Serata Oscar con storica gaffe, 6 premi a La La Land

Pubblicato il 27 febbraio 2017 da ansa

FOTO EPA/AARON POOLE /

LOS ANGELES. – E l’Oscar per lo svarione va…all’edizione numero 89 degli Academy Awards, finita con una nota surreale e con l’Oscar per il miglior film consegnato, per un lunghissimo attimo, nelle mani sbagliate. Una serata piacevole, con poche parole ma molta sostanza anti-Trump nelle scelte dell’Academy che fanno parlare di ‘Oscar so Black’, mentre non manca l’attenzione anche a immigrazione, guerra in Siria, e l’appello a distanza dell’iraniano Farhadi. E sull’errore dell’annuncio del miglior film è stata aperta un’inchiesta da PriceWaterhouseCooper, la società che si occupa del conteggio dei voti.

Il premio per il miglior film è per Moonlight, ma Warren Beatty annuncia – da subito perplesso – la vittoria di La La Land, i produttori salgono sul palco e iniziano a ringraziare. Cosa è successo? A spiegarlo è stato il regista di Moonlight in sala stampa. “Ho pensato che stava succedendo qualcosa di strano, ma non capivo cosa, è per questo che ho voluto vedere il biglietto. – spiega Berry Jenkins – Non mi è stato mostrato subito ma quando sono riuscito a leggere c’era scritto Moonlight”.

Jenkins allora sale sul palco e interrompe il discorso dei produttori di La La Land: “Non è uno scherzo, ha detto, mostrando il biglietto”. Poi è arrivato il presentatore, Jimmy Kimmel che ha confermato lo svarione che ha movimentato la serata: “E’ colpa mia, sapevo che avrei rovinato tutto prima della fine. Buonanotte a tutti, prometto di non tornare più”.

E così termina, in una maniera surreale e confusionaria una serata piacevole, con le bordate del conduttore Jimmy Kimmel contro Trump, quasi nessun commento contro il presidente da parte dei vincitori, ma una chiarissima dichiarazione di campo nelle scelte dell’Academy.

Dopo le polemiche dello scorso anno sugli Oscar troppo bianchi, questa volta si parla di ‘Oscar so black’ per le tante statuette ad attori di origine afroamericana. Ma viene premiato anche il corto sulla guerra in Siria The white helmets, e vince il maggiore riconoscimento appunto Moonlight, il film di Jerkins che parla di neri, emarginazione e omosessualità.

La serata è iniziata con una vittoria italiana: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Bertolini avevano infatti vinto la seconda statuetta della serata, per il trucco e le acconciature del blockbuster targato Marvel Suicide Squad. Subito dopo, con il terzo premio consegnato, è arrivata la doccia fredda della vittoria di O.J.: Made in America per la categoria miglior documentario. Fuocoammare dunque non ce l’aveva fatta ma un’altra bandierina tricolore è stata piantata poco dopo, dall’italo-canadese Alan Barillaro, creatore del corto di animazione Piper.

Poi sono arrivati i premi più pesanti. Molti dei quali andati al favorito La La Land: Damien Chazelle vince l’Oscar per la regia, Emma Stone quello per la migliore attrice protagonista, Justin Hurwitz vince per la colonna sonora e la canzone, City of Stars. La La Land vince anche le statuette per la miglior fotografia e per la scenografia, ma il profumo della vittoria per il premio più importante lo potrà solo annusare.

Casey Affleck vince la statuetta per il migliore attore protagonista, per Manchester by the Sea, che ottiene anche il premio per la sceneggiatura originale, mentre l’Oscar per il migliore adattamento va a Moonlight che – come ampiamente previsto alla vigilia – vince anche la statuetta per il migliore attore non protagonista, l’islamico Mahershala Ali. L’analogo premio al femminile va a Viola Davis per Barriere.

Non mancano le battute rivolte a Trump, ma non sono moltissime come si poteva pensare dopo un red carpet costellato anche dal fiocchetto azzurro anti-Trump indossato dell’Aclu (American Civil Liberties Union, l’organizzazione che si batte per i diritti civili) che indossava ad esempio Ruth Negga, candidata come miglior attrice protagonista per il film Loving.

Dal palco la condanna più forte arriva dal filmaker iraniano Asghar Faradi che vince l’Oscar per il miglior film straniero, il Cliente. Come ampiamente annunciato non è presente alla serata ma farà leggere un messaggio: “La mia assenza è un atto di rispetto verso coloro che non sono stati rispettati dal bando istituito nei giorni scorsi – ha scritto il regista che poi ha definito il bando “una legge disumana… Dividere il mondo in due categorie, noi e i nostri nemici, porta alla paura e ad una illegittima giustificazione dell’aggressione e della guerra “.

Gael Garcia Bernal invece parla di muri: “Come messicano e come lavoratore immigrato, come essere umano sono contrario ad ogni sorta di muro che separi gli uni dagli altri”. Mark Rylance, nel presentare il premio alla migliore attrice non protagonista parla della necessità di essere opposti senza odio.

