Violenza domestica, prima condanna dell’Italia a Strasburgo

Pubblicato il 02 marzo 2017 da ansa

STRASBURGO. – La Corte di Strasburgo ha condannato per la prima volta l’Italia per non aver protetto una moglie e suo figlio dalla violenza ripetuta del marito che ha finito per uccidere il ragazzo e ferire gravemente la consorte. La tragedia secondo i giudici della Corte europea dei diritti umani non è imputabile alle leggi in vigore in Italia, ma all’atteggiamento “passivo” adottato in particolare dalle forze dell’ordine ma anche dai magistrati di fronte agli atti di violenza domestica subiti e denunciati dalla donna.

A ricorrere a Strasburgo, nel 2014, è stata Elisaveta Talpis, una cittadina con doppia nazionalità rumena e moldava. Nel 2011 si era trasferita con il marito moldavo, la figlia diciannovenne e il figlio tredicenne a Remanzacco, in provincia di Udine. “Abbiamo presentato questo ricorso alla Corte di Strasburgo perché nella storia di questa donna ci sono tutti gli elementi di violenza ripetuta, grave e soprattutto sottovalutata e non riconosciuta”, spiega l’avvocato Titti Carrano, uno dei due legali autori del ricorso. E i giudici di Strasburgo le danno oggi ragione, anche se la sentenza non è definitiva e per l’Italia è ancora possibile il ricorso.

I togati ripercorrono uno per uno tutti gli episodi in cui Elisaveta si è rivolta a carabinieri e polizia per le violenze subite, senza che questi andassero oltre la stesura di rapporti. Descrivono anche la notte del 25 novembre del 2013 in cui il marito, ora in carcere condannato all’ergastolo, ha ucciso il figlio Ion di 19 anni e ferito gravemente la donna. Sottolineando come le forze dell’ordine fossero intervenute due volte prima della tragedia.

Puntano il dito sul fatto che, nonostante la donna avesse sporto denuncia contro il marito per lesioni corporali, maltrattamenti e minacce, e avesse chiesto misure urgenti per proteggere lei e i figli, sono passati 7 mesi prima che la donna fosse ascoltata dalla polizia.

E’ stata l’analisi di tutti questi fatti che ha portato alla condanna dell’Italia. In particolare i giudici affermano che “non agendo prontamente in seguito alla denuncia, le autorità italiane hanno privato la stessa di qualsiasi effetto, creando una situazione di impunità che ha contribuito al ripetersi di atti di violenza, che in fine hanno condotto al tentato omicidio della ricorrente e alla morte di suo figlio”.

Una responsabilità che il procuratore di Udine, Antonio De Nicolo, sembra respingere: a suo parere la donna ridimensionò le accuse verso il marito, e bisogna chiedersi “se c’erano i segnali premonitori per cogliere o no questa terribile vicenda”. Il sindaco di Remanzacco, Daniela Briz, che nel novembre 2013 era vicesindaco, afferma che il Comune era all’oscuro della situazione prima della tragedia ma che da allora Elisaveta “è stata presa in carico e le siamo stati vicino non solo dal punto di vista economico ma anche con i nostri servizi sociali”.

L’assessore alla Salute e all’equità sociale del Comune di Udine Simona Liguori, ricordando che quando si verificò la tragedia la famiglia Talpis abitava a Remanzacco (Udine), afferma: “Volemmo ricostruire la vicenda e posi molta attenzione al riguardo all’epoca. Ricordo che ci fu un’offerta di aiuto alla signora ma rifiutò gli alloggi. Ci fu una remissione di querela, volle tornare con il figlio e fare un percorso di vita diverso da quello della messa in protezione”.

Il Codacons vuole comunque che a pagare i 30 mila euro di danni morali e i 10 mila per le spese legali che Strasburgo ha riconosciuto a Elisaveta sia chi ha sottovalutato il caso.

Anche la politica ha preso posizione. Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia della Camera, afferma che la condanna “esemplare, che non può e non deve ripetersi” vale come “monito a non abbassare la guardia”. Dello stesso avviso è anche Michele Nicoletti, deputato Pd e presidente della delegazione italiana presso il Consiglio d’Europa. E la deputata di Forza Italia Elena Centemero, presidente della Commissione Equality and non Discrimination del Consiglio d’Europa ritiene che la condanna dell’Italia “pone con forza il tema del supporto a chi trova il coraggio di chiedere aiuto”.

(di Samantha Agrò/ANSA)

Ultima ora

10:10Nuova Zelanda: premier annuncia di essere incinta

(ANSA-AP) - WELLINGTON, 19 GEN - La primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Arden, ha annunciato oggi di essere incinta, precisando che il lieto evento è atteso per giugno e aggiungendo che rimarrà per sei settimane in maternità. "Intendo pienamente rimanere contattabile e disponibile per tutto il periodo di sei settimane, quando sarà necessario", ha poi affermato, aggiungendo di aver chiesto al vice premier Winston Peters di sostituirla come primo ministro finché lei non tornerà al suo ufficio. Arden, 37 anni, ha inoltre detto che suo marito Clarke Gayford resterà a casa ad occuparti del bimbo. "Clarke e io abbiamo il privilegio di essere nella posizione in cui Clarke può rimanere a casa per essere il nostro principale assistente. Sapendo che così tanti genitori si destreggiano per la cura dei loro nuovi bambini, ci consideriamo molto fortunati", ha detto la premier, che è salita al potere nell'ottobre scorso, dopo esser diventata leader del partito laburista".

08:45Mafia: confiscati beni per 25 mln nel Trapanese

(ANSA) - PALERMO, 19 GEN - Beni per oltre 25 milioni di euro sono stati confiscati nel Trapanese. La Direzione investigativa Antimafia di Trapani ha notificato il decreto del Tribunale all'imprenditore di Campobello di Mazara, Andrea Moceri, 57 anni ed ai suoi familiari. Il patrimonio, era già stato sequestrato nel novembre del 2015. Nei confronti di Moceri è stata imposta la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per due anni. Secondo i magistrati tra le imprese illecitamente finanziate vi è l'oleificio "Fontane d'oro s.a.s." (oggi in amministrazione giudiziaria), con sede a Campobello di Mazara (TP), intestato a prestanome di Francesco Luppino (detenuto), accusato di essere, tra gli uomini più fedeli del boss latitante Matteo Messina denaro. Il patrimonio comprende 35 unità immobiliari, locali commerciali, appartamenti per civile abitazione, rimesse, 35 appezzamenti di terreno, 5 compendi aziendali, quote di partecipazioni in varie società di capitali, numerosi conti bancari e polizze assicurative.

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

Archivio Ultima ora