Scintille Pd-scissionisti sul nome Mpd, arriva la diffida dei Dem

Pubblicato il 02 marzo 2017 da ansa

Scotto, Rossi e Speranza

ROMA. – Dal divorzio alle carte bollate: non c’è pace in casa Pd e dintorni dove ora si litiga, e si lanciano diffide, sul nuovo nome assunto dalla formazione scissionista: “Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti”. Una mossa accolta dai “fuoriusciti” con una alzata di spalle: ma quale plagio, roba da ridere – è stata la reazione di Danilo Leva dell’ufficio di presidenza di Mpd alla Camera. Ma – ha aggiunto – se c’è “tutta questa voglia di andare in tribunale, ci troveranno preparati”.

Tamburi di guerra già si sentivano in lontananza provenire dal quartiere generale Pd non appena gli scissionisti avevano fatto trapelare il nuovo nome; e il malumore nello spazio di poche ore si è dunque trasformato in una diffida.

“Cambino il nome del gruppo o ricorreremo in ogni sede all’autorità giudiziaria”, è stato l’avvertimento degli esponenti Pd Ernesto Carbone, Ferdinando Aiello e Giuseppe Giudiceandrea, contenuto in una lettera inviata agli uffici di Camera e Senato e ai capigruppo di Mdp Francesco Laforgia e Maria Cecilia Guerra.

I tre infatti dicono di essere “rappresentanti e titolari del movimento e del gruppo politico “Democratici Progressisti”, facente parte, a pieno titolo, del Partito Democratico”; e di aver presentato la lista per il Pd in Calabria nel 2014 (“eleggendo ben tre consiglieri regionali componenti il relativo gruppo consiliare del quale Giudiceandrea è presidente”). Da qui la richiesta del loro legale (Valerio Zicaro) di “modificare la denominazione del gruppo” perchè “illegittimo”.

Di liti feroci su nomi e simboli è costellata la vita di tutti i partiti. Basti pensare che la storica balena bianca – la Democrazia Cristiana – arenatasi nel ’92 nelle secche di tangentopoli, è stata al centro di guerre fratricide sia per il simbolo sia per il nome da diversi presunti “eredi”. E ancora la guerra di carte bollate non si è conclusa dato che c’è sia una Dc di Angelo Sandri, sia una Dc di Giuseppe Pizza.

Anche dalle ceneri del Msi la fiamma ha portato zizzania tra “fratelli”. Battaglia c’era stata tra An e la Destra di Storace che aveva inserito la fiamma tricolore nel suo simbolo. E più di recente è stata rigettata l’istanza della Fondazione An contro l’utilizzo del simbolo di An da parte di Giorgia Meloni che lo ha inserito all’interno del proprio, quello di Fratelli d’Italia.

Per non dire della travagliata evoluzione del Pci e del destino della falce e martello. Virulenta è stata ad esempio la guerra in casa Prc quando divorziarono Fausto Bertinotti e Armando Cossutta fondatore del Pdci (Bertinotti fece ricorso ma la Cassazione decretò che il simbolo usato dai comunisti italiani di Cossutta era legittimo).

(Di Giuliana Palieri/ANSA)

Ultima ora

13:26Gb: sanità pubblica in crisi, esodo d’infermiere da ospedali

(ANSA) - LONDRA, 17 GEN - Assume le proporzioni di un esodo il fuggi fuggi delle infermiere dal sistema sanitario nazionale britannico (Nhs), in crisi di fondi e di staff. Lo denuncia un'inchiesta aggiornata della Bbc, sulla base di dati ufficiali stando ai quali le lettere di dimissioni arrivano ormai al ritmo di 33.000 all'anno, circa il 10% dell'organico totale del Paese. Un salasso di personale specializzato che i tentativi di incrementare il reclutamento non compensano (meno 3.000 il differenziale dell'ultimo anno, ad aggravare i buchi di un contesto già lacunoso). Con un'accelerazione del 20% del numero degli addio rispetto al biennio 2012-2013. Fra le cause citate da varie testimoni dirette, le cattive condizioni d'impiego in molte strutture, il diffuso superlavoro e i salari insufficienti in proporzione al costo della vita nel Regno Unito. Sullo sfondo della crisi della sanità, peggiora intanto l'aspettativa di vita media: calata di un anno dal 2011, in diverse regioni dell'Inghilterra e in stallo in tutto il Paese dal 2010

