A scuola di baseball con Miguel Cabrera

Pubblicato il 16 febbraio 2017 da redazione

CARACAS – Nel diamante del Centro de Desarrollo Deportivo Empresas Polar di San Joaquín nello stato Aragua si è svolto il Miggy Ball Kids, attività organizzata da Miguel Cabrera e Maltín Polar. All’iniziativa hanno partecipato 100 bambini con un’età compresa tra i 6 ed i 7 anni. Questi futuri campioni della ‘pelota’ hanno avuto la possibilità di imparare i fondamentali di questo sport: come prendere un Rolling o un fly, come rubare una base, abilità nel colpire la palla con la mazza ed altre cose. Dopo la lezione, i ragazzi li hanno messe in pratica in una piccola gara ed i migliori dieci hanno ricevuto un premio messo in palio dagli organizzatori.

“E’ un ídolo per i bimbi, un ídolo che ti motiva a raggiungere le tue mete. Questo tipo di evento permette di vivere un’esperienza indimenticabile per i ragazzini e poi ricevono in dono magliette, berreti, una medaglia di partecipazione oltre ai premi speciali per i più bravi” ha dichiarato Ángel Polanco, direttore amministrativo della Fundación Miguel Cabrera.

Il numero 24 dei Detroit Tigers è considerato uno dei migliori battitori puri del mondo del baseball, combinando la propria potenza con un’alta media in battuta, oltre che con una bassa percentuale di strikeout. Ha battuto 30 o più fuoricampo in nove stagioni, segnando oltre cento punti in undici stagioni consecutive (2004–2014). La sua media in carriera di .321 in battuta è la più alta tra i giocatori in attività con almeno cinque anni nelle major. Senza contare la Triple Crown 2012 vinta da Cabrera, che in Major League vanta 365 home runs.

Durante l’evento gli è stato chiesto sulla partecipazione della Vinotinto del baseball nel World Baseball Classic dove la nazionale allenata da Omar Vizquel vorrebbe far dimenticare la prematura eliminazione al primo turno nello scorso torneo.

“Dobbiamo lasciare l’ego alle spalle. L’importante è rappresentare il nostro paese. Qui nessuno è più bravo dell’altro. Dobbiamo metterci a disposizione del manager e capire che lui detta le regole e per questo motivo metterci a sua disposizione. Nel mio caso, non interessa essere in campo o no. Io voglio solo che vinca il Venezuela”.

Lo slugger della vinotinto può vantare tre partecipazioni nel World Baseball Classic, ma ha voglia di riscatto. “Siamo un po’ imbarazzati e ci sentiamo in debito con i nostri tifosi per la nostra prestazione nelle edizioni precedenti. Per questo motivo è nata l’idea di un minicamp dove abbiamo partecipato alcuni membri della nazionale. Tutto questo per creare un clima di armonia nel gruppo”.

Nel 2013 il Venezuela venne eliminato nella prima fase del World Baseball Classic. La sua migliote performance è stata nel 2009, quando chiuse al terzo posto nella graduatoria finale.

Nell’edizione 2017, che prenderà il via il prossimo 9 marzo, il Venezuela è stato inserito nel Gruppo D insieme con Italia, Porto Rico e Messico. Questo girone sarà ospitato dalla città di Guadalajara, in Messico.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

17:27Calcio: Montella, Crotone insidioso ma Milan pronto

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - ''Il Crotone è una squadra aggressiva, che sa sta stare in campo e sa cosa fare. È una trasferta insidiosa ma il Milan è pronto. Senza voler togliere nulla alle partite di Europa League, ora si fa sul serio''. Così Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta a Crotone.Il tecnico rossonero evita le domande sull'imminente arrivo di Kalinic (''Sono concentrato solo sul presente e il presente si chiama Crotone'') ma ammette che ''qualcosa sul mercato potrebbe ancora accadere'', con l'arrivo a Milano di David Han Li, braccio destro del presidente Yonghong Li e membro del Cda del Milan, che seguirà la squadra in trasferta: ''C'è grande sinergia con Fassone e Mirabelli che non hanno dormito sessanta giorni per rivoluzionare la rosa. Loro sanno cosa fare per migliorare la rosa ma sarei ingeneroso se pubblicamente chiedessi ancora di più. L'intera società ci supporta''.

