Scintille Pd-scissionisti sul nome Mpd, arriva la diffida dei Dem

Pubblicato il 02 marzo 2017 da ansa

Scotto, Rossi e Speranza

ROMA. – Dal divorzio alle carte bollate: non c’è pace in casa Pd e dintorni dove ora si litiga, e si lanciano diffide, sul nuovo nome assunto dalla formazione scissionista: “Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti”. Una mossa accolta dai “fuoriusciti” con una alzata di spalle: ma quale plagio, roba da ridere – è stata la reazione di Danilo Leva dell’ufficio di presidenza di Mpd alla Camera. Ma – ha aggiunto – se c’è “tutta questa voglia di andare in tribunale, ci troveranno preparati”.

Tamburi di guerra già si sentivano in lontananza provenire dal quartiere generale Pd non appena gli scissionisti avevano fatto trapelare il nuovo nome; e il malumore nello spazio di poche ore si è dunque trasformato in una diffida.

“Cambino il nome del gruppo o ricorreremo in ogni sede all’autorità giudiziaria”, è stato l’avvertimento degli esponenti Pd Ernesto Carbone, Ferdinando Aiello e Giuseppe Giudiceandrea, contenuto in una lettera inviata agli uffici di Camera e Senato e ai capigruppo di Mdp Francesco Laforgia e Maria Cecilia Guerra.

I tre infatti dicono di essere “rappresentanti e titolari del movimento e del gruppo politico “Democratici Progressisti”, facente parte, a pieno titolo, del Partito Democratico”; e di aver presentato la lista per il Pd in Calabria nel 2014 (“eleggendo ben tre consiglieri regionali componenti il relativo gruppo consiliare del quale Giudiceandrea è presidente”). Da qui la richiesta del loro legale (Valerio Zicaro) di “modificare la denominazione del gruppo” perchè “illegittimo”.

Di liti feroci su nomi e simboli è costellata la vita di tutti i partiti. Basti pensare che la storica balena bianca – la Democrazia Cristiana – arenatasi nel ’92 nelle secche di tangentopoli, è stata al centro di guerre fratricide sia per il simbolo sia per il nome da diversi presunti “eredi”. E ancora la guerra di carte bollate non si è conclusa dato che c’è sia una Dc di Angelo Sandri, sia una Dc di Giuseppe Pizza.

Anche dalle ceneri del Msi la fiamma ha portato zizzania tra “fratelli”. Battaglia c’era stata tra An e la Destra di Storace che aveva inserito la fiamma tricolore nel suo simbolo. E più di recente è stata rigettata l’istanza della Fondazione An contro l’utilizzo del simbolo di An da parte di Giorgia Meloni che lo ha inserito all’interno del proprio, quello di Fratelli d’Italia.

Per non dire della travagliata evoluzione del Pci e del destino della falce e martello. Virulenta è stata ad esempio la guerra in casa Prc quando divorziarono Fausto Bertinotti e Armando Cossutta fondatore del Pdci (Bertinotti fece ricorso ma la Cassazione decretò che il simbolo usato dai comunisti italiani di Cossutta era legittimo).

(Di Giuliana Palieri/ANSA)

Ultima ora

21:43Calcio: serie B, Cremonese-Brescia 2-0

(ANSA) - CREMONA, 20 OTT - La Cremonese vince il derby con il Brescia 2-0 e si porta momentaneamente a un punto dalla vetta. Successo meritato da parte dei grigiorossi che con un gol per tempo regolano i biancazzurri. Primo tempo denso di emozioni con il Brescia più vivace in avvio con Somma che colpisce il palo con un destro da fuori area. La Cremonese risponde poco dopo con un cross da destra di Almici deviato da Meccariello degli ospiti che colpisce in pieno la traversa. La Cremonese è più intraprendente e al 29' si presenta a tu per tu con il portiere del Brescia ma da due passi Mokulu calcia fuori. Il gol è nell'aria e arriva al 37' con una meravigliosa azione personale di Piccolo culminata con un diagonale perfetto. La Cremonese raddoppia nel secondo tempo con Claiton di testa su un corner di Piccolo da sinistra al 24'.

21:40Legale ex moglie Della Noce, sul lastrico per colpe sue

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - Non è stata la separazione dalla moglie a gettare sul lastrico Matteo Della Noce, l'ex comico della trasmissione Zelig che da alcuni giorni non ha altra casa che la sua macchina: a precisarlo è l'avvocato Andrea Natale, legale della ex moglie, che accusa Della Noce di aver rilasciato "molte dichiarazioni che non corrispondono a verità". L'avvocato ricorda che la separazione è avvenuta nel 2007 e dal 2013 Della Noce ha smesso di dare "qualsiasi tipo di contribuzione" per il mantenimento dei figli e che "per oltre 12 anni ha avuto un'altra relazione affettiva, dalla quale è nata una terza figlia". "L'attore - spiega l'avvocato - irresponsabilmente ha sperperato quanto accumulato nei momenti più felici della propria carriera per ragioni che nulla hanno a che vedere con la separazione" e "anche nel momento in cui era all'apice della propria carriera, è sempre stato 'restio' ad adempiere ai propri obblighi di mantenimento dei figli".

