Serata Oscar con storica gaffe, 6 premi a La La Land

Pubblicato il 27 febbraio 2017 da ansa

FOTO EPA/AARON POOLE /

LOS ANGELES. – E l’Oscar per lo svarione va…all’edizione numero 89 degli Academy Awards, finita con una nota surreale e con l’Oscar per il miglior film consegnato, per un lunghissimo attimo, nelle mani sbagliate. Una serata piacevole, con poche parole ma molta sostanza anti-Trump nelle scelte dell’Academy che fanno parlare di ‘Oscar so Black’, mentre non manca l’attenzione anche a immigrazione, guerra in Siria, e l’appello a distanza dell’iraniano Farhadi. E sull’errore dell’annuncio del miglior film è stata aperta un’inchiesta da PriceWaterhouseCooper, la società che si occupa del conteggio dei voti.

Il premio per il miglior film è per Moonlight, ma Warren Beatty annuncia – da subito perplesso – la vittoria di La La Land, i produttori salgono sul palco e iniziano a ringraziare. Cosa è successo? A spiegarlo è stato il regista di Moonlight in sala stampa. “Ho pensato che stava succedendo qualcosa di strano, ma non capivo cosa, è per questo che ho voluto vedere il biglietto. – spiega Berry Jenkins – Non mi è stato mostrato subito ma quando sono riuscito a leggere c’era scritto Moonlight”.

Jenkins allora sale sul palco e interrompe il discorso dei produttori di La La Land: “Non è uno scherzo, ha detto, mostrando il biglietto”. Poi è arrivato il presentatore, Jimmy Kimmel che ha confermato lo svarione che ha movimentato la serata: “E’ colpa mia, sapevo che avrei rovinato tutto prima della fine. Buonanotte a tutti, prometto di non tornare più”.

E così termina, in una maniera surreale e confusionaria una serata piacevole, con le bordate del conduttore Jimmy Kimmel contro Trump, quasi nessun commento contro il presidente da parte dei vincitori, ma una chiarissima dichiarazione di campo nelle scelte dell’Academy.

Dopo le polemiche dello scorso anno sugli Oscar troppo bianchi, questa volta si parla di ‘Oscar so black’ per le tante statuette ad attori di origine afroamericana. Ma viene premiato anche il corto sulla guerra in Siria The white helmets, e vince il maggiore riconoscimento appunto Moonlight, il film di Jerkins che parla di neri, emarginazione e omosessualità.

La serata è iniziata con una vittoria italiana: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Bertolini avevano infatti vinto la seconda statuetta della serata, per il trucco e le acconciature del blockbuster targato Marvel Suicide Squad. Subito dopo, con il terzo premio consegnato, è arrivata la doccia fredda della vittoria di O.J.: Made in America per la categoria miglior documentario. Fuocoammare dunque non ce l’aveva fatta ma un’altra bandierina tricolore è stata piantata poco dopo, dall’italo-canadese Alan Barillaro, creatore del corto di animazione Piper.

Poi sono arrivati i premi più pesanti. Molti dei quali andati al favorito La La Land: Damien Chazelle vince l’Oscar per la regia, Emma Stone quello per la migliore attrice protagonista, Justin Hurwitz vince per la colonna sonora e la canzone, City of Stars. La La Land vince anche le statuette per la miglior fotografia e per la scenografia, ma il profumo della vittoria per il premio più importante lo potrà solo annusare.

Casey Affleck vince la statuetta per il migliore attore protagonista, per Manchester by the Sea, che ottiene anche il premio per la sceneggiatura originale, mentre l’Oscar per il migliore adattamento va a Moonlight che – come ampiamente previsto alla vigilia – vince anche la statuetta per il migliore attore non protagonista, l’islamico Mahershala Ali. L’analogo premio al femminile va a Viola Davis per Barriere.

