Serata Oscar con storica gaffe, 6 premi a La La Land

Pubblicato il 27 febbraio 2017 da ansa

FOTO EPA/AARON POOLE /

LOS ANGELES. – E l’Oscar per lo svarione va…all’edizione numero 89 degli Academy Awards, finita con una nota surreale e con l’Oscar per il miglior film consegnato, per un lunghissimo attimo, nelle mani sbagliate. Una serata piacevole, con poche parole ma molta sostanza anti-Trump nelle scelte dell’Academy che fanno parlare di ‘Oscar so Black’, mentre non manca l’attenzione anche a immigrazione, guerra in Siria, e l’appello a distanza dell’iraniano Farhadi. E sull’errore dell’annuncio del miglior film è stata aperta un’inchiesta da PriceWaterhouseCooper, la società che si occupa del conteggio dei voti.

Il premio per il miglior film è per Moonlight, ma Warren Beatty annuncia – da subito perplesso – la vittoria di La La Land, i produttori salgono sul palco e iniziano a ringraziare. Cosa è successo? A spiegarlo è stato il regista di Moonlight in sala stampa. “Ho pensato che stava succedendo qualcosa di strano, ma non capivo cosa, è per questo che ho voluto vedere il biglietto. – spiega Berry Jenkins – Non mi è stato mostrato subito ma quando sono riuscito a leggere c’era scritto Moonlight”.

Jenkins allora sale sul palco e interrompe il discorso dei produttori di La La Land: “Non è uno scherzo, ha detto, mostrando il biglietto”. Poi è arrivato il presentatore, Jimmy Kimmel che ha confermato lo svarione che ha movimentato la serata: “E’ colpa mia, sapevo che avrei rovinato tutto prima della fine. Buonanotte a tutti, prometto di non tornare più”.

E così termina, in una maniera surreale e confusionaria una serata piacevole, con le bordate del conduttore Jimmy Kimmel contro Trump, quasi nessun commento contro il presidente da parte dei vincitori, ma una chiarissima dichiarazione di campo nelle scelte dell’Academy.

Dopo le polemiche dello scorso anno sugli Oscar troppo bianchi, questa volta si parla di ‘Oscar so black’ per le tante statuette ad attori di origine afroamericana. Ma viene premiato anche il corto sulla guerra in Siria The white helmets, e vince il maggiore riconoscimento appunto Moonlight, il film di Jerkins che parla di neri, emarginazione e omosessualità.

La serata è iniziata con una vittoria italiana: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Bertolini avevano infatti vinto la seconda statuetta della serata, per il trucco e le acconciature del blockbuster targato Marvel Suicide Squad. Subito dopo, con il terzo premio consegnato, è arrivata la doccia fredda della vittoria di O.J.: Made in America per la categoria miglior documentario. Fuocoammare dunque non ce l’aveva fatta ma un’altra bandierina tricolore è stata piantata poco dopo, dall’italo-canadese Alan Barillaro, creatore del corto di animazione Piper.

Poi sono arrivati i premi più pesanti. Molti dei quali andati al favorito La La Land: Damien Chazelle vince l’Oscar per la regia, Emma Stone quello per la migliore attrice protagonista, Justin Hurwitz vince per la colonna sonora e la canzone, City of Stars. La La Land vince anche le statuette per la miglior fotografia e per la scenografia, ma il profumo della vittoria per il premio più importante lo potrà solo annusare.

Casey Affleck vince la statuetta per il migliore attore protagonista, per Manchester by the Sea, che ottiene anche il premio per la sceneggiatura originale, mentre l’Oscar per il migliore adattamento va a Moonlight che – come ampiamente previsto alla vigilia – vince anche la statuetta per il migliore attore non protagonista, l’islamico Mahershala Ali. L’analogo premio al femminile va a Viola Davis per Barriere.

Non mancano le battute rivolte a Trump, ma non sono moltissime come si poteva pensare dopo un red carpet costellato anche dal fiocchetto azzurro anti-Trump indossato dell’Aclu (American Civil Liberties Union, l’organizzazione che si batte per i diritti civili) che indossava ad esempio Ruth Negga, candidata come miglior attrice protagonista per il film Loving.

