Terremoto, Tajani: “Europa non dimentica, pronti due miliardi”

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani a Camerino
Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani a Camerino

ANCONA. – “Il messaggio che vi porto da Bruxelles è che l’Europa non dimenticherà quanto accaduto. L’Europa ha già fatto per i terremoti de L’Aquila e dell’Emilia Romagna”, e “farà molto” anche per il centro Italia “in termini di sostegno economico”. Lo ha assicurato il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, che, come aveva promesso al momento della sua nomina, si è recato in visita alle zone terremotate: per prima è toccato alle Marche, in particolare al Maceratese.

“La protezione civile – ha aggiunto Tajani – ci ha presentato una fotografia in cui si contano quasi 25 miliardi di danni. Da parte dell’Europa ci sono due miliardi, di cui uno del fondo di solidarietà, pronto nel giro di due o tre mesi”. Ma non c’è solo l’impegno economico che Tajani garantisce.

A Camerino (Macerata), accolto dal sindaco Gianluca Pasqui e dal presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, ha detto: “Ho cercato di portare nel dibattito parlamentare quella sensazione di impotenza della popolazione, quella sensazione di vivere sempre come se la testa girasse continuamente. Ho notato che la popolazione chiede di restare sul territorio, ha voglia di ripartire. E questa voglia, segno di un carattere forte e caparbio, è il punto da cui ricominciare. Ho visto gente scavare con le mani, i soccorritori hanno fatto sacrifici incredibili, senza fermarsi”.

“Quando c’è un’emergenza – ha poi tenuto a precisare-, non esiste la destra e la sinistra”. Quanto a Camerino, “la città può essere un punto di riferimento, e l’università un elemento qualificante per l’aggiudicazione di bandi comunitari”.

“Dopo le scosse – ha ricordato il rettore Flavio Corradini – avevamo 1.800 ragazzi fuori dalle case del centro storico. Abbiamo 70 aule in meno e 40.000 mq da recuperare. Chiediamo che i nostri tecnici del tavolo sulle aree interne siano in contatto diretto con i tecnici europei, sarebbe un’accelerazione importante”.

Il capo del Dipartimento della protezione civile Fabrizio Curcio ha snocciolato le cifre: “Sono stati fatti oltre 110.000 sopralluoghi in tutta l’area colpita dal sisma. Per quanto riguarda le casette, stiamo lavorando per avere una tempistica. Nel Maceratese siamo in una primissima fase. Nessuno ha voglia di ritardarne l’arrivo. Arriveranno all’incirca per quest’estate. Abbiamo parlato di sette mesi dopo il 24 agosto. Senza sapere che ci sarebbero state le scosse di ottobre e di gennaio”.

Tajani ha infine annunciato che le celebrazioni per il 60/o anniversario della firma del Trattato di Roma si terranno a Norcia e che sarà presente anche il presidente del consiglio Paolo Gentiloni. Prima di recarsi a Camerino, il presidente del Parlamento europeo aveva incontrato a Pieve Torina i sindaci e l’Unione Montana, “espressione di un territorio devastato”.