Bush contro Trump: “I media indispensabili alla democrazia”

Pubblicato il 27 febbraio 2017 da ansa

Bush, Obama e Clinton

WASHINGTON. – “Una stampa libera è indispensabile per la democrazia”: a lanciare l’affondo contro la guerra ai media dichiarata da Donald Trump è uno dei suoi predecessori, George W. Bush, anche lui repubblicano ma schierato per la difesa dei valori della democrazia americana, anche se l’ha ingannata con la guerra in Iraq.

“Il potere può creare dipendenza e può essere corrosivo. Ed è importante che i media mettano di fronte alle proprie responsabilità chi abusa del potere”, ha osservato in una rara intervista tv concessa alla Nbc. Bush ha ricordato che quando era in carica insistette a lungo per provare a convincere Vladimir Putin che aveva bisogno di una stampa libera.

“E’ difficile dire ad altri di avere una stampa indipendente, libera, quando non desideriamo averne una noi stessi”, ha osservato. Bush non si è sottratto neppure ad una domanda sul Russiangate, ossia sull’inchiesta dell’Fbi sui presunti contatti tra la campagna di Donald Trump e l’intelligence russa: “Penso che abbiamo bisogno di tutte le risposte. Non sono sicuro di quale sia la giusta via da prendere ma sono sicuro che questa questione richiede una risposta”.

Una prima risposta ha tentato di darla Devin Nunes, presidente repubblicano della commissione intelligence della Camera, che in una conferenza stampa ha ammonito sul rischio di una “caccia alla streghe” nel Russiagate (il riferimento era ai timori di infiltrazioni comuniste del periodo del maccartismo), sostenendo che al momento non “non c’e’ alcuna prova di contatti tra la campagna di Trump e dirigenti del governo russo”.

Nunes si è spinto così oltre da “assolvere” anche l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, costretto a dimettersi in seguito ai suoi contatti con l’ambasciatore russo con cui avrebbe discusso di sanzioni prima dell’insediamento di Trump: il deputato ha riferito di aver ricevuto informazioni sulla trascrizione di una sua telefonata con l’ambasciatore russo ma di non aver sentito nulla di preoccupante sul colloquio.

Peccato però che la credibilità di Nunes sia compromessa: è uno dei parlamentari “ingaggiati” in precedenza dalla Casa Bianca per confutare un articolo pubblicato dal Nyt, il 15 febbraio scorso, in cui si riferiva di “ripetuti contatti” tra l’entourage di Donald Trump e alti dirigenti dell’intelligence russa nell’anno delle elezioni. Una operazione nella quale sarebbero stati coinvolti anche il presidente della commissione intelligence del Senato Richard Burr, nonchè il capo della Cia Mike Pompeo.

Ad orchestrare tutto sarebbe stato Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, come ha rivelato il sito Axios. Spicer si sarebbe attivato dopo che un dirigente dell’Fbi avrebbe confidato privatamente alla Casa Bianca che l’articolo del Nyt era tutto sciocchezze, rifiutandosi però di correggere il tiro con i media.

Pompeo (cosa inusuale per un capo della Cia) e Burr avrebbero assicurato ai giornalisti del Wp e del Wsj che la storia del Nyt non era vera ma senza fornire dettagli. Nessun giornale ha abboccato e il Wp ha rivelato il giro di telefonate venerdì scorso, suscitando le proteste dei democratici, che ora vogliono una indagine indipendente affidata ad un procuratore speciale.

No comment su questa ipotesi da Trump, che però si sarebbe sfogato dicendo che non chiama in Russia “da dieci anni”. Spicer è finito nella bufera anche per aver fatto controllare i telefoni governativi e personali dei suoi collaboratori per assicurarsi che non siano in contatto privato con giornalisti e non abbiano applicazioni per testi criptati, come Signal e Confide, indicati come una violazione del Federal Records Act.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

22:15Calcio: Rafinha, voglio vincere dei titoli con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "Sono davvero molto felice, è una grande soddisfazione arrivare qui. E' una tappa importante della mia vita e ho tanta voglia di affrontare questa nuova fase della mia carriera. All'Inter sono passati tanti giocatori importanti, che hanno fatto la storia. Voglio fare del mio meglio e dare tutto per arrivare il più in alto possibile e vincere titoli con questi colori". Sono le prime parole di Rafinha da giocatore, rilasciate a Inter TV. "Cerco sempre di ottenere il massimo, voglio vincere più partite possibili e aiutare la squadra a raggiungere il nostro obiettivo, la Champions League", ha aggiunto. Rafinha, che vestirà la maglia numero 8, ritrova anche Mauro Icardi, compagno ai tempi della Cantera del Barcellona: "È sempre bello avere nel gruppo chi parla la tua lingua, conosco anche Mauro, ho giocato con lui. Mi ha dato subito una mano facendomi visitare il Centro Sportivo di Appiano Gentile".

22:12Calcio: 40 anni Buffon, France Football gli dedica copertina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Un regalo per i 40 anni di Gianluigi Buffon, che li compirà domenica prossima. France Football, nel suo numero in edicola domani, dedica la copertina e uno speciale di 16 pagine al portiere juventino e della Nazionale, definito, tra l'altro, un monumento del calcio. Lo speciale rievoca la lunga carriera del giocatore "fenomeno di longevità e di successo", che "pur ancora in piena attività è già diventato una leggenda del football mondiale" e un "modello per i colleghi, per le prestazioni e il comportamento". Non manca nello speciale una carrellata di auguri, a volte sorprendenti, di colleghi di tutto il mondo e l'interrogativo se il portiere azzurro sia da inserite tra i cinque più forti della storia.

Archivio Ultima ora