Nove anni e interdizione perpetua a Denis Verdini

Pubblicato il 02 marzo 2017 da ansa

Roma, Aula del Senato, nella foto Denis Verdini

FIRENZE. – Per 20 anni, fino al luglio 2010 quando venne commissariato dalla Banca D’Italia, il Credito Cooperativo Fiorentino secondo i pm Luca Turco e Giuseppina Mione, era il “bancomat” di Denis Verdini che ne era presidente e ‘dominus’. Per i giudici del tribunale di Firenze l’accusa aveva un fondamento, se è vero che al termine del processo di primo grado, iniziato il 13 ottobre 2015, hanno condannato il senatore di Ala a 9 anni e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Condanne da 1 anno e sei mesi a 6 anni per gli altri 33 imputati in quello che, nel tempo, era diventato un doppio processo: al crac del Ccf, con il reato di bancarotta, erano state legate le accuse di truffa allo stato per i fondi dell’editoria da parte della Ste, la Società Toscana di Edizioni che pubblicava il Giornale della Toscana, e della Sette Mari.

Nell’aula bunker di Santa Verdiana il collegio presieduto dal giudice Mario Profeta, in camera di consiglio da sei giorni, è uscito alle 16.45. In aula non c’erano nè Verdini nè il deputato di Ala Massimo Parisi (per lui 2 anni e 6 mesi di reclusione). Presenti invece molti degli altri imputati. Per l’ex direttore generale della banca, Piero Italo Biagini, la condanna più pesante dopo quella di Verdini, 6 anni di reclusione, perchè considerato l’esecutore delle ‘direttive’ del suo presidente.

I giudici hanno assolto tutti dall’accusa di associazione a delinquere che Turco e Mione avevano chiesto per lo stesso Verdini e alcuni imprenditori come Riccardo Fusi e Roberto Bartolomei della Btp, anche loro condannati per bancarotta a 5 anni e mezzo. In pratica anche per colpa dei finanziamenti concessi dall’ ‘amico’ Verdini alle loro società, è la tesi dei giudici, la banca sarebbe finita in crisi. Pene da 4 anni e mezzo a 5 anni, infatti, per tutti gli ex amministratori e i sindaci revisori del Ccf.

Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Banca D’Italia, parti civili nel procedimento, sono stati riconosciuti i danni subiti: a Palazzo Kock 175 mila euro mentre per la presidenza del Cdm i danni saranno liquidati in separata sede. Sulla Ste e la Sette Mari, tutte le accuse legate all’erogazione di fondi dal 2005 al 2007, sono andate prescritte, ma non quelle per il 2008 e il 2009.

Per questo gli ex amministratori sono stati condannati a pene che vanno da un anno e mezzo a sei anni, mentre alla Presidenza del Consiglio andrà una provvisionale di 2,5 mln, complessivamente, che dovrà essere versata da Verdini, Parisi e da una decina di imputati. Decisa anche la confisca di beni per oltre 9 mln di euro, in totale, agli ex amministratori delle due società.

Immediato l’annuncio dei ricorsi in appello, pur in attesa delle motivazioni, dai difensori. Per tutti l’avvocato Franco Coppi, legale di Verdini (“Ci aspettavamo ben altra sentenza. Per fortuna il nostro ordinamento prevede l’appello”), e del difensore di Riccardo Fusi, l’avvocato Sandro Traversi (“Faremmo appello, continuiamo a credere che non esista il reato di bancarotta fraudolenta contestato a tutti” e, “tanto più, per un esterno” come Fusi).

Una sentenza che non poteva non scatenare reazioni nel mondo della politica: Verdini, una lunga militanza a fianco di Silvio Berlusconi, era “l’uomo che per l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi meritava di diventare Padre Costituente”, ha commentato subito Michela Montevecchi, capogruppo M5s al Senato, a cui ha fatto eco Luigi Di Maio, mentre il leader della Lega Nord Matteo Salvini, anche lui sui social, collegava la vicenda alle elezioni e all’inchiesta Consip: “Ministri indagati, padri interrogati, alleati condannati, disoccupati aumentati. Basta cazzo, fate votare gli italiani! #votosubito”.

