Corea del Nord lancia altri 4 missili verso il Mar del Giappone

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

FOTO EPA/KIM HEE-CHUL

PECHINO. – La Corea del Nord ha lanciato in mattinata altri 4 missili verso il mar del Giappone, il “suo” poligono di tiro, a poche settimane dal test del vettore di nuova fattura a medio raggio del 12 febbraio: almeno tre sono arrivati pericolosamente nella zona esclusiva economica (Eez) nipponica, a circa 250 km a ovest delle coste della prefettura di Akita, secondo i rilievi sviluppati dai militari di Seul e di Tokyo.

Dopo molte ore di silenzio Pyongyang attraverso l’agenzia Kcna ha riconosciuto il lancio di 4 missili, “avvenuto simultaneamente”, precisando che si è trattato di una esercitazione per un attacco contro una base Usa in Giappone.

Come in altri casi analoghi l’agenzia informa della presenza sul luogo del lancio di Kim Jong Un che si è informato dei dettagli del lancio “apprezzando il lavoro delle forze strategiche”. Il nuovo azzardo ha spinto l’amministrazione Trump ad annunciare che prenderà nuove misure e che tra le mosse all’esame ci sono anche i sistemi anti missile Thaad.

Il premier Shinzo Abe ha espresso la dura condanna contro il regime, seguita da prese di posizione di Corea del Sud (il presidente reggente e premier Hwang Kyo-ahn ha parlato di “reale e imminente minaccia”). Il portavoce della Casa Bianca Sam Spider ha definito i lanci “una minaccia molto seria”, quello del dipartimento di Stato Mark Toner ha riaffermato l’impegno a difesa degli alleati con “l’ampia gamma di capacità a nostra disposizione”.

L’alto rappresentante per la Politica estera Ue Federica Mogherini ha espresso “solidarietà” a Giappone e Corea del Sud e rimarcato quanto “le sfide alla sicurezza nel mondo siano serie”. Test di missili e sviluppo di armi nucleari sono, secondo la Farnesina, “una minaccia a pace e sicurezza internazionale”. La Russia, preoccupata, ha invitato a dar prova di moderazione.

La Cina ha manifestato nel pomeriggio forte “opposizione” ai test di missili appellandosi agli obblighi del Nord verso l’Onu, ma il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang ha anche aggiunto che Pechino ha preso atto del fatto che Usa e Corea del Sud sono impegnati in manovre militari su vasta scala rivolte “verso la Corea del Nord”.

Geng ha esortato le parti a evitare atti che possano far degenerare di più la situazione. Venerdì Pyongyang ha minacciato una serie di test balistici in risposta alle massicce esercitazioni annuali congiunte di Usa e Corea del Sud, denominate Foal Eagle, che si svilupperanno per due mesi e che si chiuderanno a fine aprile.

Il Rodong Sinmun, organo del Partito dei Lavoratori, ha messo in guardia Seul e Washington che nuove tipologie di armi si sarebbero “levate in volo” se i due Paesi avessero continuato le manovre, viste come le prove generali di attacco e invasione ai suoi danni.

I test missilistici sono seguiti alla visita a sorpresa di 5 giorni a Pechino, finita sabato, di Ri Kil-song, vice ministro degli Esteri del Nord, il funzionario più alto in missione dallo storico l’alleato da maggio 2016. Invitato dal ministero degli Esteri cinese per trattare temi “di mutuo interesse regionali e internazionali”, Ri ha incontrato il ministro Wang Yi.

I vettori sono partiti da un lanciatore multiplo, compatibile coi missili Rodong di gittata tra 1.300-1.500 km, dalla base di nordovest di Dongchang-ri alle 7:34 (quasi mezzanotte in Italia) e i missili hanno coperto circa 1.000 km e toccato l’altitudine massima di 260 km. Nel 2016 il Nord ha condotto 2 test nucleari e 24 missili di diverso tipo: al lancio del 12 febbraio 2017 ha fatto seguito l’omicidio di Kim Jong-nam, fratellastro di Kim Jong-un, ucciso all’aeroporto di Kuala Lumpur col gas nervino.

Con le tensioni alle stelle tra Corea del Nord e Malaysia per la vicenda Kim che ha portato all’espulsione degli ambasciatori, indicazioni sugli sviluppi futuri sono attese dalla prima visita nel Far East che il segretario di Stato Rex Tillerson dovrebbe fare in Giappone, Corea del Sud e Cina a partire dal 17 marzo.

A Pechino, dove si starebbe esaminando una visita del presidente Xi Jinping a Washington da Donald Trump in aprile, Tillerson dovrebbe premere sulla Cina per fare di più su Pyongyang le cui intemperanze hanno spinto all’installazione come deterrenza dei sistemi anti-missile americani Thaad in Corea del Sud. Trump ha lasciato “tutte le opzioni”, anche operative, aperte contro il Nord a differenza della “strategica pazienza” di Barack Obama.

(di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

22:46Corea: Sud stregato da popstar del Nord, possibile concerto

(ANSA) - SEUL, 21 GEN - Tra flash di fotografi e grande attenzione dei media, Hyon Song Wol, leader della pop band tutta al femminile nordcoreana, le Moranbong, molto amata da Kim Jong Un, ha attraversato la zona demilitarizzata insieme ad una delegazione ufficiale di Pyongyang per visitare alcuni siti olimpici, e nella penisola coreana si vocifera di una sua esibizione musicale in occasione dei giochi olimpici invernali di Pyeongchang. Lo scrive il Guardian. Hyon Song Wol - che è apparsa in diretta alla tv sudcoreana mentre stringeva mani e saliva su un treno - ha infatti visitato alcune possibili arene per lo show, tra queste quella di Gangneung, dove parteciperà in ogni caso ad una performance artistica dell'ensemble Samjiyon (140 persone tra musicisti, cantanti e ballerini), concordata durante i colloqui al confine sulla partecipazione degli atleti di Pyeongyang ai Giochi. Hyon, che fa parte del Comitato centrale del Partito dei Lavoratori nordcoreano, non ha rilasciato dichiarazioni.

