Corsa a tre nel Pd, si cerca la “tregua” ma tensione alta

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Da sinistra Andrea Orlando, Matteo Renzi e Michele Emiliano in un’immagine combinata. ANSA

ROMA. – Matteo Renzi, Andrea Orlando, Michele Emiliano. Ecco i tre candidati alla segreteria del Pd. Nessuna sorpresa alla scadenza delle candidature, nessun ‘outsider’ si inserisce in una sfida già entrata nel vivo e tanto accesa che si cerca in queste ore una “tregua”. E così, a meno che nella prima fase congressuale tra gli iscritti – si chiuderà il 9 aprile – uno dei tre non raggiunga il 5% dei voti validi, saranno ammessi tutti e tre alle primarie in programma il 30 aprile.

E a quel punto ogni scenario è aperto: i competitori scommettono che l’ex segretario Renzi, fiaccato dai riverberi dell’inchiesta Consip, possa non raggiungere il 50% dei consensi nei gazebo e possa essere messo in minoranza nell’assemblea che dovrà eleggere il segretario. Ma l’ex premier si mostra tutt’altro che “intristito” e prepara il suo rilancio dal Lingotto: “Se qualcuno pensa che qui ci sia gente che si impaurisce o si rassegna, ha sbagliato indirizzo!”.

La ricandidatura di Renzi alla segreteria è l’ultima a pervenire al Nazareno, alle 17.50, a soli dieci minuti dal termine delle 18. Ma, afferma chi ha raccolto le firme, è supportata da una valanga di sottoscrizioni, fino a 40mila. Il segretario ha dalla sua anche la maggioranza dei ministri (da Minniti a Pinotti e Franceschini) e dei parlamentari: circa 200 deputati e 58 senatori, 8 in più del 2013.

L’ex segretario nella bozza della sua mozione parla della necessità di ripensare l’organizzazione della “militanza” Dem, abbandonando l’idea del partito liquido e bocciando il partito “privato” ma proponendo “partecipazione orizzontale, trasparenza e responsabilità pubblica”.

Renzi, a differenza degli avversari, resta convinto che le figure di segretario e candidato premier debbano coincidere. E vuole più integrazione politica in Europa, col traino di Italia, Francia e Germania. Quanto al resto, a partire dalle ricette per l’abbassamento delle tasse (giù l’Irpef ai giovani, anticipa Nannicini), rinvia al Lingotto dove questo weekend sarà elaborato il suo programma.

All’evento dovrebbe prendere parte domenica anche Paolo Gentiloni. E a lui Renzi plaude all’indomani dell’annuncio di taglio del cuneo fiscale. Quanto all’orizzonte di fine legislatura indicato dal premier, i renziani spiegano che appare ormai il più probabile ma aggiungono che solo dopo il congresso Pd si potrà davvero dire.

Il congresso misurerà innanzitutto la forza dell’ex segretario dopo la sconfitta al referendum e l’inchiesta Consip che ha lambito, in modi diversi, Luca Lotti e il padre Tiziano. Qualche parlamentare renziano, più pessimista, afferma che ora l’obiettivo è arrivare al 50% più uno dei voti alle primarie, per evitare “ribaltoni” a favore di un altro candidato. Ma Renzi mostra di non volersi accontentare e ricorda che prima delle europee Grillo lo attaccò sul padre ma poi il Pd “prese il 40%”.

L’inchiesta Consip, afferma lo sfidante Andrea Orlando, deve restare “fuori dal congresso”. Ma Emiliano, pur ammorbidendo i toni, continua ad attaccare: “Renzi per Ignazio Marino a Roma non attese la sentenza”. E lo scontro si infiamma anche tra Orlando e Michele Emiliano: l’uno critica il doppio ruolo di candidato e magistrato, l’altro stigmatizza il doppio ruolo di ministro e candidato. “Conflitto d’interessi rispetto al caso Consip? Sono sereno”, commenta Orlando. “Se dovessi lasciare la politica chiederei di lavorare in un ministero, non tornare alla giurisdizione”, afferma Emiliano.

Ma i toni di questi giorni spingono il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda a mettere fine agli attacchi personali e rispettare poi chiunque vinca le primarie. “E’ un auspicio che ho espresso nei giorni scorsi”, rivendica Orlando. “Sì ma nessuno usi argomenti scorretti”, risponde Emiliano, che su Twitter lamenta i toni dei “renzini”.

Orlando, unico ad andare in persona al Nazareno a depositare la sua candidatura, raccoglie 18mila firme a suo sostegno, inclusi 110 parlamentari. Con lui ci sono esponenti della sinistra come Cuperlo e Damiano ma anche lettiani e bindiani. Una composizione – sottolineano i suoi – che ricorda l’Ulivo. E Orlando cita quell’esperienza depositando 1.996 firme (anno di nascita dell’Ulivo).

Emiliano parte con circa 6.000 firme e una manciata di parlamentari a suo sostegno (solo due senatori), ma rivendica il sostegno dal basso come un punto di forza: “Non ci sono molto deputati – spiega Francesco Boccia – perché una nostra proposta molto forte è cancellare i capilista bloccati”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

20:42Mondadori: giornalisti in stato agitazione, timore chiusure

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Stato d'agitazione per i giornalisti della Mondadori, messi in allarme dalle notizie della possibile vendita e chiusura di alcune testate. L' assemblea ha dato mandato al Cdr di chiedere un immediato incontro con i massimi vertici della Periodici e del gruppo per conoscerne le reali intenzioni. Da subito è stato dichiarato lo stato d'agitazione affidando all'organismo sindacale un pacchetto iniziale di cinque giorni di sciopero. Nelle ultime settimane sono apparse sui giornali notizie su possibili cessioni, chiusure o ristrutturazioni di alcune testate Mondadori (Tustyle, Panorama, Il mio Papa). Da parte sua - si legge in una nota del Cdr - il gruppo editoriale, interpellato dalla rappresentanza sindacale dei giornalisti, non ha smentito possibili vendite, sottolineando la necessità di interventi strutturali nella Periodici Italia. La 'pace sociale' legata all'accordo di stato di crisi del giugno 2017 (fino al giugno 2018) "è stata così slealmente incrinata".

Archivio Ultima ora