Trump pronto al compromesso sull’immigrazione

Pubblicato il 28 febbraio 2017 da ansa

EPA/ANDREW GOMBERT

NEW YORK. – Uniti per un’America più forte e più sicura: in grado di sigillare i suoi confini contro le minacce del terrorismo e della criminalità e di tornare ad imporsi anche militarmente sui principali teatri delle crisi internazionali. Davanti al Congresso Donald Trump indica la strada da seguire per realizzare quella che definisce “l’agenda coraggiosa” che restituirà agli Stati Uniti lo status di superpotenza, quella leadership che secondo il presidente americano è andata svanendo nel corso dell’era Obama.

Intanto tutto sembra pronto per il ‘bando bis’, ampiamente rimaneggiato e ‘depotenziato’ rispetto alla versione originale: il provvedimento dovrebbe infatti applicarsi solo ai futuri visti di ingresso da Siria, Iraq, Iran, Libia, Somalia, Yemen, Sudan. Esentati dal divieto, dunque, non solo i visti esistenti ma anche i “residenti legali permanenti” e i detentori di green card.

Svolta in vista anche sul fronte di una riforma complessiva dell’immigrazione, con Trump che sarebbe pronto a un compromesso che permette di restare legalmente negli Stati Uniti tutti coloro che non hanno commesso alcun serio reato penale, oltre ai cosiddetti ‘dreamer’, coloro che sono entrati in Usa illegalmente da bambini.

La giornata del grande debutto del tycoon davanti a Camera e Senato riuniti in sessione plenaria parte proprio con un attacco frontale al suo predecessore: c’è Barack Obama dietro alla fuga di notizie che ha trasformato il primo mese della presidenza Trump in un mezzo caos. Così come c’è Obama dietro alle proteste anti-Trump che nelle ultime settimane si sono moltiplicate non solo nelle strade di tutte le principali città americane, ma anche in occasione dei dibattiti con i cittadini organizzati a livello locale dai repubblicani.

“Penso sia lui il responsabile – afferma il presidente americano in un’intervista all’ ‘amica’ Fox – penso che dietro ci siano persone legate a lui, probabilmente anche dietro alla fuga di notizie. Una cosa veramente negativa in termini di sicurezza nazionale. E penso che la cosa andrà avanti”.

Un’accusa pesante, a cui l’ex Commander in Chief per ora non risponde. Anche se ormai non è più un segreto che alcuni gruppi legati all’ex presidente – vedi Organizing for Action, nato dalle ceneri della campagna Obama for America – si stiano riorganizzando per dare battaglia contro il tentativo di Trump di smantellare l’agenda obamiana.

Il tycoon intanto si dà i voti: “A+ per lo sforzo, A per i risultati finora raggiunti” e un più striminzito “C o C+ per la comunicazione con il pubblico”. Poi, rivolgendosi alla nazione in diretta tv, ancora una volta traccia le linee di un futuro che intende costruire, partendo da una vera e propria svolta rispetto alla precedente amministrazione.

E, dopo le prime settimane passate a demolire parte dell’eredità di Obama a colpi di decreto, ora arriva l’appello alla maggioranza repubblicana del Congresso a lavorare insieme e ad agire in fretta su alcuni dei provvedimenti e delle riforme più qualificanti dell’agenda ‘trumpiana’: il varo di un bilancio mirato a rafforzare difesa e sicurezza, il via a una vera e propria rivoluzione fiscale sul modello reaganiano, l’abolizione e la sostituzione del “disastro dell’Obamacare”, la riforma del sistema dell’istruzione.

Obiettivo di Trump stavolta è quello di accreditare una visione ottimistica del futuro, ben lontana dal cupo concetto di “American carnage” al centro del suo discorso di insediamento. L’intenzione è di restituire un sogno, l’American Dream, a tutti gli americani: “Anche a quelle donne e a quegli uomini dimenticati”, che rappresentano una parte dello zoccolo duro del suo elettorato, fuori dalle grandi metropoli e nell’America più profonda.

Intanto monta la polemica sui pesanti tagli di bilancio proposti dalla Casa Bianca per l’agenzia federale per la protezione dell’ambiente (Epa) e per il Dipartimento di stato, a favore di un’impennata delle spese militari, contro la quale si è scagliata Mosca minacciando di “reagire” se dalla “retorica” si passasse ai fatti.

E ben 12 ex generali hanno scritto al presidente per sottolineare come la priorità debba essere “finanziare la diplomazia, e non le munizioni”. Tra i firmatari alti ufficiali del calibro di John Allen, ex top commander delle forze Usa in Afghanistan, William Casey, ex numero uno dell’esercito, e Keith Alexander, ex capo della Nsa.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

05:19Filippine: Eruzione vulcano Mayon, evacuazione di massa

(ANSA) - MANILA, 23 GEN - Sempre più intensa l'attività del vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine, che sta eruttando fontane di lava mentre pennacchi di cenere alti fino a 700 metri escono dal cratere. Le autorità hanno avvertito che potrebbe essere imminente una violenta eruzione e hanno innalzato il livello di allerta a 4 su una scala di cinque. Oltre trentamila persone sono fuggite dai villaggi della provincia di Albay, dove si trova il vulcano, e hanno trovato rifugio negli alloggi dei centri di evacuazione predisposti dalle autorità. Secondo l'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia, un'eruzione esplosiva potrebbe verificarsi entro poche ore. E' considerata di pericolo l'area fino a 8 km dal cratere, dove vivono migliaia di persone. Il fiume di lava ha già raggiunto i villaggi più vicini, colpiti anche da una pioggia di rocce e detriti. Al momento non si segnalano né morti né feriti. Molti voli sono stati cancellati, e l'intera area è stata interedetta al traffico aereo.

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

Archivio Ultima ora