Trump contro Obama: “Mi ha spiato, è un nuovo Watergate”

Pubblicato il 04 marzo 2017 da ansa

Barack Obama (R) e l’allora Presidente eletto Donald Trump (L)
EPA/MICHAEL REYNOLDS

NEW YORK. – Solo pochi giorni fa un Donald Trump sorprendentemente ‘presidenziale’ lanciava in Congresso l’appello a mettere da parte le polemiche per lavorare uniti nell’interesse del Paese. Ma il suo nuovo weekend nella ‘Casa Bianca d’inverno’ di Mar-a-Lago, in Florida, è iniziato con un attacco senza precedenti al suo predecessore: Barack Obama è una persona “cattiva e malata”, e “mi ha intercettato facendo mettere sotto controllo i telefoni della Trump Tower”.

Un terremoto. La bomba viene sganciata dal presidente americano di primo mattino, con la consueta tempesta di tweet in cui si evocano il Watergate di Richard Nixon e il maccartismo. Le intercettazioni secondo il presidente americano risalirebbero al mese prima delle elezioni, lo scorso ottobre, e avrebbero avuto l’obiettivo di ostacolare la sua corsa verso la Casa Bianca a favore di Hillary Clinton.

“Semplicemente falso – replica Kewin Lewis, portavoce di Obama – nessuno alla Casa Bianca ha mai ordinato la sorveglianza di alcun cittadino americano. La regola fondamentale è stata quella di non interferire mai nelle indagini del Dipartimento di giustizia”.

Dal New York Times al Wall Street Journal, passando per il Washington Post, tutti i principali media Usa sottolineano come le dichiarazioni esplosive di Trump non siano corroborate da alcun elemento concreto. Nessuna prova è stata indicata dal tycoon per motivare il suo attacco. Né dal suo entourage si spiega al momento se l’uscita shock del presidente si basi su informazioni reali fornite al presidente dall’intelligence o dall’Fbi.

Del resto – come evidenzia il Nyt – è improbabile che sia arrivato agli 007 e agli agenti federali un ordine per mettere sotto controllo i telefoni del candidato Trump. Vorrebbe dire che il Dipartimento di giustizia aveva in mano prove sufficienti contro il tycoon da convincere il giudice federale ad autorizzare le intercettazioni. Prove pesanti, riguardanti o gravi reati penali o il sospetto che il candidato fosse un agente al servizio di potenze straniere (vedi la Russia).

Si fa invece avanti la convinzione che a scatenare l’ira di Trump (oltre alla frustrazione per gli sviluppi del ‘Russiagate’ e del caso Sessions) sia stata la lettura di un articolo su Breitbart, il magazine online ultraconservatore fondato dal suo stratega Steve Bannon.

Articolo nel quale si riprende la tesi di una radio di estrema destra che da tempo parla di ‘colpo di stato silenzioso’ contro Trump, condotto attraverso una sistematica sorveglianza della campagna del tycoon ordinata dall’amministrazione Obama.

“E’ legale per un presidente monitorare una elezione presidenziale?”, si chiede Trump: “Un avvocato potrebbe mettere in piedi una grande causa”.

Duro Ben Rhodes, uno dei fedelissimi di Obama: “Solo un bugiardo può montare un caso come questo. Nessun presidente può ordinare un’intercettazione. Queste restrizioni sono state messe in atto per proteggere i cittadini da gente come te”, la replica sempre su Twitter dell’ex vice consigliere alla sicurezza nazionale.

Intanto la Casa Bianca lavora alacremente per continuare a demolire il più possibile l’eredità di Obama. E una nuova spallata all’agenda verde di quest’ultimo è attesa nei prossimi giorni, col varo di una serie di misure tese a smantellare sia le norme contro l’inquinamento dei gas di scarico delle auto e dei veicoli pesanti sia quelle che limitano le emissioni degli impianti a carbone.

Allo studio anche un maxi taglio delle risorse alla National Oceanic and Atmospheric Administration (Noaa), la principale agenzia federale che si occupa dello studio e della lotta ai cambiamenti climatici.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:15Calcio: Juric, con il Chievo la sfida più importante

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Non sono dispiaciuto della prestazione dei ragazzi. Sono consapevole del divario, la Juve ci ha punito alla prima occasione ma la squadra ha fatto il massimo e non ho nulla da rimproverare". Ivan Juric guarda già oltre il 4-0 incassato sul campo della Juventus. Il Genoa è atteso dalla partita con il Chievo, fondamentale: "Sì, ora noi abbiamo cinque finali, dobbiamo essere tutti uniti per conquistare la salvezza perche sarà durissimo. Ho pensato a questo nei cambi di Laxalt e Burdisso". "Ora avremo tre partite in casa su cinque e dobbiamo fare il massimo numero di punti possibili - conclude l'allenatore - La classifica non ci dà garanzie. Contro il Chievo sarà una delle partite più importanti della storia recente del Genoa, dovremo vincere a tutti i costi: l'ambiente dovrà essere molto unito".