Pieno sostegno al loro leader dai senatori di Ala, Luigi Barani, Saverio Romano e Vincenzo D’Anna, tutti convinti che in appello Verdini dimostrerà le sue ragioni.

(di Domenico Mugnaini/ANSA)

Ultima ora

23:26Vino adulterato: pm chiede rinvio a giudizio per 9 persone

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Commercializzavano vino di bassa qualità, adulterato con l'aggiunta di alcol, che poi veniva venduto come Chianti doc, Brunello di Montalcino o Sassicaia. Al termine dell'inchiesta condotta dai carabinieri del Gruppo tutela della salute di Roma e del Nas di Firenze e coordinata dalla Dda fiorentina, il pm Giulio Monferini ha chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone. Il gip Fabio Frangini ha fissato la prima udienza il 5 aprile. L'inchiesta, avviata nel 2015, portò all'arresto di 3 persone (poi ai domiciliari) mentre altre 7 vennero iscritte nel registro degli indagati. Le accuse vanno dall'associazione per delinquere per frode in commercio alla contraffazione di marchio e origine del vino, dalla frode in commercio alla vendita di sostanze non genuine e riciclaggio. Il vino dopo essere adulterato veniva imbottigliato in un'azienda di Empoli, dove poi erano apposte false etichette prima di inviarlo a dei depositi in Lazio e Emilia Romagna. Da qui partiva per l'estero, in particolare per il Costa Rica.

23:15Fotografia: ‘Sangue bianco’,leucemia raccontata con immagini

(ANSA) - SIENA, 23 GEN - Immagini in mostra, accompagnate dalle parole di un libro, per raccontare la vita con la leucemia. E' 'Sangue bianco', esposizione della fotografa Marta Viola al via dal 2 febbraio alla galleria Seipersei di Siena. Poco più di un anno dopo il trapianto, Viola ha documentato con una serie di scatti la sua esperienza con la malattia, componendo una sorta di personale diario visivo, arricchito da pensieri messi nero su bianco. "La fotografia e la scrittura sono stati i mezzi utilizzati per vivere le mie giornate dopo la diagnosi di leucemia acuta mieloide - spiega Marta -. Inizialmente l'idea di fotografare si è imposta a causa di un disturbo visivo: tra i vari effetti della malattia c'erano anche fluorescenze e sfocature. Ho pensato di fare foto ogni volta che intravedevo qualcosa che mi incuriosiva, così avrei avuto modo di vederlo bene quando sarei stata meglio". Fotografa professionista, classe 1986, Viola lavora per cooperative sociali e associazioni, oltre che nel campo della comunicazione.

21:56Consiglio Liguria unito nel dire sì all’autonomia

(ANSA) - GENOVA, 23 GEN - Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato all'unanimità dei votanti (Rete a sinistra /LiberaMente Liguria, gruppo di opposizione, non ha partecipato al voto) una risoluzione per chiedere una maggiore autonomia della Liguria dallo Stato. Il documento, sottoscritto da maggioranza e opposizione, impegna la Giunta Toti a "proseguire il confronto con il Governo per definire i contenuti di un'intesa, con il coinvolgimento del Consiglio regionale". "Abbiamo approvato all'unanimità il documento sull'autonomia - dice il governatore Giovanni Toti - Siamo in marcia, tutti insieme, verso un futuro di maggiore efficienza, libertà e vicinanza della politica ai cittadini". "Prendiamo atto della mancanza di volontà da parte di Toti a dare la parola ai cittadini attraverso un referendum sull'autonomia", commenta il M5S. Il Pd ha espresso soddisfazione per "l'approvazione all'unanimità di una sua mozione sull'autonomia finanziaria dei porti liguri che consentirà di finanziare opere infrastrutturali strategiche".

