Papa: “La violenza verbale mina la costruzione sociale del mondo”

Pubblicato il 17 febbraio 2017 da ansa

ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA. – Il Papa che viene dall’Argentina, paese “meticcio” di sangue e di cultura, visita una università pubblica più o meno al centro di quell’Occidente che vuole imprimere il proprio timbro sulla globalizzazione. Dice parole forti contro la globalizzazione che sopprime le “differenze” e la “concretezza” delle diverse culture. Invita a praticare il “dialogo” come antidoto alla violenza a tutti i livelli sociali, esaltando il ruolo delle università come luoghi di ricerca e non come luoghi deputati alla formazione di “agenti ideologici”.

Inoltre mosso dalla domanda di Nour, una delle profughe siriane che è arrivata a Roma da Lesbo sull’aereo papale e oggi studia a RomaTre, racconta i propri incontri con il dramma dei migranti e chiede di mettere fine alla guerra e alla fame per sanare le loro situazioni.

“Le migrazioni sono una sfida e una opportunità”, ribadisce, e chiede di pensare “quando siamo soli, come una preghiera” che “il nostro mare, il Mare nostrum, oggi è un cimitero”.

E’ accolto in un tripudio di affetto e selfie, – moltissimi lo chiamano semplicemente “Francesco” e tutti lo vogliono toccare – e in un tripudio di affetto se ne va neppure due ore dopo, quando già fioccano i commenti di docenti, autorità e studenti al suo discorso pubblico. Per definire il ruolo della cultura usa parole non lontane da quelle che usò a RomaTre Giovanni Paolo II nel 2002.

E per parlare del ruolo di ricerca e dialogo delle università dice cose non dissimili da quelle che avrebbe detto Benedetto XVI nel 2008, se non fosse stato costretto a disdire la visita alla Sapienza, accusato di “ingerenza” da un gruppo di docenti e contestato da gruppi di studenti.

Bergoglio ha riscattato il gran rifiuto subito da Ratzinger, e ha rilanciato, condannando gli approcci ideologici e la cultura degli schieramenti e delle elite. Si può riassumere così la visita di papa Francesco alla università di RomaTre, nella periferia sud-ovest di Roma, prima sua visita a un ateneo pubblico italiano, ché nel 2014 era stato nell’università del Molise a Campobasso, ma solo per incontrarvi il mondo del lavoro.

Giunto intorno alle 9.50 papa Francesco è stato accolto nel piazzale dal rettore Mario Panizza, il direttore generale Pasquale Basilicata e il pro rettore vicario, Maria Francesca Renzi. Era presente anche il ministro della Università, Istruzione e Ricerca, Valeria Fedeli.

Lungo il percorso tra la folla, ha salutato studenti, familiari, dipendenti. “E’ universitario questo?”, ha chiesto prendendo in braccio un neonato in tutina rossa con pupazzi bianchi; ha acconsentito a che, specialmente i volontari in tutta rossa, si scattassero un diluvio di selfie con lui; “allora lei è guaranì”, ha replicato a una signora che gli chiedeva aiuto per una comunità in Paraguay (tra i guarany i gesuiti del Seicento costruirono le loro reduciones, comunità indigene immortalate nel film Mission, ndr); “è brava lei, eh?, con questa gioventù”, ha detto accarezzando una anziana signora in pelliccia e cappello viola, che appariva emozionata.

L’ateneo – fondato nel ’92 e passato dai 7.000 studenti di allora ai 35mila di oggi – gli ha preparato alcuni doni, tra cui olio e prodotti di aziende sorte su proprietà tolte alla mafia, con cui l’università ha progetti di collaborazione, compresa la gestione di una biblioteca. In un clima di grande spontaneità, anche il rettore ha rivolto a braccio il saluto al Pontefice.

Papa Francesco ha parlato a braccio per circa mezz’ora, seguendo solo parzialmente le domande che gli avevano posto quattro studenti, Giulia, Riccardo, Nicolò e Nour, sulla non violenza, sulle paure dell’Europa di fronte agli immigrati, su come affrontare il cambiamento e le nuove povertà, sul ruolo della cultura.

Ha consegnato al rettore il discorso che aveva preparato per l’incontro, “una risposta – lo ha definito – pensata e riflettuta sulle quattro domande, ma qui vorrei rispondere più spontaneamente perché mi piace di più così”.

“Il discorso consegnato – ha detto subito prima di concludere – può servire per riflettere, ma ricordate: università è dialogo nelle differenze e grazie tante”. Nella trama del suo sentire sul dialogo e la non violenza, il dialogo e la pace, le culture come ricerca e dialogo va certo cercato uno dei motivi della calorosa accoglienza che ha ricevuto.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

20:15Casa Bianca, nessuna collusione con la Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 MAR - "la risposta è 'no': non c'è alcuna collusione con la Russia": lo ha ribadito il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer rispondendo alle numerose domande sulle inchieste in corso sui contatti tra i collaboratori di Trump e il governo di Mosca. Spicer ha ironizzato che se il presidente mangia un'insalata russa, anche quella diventa una "russian connection". A un certo punto, ha aggiunto, "dovete accettare la realtà dei fatti".