17:16Ucciso in lite stradale: presunto omicida resta in carcere

(ANSA) - BARI, 19 AGO - Resta in carcere per il reato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi il 68enne di Bitonto (Bari) Gaetano Sesto, accusato di aver ucciso con una coltellata al torace il 25enne Giuseppe Muscatelli durante un diverbio per questioni stradali. All'esito dell'interrogatorio, nel quale l'anziano - difeso dall'avvocato Angela Maralfa - ha risposto a tutte le domande spiegando di aver "reagito ad un pugno senza alcuna intenzione di ammazzare quel ragazzo", il gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana non ha convalidato il fermo, ma ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice, condividendo la ricostruzione fatta dal pm Larissa Catella e sulla base dell'autopsia, ha ritenuto che quell'unico colpo di coltello sia stato inferto con una violenza tale che dimostrerebbe la volontà di uccidere e la pericolosità sociale dell'uomo.

17:15Calcio: Juric, molto curioso di vedere effetti della Var

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Sono molto interessato e curioso di vedere all'atto pratico quali effetti produrrà l'introduzione di questa novità. E' un passo avanti a vantaggio della trasparenza, non solo per il contributo fornito agli arbitri per ridurre i margini di errore che hanno sempre fatto parte del gioco". Lo ha detto l'allenatore del Genoa, Ivan Juric, commentando l'introduzione della moviola in campo. "L'uso della tecnologia è entrata prepotentemente nella vita di ognuno di noi. Trovo corretto che gli organismi istituzionali sovraintendenti alle regole si siano mossi in questa direzione. Ci vorrà tempo per abituarsi", ha aggiunto Juric.

17:11Calcio: Samp, Giampaolo “partiamo a fari spenti e umili”

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Partiamo a fari spenti e con grande umiltà. Ho detto una cosa alla squadra, abbiamo un valore che non possiamo disperdere: è il nostro tifo. Divertiamolo!". Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, vuole subito partire col piede giusto in questa prima giornata di campionato al cospetto di un Benevento che si presenterà domani sera nel Ferraris di Genova per mettere in difficoltà Puggioni e compagni. "Il debutto è sempre una sfida particolare, diversa dalle altre, ma oggi ripartiamo con un anno di lavoro insieme", ha aggiunto Giampaolo, che ritrova Fabio Quagliarella leggermente acciaccato in settimana. Sarà disponibile anche l'esterno sinistro Nicola Murru. Sulla trequarti Alvarez in vantaggio su Ramirez e sul primo Giampaolo è chiarissimo: "Nei suoi confronti c'è sempre l'occhio della critica, lui deve venire fuori da solo, perché rende il 30-40% di quello che è il suo valore: so benissimo quali sono le sue qualità, ha la mia fiducia".

17:08Barcellona:media,volevano distruggere Sagrada Familia

(ANSA) - MADRID, 19 AGO - Il piano iniziale della cellula jihadista che ha colpito giovedì sulla Rambla prevedeva un attacco con tre furgoni carichi di esplosivo Tatp e bombole di gas per distruggere la Sagrada Familia, il celeberrimo tempio di Antoni Gaudì simbolo di Barcellona, scrive El Confidencial citando fonti delle indagini.

17:06Calcio: Inzaghi, “Var? Favorevole, spero decisioni veloci”

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Var? Sono favorevole. Spero che ci si metta poco comunque a decidere". E' l'opinione di Simone Inzaghi, sull'esordio ufficiale della Video asssistant referee, meglio noto come 'moviola in campo'. "Nella passata stagione siamo stati un po' danneggiati - ha precisato il tecnico della Lazio, nella conferenza stampa della vigilia del match di domani contro la Spal - dovremmo abituarci, è qualcosa di innovativo che il calcio non ha mai visto".

17:02Calcio: Montella, Milan da scudetto? Non poniamoci limiti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - "Le avversarie ritengono il Milan da scudetto? Non dobbiamo porci limiti, ma il nostro obiettivo è far parte delle prime quattro. Siamo una delle poche squadre ad avere acquistato più di 10 giocatori, dobbiamo prima diventare squadra e poi una squadra vincente". Così Vincenzo Montella, alla vigilia della sfida contro il Crotone, parla degli obiettivi stagionali del Milan. "Ci sono squadre più attrezzate di noi. Il Napoli ha cambiato pochissimo, la Juventus ha speso quanto il Milan, con i vari Bernardeschi e Douglas Costa. Abbiamo fatto un mercato sontuoso, ma dobbiamo tornare grandi nel tempo e alimentare l'entusiasmo dei tifosi".

Archivio Ultima ora