Gentiloni: “La crisi ha lasciato cicatrici. Ora sulla via giusta”

Pubblicato il 04 marzo 2017 da ansa

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, durante un incontro al Comune di Catania, 04 marzo 2017.
ANSA/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI-TIBERIO BARCHIELLI

CATANIA. – Quello che accade nella politica italiana non lascia indifferente il premier Paolo Gentiloni, che segue e osserva con attenzione, e si “rende conto delle difficoltà”, perché “non sono un marziano” che non le vede, dice. Ma ha una priorità: “rimanere concentrato sul governo” e “trasmettere un’idea di stabilità”, mettendo “l’amore e la dedizione per il nostro Paese davanti a tutto”.

Sono le linee guida del presidente del Consiglio dei ministri ribadite a Catania, incontrando, in Municipio sindaci, imprenditori e forze sociali. Per Gentiloni le parole d’ordine sono due: “responsabilità” e “metterci la faccia”. Per questo non parla delle polemiche politiche e giudiziarie, ma si concentra sulle cose da fare.

“Abbiamo una maggioranza solida”, è il punto di partenza. E ci sono anche “una serie di riforme decise dal governo di cui già facevo parte da completare”. C’è “un catalogo lungo” di “nuove iniziative di cambiamento avviate in queste settimane”.

E non si può fare distrarre da altro: e “non per mia scelta – spiega – ma perché fa parte del mio dovere trasmettere a tutti i nostri concittadini l’idea che il governo si concentra sulla sua attività e sul tentativo di dare una soluzione ai problemi: è di questo che abbiamo bisogno”.

Non scordando “le cicatrici che la crisi ha lasciato”. Però anche “non dimenticando da dove veniamo: da 7-8 anni di crisi continuativi, durissimi sul piano sociale”. Dai quali “ci siamo rimessi in carreggiata, ma non in piedi del tutto – ricorda il premier – e grazie ai sacrifici degli italiani, alle imprese che esportano, al senso del dovere dei nostri lavoratori e all’impegno dei governi”.

“Veniamo da una crisi terribile – ribadisce Gentiloni – abbiamo invertito la tendenza nei grandi dati aggregati dell’economia, ma abbiamo ancora molto da fare perché questa inversione di tendenza abbia effetti nella vita del Paese. Ciò sarà possibile solo se proseguiremo su questa strada. Se continuiamo possiamo raggiungere i risultati e la priorità è prendersi cura dei danni sociali”.

E perché questo avvenga, osserva il premier, occorre “un’assunzione di responsabilità a tutti i livelli”. “E’ un’onere e un rischio – riconosce il presidente del Consiglio – ma chi si dedica a una missione di servizio pubblico non può non avere responsabilità. Il governo deve essere vigile e attento che ci sia una catena di comando coesa e non un continuo e insopportabile gioco dello scaricabarile”.

Insomma, per Gentiloni, “occorre metterci la faccia” a tutti i livelli, “dal premier al sindaco del piccolo paese”. Anche nella ricostruzione del post terremoto, per esempio. Allora, dice sicuro, si “andrà avanti e i risultati si vedranno”.

Lo stesso va fatto per il Mezzogiorno, dove “utilizzare i fondi è uno dei problemi cruciali del Paese”. “Se diamo risposte al divario – rimarca – non facciamo una cosa utile e importante per il Sud, ma recuperiamo una delle potenzialità per la crescita del nostro Paese”.

E questo sarà un tema al centro di “un grande incontro a Matera tra un mese”. E da Catania, dal sito di Enel Green Power, dove l’Ad della società, Francesco Starace, annuncia investimenti aziendali in Sicilia da oltre 100 milioni di euro per 3Sun e per l’Innovation Lab, il presidente Gentiloni invita a “dire basta allo scetticismo sulla green economy: è una realtà importante – sottolinea – non stiamo parlando dello chef vegano di Crozza. Investimenti in questo settore sono uno degli asset fondamentali della nostra politica economica”.

Una linea da seguire anche sul clima, con la “nostra posizione che – garantisce il premier- non cambierà nonostante i messaggi che vengono dagli Stati Uniti”.

(di Mimmo Trovato/ANSA)

Ultima ora

16:35Nozze gay: piloti Apache dicono sì

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - Alta uniforme e sciabole: due capitani dell'esercito americano si sono sposati a West Point nel primo matrimonio gay di due militari in servizio attivo celebrato nella storica accademia da cui escono i vertici delle forze armate Usa. Daniel Hall, 30 anni, e Vincent Franchino, 26, si erano conosciuti nel 2009, quando erano cadetti e all'epoca in cui era ancora in vigore il compromesso del "non chiedere, non dire" inaugurato sotto Bill Clinton. I due capitani, che pilotano elicotteri Apache, hanno pronunciato il 'fatidico sì nella cappella neogotica di West Point davanti a 150 parenti e amici, molti dei quali militari in divisa. Il New York Times ha raccontato la loro storia sotto i titolo: "For the Love of the Country and Each Other", per amore della Patria e l'uno dell'altro.

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

Archivio Ultima ora