Trump pronto al compromesso sull’immigrazione

Pubblicato il 28 febbraio 2017 da ansa

EPA/ANDREW GOMBERT

NEW YORK. – Uniti per un’America più forte e più sicura: in grado di sigillare i suoi confini contro le minacce del terrorismo e della criminalità e di tornare ad imporsi anche militarmente sui principali teatri delle crisi internazionali. Davanti al Congresso Donald Trump indica la strada da seguire per realizzare quella che definisce “l’agenda coraggiosa” che restituirà agli Stati Uniti lo status di superpotenza, quella leadership che secondo il presidente americano è andata svanendo nel corso dell’era Obama.

Intanto tutto sembra pronto per il ‘bando bis’, ampiamente rimaneggiato e ‘depotenziato’ rispetto alla versione originale: il provvedimento dovrebbe infatti applicarsi solo ai futuri visti di ingresso da Siria, Iraq, Iran, Libia, Somalia, Yemen, Sudan. Esentati dal divieto, dunque, non solo i visti esistenti ma anche i “residenti legali permanenti” e i detentori di green card.

Svolta in vista anche sul fronte di una riforma complessiva dell’immigrazione, con Trump che sarebbe pronto a un compromesso che permette di restare legalmente negli Stati Uniti tutti coloro che non hanno commesso alcun serio reato penale, oltre ai cosiddetti ‘dreamer’, coloro che sono entrati in Usa illegalmente da bambini.

La giornata del grande debutto del tycoon davanti a Camera e Senato riuniti in sessione plenaria parte proprio con un attacco frontale al suo predecessore: c’è Barack Obama dietro alla fuga di notizie che ha trasformato il primo mese della presidenza Trump in un mezzo caos. Così come c’è Obama dietro alle proteste anti-Trump che nelle ultime settimane si sono moltiplicate non solo nelle strade di tutte le principali città americane, ma anche in occasione dei dibattiti con i cittadini organizzati a livello locale dai repubblicani.

“Penso sia lui il responsabile – afferma il presidente americano in un’intervista all’ ‘amica’ Fox – penso che dietro ci siano persone legate a lui, probabilmente anche dietro alla fuga di notizie. Una cosa veramente negativa in termini di sicurezza nazionale. E penso che la cosa andrà avanti”.

Un’accusa pesante, a cui l’ex Commander in Chief per ora non risponde. Anche se ormai non è più un segreto che alcuni gruppi legati all’ex presidente – vedi Organizing for Action, nato dalle ceneri della campagna Obama for America – si stiano riorganizzando per dare battaglia contro il tentativo di Trump di smantellare l’agenda obamiana.

Il tycoon intanto si dà i voti: “A+ per lo sforzo, A per i risultati finora raggiunti” e un più striminzito “C o C+ per la comunicazione con il pubblico”. Poi, rivolgendosi alla nazione in diretta tv, ancora una volta traccia le linee di un futuro che intende costruire, partendo da una vera e propria svolta rispetto alla precedente amministrazione.

E, dopo le prime settimane passate a demolire parte dell’eredità di Obama a colpi di decreto, ora arriva l’appello alla maggioranza repubblicana del Congresso a lavorare insieme e ad agire in fretta su alcuni dei provvedimenti e delle riforme più qualificanti dell’agenda ‘trumpiana’: il varo di un bilancio mirato a rafforzare difesa e sicurezza, il via a una vera e propria rivoluzione fiscale sul modello reaganiano, l’abolizione e la sostituzione del “disastro dell’Obamacare”, la riforma del sistema dell’istruzione.

Obiettivo di Trump stavolta è quello di accreditare una visione ottimistica del futuro, ben lontana dal cupo concetto di “American carnage” al centro del suo discorso di insediamento. L’intenzione è di restituire un sogno, l’American Dream, a tutti gli americani: “Anche a quelle donne e a quegli uomini dimenticati”, che rappresentano una parte dello zoccolo duro del suo elettorato, fuori dalle grandi metropoli e nell’America più profonda.

Intanto monta la polemica sui pesanti tagli di bilancio proposti dalla Casa Bianca per l’agenzia federale per la protezione dell’ambiente (Epa) e per il Dipartimento di stato, a favore di un’impennata delle spese militari, contro la quale si è scagliata Mosca minacciando di “reagire” se dalla “retorica” si passasse ai fatti.