21:48Strage bus ungherese su A4:presentata denuncia contro ignoti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Una piastra di ferro in disuso, con pezzi sporgenti, che sarebbe stata presente sull'autostrada al di la' del guardrail, è l'elemento che ha portato l'Associazione Italiana familiari vittime della strada a presentare in Procura a Verona una denuncia contro ignoti, per disastro colposo, in relazione all'incidente del 20 gennaio 2017 che vide 16 studenti ungheresi morire nel rogo del loro pullman. Basandosi su un documento redatto da esperti ungheresi, sarebbero state individuate - sostiene l'Aifvs - presunte responsabilità "da parte del gestore del tratto autostradale, dei progettisti e dei manutentori". Stando a questa ipotesi, la piastra di ferro in disuso, presente sul luogo dell'incidente, potrebbe aver causato l'esplosione degli pneumatici del bus, che contribuì a modificarne la traiettoria in uscita di strada, portandolo a schiantarsi contro il pilone della A4 e incendiandosi. Per quel disastro è indagato per omicidio stradale l'autista del pullman, un 52enne ungherese, che sopravvisse all'incidente.

21:42Tramvia: Firenze, tratto nuove linee da rifare, già smontato

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Un tratto dei binari delle nuove linee tramviarie in corso di realizzazione a Firenze nell'area vicina alla stazione, dovrà essere smontato e ricostruito da capo: ne dà notizia Tram spa, la società che sta curando i lavori, spiegando che lo "smontaggio, iniziato oggi, si è reso necessario perché le procedure di qualità hanno verificato difformità rispetto al progetto nell'esecuzione dei lavori". Si tratta di un segmento di circa 25 metri tra via Valfonda, Villa Vittoria e piazza Bambine e Bambini di Beslan. La difformità riscontrata, informa Tram spa, "consiste in un dislivello di circa 10 centimetri che dovrà essere riportato alla quota di progetto. In concreto i binari saranno smontati, si procederà alla demolizione puntuale della soletta che poi sarà rifatta alla giusta quota". Le operazioni dureranno due settimane. Per l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti: "ci preoccupa molto. Ma abbiamo chiesto e ricevuto rassicurazione sul rispetto dei tempi dei lavori".

21:29Uccide moglie e si spara: giorno dopo paese sotto choc

(ANSA) - CASERTA, 23 GEN - Conflitti in famiglia con radici lontane, ma anche un lavoro che non c'era più e che rendeva il futuro sempre più grigio. Questo avrebbe spinto il 48enne Davide Mango, ex attivista di Forza Nuova, a rendersi protagonista ieri di un pomeriggio di terrore a Bellona, nel Casertano. L'uomo, una ex guardia giurata, ha ucciso la moglie Anna Carusone e ferito alcune persone sparando dal balcone della sua abitazione; si è poi barricato in casa e dopo 4 ore di trattative con i carabinieri si è sparato un colpo alla testa ed è morto. Oggi la comunità del piccolo paesino ubicato nella campagna attorno a Capua, mai toccato da vicende di cronaca così clamorose e poco coinvolto anche in episodi di microcriminalità, è sotto choc. "E' una tragedia di cui nessuno sa spiegare i motivi - dice il sindaco Filippo Abbate - anche perché non c'è nessuna denuncia penale a carico di Mango, né segnalazioni ai servizi sociali del nostro Comune per quanto riguarda l'unica figlia minore della coppia che è riuscita a salvarsi".

21:25Sparatoria in scuola Kentucky, 2 morti e 19 feriti

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Due morti e 19 feriti, di cui 14 per colpi d'arma da fuoco: è l'ultimo bilancio fornito dal governatore del Kentucky Matt Bevin sulla sparatoria in una scuola superiore di Benton. La persona arrestata è uno studente di 15 anni.

Archivio Ultima ora