Gentiloni: “La crisi ha lasciato cicatrici. Ora sulla via giusta”

Pubblicato il 04 marzo 2017 da ansa

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, durante un incontro al Comune di Catania, 04 marzo 2017.
ANSA/UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI-TIBERIO BARCHIELLI

CATANIA. – Quello che accade nella politica italiana non lascia indifferente il premier Paolo Gentiloni, che segue e osserva con attenzione, e si “rende conto delle difficoltà”, perché “non sono un marziano” che non le vede, dice. Ma ha una priorità: “rimanere concentrato sul governo” e “trasmettere un’idea di stabilità”, mettendo “l’amore e la dedizione per il nostro Paese davanti a tutto”.

Sono le linee guida del presidente del Consiglio dei ministri ribadite a Catania, incontrando, in Municipio sindaci, imprenditori e forze sociali. Per Gentiloni le parole d’ordine sono due: “responsabilità” e “metterci la faccia”. Per questo non parla delle polemiche politiche e giudiziarie, ma si concentra sulle cose da fare.

“Abbiamo una maggioranza solida”, è il punto di partenza. E ci sono anche “una serie di riforme decise dal governo di cui già facevo parte da completare”. C’è “un catalogo lungo” di “nuove iniziative di cambiamento avviate in queste settimane”.

E non si può fare distrarre da altro: e “non per mia scelta – spiega – ma perché fa parte del mio dovere trasmettere a tutti i nostri concittadini l’idea che il governo si concentra sulla sua attività e sul tentativo di dare una soluzione ai problemi: è di questo che abbiamo bisogno”.

Non scordando “le cicatrici che la crisi ha lasciato”. Però anche “non dimenticando da dove veniamo: da 7-8 anni di crisi continuativi, durissimi sul piano sociale”. Dai quali “ci siamo rimessi in carreggiata, ma non in piedi del tutto – ricorda il premier – e grazie ai sacrifici degli italiani, alle imprese che esportano, al senso del dovere dei nostri lavoratori e all’impegno dei governi”.

“Veniamo da una crisi terribile – ribadisce Gentiloni – abbiamo invertito la tendenza nei grandi dati aggregati dell’economia, ma abbiamo ancora molto da fare perché questa inversione di tendenza abbia effetti nella vita del Paese. Ciò sarà possibile solo se proseguiremo su questa strada. Se continuiamo possiamo raggiungere i risultati e la priorità è prendersi cura dei danni sociali”.

E perché questo avvenga, osserva il premier, occorre “un’assunzione di responsabilità a tutti i livelli”. “E’ un’onere e un rischio – riconosce il presidente del Consiglio – ma chi si dedica a una missione di servizio pubblico non può non avere responsabilità. Il governo deve essere vigile e attento che ci sia una catena di comando coesa e non un continuo e insopportabile gioco dello scaricabarile”.

Insomma, per Gentiloni, “occorre metterci la faccia” a tutti i livelli, “dal premier al sindaco del piccolo paese”. Anche nella ricostruzione del post terremoto, per esempio. Allora, dice sicuro, si “andrà avanti e i risultati si vedranno”.

Lo stesso va fatto per il Mezzogiorno, dove “utilizzare i fondi è uno dei problemi cruciali del Paese”. “Se diamo risposte al divario – rimarca – non facciamo una cosa utile e importante per il Sud, ma recuperiamo una delle potenzialità per la crescita del nostro Paese”.

E questo sarà un tema al centro di “un grande incontro a Matera tra un mese”. E da Catania, dal sito di Enel Green Power, dove l’Ad della società, Francesco Starace, annuncia investimenti aziendali in Sicilia da oltre 100 milioni di euro per 3Sun e per l’Innovation Lab, il presidente Gentiloni invita a “dire basta allo scetticismo sulla green economy: è una realtà importante – sottolinea – non stiamo parlando dello chef vegano di Crozza. Investimenti in questo settore sono uno degli asset fondamentali della nostra politica economica”.

Una linea da seguire anche sul clima, con la “nostra posizione che – garantisce il premier- non cambierà nonostante i messaggi che vengono dagli Stati Uniti”.

(di Mimmo Trovato/ANSA)

Ultima ora

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

09:18Referendum autonomia, seggi aperti in Veneto

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Apertura regolare alle 7 dei seggi per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il governatore Luca Zaia ha votato appena aperto il seggio nella scuola a San Vendemiano (Treviso). Sono oltre quattro milioni gli aventi diritto di voto in Veneto. Sulla scheda il quesito è "vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?". Il referendum consultivo veneto prevede un quorum del 50% più uno degli aventi diritto al voto. Le urne resteranno aperte fino alle 23.

08:06Uragani: cinque ex presidenti Usa insieme per raccolta fondi

(ANSA) - WASHINGTON, 22 OTT - Cinque ex presidenti insieme per chiedere agli americani di fare donazioni per le vittime degli uragani che nelle ultime settimane hanno colpito Texas, Florida, Puerto Rico e le Isole Vergini. Jimmy Carter, Bill Clinton, Barack Obama, Bush padre e figlio sono comparsi al concerto di beneficienza al campus della Texas A&M University di Austin, dove ha fatto una apparizione a sorpresa anche Lady Gaga. Tutti hanno fatto brevi dichiarazioni, tranne il 93/enne George W. Bush, che soffre di una forma di Parkinson ed era su una sedia a rotelle. Nessuno ha fatto riferimenti a Donald Trump. Finora la raccolta fondi tramite l'iniziativa One America appeal for hurricane relief ha raggiunto i 31 milioni di dollari, con donazioni da oltre 80 mila persone.

08:01Corea Nord: ex presidente Carter disposto andare a Pyongyang

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - L'ex presidente americano Jimmy Carter, 93 anni, si é detto disposto ad andare in missione diplomatica in Corea del Nord per conto del presidente Donald Trump in un momento di crescenti tensioni tra i due Paesi sulla questione delle armi nucleari. "Sì, io ci andrei", ha detto Carter alla giornalista Maureen Dowd del New York Times - riporta Fox News - rispondendo a una domanda su una sua eventuale disponibilità a recarsi a Pyongyang in missione diplomatica. Carter, che in passato ha già incontrato i leader nordcoreani, ha ammesso di essere "spaventato" dalla "situazione" attuale: "Non so cosa faranno", ha commentato, "perche' vogliono salvare il loro regime. E noi sovrastimiamo notevolmente l'influenza della Cina sulla Corea del Nord. In particolare su Kim Jong-un, che per quanto ne so non é mai stato in Cina". Carter ha poi definito Kim "imprevedibile".

01:37Razzismo:Sarri,noi non tutelati quando ci gridano ‘terroni’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - ''Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano 'terroni' oppure 'Vesuvio lavali col fuoco' non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri risponde così ad una domanda sulla sua protesta nei confronti dell'arbitro Irrati nel corso del match del san Paolo contro l'Inter.

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

Archivio Ultima ora