Nove anni e interdizione perpetua a Denis Verdini

Pubblicato il 02 marzo 2017 da ansa

Roma, Aula del Senato, nella foto Denis Verdini

FIRENZE. – Per 20 anni, fino al luglio 2010 quando venne commissariato dalla Banca D’Italia, il Credito Cooperativo Fiorentino secondo i pm Luca Turco e Giuseppina Mione, era il “bancomat” di Denis Verdini che ne era presidente e ‘dominus’. Per i giudici del tribunale di Firenze l’accusa aveva un fondamento, se è vero che al termine del processo di primo grado, iniziato il 13 ottobre 2015, hanno condannato il senatore di Ala a 9 anni e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Condanne da 1 anno e sei mesi a 6 anni per gli altri 33 imputati in quello che, nel tempo, era diventato un doppio processo: al crac del Ccf, con il reato di bancarotta, erano state legate le accuse di truffa allo stato per i fondi dell’editoria da parte della Ste, la Società Toscana di Edizioni che pubblicava il Giornale della Toscana, e della Sette Mari.

Nell’aula bunker di Santa Verdiana il collegio presieduto dal giudice Mario Profeta, in camera di consiglio da sei giorni, è uscito alle 16.45. In aula non c’erano nè Verdini nè il deputato di Ala Massimo Parisi (per lui 2 anni e 6 mesi di reclusione). Presenti invece molti degli altri imputati. Per l’ex direttore generale della banca, Piero Italo Biagini, la condanna più pesante dopo quella di Verdini, 6 anni di reclusione, perchè considerato l’esecutore delle ‘direttive’ del suo presidente.

I giudici hanno assolto tutti dall’accusa di associazione a delinquere che Turco e Mione avevano chiesto per lo stesso Verdini e alcuni imprenditori come Riccardo Fusi e Roberto Bartolomei della Btp, anche loro condannati per bancarotta a 5 anni e mezzo. In pratica anche per colpa dei finanziamenti concessi dall’ ‘amico’ Verdini alle loro società, è la tesi dei giudici, la banca sarebbe finita in crisi. Pene da 4 anni e mezzo a 5 anni, infatti, per tutti gli ex amministratori e i sindaci revisori del Ccf.

Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Banca D’Italia, parti civili nel procedimento, sono stati riconosciuti i danni subiti: a Palazzo Kock 175 mila euro mentre per la presidenza del Cdm i danni saranno liquidati in separata sede. Sulla Ste e la Sette Mari, tutte le accuse legate all’erogazione di fondi dal 2005 al 2007, sono andate prescritte, ma non quelle per il 2008 e il 2009.

Per questo gli ex amministratori sono stati condannati a pene che vanno da un anno e mezzo a sei anni, mentre alla Presidenza del Consiglio andrà una provvisionale di 2,5 mln, complessivamente, che dovrà essere versata da Verdini, Parisi e da una decina di imputati. Decisa anche la confisca di beni per oltre 9 mln di euro, in totale, agli ex amministratori delle due società.

Immediato l’annuncio dei ricorsi in appello, pur in attesa delle motivazioni, dai difensori. Per tutti l’avvocato Franco Coppi, legale di Verdini (“Ci aspettavamo ben altra sentenza. Per fortuna il nostro ordinamento prevede l’appello”), e del difensore di Riccardo Fusi, l’avvocato Sandro Traversi (“Faremmo appello, continuiamo a credere che non esista il reato di bancarotta fraudolenta contestato a tutti” e, “tanto più, per un esterno” come Fusi).

Una sentenza che non poteva non scatenare reazioni nel mondo della politica: Verdini, una lunga militanza a fianco di Silvio Berlusconi, era “l’uomo che per l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi meritava di diventare Padre Costituente”, ha commentato subito Michela Montevecchi, capogruppo M5s al Senato, a cui ha fatto eco Luigi Di Maio, mentre il leader della Lega Nord Matteo Salvini, anche lui sui social, collegava la vicenda alle elezioni e all’inchiesta Consip: “Ministri indagati, padri interrogati, alleati condannati, disoccupati aumentati. Basta cazzo, fate votare gli italiani! #votosubito”.

Pieno sostegno al loro leader dai senatori di Ala, Luigi Barani, Saverio Romano e Vincenzo D’Anna, tutti convinti che in appello Verdini dimostrerà le sue ragioni.

(di Domenico Mugnaini/ANSA)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora