Diffidate di chi strilla

Pubblicato il 26 febbraio 2017 da Luca Marfé

Ragazzi, voi lo capite da soli che, se io pubblicassi status tipo “Vaffanculo Trump!” o “Dannato fascista!” o ancora “Maledetti bastardi di CNN!”, farei cofanate di like?

Non c’è neanche bisogno che ve lo spieghi, no?

O forse sì. Forse vale la pena arrivare fino in fondo.

In un mondo sempre più polarizzato ed esausto, in comunicazione come in politica, è molto più facile costruirsi un vasto consenso attraverso grida e posizioni estreme che non articolando una discussione posata.

E l’aspetto ancor più grave è che coloro che lo fanno, ricevendo appunto molte conferme (talvolta anche insulti), si convincono sempre più di essere nel giusto assoluto e rincarano dosi e toni.

E invece no. E invece io voglio ragionare pacatamente e voglio farlo assieme a voi. Con quiete mista a intelligenza, senza comporre nessuna folla inferocita, ma circondandomi di cervelli vivi e vegeti. Menti riflessive, pensanti.
Diffidate di chi strilla.

In comunicazione, come in politica, come nella vita.

Luca Marfé

Facebook: Luca Marfé / Luca Marfé Photography
Instagram: @lucamarfe – Twitter: @marfeluca
www.lucamarfe.com

lucamarfe
Luca Marfé

Papà di Laerte. Un sognatore contagioso, un entusiasta. (Giornalista professionista OdG). Manhattan, NY.

www.lucamarfe.com




Ultimi articoli


20 dicembre 2016

Buon Natale, nonostante tutto



09 dicembre 2016

Renzi, da rottamatore a rottamato



24 novembre 2016

25 anni senza Freddie Mercury



04 ottobre 2016

Tutti diversi, tutti uguali



25 agosto 2016

C’è differenza



29 giugno 2016

Leggere anziché scrivere



09 giugno 2016

Una donna alla Casa Bianca?