Il nome dei giorni nella settimana

Pubblicato il 06 marzo 2017 da Luigi Casale

Il nome dei giorni della settimana è una delle prime cose che si insegnano ai bambini. Come i diti della mano, o i mesi dell’anno: un apprendimento seriale. Per tenere allenata la memoria. Lunedì, martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato; e poi domenica.

Certamente la suddivisione del tempo in settimane non è della tradizione classica occidentale. Essa fa parte della cultura ebraica. Vedi il racconto biblico della Creazione.

E l’origine dei nomi dei giorni?

Intanto diciamo che a rigore la settimana, così com’è oggi, non comincia dal lunedì; (anche se la settimana lavorativa – diciamo quella civile – sì). Infatti, se stando alla tradizione ebraica il sabato è il “giorno del riposo”, allora questo giorno non può essere che il settimo. Ne abbiamo conferma nel passo evangelico in cui si racconta che “il giorno dopo il sabato” Maria Maddalena (e, successivamente, Pietro e Giovanni) trovò la tomba vuota. Quindi quel giorno era – ed è – il primo giorno della settimana; quello che in seguito i cristiani chiamarono “giorno del Signore” (dies dominica), e che noi chiamiamo ancora “domenica”.

Abbiamo detto “dies dominica”. Dove “dominica” è l’aggettivo derivato da dominus = il Signore, e “dies” è un nome che significa “giorno”. Questo nome della 5^ declinazione latina, come sanno gli studenti liceali, era trattato, a seconda delle situazioni contestuali, a volte come femminile a volte come maschile. Così, nella penisola italica, una volta caduta “la” dies, l’aggettivo dominica, sostantivandosi, è divenuto un nome femminile: “la domenica”. Mentre nell’area delle provincie occidentali (e quindi nella lingua francese e in quella spagnola) caduto “il” dies, l’aggettivo dominicus è diventato da una parte “le dimanche” (francese), dall’altra “el domingo” (spagnolo): entrambi nomi maschili.

“Dies”, che probabilmente accompagnava sempre anche tutti gli altri nomi dei giorni della settimana, e che nel caso della “domenica” si è eclissato, nei rimanenti cinque giorni si è mantenuto trasformandosi nel suffisso “–dì” (lune-dì, ecc.). Faccio notare poi che la stessa parola “dies” è presente come voce autonoma nella lingua italiana, ed è il nome tronco: “di’” [da diem]). Vedi l’espressione augurale: “Buon dì!”. Oltre che l’aggettivo derivato “diurno”.

Parlavamo degli altri cinque giorni. Essi, escluso il nome del “sabato” sono dedicati ai personaggi dell’Olimpo Romano. Scomparso Apollo dal primo giorno, divenuto domenica per i cristiani (“il sole” però, quanto al nome, si è mantenuto nelle lingue anglosassoni), sono rimasti Diana (la luna: anch’essa presente nelle lingue anglosassoni), Marte, Mercurio, Giove e Venere. Il nome del “sabato”, invece, ha conservato la forma della lingua ebraica.

Quindi i nomi della settimana, così come ce li ritroviamo oggi, rappresentano i segni nella nostra lingua di presenze di cultura classica (romana), ebraica e cristiana conviventi nella stessa civiltà. Di questi tre filoni, o meglio della loro sintesi (sincretismo), noi conserviamo la matrice, oltre che nelle parole, anche nella formazione ideale, quella che comunemente si dice la mentalità. Sulla quale poi si sono sovrapposte con maggiore o minore incidenza anche la cultura germanica (le cosiddette “invasioni barbariche”) e quella araba, considerando che quella greca e bizantina erano già componenti di quella classica.

Nel linguaggio ufficiale della chiesa, che non poteva certo avere simpatia per i nomi di divinità pagane, il nome dei giorni della settimana, a parte il primo, denominato come abbiamo detto “dies dominica”, gli altri, sono designati col numerale: feria secunda, feria tertia, feria quarta, feria quinta, e feria sexta. dove feria è la parola latina che significa “festa”. Ancora così sono chiamati i giorni della settimana nella lingua portoghese.

Anche da noi, come in tutta la crisitianità, – chi va in chiesa il Giovedì Santo lo sa – quella festa si chiama “Feria quinta in cena Domini” (La quinta festa della settimana dedicata alla commemorazione della cena del Signore).

Luigi Casale

luigicasale
Luigi Casale

Luigi Casale, insegnante in pensione e pubblicista. È nato nel 1943 a Torre Annunziata, alle falde del Vesuvio. Oggi, continuando a mantenere contatti affettivi e culturali con la Campania, vive tra Bressanone (Alto Adige) e Lussemburgo. Durante la sua carriera professionale, ha insegnato nei Licei dell’Alto Adige, nella Scuola Europea di Lussemburgo, e presso il Dipartimento d’italiano dell’Università di Clermont-Ferrand (Francia). Si occupa di didattica delle lingue classiche e di linguistica generale. Nel più ampio quadro delle questioni pedagogiche e sociali, su queste tematiche offrirà la sua collaborazione in questa rubrica.




Ultimi articoli


17 ottobre 2017

Giorno



02 ottobre 2017

Espedito



01 agosto 2017

Legenda o leggenda?



26 luglio 2017

Cultura



03 luglio 2017

Idiota



21 giugno 2017

Auguri



12 giugno 2017

Preparare



02 maggio 2017

Ite Missa Est



25 aprile 2017

Virtù



17 aprile 2017

Studium



10 aprile 2017

La scuola



03 aprile 2017

Istruzione, educazione



27 marzo 2017

Amante



14 marzo 2017

“Cicero, pro domo sua”



20 febbraio 2017

Eccetera



13 febbraio 2017

Urbano e villano



23 gennaio 2017

Affatto



09 gennaio 2017

Oratorio



03 gennaio 2017

La Befana



19 dicembre 2016

I pastori



12 dicembre 2016

Tetto, tegola, proteggere



05 dicembre 2016

Marmellata



28 novembre 2016

Erario, fisco e moneta



21 novembre 2016

Primo pelo



14 novembre 2016

Carosello



31 ottobre 2016

Istruzione, educazione



24 ottobre 2016

Ozio e negozio



17 ottobre 2016

Emancipazione



12 settembre 2016

Implicito ed esplicito



22 agosto 2016

Anfiteatro



15 agosto 2016

Teatro



08 agosto 2016

Semplice



01 agosto 2016

Fato