Renzi: “Tensioni ad hoc, ma se papà colpevole pena doppia”

Pubblicato il 03 marzo 2017 da ansa

Il padre del premier Matteo Renzi, Tiziano, passeggia vicino alla Galleria Colonna a Roma 23 Dicembre 2014. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – “Se mio padre è davvero colpevole deve essere condannato più degli altri per dare un segnale: con una pena doppia”. Matteo Renzi affronta in tv, “a viso aperto”, la vicenda Consip che vede indagato il padre. Arriva negli studi di Otto e mezzo mentre nella procura di Roma, che è a poche centinaia di metri di distanza, si conclude l’interrogatorio di Tiziano Renzi. E non alza una barriera in difesa del padre. “Anzi”, sottolinea. “Di quel che ha fatto risponde lui”. Ma se ha fatto qualcosa si vedrà alla fine del processo. Intanto, deve valere la presunzione di innocenza. Per lui, come per Lotti.

“Non credo ai complotti – dice Renzi – ma c’è tensione creata ad hoc, un disegno evidente di mettere insieme cose vecchie di mesi. Ma a me vien voglia di rilanciare con più forza”. Di fronte alla forza mediatica con cui deflagra l’inchiesta Consip, che porta anche fibrillazioni nel Pd e preoccupazione nel governo, l’ex premier decide di interrompere il silenzio e si accomoda nello studio di La7.

E prova a respingere l’immagine fosca tratteggiata in questi giorni negli attacchi, nei post, nelle mozioni di sfiducia a Lotti dai Cinque stelle. “Siamo persone perbene, non abbiamo paura dei processi ma i processi non si fanno sui giornali, questo dibattito è surreale”, esordisce. “Consip funziona bene e vi sfido a dire se c’è uno scandalo scoppiato in questi tre anni in un’azienda pubblica”, sottolinea. “Ma se ci sono ricatti e reati, se ci sono tangenti c’è il dovere di fare i processi. Erano quelli di prima che facevano i lodi per non farli”.

Durissimo l’attacco ai Cinque stelle: “Non sto in un partito guidato da un pregiudicato, io ai miei principi ci tengo. Io ho una fedina penale diversa da Beppe Grillo. Non siamo come quelli che quando si indaga la sindaca di Roma sono garantisti, non sono garantista a targhe alterne”, scandisce.

Sul padre, però, la linea è netta: nessuna difesa ‘familista’. “So chi è, conosco i valori della mia famiglia. Ma di quello che ha fatto risponde lui in tribunale. Se i magistrati valuteranno, si faccia il processo in tempi rapidi”.

Tutt’altra storia, quando si arriva a parlare di Lotti. “Assolutamente non deve dimettersi. Conosco Lotti da anni ed è una persona straordinariamente onesta, lo devono sapere sua moglie e i suoi figli. Io non scarico mai gli altri: non l’ho fatto con Delrio, Boschi e ora Lotti. Non accetto processi sommari”, scandisce, dicendosi “pronto a scommettere” che Lotti e Del Sette non hanno “commesso niente”.

E le dimissioni di Lupi e Guidi? Tutt’altra storia, “hanno deciso loro”, spiega. La linea garantista viene confermata dall’ex premier anche su Verdini: la sua condanna in primo grado è “pesante” e “se verrà confermata” in via definitiva, è un “fatto rilevante, grave e con conseguenze non solo politiche ma anche personali”.

Ma, rivendica, sul piano politico, “se si è fatto Jobs act, Expo e Giubileo, è perché c’è stata una maggioranza che nonostante il fallimento delle elezioni 2013 di Bersani ha governato. Se non c’era Verdini non passavano i diritti civili”.

Parole che fanno infuriare Ncd, che con Maurizio Bianconi ricorda: “Senza il Nuovo Centrodestra non ci sarebbe nemmeno stato il governo”. Ora Renzi vuole solo buttarsi nella campagna congressuale, perché da “tre mesi non si parla dei problemi della gente”. C’è da lavorare per “i prossimi mille giorni”, scandisce. Perché anche su temi come la legalità si poteva “fare di più”.

Politicamente, l’ex segretario proverà a rilanciare il prossimo weekend dal Lingotto. Ma sulla stagione politica che si è aperta conferma il pessimismo: si va verso il “pantano”. Servirebbe una legge elettorale come il Mattarellum per uscirne. Ma lui stesso non è pronto a scommettere che questo Parlamento possa votarla: “Spero di sì, temo di no”, ammette amaro.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

16:35Nozze gay: piloti Apache dicono sì

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - Alta uniforme e sciabole: due capitani dell'esercito americano si sono sposati a West Point nel primo matrimonio gay di due militari in servizio attivo celebrato nella storica accademia da cui escono i vertici delle forze armate Usa. Daniel Hall, 30 anni, e Vincent Franchino, 26, si erano conosciuti nel 2009, quando erano cadetti e all'epoca in cui era ancora in vigore il compromesso del "non chiedere, non dire" inaugurato sotto Bill Clinton. I due capitani, che pilotano elicotteri Apache, hanno pronunciato il 'fatidico sì nella cappella neogotica di West Point davanti a 150 parenti e amici, molti dei quali militari in divisa. Il New York Times ha raccontato la loro storia sotto i titolo: "For the Love of the Country and Each Other", per amore della Patria e l'uno dell'altro.

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

Archivio Ultima ora