Spalletti: “Con il Napoli gara delicata, ma siamo pronti”

Pubblicato il 03 marzo 2017 da ansa

ROMA. – “Non siamo stanchi, siamo pronti”. Il ko nel derby è il passato. E Luciano Spalletti guarda al futuro mettendo nel mirino il Napoli, prossimo avversario all’Olimpico. “Sarà una gara difficile, delicata. Servirà tantissima attenzione, forza e qualità” ammette il tecnico toscano, chiedendo alla Roma una reazione:

“Dai miei giocatori mi aspetto tutta la maturità guadagnata nel percorso fatto da inizio stagione. Dobbiamo giocare questa partita con le stesse possibilità che ha il Napoli, anche se ha riposato un giorno in più. Ma noi non ci garba fare compassione agli altri, quindi si gioca ad armi pari”. Insomma, per Spalletti la Roma è “nelle condizioni di fare la partita, come nel derby”.

Già, il ko per 2-0 nella semifinale d’andata di Coppa Italia con la Lazio è ancora fresco: “Io l’ho rivista bene la partita, e tutta questa differenza non l’ho notata anche se il risultato ci penalizza in maniera importante, loro al ritorno saranno avvantaggiati”.

Ma la Roma venderà cara la pelle: “Da quando faccio questo lavoro ho perso circa 200 partite e preso 700-800 gol. In stagione abbiamo fatto circa 60 partite, perdendone 11 e prendendo tanti gol. E tutte le volte che è successo ho avuto qualcosa da dire e soprattutto i giocatori qualcosa da fare. Su queste 60 partite poi – aggiunge Spalletti – ci sono 27 gare dove abbiamo fatto almeno tre gol, per cui sia domani sia nel derby di ritorno io avrò di sicuro qualcosa da dire e la squadra qualcosa da fare. Probabilmente non sarà facile, ma sicuramente non sarà impossibile. Abbiamo il 30% di possibilità”.

Le chance di contendere lo scudetto alla Juventus fino all’ultimo dipendono invece da come finirà lo scontro diretto col Napoli (all’Olimpico ancora assente la Curva Sud che si è data appuntamento per domani mattina a Trigoria per incitare la squadra prima della partenza per lo stadio).

Per Spalletti i bianconeri stanno facendo “un percorso miracoloso”, ma “i numeri che stiamo portando avanti noi sono quelli della Juve l’anno scorso”. Il rischio però, senza un’impresa nel ritorno con la Lazio e in caso di eliminazione dall’Europa League (giovedì è in programma il primo confronto negli ottavi col Lione), è quello di rimanere con un pugno di mosche in mano. Un’evenienza che mal si concilierebbe con i discorsi fatti finora da Spalletti in merito alla sua permanenza o meno nella Capitale.

Di certo, il toscano ha le idee chiare sui passi da compiere: “La cosa corretta per quanto mi riguarda sarebbe informare la società. Se mi chiama io una risposta la do”. In attesa di capire se Spalletti rinnoverà o meno, a salutare Trigoria è Laurent Colette: il capo dell’ufficio marketing della Roma, arrivato nel 2015 per occuparsi del settore sponsor. Settore al momento ancora indietro rispetto alle aspettative del presidente Pallotta, che adesso dovrà assumere un quarto direttore commerciale dopo gli addii di Winterling, Barror e dell’ex responsabile del Barcellona.

Ultima ora

09:18Mo: media, Tillerson a Riad per limitare influenza Iran

(ANSA) - BEIRUT, 20 OTT - Il segretario di Stato Usa Rex Tillerson è atteso oggi in Arabia Saudita nell'ambito della sua missione diplomatica regionale nel Golfo e nel sud-est asiatico. E a Riad parteciperà al primo incontro del Consiglio saudita-iracheno formato per migliorare relazioni economiche tra i due paesi. Secondo la tv panaraba al Arabiya, edita dal Qatar, la visita di Tillerson nella regione ha l'obiettivo di tornare a discutere della crisi in corso da mesi tra Doha e Riad e di limitare l'influenza iraniana nel Golfo e in Iraq.

03:40Unicef: emergenza fuga bimbi in Birmania

(ANSA) - NEW YORK, 19 OTT - Ogni settimana fino a 12 mila bambini della minoranza musulmana Rohingya scappano in Bangladesh dalla Birmania per sfuggire alle violenze. Lo afferma l'Unicef. Secondo l'agenzia dell'Onu per i minori, le condizioni di vita disperate e le malattie minacciano oltre 320 mila piccoli rifugiati Rohingya che sono scappati nel sud del Bangladesh a partire da fine agosto (circa 10 mila hanno attraversato la frontiera negli ultimi giorni). "Molti piccoli rifugiati Rohingya hanno assistito ad atrocità in Birmania che nessun bambino dovrebbe vedere, e tutti hanno subito tremende perdite", ha spiegato il direttore esecutivo di Unicef, Anthony Lake. "Questi bambini hanno urgentemente bisogno di cibo, acqua potabile, igiene e vaccinazioni per essere protetti dalle malattie che prosperano in situazioni di emergenza", ha continuato il direttore dell'agenzia Onu per i minori.

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

Archivio Ultima ora