Dal palco la condanna più forte arriva dal filmaker iraniano Asghar Faradi che vince l’Oscar per il miglior film straniero, il Cliente. Come ampiamente annunciato non è presente alla serata ma farà leggere un messaggio: “La mia assenza è un atto di rispetto verso coloro che non sono stati rispettati dal bando istituito nei giorni scorsi – ha scritto il regista che poi ha definito il bando “una legge disumana… Dividere il mondo in due categorie, noi e i nostri nemici, porta alla paura e ad una illegittima giustificazione dell’aggressione e della guerra “.

Gael Garcia Bernal invece parla di muri: “Come messicano e come lavoratore immigrato, come essere umano sono contrario ad ogni sorta di muro che separi gli uni dagli altri”. Mark Rylance, nel presentare il premio alla migliore attrice non protagonista parla della necessità di essere opposti senza odio.

Il sarcasmo è l’arma usata dal presentatore Jimmy Kimmel che è riuscito a consegnare una serata divertente e non noiosa (anche prima dell’incidente di chiusura) “Devo proprio ringraziare il Presidente Trump.- ha detto – Vi ricordate quando l’anno scorso dicevano che l’Oscar era razzista?… Noi qui a Hollywood non discriminiamo in base alla religione o alla nazione, solo in base all’età e al peso”. Poi si è lanciato in un lungo discorso su quanto Meryl Streep è un’attrice sopravvaluta. “Bel vestito, è di Ivanka?”, ha detto all’attrice, riferendosi alla linea di abiti della figlia di Trump. Poi nel corso della serata ha trovato anche il tempo di inviare twit al president Trump. “Sono preoccupato che non si sia ancora fatto sentire”.

(di Francesca Scorcucchi/ANSA)

Ultima ora

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

20:37Sfregiata con acido, posta un selfie su Instagram

(ANSA) - BOLOGNA, 25 APR - Ha aperto un profilo su Instagram ed ha postato un selfie Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido la sera del 10 gennaio dall'ex fidanzato Edson Tavares, ora in carcere a Forlì. "Buongiorno amici - ha scritto Gessica in un post - questo è il mio primo selfie dopo tanto tempo. L'ho fatto per garantirvi che questo è il mio UNICO profilo Instagram e che tutti gli altri sono falsi, creati da persone che si divertono a scrivere frasi e pubblicare vecchie foto rubate da internet spacciandosi per me. Vi chiedo aiuto per segnalare questi individui. Grazie mille". Centinaia i commenti di sostegno. Gessica - che la settimana scorsa ha partecipato al Maurizio Costanzo Show e a Bologna ha incontrato il ministro Andrea Orlando - nel 2007 era stata Miss Romagna e aveva conquistato la finale di Miss Italia. Poi e' decollata una carriera nel mondo dello spettacolo, con partecipazioni a programmi Rai e Mediaset come cantante. È anche addestratrice e speaker al delfinario di Rimini.(ANSA).

20:2725 aprile: ad Aosta corona ai caduti della Rsi

(ANSA) - AOSTA, 25 APR - Una corona d'alloro con il nastro tricolore e la scritta "Ai caduti della Repubblica sociale italiana" è stata deposta oggi nel cimitero di Aosta da Casapound. I militanti hanno infatti "reso omaggio" a "Emilio Piccot, caduto della Rsi" e "a cui è stata intitolata la brigata nera aostana", si legge su Facebook. Proprio a pochi metri dalla sua tomba si trova il Sacrario dei caduti in guerra, dove in mattinata si è svolta la messa ed è stata deposta una corona alla presenza delle massime autorità regionali. Alle celebrazioni ha preso parte anche il vicepresidente nazionale dell'Anpi Alessandro Pollio Salimbeni, che ha ricordato, tra l'altro, come "la pace e la democrazia hanno ancora troppi nemici". (ANSA).

Archivio Ultima ora