Papa: “La violenza verbale mina la costruzione sociale del mondo”

Pubblicato il 17 febbraio 2017 da ansa

ANSA/CLAUDIO PERI

ROMA. – Il Papa che viene dall’Argentina, paese “meticcio” di sangue e di cultura, visita una università pubblica più o meno al centro di quell’Occidente che vuole imprimere il proprio timbro sulla globalizzazione. Dice parole forti contro la globalizzazione che sopprime le “differenze” e la “concretezza” delle diverse culture. Invita a praticare il “dialogo” come antidoto alla violenza a tutti i livelli sociali, esaltando il ruolo delle università come luoghi di ricerca e non come luoghi deputati alla formazione di “agenti ideologici”.

Inoltre mosso dalla domanda di Nour, una delle profughe siriane che è arrivata a Roma da Lesbo sull’aereo papale e oggi studia a RomaTre, racconta i propri incontri con il dramma dei migranti e chiede di mettere fine alla guerra e alla fame per sanare le loro situazioni.

“Le migrazioni sono una sfida e una opportunità”, ribadisce, e chiede di pensare “quando siamo soli, come una preghiera” che “il nostro mare, il Mare nostrum, oggi è un cimitero”.

E’ accolto in un tripudio di affetto e selfie, – moltissimi lo chiamano semplicemente “Francesco” e tutti lo vogliono toccare – e in un tripudio di affetto se ne va neppure due ore dopo, quando già fioccano i commenti di docenti, autorità e studenti al suo discorso pubblico. Per definire il ruolo della cultura usa parole non lontane da quelle che usò a RomaTre Giovanni Paolo II nel 2002.

E per parlare del ruolo di ricerca e dialogo delle università dice cose non dissimili da quelle che avrebbe detto Benedetto XVI nel 2008, se non fosse stato costretto a disdire la visita alla Sapienza, accusato di “ingerenza” da un gruppo di docenti e contestato da gruppi di studenti.

Bergoglio ha riscattato il gran rifiuto subito da Ratzinger, e ha rilanciato, condannando gli approcci ideologici e la cultura degli schieramenti e delle elite. Si può riassumere così la visita di papa Francesco alla università di RomaTre, nella periferia sud-ovest di Roma, prima sua visita a un ateneo pubblico italiano, ché nel 2014 era stato nell’università del Molise a Campobasso, ma solo per incontrarvi il mondo del lavoro.

Giunto intorno alle 9.50 papa Francesco è stato accolto nel piazzale dal rettore Mario Panizza, il direttore generale Pasquale Basilicata e il pro rettore vicario, Maria Francesca Renzi. Era presente anche il ministro della Università, Istruzione e Ricerca, Valeria Fedeli.

Lungo il percorso tra la folla, ha salutato studenti, familiari, dipendenti. “E’ universitario questo?”, ha chiesto prendendo in braccio un neonato in tutina rossa con pupazzi bianchi; ha acconsentito a che, specialmente i volontari in tutta rossa, si scattassero un diluvio di selfie con lui; “allora lei è guaranì”, ha replicato a una signora che gli chiedeva aiuto per una comunità in Paraguay (tra i guarany i gesuiti del Seicento costruirono le loro reduciones, comunità indigene immortalate nel film Mission, ndr); “è brava lei, eh?, con questa gioventù”, ha detto accarezzando una anziana signora in pelliccia e cappello viola, che appariva emozionata.

L’ateneo – fondato nel ’92 e passato dai 7.000 studenti di allora ai 35mila di oggi – gli ha preparato alcuni doni, tra cui olio e prodotti di aziende sorte su proprietà tolte alla mafia, con cui l’università ha progetti di collaborazione, compresa la gestione di una biblioteca. In un clima di grande spontaneità, anche il rettore ha rivolto a braccio il saluto al Pontefice.

Papa Francesco ha parlato a braccio per circa mezz’ora, seguendo solo parzialmente le domande che gli avevano posto quattro studenti, Giulia, Riccardo, Nicolò e Nour, sulla non violenza, sulle paure dell’Europa di fronte agli immigrati, su come affrontare il cambiamento e le nuove povertà, sul ruolo della cultura.

Ha consegnato al rettore il discorso che aveva preparato per l’incontro, “una risposta – lo ha definito – pensata e riflettuta sulle quattro domande, ma qui vorrei rispondere più spontaneamente perché mi piace di più così”.

“Il discorso consegnato – ha detto subito prima di concludere – può servire per riflettere, ma ricordate: università è dialogo nelle differenze e grazie tante”. Nella trama del suo sentire sul dialogo e la non violenza, il dialogo e la pace, le culture come ricerca e dialogo va certo cercato uno dei motivi della calorosa accoglienza che ha ricevuto.

(giovanna.chirri@ansa.it)

Ultima ora

20:43Confederations: Camerun-Australia 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Camerun e Australia hanno pareggiato 1-1 (1-0) in una partita del gruppo B della Confederations Cup giocata a San Pietroburgo. Reti di Anguissa al 46' pt e Milligan su rigore al 15' st.