22:40M5S: da Di Maio a Fico, i “big” capilista a plurinominali

(ANSA) - PESCARA, 21 GEN - I "big" del M55, stando alle liste dei vincitori delle parlamentarie, risultano tutti capolista ai plurinominali. Probabile - anche se c'è da considerare il fattore quote rosa - che gli esponenti siano stati anche i più votati. Primi nei loro collegi, infatti, risultano il leader M5S Luigi Di Maio, Roberto Fico, Paola Taverna, Carla Ruocco, Manlio Di Stefano, Danilo Toninelli. Primi Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, esponenti molto vicini a Di Maio, e Carlo Sibilia in Campania.

22:21Calcio: Monchi, cerchiamo sempre innesti per il futuro

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - "Dzeko? Ora per noi sono importanti le prossime partite, quello che si farà sarà sempre pensando al meglio per la squadra. Lavoro 365 giorni all'anno, siamo sempre pronti a cercare innesti, ma non stiamo cercando un sostituto di Dzeko. Solo un giocatore per il futuro": lo dice il ds della Roma Monchi prima della partita contro l'Inter a San Siro. Il tema del mercato resta sempre al centro, anche per l'Inter che oggi accoglie Rafinha arrivato a Milano in serata. E il direttore sportivo Piero Ausilio racconta la trattativa: "E' stata difficile perché il Barcellona non voleva privarsene se non in prestito. Ma noi siamo l'Inter, non possiamo lavorare per gli altri. Abbiamo insistito per avere il diritto di un'opzione. Ci piace lavorare su giocatori che possono essere dell'Inter anche in futuro, se no non ci interessano". E sulle prossime operazioni: "Il mercato è imprevedibile, potremmo anche restare così. Nessun giocatore ci ha chiesto la cessione".

21:56Grecia:migliaia in piazza contro accordo su nome Macedonia

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Oltre 50.000 persone sono scese in piazza oggi a Salonicco, nel nord della Grecia, per protestare contro un possibile accordo con la Macedonia ex jugoslava sull'uso del termine 'Macedonia', che i greci rivendicano come esclusivamente ellenico. In piazza molti esponenti del clero più conservatore, dell'estrema destra di Alba Dorata, e rappresentanti delle comunità greche all'estero (che in Grecia vengono definite 'diaspora'). La regione diede i natali ad Alessandro Magno, vanto della cultura e della storia ellenica, e la contesa con Skopje sul nome definitivo dell'attuale Fyrom ('Former yugoslavian republic of Macedonia') è da 27 anni uno degli argomenti più spinosi della politica estera greca, anche se la maggioranza della popolazione sembra meno interessata al tema rispetto a qualche anno fa. Nel 1992, infatti, un milione di persone (quasi un decimo della popolazione greca) sfilarono sempre a Salonicco scandendo lo slogan 'i Makedonia einai Ellinikì', ovvero 'la Macedonia è greca'.

21:52LeU: Grasso, posso ricostruire la sinistra, quindi il Paese

(ANSA) - ASTI, 21 GEN - "Penso di poter ricostruire la sinistra, ricostruire la politica, ricostruire un partito e quindi ricostruire il Paese". Così Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali, ad Asti per un'altra tappa in Piemonte, dopo l'avvio questa mattina a Torino, della campagna elettorale. "I valori della sinistra sono fondamentali, i valori della nostra Resistenza sono quelli che hanno portato la liberazione del nostro Paese e quindi alla Costituzione, che quest'anno ha compiuto 70 anni", aggiunge.

21:31Calcio: Rafinha a Milano, domani le visite con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Rafinha è arrivato a Milano e domani mattina svolgerà le visite mediche con l'Inter. Il centrocampista brasiliano è il secondo rinforzo per il club nerazzurro in questa sessione di mercato. Arriva in prestito dal Barcellona con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro più 3 di bonus. Rafinha non ha fatto dichiarazioni, ma ha sorriso ai giornalisti che lo attendevano in aeroporto. Questa sera potrebbe assistere alla partita contro la Roma dalla tribuna di San Siro, anche se per il momento non ci sono ancora conferme ufficiali.

21:29Calcio: serie A, Cagliari-Milan 1-2

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Prima vittoria stagionale in rimonta e prima esterna sotto la guida di Gattuso per il Milan a Cagliari nel primo posticipo serale della 21/a giornata di serie A, conclusosi 1-2 alla Sardegna Arena battuta dal maestrale. Il Milan ha cercato di fare da subito la partita, stringendo nella loro metà campo i rossoblù, ma è stato il primo a capitolare quando all'8' un tiro di Barella dal limite ha battuto Donnarumma. I rossoneri hanno ripreso a masticare gioco cercando spesso Kalinic, che al 34' è stato atterrato in area. Kessiè ha trasformato il rigore e 6' dopo ha raddoppiato sfruttando un bell'assist dell'attaccante croato. Nella ripresa, i padroni di casa hanno cercato il pari, con maggior intensità dal 35' col Milan in 10 per espulsione di Rodriguez per doppia ammonizione, ma un po' Donnarumma e un po' gli errori di misura hanno impedito al risultato di cambiare. Il Milan sale a quota 31, al settimo posto, scavalcando Atalanta, Udinese e Torino. Il Cagliari resta a 20, in zona pericolosa.

Archivio Ultima ora