Non mancano le battute rivolte a Trump, ma non sono moltissime come si poteva pensare dopo un red carpet costellato anche dal fiocchetto azzurro anti-Trump indossato dell’Aclu (American Civil Liberties Union, l’organizzazione che si batte per i diritti civili) che indossava ad esempio Ruth Negga, candidata come miglior attrice protagonista per il film Loving.

Dal palco la condanna più forte arriva dal filmaker iraniano Asghar Faradi che vince l’Oscar per il miglior film straniero, il Cliente. Come ampiamente annunciato non è presente alla serata ma farà leggere un messaggio: “La mia assenza è un atto di rispetto verso coloro che non sono stati rispettati dal bando istituito nei giorni scorsi – ha scritto il regista che poi ha definito il bando “una legge disumana… Dividere il mondo in due categorie, noi e i nostri nemici, porta alla paura e ad una illegittima giustificazione dell’aggressione e della guerra “.

Gael Garcia Bernal invece parla di muri: “Come messicano e come lavoratore immigrato, come essere umano sono contrario ad ogni sorta di muro che separi gli uni dagli altri”. Mark Rylance, nel presentare il premio alla migliore attrice non protagonista parla della necessità di essere opposti senza odio.

Il sarcasmo è l’arma usata dal presentatore Jimmy Kimmel che è riuscito a consegnare una serata divertente e non noiosa (anche prima dell’incidente di chiusura) “Devo proprio ringraziare il Presidente Trump.- ha detto – Vi ricordate quando l’anno scorso dicevano che l’Oscar era razzista?… Noi qui a Hollywood non discriminiamo in base alla religione o alla nazione, solo in base all’età e al peso”. Poi si è lanciato in un lungo discorso su quanto Meryl Streep è un’attrice sopravvaluta. “Bel vestito, è di Ivanka?”, ha detto all’attrice, riferendosi alla linea di abiti della figlia di Trump. Poi nel corso della serata ha trovato anche il tempo di inviare twit al president Trump. “Sono preoccupato che non si sia ancora fatto sentire”.

(di Francesca Scorcucchi/ANSA)

Ultima ora

06:06Venezuela, altri due giovani uccisi nelle proteste

(ANSA) - CARACAS, 25 MAG - Altri due giovani venezuelani sono morti durante proteste antigovernative, uno a Maracaibo e l'altro a Ciudad Bolivar, ambedue raggiunti da spari di arma da fuoco. A Ciudad Bolivar, capitale dello stato di Bolivar, nel sudest del Venezuela, il deputato oppositore José Manuel Olivares ha informato dell'uccisione di Augusto Pugas, 22 anni, studente di infermeria, raggiunto da uno sparo alla testa. La stampa ha informato inoltre dell'uccisione di Adrian José Duque Bravo, 24 anni, colpito da uno sparo di arma da fuoco al ventre mentre partecipava a una manifestazione nella zona di Torres del Saladillo a Maracaibo, la seconda città più importante del Venezuela e capitale dello stato Zulia, nel nordest del Paese. Con questi ultimi due morti, sale a 63 il numero di vittime nelle proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela da inizio aprile.

03:46Usa, sondaggio: Trump crolla al 40%

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - La bufera del Russiagate fa crollare Trump nell'ultimo sondaggio di Fox news (21-23 maggio): il 40% del campione approva il lavoro del presidente Usa, mentre il 53% lo boccia. Un mese fa il rapporto era 45% a 48%. Il 44% inoltre ritiene che gli hackeraggi russi abbiano aiutato il tycoon ad arrivare alla Casa Bianca. Il 68% approva la nomina di un procuratore speciale per indagare sulle interferenze di Mosca nelle elezioni (29% e' contro) e il 43% pensa che scoprirà un coordinamento della campagna di Trump con la Russia. Il 60% inoltre e' convinto che Trump abbia licenziato il capo dell'Fbi James Comey perche' l'indagine sul Russiagate stava danneggiando la presidenza (il 29% non lo pensa). Come se non bastasse, il 57% ritiene che la condivisione di informazioni segrete con i russi nello studio ovale sia frutto di cattivo giudizio.

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

Archivio Ultima ora