13:22‘Furbetti cartellino’ Agenzia Dogane Roma

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - 'Furbetti del cartellino' all'Agenzie delle Dogane Roma 1. Dodici dipendenti sono indagati per truffa aggravata e falsa attestazione. Nei loro confronti i carabinieri stanno eseguendo un'ordinanza di applicazione della misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa dal Tribunale di Roma. A quanto accertato attraverso l'installazione di un sistema di videoriprese all'interno dell'Ufficio Pubblico e diversi pedinamenti giungevano sul posto di lavoro per poi abbandonarlo poco dopo senza utilizzare il "badge" elettronico. Dalle indagini dei carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Eur e della stazione Garbatella sarebbe emerso che in alcuni casi gli indagati lasciavano l'Agenzia cedendo il badge a un altro collega che attestava l'uscita al termine dell'orario di lavoro. Per gli investigatori questa pratica consentiva agli impiegati di svolgere mansioni private e di intrattenersi in esercizi pubblici risultando comunque in servizio.

13:19Mattarella, lavoro resta principale emergenza Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "La mancanza di lavoro, nonostante negli ultimi tempi si sia registrato un sensibile miglioramento, come risulta anche dai dati dell'Istat dei giorni scorsi, resta l'emergenza principale del nostro Paese". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una intervista a "Famiglia Cristiana" in edicola domani. "È un problema fondamentale - aggiunge - particolarmente avvertito in alcune fasce di popolazione (giovani e donne) e nel Mezzogiorno. Scontiamo gli effetti della gravissima crisi degli anni passati, che si stanno progressivamente riassorbendo".

13:18Gerusalemme: Abu Mazen, decisione di Trump è peccato

(ANSA) - IL CAIRO, 17 GEN - Il presidente palestinese Abu Mazen ha bollato come un 'peccato' la decisione del presidente statunitense Donald Trump di riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele e il trasferimento dell'ambasciata americana. Parlando al Cairo ad Al Azhar, la massima istituzione dell'islam sunnita, ha ribadito che "l'amministrazione americana non è più affidabile per mediare fra noi e gli israeliani".

13:16Catalogna: Puigdemont rinuncia al voto dall’esilio

(ANSA) - BARCELLONA, 17 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont e gli altri quattro dirigenti indipendentisti in esilio a Bruxelles hanno rinunciato a chiedere il voto delegato nella seduta costitutiva del nuovo Parlament. Il premier spagnolo Mariano Rajoy aveva minacciato un immediato ricorso alla corte costituzionale se Puigdemont avesse potuto votare dall'esilio. La presidenza provvisoria ha invece accettato il voto delegato dei tre deputati indipendentisti in carcere, Oriol Junqueras, Joaquim Forn e Jordi Sanchez.

13:10Calcio: Marca, Real sogna nuovo tridente

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Dalla BBC alla NHL. Il Real è alla ricerca di un nuovo tridente offensivo per rispondere ai colpi di mercato delle rivali più accreditate. Per il quotidiano spagnolo Marca la BBC (Bale, Benzema, Cristiano Ronaldo) ha i giorni contati e il presidente Florentino Perez è in cerca di giocatori che sappiano dare nuova linfa all'attacco dei 'galacticos'. Neymar è da sempre un pallino di Perez che sembra disposto a lasciar andare Cristiano Ronaldo. Il trasferimento del brasiliano della scorsa stagione dal Barcellona al Psg ha fatto molto rumore ed è difficile che il club parigino se lo lasci scappare dopo solo un anno ma col Real non si sa mai. Eden Hazard risponde a tutti i requisiti richiesti dal tecnico Zinedine Zidane. Il belga non è sereno al Chelsea e la scadenza di contratto nel 2020 offre ampi margini di trattativa. Infine Robert Lewandowski, trentenne attaccante polacco del Bayern. Se i tedeschi trovassero un degno sostituto potrebbero pensare alla cessione, ovviamente a non meno di 100 milioni.

13:04Mattarella, rispettare Costituzione in ogni sua parte

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "Non sta a me dire se le iniziative di modifica, realizzate o non riuscite, siano state opportune o inopportune. Sta invece a me dire, e far sì, che la Costituzione in vigore venga rispettata e osservata non soltanto nei suoi principi, ma anche nella sua seconda parte". Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un'intervista a "Famiglia cristiana" in edicola domani.

Archivio Ultima ora