Diplomatico o spia? L’ambasciatore della Russia in Usa al centro della bufera

Pubblicato il 03 marzo 2017 da ansa

Sergey Kislyak, l’ambasciatore russo che inguaia Trump

NEW YORK. – Una lunga carriera diplomatica che lo ha portato alla Nato a Bruxelles e a Washington. Un palcoscenico mondiale che gli ha consentito di costruire, soprattutto negli Usa, una vasta rete di contatti con ricevimenti sontuosi e incontri a raffica. Una rete che ora lo porta alla ribalta mondiale: Sergey Kislyak, l’ambasciatore russo negli Stati Uniti, è l’uomo al centro del Russiagate che sta travolgendo l’amministrazione Trump.

Le cariche di rilievo ricoperte nella sua lunga carriera, ora il diplomatico sarebbe in pole position per la successione di Vitaly Churkin all’Onu, spingono molti a chiedersi se sia una spia. Cresciuto nell’era dell’Unione Sovietica, Kislyak è paragonato ad Anatoly F. Dobrynin, l’ambasciatore russo a Washington dal 1962 al 1986, nel pieno della Guerra Fredda e della crisi dei missili con Cuba.

Il primo passaggio di Kyslyak negli Stati Uniti risale proprio al 1985, l’ultimo anno di Dobrynin. Nella capitale americana si fermò allora per quattro anni. Poi divenne il primo rappresentante russo alla Nato e ambasciatore in Belgio dal 1998 al 2003. Rientrato a Mosca, ha successivamente trascorso cinque anni con l’incarico di viceministro degli esteri. Nel 2008 il ritorno a Washington.

Le relazioni di Kyslyak con i funzionari americani, dal Congresso alla Casa Bianca, sono di vecchia data e, negli ultimi nove anni a Washington, ha continuato a coltivarle. Con il suo cordiale sorriso e il fluente inglese, Kyslyak difende da sempre in modo combattivo le politiche della Russia da tutte le accuse, anche quelle di hackeraggio per influenzare le elezioni. Ma allo stesso tempo è un convinto sostenitore che i rapporti fra Russia e Stati Uniti non siano definitivamente incrinati e possano migliorare.

Kislyak è stato presentato al presidente Donald Trump lo scorso aprile, quando Trump è intervenuto al Mayflower Hotel a un incontro organizzato dal Center for the National Interest. Kislyak era uno dei quattro ambasciatori seduti in prima fila per ascoltare Trump. All’incontro era presente anche il ministro della Giustizia americano, l’allora senatore dell’Alabama, Jeff Sessions. Si tratterebbe, secondo molti, del primo faccia a faccia con Sessions, quello che potrebbe aver aperto la strada agli incontri che ora minacciano l’amministrazione Trump.

Ultima ora

21:06Etiopia: forze sicurezza sparano a raduno religioso

(ANSA) - ADDIS ABEBA, 21 GEN - Almeno cinque persone sono state uccise e decine sono state ferite nel nord dell'Etiopia dalle forze di sicurezza che hanna sparato sulla folla riunita per una festa religiosa durante la quale sarebbero stati scanditi slogan anti-governativi. Lo riferisce la Bbc on line, precisando che nella città di Waldiya i manifestanti avevano bloccato le strade e che i negozi erano rimasti chiusi. Da tre anni in Etiopia si svolgono dimostrazioni contro il governo per chiedere riforme politiche ed economiche oltre che la fine della corruzione e delle violazioni dei diritti umani. E migliaia di persone sono finite in carcere. Mercoledì scorso le autorità avevano rilasciato molti detenuti e tra loro anche un importante leader dell'opposizione, Merera Gudina, in prigione da più di un anno. All'inizio di gennaio il primo ministro etiope Hailemariam Desalegn aveva annunciato che il governo intende chiudere il centro di detenzione di Maekelawi, nella capitale Addis Abeba, dove la tortura sarebbe prassi.