20:35Calcio: Spalletti, Borja Valero? Giocatore forte ed esperto

(ANSA) - MILANO, 22 GIU - "Borja Valero è forte ed esperto. A centrocampo siamo a posto, se le cose restano così non andiamo a prendere nessuno. Se va via qualcuno gli metteremo gli occhi addosso. E’ un giocatore di sicuro affidamento": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti, intervistato da Premium Sport, a Catanzaro dove sarà premiato con il 'Premio Ceravolo'. "Rudiger? In difesa faremo sicuramente qualcosa -aggiunge l'allenatore - lui è un grandissimo come Manolas, ha fatto vedere quanto vale ma dire il nome di chi andremo a prendere mi sembra prematuro e scorretto". Spalletti conferma che l'Inter dovrà prima cedere qualche giocatore "perchè c'è un regolamento", solo in seguito il club nerazzurro interverrà per "migliorare la rosa e sostituire chi partirà".

20:35Delitto Noventa: 30 anni carcere a fratelli Sorgato

(ANSA) - PADOVA, 22 GIU - Condanna a 30 anni di carcere per Freddy Sorgato e per la sorella Debora, 16 anni e 10 mesi per la loro amica Manuela Cacco. Sono le pene inflitte poco fa dal Tribunale di Padova, con rito abbreviato, nei confronti dei tre imputati - l'uomo era l'ex fidanzato della vittima - dell'omicidio premeditato e l'occultamento di cadavere di Isabella Noventa, l'impiegata 55enne padovana scomparsa la notte tra il 15 e il 16 gennaio 2016, il cui corpo non è mai stato trovato.

20:15Boldrini, dico sì ad Europa, ma a condizione che cambi

(ANSA) - VENEZIA, 22 GIU - "All'Europa dico sì, ma a una condizione: che ci sia un reale cambiamento". Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, in occasione della presentazione del suo libro a Venezia. "Credo - ha spiegato - che ci sia oggi bisogno che l'Europa sia percepita come un'istituzione benigna, che protegge i cittadini e dà loro delle chance. Bisogna quindi lavorare sull'aspetto sociale dell'Europa, che deve essere più capace di mettere i cittadini al centro della propria azione". "Penso infatti - ha proseguito la presidente della Camera - che debba fare qualcosa che vada a vantaggio dei più bisognosi: ad esempio, immagino come un sussidio di disoccupazione europeo cambierebbe la percezione dell'Europa e porterebbe a dire che l'Europa dei diritti, affermando i principi che sono alla base del progetto europeo, non lascia indietro nessuno. Credo che ci siano buone speranze per portare avanti questo progetto europeo".

20:07Classifica ribaltata all’Audi sailing week-52 super series

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - La 52 Super Series questa mattina si è ritrovata sulla linea di partenza alle 12.00 per disputare due regate a bastone - con un vento che ha oscillato tra i 10 - 12 nodi dai quadranti sud-orientali - previste per la seconda giornata dell'Audi Sailing Week - 52 Super Series, organizzata dello Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con il Title Sponsor Audi. Si porta al comando della classifica provvisoria Rán Racing, seguito a tre punti di distacco dal secondo classificato Bronenosec e Sled dietro di un solo punto. Con alle spalle una giornata difficile conclusa ai piani bassi, Quantum Racing, alla tattica il velista di America's Cup Terry Hutchinson, ha scalato oggi la classifica e, con un primo ed un terzo posto di giornata, si è posizionato sesto. Nella prima prova è partito lanciatissimo sul pin e ha dominato tutta la gara allungando costantemente le distanze sugli avversari mentre nella seconda prova ha avuto la meglio Rán Racing, con il tattico Adrian Sted, che ha così conquistato il vertice

20:04Terrorismo: espulso tunisino, apologia Isis su Facebook

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita oggi l'espulsione di un 25enne tunisino, per motivi di sicurezza dello Stato. Il giovane, residente a Scicli (Rg), fa sapere il Viminale, è emerso all'attenzione delle forze di polizia nell'ambito dell'attività di ricerca informativa in relazione a due suoi connazionali, già espulsi il 14 aprile scorso, entrambi con decreto del ministro. Il tunisino frequentava la moschea di Donnalucata (Rg) e sul suo profilo Facebook presentava la sua immagine con la frase "io sto andando, è sicuro che non torno, quindi addio". Aveva, inoltre ripetutamente postato contenuti di propaganda jihadista ed immagini con riferimenti apologetici dello Stato Islamico. Con il rimpatrio di oggi, il 55/o del 2017, sono 187 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal 2015.

19:58Calcio: da giocatore a imprenditore,ecco convenzione Ics-Aic

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Una partnership consolidata quella tra l'Istituto per il Credito Sportivo e l'Associazione Italiana Calciatori che si rafforza maggiormente grazie a due importanti iniziative. Siglata infatti oggi da Damiano Tommasi, Presidente di Aic e Paolo D'Alessio, Commissario Straordinario dell'Istituto per il Credito Sportivo, la nuova convenzione triennale che consentirà ai calciatori che vogliono investire nell'impiantistica sportiva di usufruire di vantaggi e agevolazioni grazie ai Fondi Speciali gestiti dall'ICS: 5 milioni a tasso zero per mutui fino a 200.000 euro in 10 anni, su un plafond complessivo di 25 milioni di euro stanziato dal Credito Sportivo per dare un impulso importante all'imprenditorialità di settore. L'agevolazione è volta a favorire soprattutto gli ex atleti o atleti a fine carriera con massimo 45 anni di età, che abbiano disputato le principali competizioni internazionali o giocato nei maggiori campionati nazionali organizzati dalle rispettive Leghe

Archivio Ultima ora