributo; ma le grandissime difficoltà che ho sperimentato, soprattutto l'ultimo anno, hanno, sicuramente, accelerato il processo". Difficoltà che non sono chiarite nel testo. L'addio non è al sacerdozio: "Io non avrò una parrocchia andrò ad officiare in zona Santa Rita di via Massarenti.(ANSA).

11:59Calcio: Conte, “certo che Italia andrà ai Mondiali 2018”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex tecnico azzurro Antonio Conte, oggi allenatore del Chelsea, è fiducioso, anzi non ha "il minimo dubbio" sulla partecipazione dell'Italia ai Mondiali del 2018 in Russia. Lo ha detto lo stesso Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. "Non ho paura -ha detto Conte in risposta a una domanda- che la nazionale italiana non vada ai Mondiali. Non ho il minimo dubbio. Si andrà agli spareggi e lì abbiamo forza sufficiente per passare. Penso non ci siano assolutamente problemi".

11:58Calcio: Champions, Conte “se passo turno,non vorrei italiane

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Se il Chelsea passa il turno a gironi della Champions, spero di non incontrare sul mio cammino squadre italiane": lo ha detto il tecnico del Chelsea Antonio Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. La Roma, che è nello stesso girone del Chelsea, secondo Conte "ha tutte le carte in regola per andare avanti. Non siamo stati fortunati nel sorteggio, il nostro è uno dei più difficili. L'Atletico Madrid ha fatto tutte le grandi competizioni negli ultimi anni, diverse finali e semifinali, ha una rosa forte. Conosco benissimo la Roma, compete per i massimi traguardi in Italia e così farà nelle altre competizioni. Noi -ha concluso Conte- siamo tornati in Champions con tanto entusiasmo e abbiamo voglia di fare del nostro meglio, ma dovremo fare la massima attenzione. Comunque, noi dobbiamo cercare di passare il turno, e poi prepararci per il sorteggio".

11:51Delegato Catalogna, pronti a negoziare fino all’ultimo

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Siamo disposti a negoziare fino all'ultimo partendo dalla condizione che il popolo catalano possa decidere". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA. "Data, quorum, censo, la domanda elettorale, siamo disposti a negoziare su tutto, ma qual è la proposta del governo spagnolo?. Rajoy ha detto no. Se c'è una volontà si puo' modificare anche la costituzione ma i popolari non hanno questa volontà politica", ha aggiunto Bellizzi.

11:45Catalogna: Puigdemont, ‘potrei essere arrestato’

(ANSA) - BARCELLONA, 25 SET - Il presidente catalano Carles Puigdemont non ha escluso di poter essere arrestato dalla polizia spagnola prima del referendum del 1/o ottobre. "Il procuratore generale lo ha ipotizzato", ha detto al programma Salvados della Sexta. "Non sarebbe una buona idea", ha aggiunto. "Ma se succederà faremo fronte a qualsiasi decisione". Puigdemont ha definito l'offensiva giudiziaria contro la Catalogna come "un fatto vergognoso, indegno di uno Stato democratico".

Archivio Ultima ora