20:59Maltempo: centinaia di turisti bloccati in val Senales

(ANSA) - BOLZANO, 21 GEN - Alcune centinaia di turisti sono attualmente bloccati in Val Senales, in Alto Adige, perché la strada d'accesso è stata chiusa per pericolo valanghe. Sono rimasti isolati così la frazione Madonna di Senales e le località Maso Corto, Vernago e Casera di Fuori. I tecnici della Provincia sono sul posto per valutare un distacco pilotato della neve per poter riaprire la strada al più presto possibile. Per i turisti, soprattutto italiani, tedeschi, austriaci e polacchi, si allunga così il soggiorno in Val Venosta, anche se alcuni dovrebbero riprendere il lavoro già da domani. Dopo le ultime nevicate di stanotte, oltre alla strada provinciale per la val Senales da Certosa in poi sono state chiuse per pericolo valanghe anche la strada provinciale Vallelunga da Curon in poi e la strada tra Resia e Roja. Dall'Alta Val Venosta fino alla cresta di confine centrale il pericolo valanghe è forte di grado 4 su 5.

20:54Congo: uccisi 5 manifestanti anti-Kabila

(ANSA) - KINSHASA, 21 GEN - Almeno cinque morti e oltre 30 feriti sono il bilancio di manifestazioni antigovernative a Kinshasa, in Congo. La polizia ha fatto uso di armi da fuoco e ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere migliaia di manifestanti che protestavano contro il presidente Joseph Kabila. Lo rendono noto fonti delle Nazioni Unite. Chiese cattoliche e organizzazioni di attivisti avevano lanciato un appello per dimostrazioni pacifiche dopo le funzioni domenicali a Kinshasa, Goma, Lumumbashi e in altre città. Ma le proteste sono presto degenerate e la polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti. Le forze di sicurezza, ha affermato la portavoce dell'Onu in Congo Florence Marchal, hanno arrestato 69 persone.

20:53Calcio: Atalanta, niente riposo dopo ko col Napoli

(ANSA) - BERGAMO, 21 GEN - Niente giornata di riposo per l'Atalanta dopo la sconfitta interna con il Napoli nel lunch match domenicale. I nerazzurri di Gian Piero Gasperini riprenderanno il lavoro lunedì mattina al Centro Sportivo Bortolotti di Zingonia e, in preparazione all'impegno di sabato (ore 18) a Reggio Emilia contro il Sassuolo valido per la terza giornata di ritorno, affronteranno anche una partita d'allenamento. Appuntamento martedì sul campo principale di Zingonia alle 15 e 30, l'avversario designato è la FeralpiSalò che milita nel girone B della serie C: nei gardesani allenati da Michele Serena il difensore atalantino in prestito Stefano Marchetti ('98) e altri due ex come il terzino Riccardo Tantardini e il portiere Nicholas Caglioni.

20:43Gentiloni, M5S non ci deve spaventare, non ha i numeri

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non sono affatto spaventato. Penso che il rispetto agli elettori M5S sia dovuto. Ma penso che la possibilità che il movimento arrivi a guidare il governo non ci sia. E' una forza che se anche avesse risultati significativi che gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare. Rispetto assoluto per l' elettorato del M5S. Ma fuori dall'Italia nessuno mi ha mai mostrato preoccupazione per la possibilità, a cui nessuno crede, che il movimento possa arrivare al governo". Lo dichiara in un'intervista a "Il Foglio" in edicola domani il premier Paolo Gentiloni.

20:41Ferito a colpi di pistola custode cimitero Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 21 GEN - Il custode del cimitero di Vibo Valentia, Alessandro Sicari, di 48 anni, è stato ferito ad un braccio e ad una gamba da due colpi di pistola. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, mentre il custode stava chiudendo il cancello. Ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini, l'uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d'arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba, subito soccorso, l'uomo è stato portato dalla polizia municipale nell'ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Al momento dell'agguato, nella zona del cimitero, oltre al buio, era calata una fitta nebbia e non sono presenti telecamere.

20:40Siria: Assad condanna l’offensiva militare turca

(ANSA) - DAMASCO, 21 GEN - Il presidente siriano Bashar al Assad ha condannato la "brutale aggressione" della Turchia contro l'enclave curda in Siria di Afrin, sostenendo che l'azione militare è parte del sostegno di Ankara ai "terroristi" dello Stato Islamico.

Archivio Ultima ora