La Nato aumenta le navi nel Mar Nero. Putin: “Vogliono lo scontro”

Pubblicato il 16 febbraio 2017 da ansa

REUTERS/Bogdan Cristel (ROMANIA – Tags: ANNIVERSARY MILITARY POLITICS MARITIME) – RTR3SDCI

BRUXELLES. – I sospetti legami fra Trump e la Russia spingono il New York Times a chiedere al Congresso un’indagine con impeachment sullo sfondo, ma intanto i rapporti tra Washington ed il Cremlino sembrano raffreddarsi, se non tornare tesi.

A Bonn, dopo il primo faccia a faccia con il russo Sergei Lavrov, il nuovo segretario di Stato Rex Tillerson ha sostenuto che gli Usa “considereranno di lavorare con la Russia” se ci saranno “settori di cooperazione pratica” ma sempre “sulla base degli interessi del popolo americano”, lanciando anche segnali di voler chiudere le partite in Ucraina e Siria.

Ma dal quartier generale della Nato a Bruxelles il segretario alla Difesa, James Mattis, ha parlato di collaborazione politica con Mosca ma ha escluso che per ora possa riprendere la collaborazione militare tra Usa e Russia invocata da Putin. E l’Alleanza ha annunciato che rafforzerà la presenza navale nel Mar Nero, confermando che continua il dispiegamento delle quattro brigate multinazionali nei paesi baltici ed in Polonia.

Un rafforzamento, quello sul fianco est dell’Alleanza, che Vladimir Putin vede come “una provocazione”. Mentre secondo Bloomberg il Cremlino ha dato ordine ai media statali russi di smettere di parlare bene di Trump, il nuovo zar di Mosca in una riunione con l’Fsb (il servizio segreto nato dalla ceneri del Kgb) ha sostenuto – secondo quanto riferito dalla Tass – che la Nato tenta costantemente di “provocare” la Russia e “trascinarla in uno scontro”, e che continuano i tentativi di alcuni stati membri dell’Alleanza Atlantica “di interferire negli affari interni del Paese per destabilizzare la situazione politica e sociale”.

Di fatto un’accusa perfettamente speculare a quella dell’Occidente, che si sente sotto l’attacco degli hacker e della propaganda russa. Il cui ruolo di destabilizzazione è stato apertamente confermato proprio da Mattis. A chi chiedeva se ritenesse che Mosca avesse interferito con le elezioni americane, ha risposto testualmente: “Ci sono ben pochi dubbi che i russi abbiano interferito o che abbiano cercato di interferire in una serie di elezioni nelle democrazie”.

Il generale dei Marines che ora guida il Pentagono appena 24 ore dopo aver strigliato gli Alleati europei minacciando che gli Usa avrebbero potuto “moderare” l’impegno verso l’Alleanza se non vedranno “entro l’anno” piani dettagliati per aumentare le spese militari al 2% del Pil, oggi ha martellato che “l’impegno verso l’articolo 5 e la difesa collettiva nella Nato è solido come una roccia”.

In altri termini, gli Stati Uniti non cambiano idea sulla difesa sul fianco Est, ma pretendono un riequilibrio delle spese. In cambio spingono per l’adattamento dell’Alleanza alle sfide che vengono da Nord Africa e Medio Oriente, sviluppando antiterrorismo, intelligence e “stabilizzazione” dei paesi vicini all’Europa.

In quest’ottica, la novità di giornata è arrivata dalla Libia. Da dove Fayez al Serraj, il premier del fragile governo di accordo nazionale riconosciuto dell’Onu, ha formalmente richiesto l’aiuto della Nato per costruire le istituzioni della difesa e della sicurezza nazionale.

“Un segnale positivo”, secondo la ministra Roberta Pinotti, della volontà di Serraj di costruire “nonostante le difficoltà” uno stato che funzioni. Anche quello della Libia – oltre naturalmente alla Siria – potrà essere però terreno di confronto con la Russia, vicina al generale Haftar che controlla l’est del paese e senza il quale è impensabile che la pacificazione possa mai avvenire.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