E ben 12 ex generali hanno scritto al presidente per sottolineare come la priorità debba essere “finanziare la diplomazia, e non le munizioni”. Tra i firmatari alti ufficiali del calibro di John Allen, ex top commander delle forze Usa in Afghanistan, William Casey, ex numero uno dell’esercito, e Keith Alexander, ex capo della Nsa.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

11:42Inchiesta Sauvignon: 41 patteggiamenti per persone e aziende

(ANSA) - UDINE, 18 OTT - Si è chiusa ieri sera tardi con 41 patteggiamenti, per 31 persone fisiche e dieci aziende, l'inchiesta della Procura di Udine sul presunto caso di sofisticazione del Sauvignon con un esaltatore dei normali aromi del vino bianco, non dannoso per la salute dei consumatori ma non previsto dal disciplinare di produzione. Hanno scelto la via del patteggiamento l'enologo che aveva inventato l'esaltatore di aromi (sei mesi; pena sospesa) e 30 produttori che hanno concordato il pagamento di una somma variabile tra tremila e diecimila euro. Sanzione pecuniaria anche per le dieci aziende coinvolte. Solo un produttore non ha scelto la via del patteggiamento e affronterà dunque il processo. Altre posizioni, tra cui quella della moglie dell'enologo e quattro produttori, erano state già archiviate nei mesi scorsi. L'inchiesta era stata avviata nel settembre del 2015 con una serie di perquisizioni delegate dal pm titolare del fascicolo Marco Panzeri ed eseguite dai Carabinieri del Nas di Udine.

11:39Stalking: molestava studentesse, bidello a processo

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - Molestava con messaggi, inviti espliciti, fotografie anche a sfondo sessuale due studentesse, una delle quali minorenne. Per questo, un bidello cinquantenne, originario di Avellino, ma residente nel Bergamasco, è ora a processo con l'accusa di atti persecutori ai danni due ragazze che all'epoca dei fatti frequentavano due distinti istituti superiori della Brianza lecchese. La prima udienza si è tenuta ieri in tribunale a Lecco con l'audizione protetta della più giovane. Dopo di lei sono sfilati i testi, le compagne di scuola, alcune minorenni accompagnate dai genitori e i dirigenti scolastici dei due istituti. A intervenire era stata inizialmente la scuola frequentata dalla minore: il tutor di una delle due classi avrebbe raccolto le confidenze della minorenne, avvertendo il preside che ha fatto scattare le indagini. L'uomo, allontanato dall'istituto, avrebbe continuato a molestare in un'altra scuola la ragazza più grande. Da qui un altro procedimento che è stato riunito al precedente.

11:37Fisco: Gdf Milano arresta 5 persone in operazione Good job

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - I finanzieri del Gruppo Milano hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelate nei confronti di cinque persone, emesse su richiesta del pm Stefano Civardi nell'ambito dell'operazione 'Good Job'. I militari hanno eseguito numerose perquisizioni e il sequestro di conti correnti, di una collezione di auto di lusso e moto d'epoca e di nove immobili, tra cui una villa con piscina e centro benessere, per un valore di 7,3 milioni di euro. Le indagini, avviate nel febbraio 2016, hanno individuato un'associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e omesso versamento dell'Iva, con 21 indagati. Il meccanismo era basato su una società che assumeva manodopera (oltre 100 dipendenti), che in realtà era impiegata in altre aziende. Su questa srl, poi fatta fallire, ricadevano tutti gli oneri tributari e contributivi mai corrisposti. La frode ha permesso agli indagati di evadere oltre 3,4 milioni di euro.