21:18Calcio: Pallotta, club responsabili per pochi idioti

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "La cosa frustrante è che a volte negli stadi è sufficiente che un paio di elementi facciano qualcosa di stupido affinché questo poi, purtroppo, si rifletta negativamente sul 99,9% delle persone che non la pensa in quel modo e non farebbe mai qualcosa del genere. Sono episodi gravi e deplorevoli sempre e comunque, a prescindere da quello che possa essersi verificato l'altro giorno, il mio è un discorso di carattere generale. Dispiace che i club siano ritenuti responsabili per le azioni di pochi idioti in giro per il mondo". Così James Pallotta, presidente della Roma, alla radio americana 'SiriusXM' dopo la decisione dell'Uefa di aprire un fascicolo d'inchiesta per alcuni presunti cori a sfondo razzista dei tifosi giallorossi a Londra durante la partita di Champions League col Chelsea. Da Trigoria fanno sapere che dagli audio analizzati non si riscontrano tali cori e che, soprattutto, né l'arbitro dell'incontro né il delegato Uefa hanno segnalato nulla in merito.

21:07Referendum: Zaia, veneti non hanno più anello al naso

(ANSA) - VENEZIA, 20 OTT - "La gestione di questo paese è stata una gestione centralista e assistenzialista che ha devastato i conti pubblici. E quindi fanno paura i veneti che vanno al voto. Sa perché? Perché quei mezzadri veneti che per Roma hanno l'anello al naso, non ci stanno più con l'anello al naso. È l'ora del riscatto dei veneti". Lo ha detto il presidente del Veneto, Luca Zaia, intervistato da '24Mattino' su radio 24. "È l'ora di dimostrare - ha aggiunto - che noi siamo rispettosi della Costituzione. Ma bisogna dare più Stato per chi vuole più Stato, come la Sicilia, che non riesce a incassare 52 miliardi di tasse ed è evidente che ha bisogno di più Stato perché l'autonomia la gestisce male, e meno Stato dove ci vuole meno Stato".

21:02Diritti tv: Lotti, in manovra nuove norme su risorse a club

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 20 OTT - Con la legge di Bilancio, le risorse dei diritti tv saranno ripartite tra i club di calcio di serie A in base a criteri nuovi, che assicurano anche maggiore "equità" e portano dal 40 al 50% la percentuale da distribuire in parti uguali tra tutte le società. Lo ha sottolineato il ministro dello Sport, Luca Lotti, in occasione del convegno dei Giovani di Confindustria. "La legge Melandri aveva stabilito che il 40% della distribuzione dei diritti televisivi era in parti uguali, ora la percentuale è elevata al 50%", ha affermato. Per l'altro 50% "i criteri, prima considerati non misurabili, oggi hanno dei parametri fissi: quello dei punti in classifica e dei campionati degli ultimi cinque anni. Credo che anche le società più piccole - ha detto Lotti - saranno contente di apprezzare una redistribuzione in termini più meritocratici" e allo stesso tempo "c'è una fetta della percentuale di ripartizione in parti uguali che aumenta".

21:02Calcio: Benevento, Di Chiara torna ad allenarsi

(ANSA) - BENEVENTO, 20 OTT - Si è allenato regolarmente nella seduta odierna, presso il centro sportivo di Paduli, l'esterno difensivo del Benevento Gianluca Di Chiara, che mercoledì scorso aveva accusato un lieve malore. Il calciatore, che ha 23 anni, ha svolto una serie di esami e accertamenti presso il centro Coni di Roma e non sarebbero stati riscontrati problemi. Di Chiara potrebbe quindi essere tra i convocati dall'allenatore Baroni per l'incontro contro la Fiorentina di domenica.

21:02Incendio Como: morta anche la quarta bimba

(ANSA) - MILANO, 20 OTT - E' morta in serata all'ospedale Buzzi di Milano la bimba di 5 anni rimasta coinvolta nell' incendio stamani in un'abitazione di Como e che sarebbe stato appiccato dal padre, morto nelle fiamme con altri tre figli. La bimba era stata portata in un primo momento all'ospedale di Cantù (Como) e dopo alcune ore è stata trasferita in ambulanza all'ospedale Buzzi di Milano dove è morta nonostante i tentativi di salvarle la vita. In mattinata la bambina aveva dato qualche segno di ripresa, ma, purtroppo, ogni cura è stata inutile. Sale quindi a cinque il bilancio delle vittime: il padre, che dovrebbe essere l'autore dell'incendio e i suoi quattro figli di 3, 5, 6 e 11 anni.

Archivio Ultima ora