23:57Calcio: Sarri”Napoli incompiuto?Nel ritorno punti come Juve”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Avere terminato con un solo gol di vantaggio è uno dei pochi aspetti negativi, perché dovevamo chiuderla prima. Obiettivo 2/o posto? Io non ho mai fatto tabelle: la situazione è in mano agli avversari perché, se le vincono tutte, noi non abbiamo possibilità". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria del Napoli sul campo dell'Inter. "Ci hanno definito una squadra incompiuta ma, nel girone di ritorno, abbiamo fatto gli stessi punti della Juve - aggiunge -. Qualche punto in maniera stupida l'abbiamo buttato, ma la capacità di fare meno errori possibile è una qualità e forse in questa qualità siamo ancora migliorabili. Cosa si può fare per colmare il gap? Si può andare a Lourdes. Scherzi a parte, è una domanda che bisognerebbe fare a molte altre società: siamo il quinto monte-stipendi, che non è nemmeno la metà di quello di altre squadre, eppure siamo terzi". "Lo scudetto al momento non è programmabile, ma noi siamo sognatori - conclude -. La mia situazione contrattuale? Non ho detto che voglio andarmene via".

23:44Calcio: Inter, Pioli “spirito giusto ma poco precisione”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Il Napoli è una squadra molto forte ma, da parte nostra, ci voleva maggiore precisione e non dovevamo commettere quel grave errore. Da quel momento la partita si è complicata". Stefano Pioli commenta così la sconfitta dell'Inter contro il Napoli. "Lo spirito è stato quello giusto - le parole del tecnico nerazzurro - stiamo vivendo un momento in cui siamo meno dinamici e meno precisi, ma la volontà c'è stata. E stata una partita diversa da quelle precedenti, dove ha inciso soprattutto l'alto livello degli avversari. Stasera spirito e compattezza non sono mancati, ma dobbiamo comunque continuare a lavorare". "L a rassicurazione ricevuta da Zhang? Questa fiducia l'ho sempre avuta - ha aggiunto - da quando sono arrivato. Stiamo lavorando: è vero che nelle ultime partite non siamo stati all'altezza, ma è un percorso cominciato molti mesi fa. Non c'è da rifondare la squadra, siamo all'inizio di un nuovo ciclo che è cominciato con il cambio di proprietà".

23:38Calcio: Francia, Balotelli trascina il Nizza e PSG sconfitto

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Un gol di Mario Balotelli dà il via alla vittoria del Nizza sul PSG, nella 35/a giornata della Ligue 1. Di 3-1 il risultato finale a favore dei padroni di casa sui campioni di Francia in carica: oltre a Balotelli, in gol Pereira al 3' della ripresa quindi, dopo la rete della bandiera firmato da Marquinhos al 19', è arrivato il tris di Donis al 93'. Finale convulso, con espulsione di Thiago Motta e Di Maria, ma soprattutto un violento alterco fra Balotelli e Cavani che, durante la partita, si erano già beccati diverse volte. Il Monaco resta da solo in testa alla classifica (83 punti), con tre lunghezze di vantaggio sul PSG e una partita in meno, mentre il Nizza si porta a -3 dai parigini (77 contro 80). (ANSA).

23:23Napoli: Callejon “vicini alla Roma, volevamo questo”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Siamo lì vicino alla Roma ed era quello che volevamo: anche oggi si è visto un Napoli forte, con la fame giusta e dobbiamo continuare così. Noi ci crediamo nel secondo posto, adesso siamo a un punto, ma sono importanti tutte le partite. I cori razzisti contro Koulibaly? Purtroppo queste cose succedono: sono pochi quelli che fanno questi cori. Mertens? È un campione e vogliamo resti". Così Josè Maria Callejon, autore del gol-partita contro l'Inter, commenta la vittoria di misura del Napoli, che vale quasi il secondo posto in classifica.

23:22Tornado e alluvioni in Usa, bilancio vittime sale a 9

(ANSA) - WASHINGTON, 30 APR - Sale a 9 in Usa il bilancio delle vittime causate da tornado, violenti temporali e alluvioni nel Midwest e Southeast. Cinque i morti in Texas, due in Arkansas, uno in Mississippi e uno in Missouri.

23:07Calcio: Serie A, Inter-Napoli 0-1

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Una rete dello spagnolo Callejon nel primo tempo, dopo un clamoroso svarione difensivo di Nagatomo su cross dalla sinistra di Insigne, regala la vittoria al Napoli sul campo di un'Inter sempre più in crisi di gioco e di risultati. Grazie a questo successo i partenopei si portano a un solo punto dalla Roma, seconda in classifica. Nerazzurri contestati prima e durante la partita.

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

Archivio Ultima ora