Le palme in Piazza Duomo? Milano si divide

MILANO. – C’è chi è venuto apposta per vederle e chi proprio non le può vedere: le palme spuntate in piazza Duomo dividono Milano e non solo. L’hashtag #palme è topic trend su twitter e la pagina facebook del Comune è invasa di commenti e richieste di spiegazioni. Ma non basta: le polemiche oggi sono arrivate in Consiglio Comunale, dove i consiglieri di Forza Italia hanno interrotto la seduta di discussione del bilancio di previsione, mettendosi al centro dell’aula con delle banane gonfiabili, mentre quelli della Lega hanno esibito dei ‘cartelli-cammelli’.

Per Forza Italia, “quello avvenuto in piazza del Duomo é uno scempio architettonico – ha detto il capogruppo, Gianluca Comazzi -. Dobbiamo ascoltare cosa dicono i milanesi in queste ore, il Consiglio comunale deve discutere di questa vicenda”.

Perplesso anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala: “Non sono così entusiasta dell’idea delle palme ma c’è stato un bando e la Sovrintendenza – ha ricordato – si è espressa in modo positivo. La mia opinione in questo momento vale tanto quanto quella di un cittadino milanese. Vediamo come reagiranno le persone e per il momento sospendo il giudizio”.

Commentando le critiche del centrodestra, che parla di “atto di violenza” nei confronti della “sacralità di piazza Duomo”, Sala ha aggiunto: “Qui si evocano sacralità e violenza ma la religione per me vuol dire un’altra cosa, cioè un atteggiamento cristiano di accoglienza che rafforza e fortifica i valori milanesi”.

Il restyling delle aiuole, che si trovano alle spalle del monumento equestre a Vittorio Emanuele II, è stato realizzato dal colosso del caffè Starbucks, che ha vinto il bando del Comune. Presto, accanto alle piante esotiche spunteranno anche dei banani, ma intanto milanesi e turisti iniziano a farsi l’occhio con le palme: “a me ricordano la città da dove vengo, cioè Bari – ha spiegato lo studente fuori sede Nicola -. Mi ricordano il mare, però certo io ci avrei messo altri alberi”.

La stessa posizione di Roberto, studente di Milano secondo cui le palme “rovinano il paesaggio gotico della piazza. Non c’entrano nulla con quello che c’è attorno e credo sia stato un errore grossolano piantarle”.

Alcuni invece sono entusiasti della novità, come il signor Leonardo, che è arrivato nel pomeriggio da Nova Milanese, un paese in provincia di Milano, appositamente per vedere le palme. “Le ho viste al telegiornale – ha raccontato – ed ero curioso di vederle dal vivo, trovo che sia un bellissimo panorama”. Anche alcuni turisti sono rimasti piacevolmente colpiti dall’aspetto esotico della piazza: “non stanno male, fanno da cornice alla piazza – hanno detto Ornella e Pino, che arrivano dalla Puglia -. Le hanno messe a Milano forse perché il tempo sta cambiando, ormai al sud nevica”.

A fine giornata, dopo tante polemiche “arriva il proprietario del bar in piazza Duomo – scrive su twitter l’assessore Pierfrancesco Maran – a me #palme piacciono e con curiosi +25% di caffè oggi”. L’effetto novità magari non durerà i tre anni previsti per il nuovo allestimento verde, ma il progetto di Marco Bay è solo all’inizio: oltre a palme e banani ci saranno ortensie “Vanille Fraise”, canne giganti cinesi “Miscanthus floridulus” e un tappeto di bergenia. Che c’azzecca con Milano? E’ sempre Palazzo Marino a rispondere, postando una foto d’antan di Piazza Duomo, con le palme che già nell’Ottocento facevano da cornice alla Madonnina.