11:34Scuola: Tar annulla bocciatura,alunno verso classe superiore

(ANSA) - TRIESTE, 18 OTT - Il Tar annulla la bocciatura di un alunno di seconda media perché il padre non era stato informato dalla scuola dell'andamento scolastico negativo del figlio, che ora può ottenere l'iscrizione alla terza media. Succede in Friuli Venezia Giulia dove il Tar ha accolto il ricorso presentato dall'uomo e ha annullato la bocciatura del figlio decisa lo scorso 13 giugno dall'Istituto Comprensivo di Gorizia 1. La decisione dei giudici amministrativi - anticipata stamani da Il Piccolo e Messaggero Veneto - è stata già notificata alla scuola dal legale dell'uomo, l'avv. Alessandro Tudor. "A questo punto - ha spiegato l'avv. Tudor, interpellato dall'ANSA - se la scuola non dovesse eseguire la sentenza del Tar, presenterei un altro ricorso per la nomina di un commissario ad acta per l'esecuzione della sentenza e l'iscrizione del ragazzo alla terza media". Dopo la bocciatura, il ragazzo è stato iscritto e frequenta la seconda media in una scuola diversa.

11:32Basket: Nba, Golden State ko in casa con Houston

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Esordio choc per i Warriors campioni in carica dell'Nba: Golden State, nella seconda gara della regular season scattata ieri sera, è stata battuta in casa per un solo punto dagli Houston Rockets: 121-122 il risultato finale. E pensare che Kevin Durant e compagni erano partiti più che bene, presentandosi all'ultimo quarto con un rassicurante +13 sugli uomini di Mike D'Antoni; ma proprio lì è iniziata la rimonta texana che ha finito con il rovinare ai californiani, come nel 2015 fece San Antonio, la festa della consegna degli anelli (il trofeo per il titolo Nba della scorsa stagione). E con tanto di beffa finale per il canestro di Durant annullato perché su tiro partito fuori tempo massimo, dopo aver rivisto il tutto al replay. Miglior marcatore del match, e vero trascinatore di Houston, è stato James Harden con 27 punti, ma ottima è stata, sempre per i Rockets, anche la prova dell'attesissimo Chris Paul. Per Golden State, 23 punti di Nick Young, 22 di Stephen Curry e 20 di Durant.

11:30Calcio: Cagliari, sulla panchina torna Lopez

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Si attende solo l'ufficialità, ma ormai è fatta: Diego Lopez, ex capitano e allenatore rossoblù, guiderà il Cagliari al posto di Massimo Rastelli con un accordo fino a giugno, con opzione legata al piazzamento in campionato. L'uruguaiano ieri sera ha scavalcato la concorrenza di Massimo Oddo e Giuseppe Iachini ed ora si è alle formalità. Il suo secondo - confermano all'Ansa i vertici del club - sarà Michele Fini, anch'egli ex rossoblù e già al fianco di Lopez nelle avventure di Bologna e Palermo. La rescissione del contratto con i rosanero (Lopez ha guidato la squadra siciliana la scorsa stagione per un breve periodo) aveva dirottato riflettori e attenzioni sul tecnico sudamericano. Da calciatore, Lopez è arrivato in Sardegna nella stagione 1998/'99: fino al 2010, tra campionato e coppe, ha totalizzato 344 presenze e 9 gol. Anche come allenatore è cresciuto ad Assemini: prima con le giovanili, poi in prima squadra dal 2012 al 2014. Quindi, due anni tra il Bologna in B e il Palermo in A e ora il ritorno.

11:23Stalking: perseguita ragazza, Cc lo attendono all’aeroporto

(ANSA) - BOLOGNA, 18 OTT - Carabinieri e Polizia di frontiera lo hanno atteso all'aeroporto di Bologna, dove rientrava dopo un'assenza di tre mesi, e lo hanno arrestato per stalking. L'uomo, un pachistano di 24 anni, è accusato di aver perseguitato una ventenne italiana conosciuta due anni fa. Dopo un approccio non andato a buon fine, lo straniero aveva cominciato a tempestare la ragazza con messaggi e pedinamenti, provocandole uno stato di ansia e paura. Un giorno l'attese sotto casa fino al suo ritorno, nonostante i genitori di lei avessero tentato di allontanarlo. Provò a scavalcare una recinzione, senza riuscire per l'intervento dei Carabinieri. I fatti sono avvenuti a Calderara di Reno. La giovane fece denuncia e a luglio un Gip ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari; il provvedimento è stato eseguito lunedì quando il 24enne è atterrato di rientro dal Pakistan.(ANSA).

Archivio Ultima ora