23:50Calcio: Allegri, per scudetto non è ancora fatta

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Avevamo tre partite da vincere: Pescara, Empoli e Genoa. I ragazzi sono stati bravi a vincerle. Non era facile contro il Genoa che ha fatto bene con la Lazio e ha cambiato l'allenatore, poi dopo la Champions poteva esserci un calo fisico e mentale. Invece i ragazzi sono stati molto bravi". Massimiliano Allegri, nel corso del programma 'Serie A live', loda la Juventus dopo il 4-0 al Genoa. Lo scudetto, però, ancora non se lo sente in tasca: "No, però ora ci mancano otto punti perché la Roma può arrivare a 90 e ci mancano 5 partite. Non dimentichiamoci che abbiamo ancora lo scontro diretto, senza la matematica non si può parlare di Scudetto". Una vittoria che rende più tranquillo l'avvicinamento alle semifinali di Champions: "Ora avremo qualche giorno per preparare la trasferta di Bergamo e poi quella di Monaco. Ho la possibilità di cambiare molti giocatori per avere sempre energie fresche. C'è molto entusiasmo, ma dobbiamo pensare a una gara alla volta perché per il momento non abbiamo vinto niente".

23:44Portavoce Merkel, auguri a Macron

(ANSA) - BERLINO, 23 APR - "Bene che Emmanuel Macron con il suo corso per una forte Europa e un'economia sociale di mercato abbia avuto successo. Auguri per le prossime due settimane". È quello che ha twittato Steffen Seibert, portavoce di Angela Merkel, commentando il primo risultato delle elezioni francesi.

23:38Macron, ‘sarò presidente contro i nazionalismi’

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Spero tra 15 giorni di diventare presidente del popolo francese, dei patrioti, per farla finita con tutti i nazionalismi": lo ha detto Emmanuel Macron, vincitore del primo turno alle presidenziali francesi. Voglio andare oltre" i risultati di stasera "e unire tutti i francesi". Lo ha detto il leader di En Marche! Emmanuel Macron davanti ai suoi sostenitori in festa. "Porterò avanti l'esigenza di ottimismo e la speranza che noi vogliamo per il nostro Paese e per l'Europa", ha aggiunto. 'Oggi domenica 23 aprile il popolo francese si è espresso. Nel momento in cui il nostro paese attraversa un periodo inedito della nostra storia, colpita dal terrorismo e dalle sofferenze economiche ha risposto nel più bello dei modi, andando a votare massicciamente e ha deciso di mettermi in testa al primo turno", ha detto ancora Macron che parlava con alla spalle la bandiera francese e quella europea.

23:36Calcio: Barcellona vince 3-2 a Madrid, decide Messi

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Un gol di Leo Messi al 47' della ripresa ha deciso il 'Clasico' e decretato il successo del Barcellona sul terreno del Real Madrid. I catalani hanno così momentaneamente agganciato la squadra allenata da Zidane in vetta alla Liga, con 75 punti, ma il Real deve recuperare una partita. Al Santiago Bernabeu i padroni di casa sono passati per primi in vantaggio con la rete di Casemiro al 28', pareggiata appena cinque minuti dopo dal solito Messi, su assist di Rakitic. Il quale, al 28' della ripresa, ha portato il Barcellona in vantaggio con un sinistro preciso da fuori area. Al 32' il Real è rimasto in 10 per l'espulsione di Sergio Ramos, intervenuto fallosamente su Messi. Ma è riuscito comunque ad agguantare il pareggio al 40' con la rete di Jaimes Rodriguez. Il 2-2 poteva stare bene al Real, non al Barcellona che ha continuato ad attaccare, fino ad essere premiato dall'ennesima magia della 'Pulce'.

21:51Le Pen, ‘io la grande alternativa. Macron erede Hollande’

(ANSA) - HENIN-BEAUMONT, 23 APR - "Io vi propongo l'alternanza fondamentale che fondi un'altra politica. Questo non accadrà con l'erede di François Hollande e del suo quinquennato catastrofico". Lo ha detto Marine Le Pen ai militanti nel suo quartier generale, senza tuttavia nominare il suo avversario al secondo turno, Emmanuel Macron. "Mi avete portato al secondo turno delle presidenziali. Ne sono onorata con umiltà e riconoscenza. Vorrei esprimere a voi elettori patrioti la mia più profonda gratitudine. E' un risultato storico, un atto di fierezza di un popolo che solleva la testa, che confida nel futuro", ha aggiunto.

21:40Francia: Fillon si schiera con Macron, ‘fermare Le Pen’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Francois Fillon riconosce la sconfitta e invita gli elettori a votare per Emmanuel Macron contro Marine Le Pen. "L'estremismo porta solo disgrazie e divisioni", ha detto. "Non sono riuscito a convincervi - ha detto Fillon davanti ai suoi - al momento giusto la verità su queste elezioni sarà scritta. E' una mia sconfitta, io solo ne debbo portare il peso. Alle legislative potranno far sentire la voce del centro e della destra, per questo vi chiedo di restare uniti e determinati". "In attesa - ha continuato - dobbiamo scegliere chi è preferibile, l'astensione non fa parte dei miei geni, soprattutto quando c'è un partito estremista, conosciuto per la sua violenza e l'intolleranza. Il suo programma porterebbe il paese al fallimento, aggiungerebbe caos europeo. Non c'è altra scelta che votare per Emmanuel Macron".

Archivio Ultima ora