20:10Maternità surrogata in Ucraina, coppia assolta a Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAR - Assoluzione perché il fatto non costituisce reato. Si è concluso così in tribunale a Bologna un processo su un caso di maternità surrogata in Ucraina da parte di una coppia italiana, residente in un paese della provincia del capoluogo emiliano. Gli imputati erano due coniugi, lui 57 anni, lei 44, dal 2012 genitori di un bambino nato a Kiev, dove la pratica è consentita. La madre naturale è una donna ucraina con cui a febbraio 2010 sottoscrissero un contratto per poter impiantare nel suo utero, dietro pagamento di un corrispettivo, un ovocita fecondato con il seme dell'italiano. L'inchiesta era partita per una segnalazione dell'ambasciata italiana a Kiev al Comune dove il bambino é registrato, che ha avvisato la Procura. Alla coppia, difesa dall'avvocato Giorgio Muccio, era contestata la violazione dell'articolo della 'legge 40' che sanziona chi organizza o pubblicizza la surrogazione di maternità. Il Pm in udienza davanti al giudice Sandro Pecorella, aveva chiesto il minimo della pena. (ANSA).

20:10Ciclismo: Hinault “manca il coraggio per correre come me”

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - A Bernard Hinault il ciclismo di oggi non entusiasma. Lo fa capire a chiare lettere, a margine della sua introduzione nella Hall of Fame del Giro d'Italia, constatando che "manca il coraggio" per correre come faceva lui, ultimo grande fuoriclasse in grado di destreggiarsi con ugual fortuna tra i grandi giri e le classiche. "Le condizioni per correre sono le stesse, anzi migliori. Le bici sono più leggere, gli allenamenti migliori e i trasporti più comodi. Non manca solo il coraggio, ma c'è anche poca voglia di allenarsi con costanza e impegno per andare forte tutto l'anno. Solo Sagan e Contador - sottolinea il vincitore di cinque Tour e tre Giri - pensano allo spettacolo".

20:08Russia e Iran siglano a Mosca memorandum su gas e nucleare

(ANSA) - MOSCA, 28 MAR - Russia e Iran hanno siglato dei memorandum in campo energetico in occasione della visita a Mosca del presidente iraniano, Hassan Rohani. Secondo l'agenzia Interfax, i ministeri dell'Energia dei due Paesi hanno siglato, alla presenza di Vladimir Putin e Rohani, un memorandum di cooperazione nel campo dell'elettricità e un altro nel trasporto del materiale nucleare. Inoltre la Tass riferisce di un memorandum siglato dal gigante russo Gazprom e dall'iraniana Nioc per la cooperazione nel settore del gas. "Le società leader russe hanno raggiunto una serie di accordi importanti per lo sfruttamento dei grandi giacimenti di idrocarburi in Iran", ha detto Putin, sottolineando che "è in corso la preparazione dei documenti per costruire un secondo e un terzo reattore della centrale nucleare" di Bushehr, in Iran. Putin e Rohani hanno anche discusso dell'ampliamento della cooperazione nell'aeronautica civile e nell'industria metalmeccanica e di "possibili forniture" all'Iran di moderni aerei militari Ssj-100".

19:59Calcio: Messi squalificato, l’Argentina farà ricorso

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - La Federcalcio argentina presenterà ricorso contro la squalifica per 4 partite inflitta dalla Fifa a Lionel Messi, in seguito alle sue intemperanze verbali contro un guardalinee durante il match di qualificazioni mondiali contro il Cile, giovedì scorso. Lo ha confermato Jorge Miadosqui, dirigente della Federazione, a poche ore dalla gara dell'Albiceleste in Bolivia, sempre valevole per il girone sudamericano. E nella quale il posto del numero 10 sarà preso da Angel Correa. In seguito alla squalifica, la "Pulce" dovrebbe saltare la partita odierna e quelle successive contro Uruguay, Venezuela e Perù, oltre a pagare una multa di 10mila franchi svizzeri. Tornando disponibile solo per l'ultima gara contro l'Ecuador, ad ottobre.

19:55Incidente A1-A14, 16 in ospedale,nessuno in pericolo di vita

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAR - Non c'è nessuno in pericolo di vita dopo l'incidente tra un pullman e un tir sul raccordo autostradale bolognese A1-A14. Secondo quanto riferito dall'Ausl di Bologna, diversamente da quanto si era appreso in un primo momento, sono 43 le persone le persone coinvolte, di cui 27 incolumi. Sedici i feriti trasportati in ospedale, otto al Maggiore di cui due in condizioni di media gravità, gli altri con un codice più lieve. Gli altri otto sono stati portati al policlinico Sant'Orsola, anche questi in codici di lieve entità. Sono intervenute un'automedica, cinque ambulanze e un mezzo di coordinamento del 118. (ANSA).

19:54Brexit: May, ‘no a negoziati con Scozia su referendum’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "Non apriremo i negoziati sulla proposta della Scozia". Risponde picche la premier britannica Theresa May, tramite un suo portavoce, dopo l'approvazione da parte del Parlamento di Edimburgo di una mozione che chiede un nuovo referendum sull'indipendenza della Scozia dal Regno Unito. "Ora non è il momento giusto", ha ribadito il primo ministro, riferendosi all'inizio dei negoziati sulla Brexit.

Archivio Ultima ora