Il sarcasmo è l’arma usata dal presentatore Jimmy Kimmel che è riuscito a consegnare una serata divertente e non noiosa (anche prima dell’incidente di chiusura) “Devo proprio ringraziare il Presidente Trump.- ha detto – Vi ricordate quando l’anno scorso dicevano che l’Oscar era razzista?… Noi qui a Hollywood non discriminiamo in base alla religione o alla nazione, solo in base all’età e al peso”. Poi si è lanciato in un lungo discorso su quanto Meryl Streep è un’attrice sopravvaluta. “Bel vestito, è di Ivanka?”, ha detto all’attrice, riferendosi alla linea di abiti della figlia di Trump. Poi nel corso della serata ha trovato anche il tempo di inviare twit al president Trump. “Sono preoccupato che non si sia ancora fatto sentire”.

(di Francesca Scorcucchi/ANSA)

Ultima ora

11:41Valanghe: elicotteri evacuano turisti in valle Lunga

(ANSA) - BOLZANO, 23 GEN - E' in corso l'evacuazione di un albergo e alcune case in valle Lunga, in alta val Venosta. La scorsa notte una slavina è scesa nei pressi dell'albergo Langtauferer Hof. Le masse nevose hanno anche sfiorato il maso didattico Erlebnisschule a Melago. Davanti all'albergo è stata istituita una piazzola di atterraggio per gli elicotteri. In mattina è prevista l'evacuazione con gli elicotteri di 75 turisti e qualche decina di abitanti della zona. La situazione è comunque tranquilla e i turisti sono sereni, racconta chi è sul posto.

11:17Tennis:Australia,Edmund sorprende Dimitrov, semifinale è sua

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Cominciano con una sorpresa anche i quarti maschili a Melbourne. Con la sconfitta inattesa del numero tre del mondo Grigor Dimitrov. Il bulgaro ha ceduto per 6-4 3-6 6-3 6-4 al britannico Kyle Edmund, numero 49 del ranking mondiale, mai così avanti in uno Slam. Ora il 23enne nato a Johannesburg, che aveva eliminato anche l'azzurro Andreas Seppi, attende il vincente di Nadal-Cilic.

11:15Calcio: Allegri respinge critiche,’contano solo i tre punti’

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "I tre punti sono l'unica cosa che importa": Massimiliano Allegri allontana così dalla sua Juventus le critiche per la vittoria di misura contro il Genoa. "Rientrare dalle soste è sempre complicato", osserva su Twitter il tecnico bianconero, secondo cui "nella maratona della serie A serve un ritmo costante". Proprio quello tenuto dalla Juve, che pur non brillando con i tre punti resta in scia al Napoli.

11:13Tennis: Australia, Svitolina ko, Mertens vola in semifinale

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono cominciati col botto i quarti di finale degli Australian Open femminili a Melbourne: Elise Mertens ha infatti rispedito a casa Elina Svitolina concedendole appena quattro game. E' la prima tennista belga a raggiungere una semifinale Slam da Kirsten Flipkens (Wimbledon 2013) e la prima a riuscirci Down Under dopo Kim Clijsters (2012). Giovedì, nella sua prima semifinale Major in carriera, la Mertens troverà dall'altra parte della rete la vincente di Wozniacki-Suarez Navarro. Mercoledì gli altri due quarti con le sfide Halep-Pliskova e Kerber-Keys.

11:01Stalking: minacce e violenze a ex moglie,arrestato a Potenza

(ANSA) - POTENZA, 23 GEN - Su richiesta della Procura della Repubblica di Potenza, la Squadra mobile del capoluogo lucano ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 38 anni indagato per violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti in famiglia e atti persecutori ai danni dell'ex moglie. In particolare, la Polizia ha accertato che per anni l'uomo ha molestato verbalmente e telefonicamente, con ripetuti messaggi, la donna, da cui è separato dal settembre 2016. E nello scorso mese di luglio gli agenti della Questura potentina sono intervenuti per un violento litigio tra i due: il 38enne si era recato sul luogo di lavoro dell'ex moglie, dove, alla presenza della figlia, l'ha minacciata di morte.

11:00Valanga in valle Formazza, paura ma nessun ferito

(ANSA) - FORMAZZA (VCO), 23 GEN - Una valanga di grandi dimensioni ha interrotto nella tarda serata di ieri la statale 659 della valle Formazza tra Chiesa e San Michele, frazioni di Formazza, paese più a nord dell'Ossola. La massa di neve non ha colpito né case, né persone. Sul posto si sono recati anche gli uomini del Soccorso Alpino della squadra di Formazza con un'unità cinofila per verificare che non fosse rimasta coinvolta nessuna persona. La strada statale è chiusa al transito dei veicoli; aperto soltanto un passaggio per permettere il transito a piedi dei residenti. Oggi saranno fatte ulteriori verifiche sui pendii nevosi che sovrastano le frazioni.(ANSA).

10:46Vasi romani ed etruschi in salotto, confiscati 200 reperti

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Sono stati confiscati gli oltre duecento reperti archeologici, di origine etrusca e romana, che i carabinieri avevano trovato nell'abitazione di un noto antiquario torinese, morto per causa naturali. Si tratta di vasi e di ceramiche, di epoca compresa tra il VI e il III secolo a.C., per un valore di oltre 300 mila euro. I reperti erano custoditi nella credenza del salotto dell'abitazione dell'antiquario, dove nel settembre 2012 i carabinieri erano intervenuti per sedare una lite tra gli eredi. Era così stato richiesto l'intervento del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell'Arma che, in collaborazione con la Soprintendenza del capoluogo piemontese, hanno individuato anche altri reperti illecitamente detenuti.(ANSA).

Archivio Ultima ora