Corsa a tre nel Pd, si cerca la “tregua” ma tensione alta

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Da sinistra Andrea Orlando, Matteo Renzi e Michele Emiliano in un’immagine combinata. ANSA

ROMA. – Matteo Renzi, Andrea Orlando, Michele Emiliano. Ecco i tre candidati alla segreteria del Pd. Nessuna sorpresa alla scadenza delle candidature, nessun ‘outsider’ si inserisce in una sfida già entrata nel vivo e tanto accesa che si cerca in queste ore una “tregua”. E così, a meno che nella prima fase congressuale tra gli iscritti – si chiuderà il 9 aprile – uno dei tre non raggiunga il 5% dei voti validi, saranno ammessi tutti e tre alle primarie in programma il 30 aprile.

E a quel punto ogni scenario è aperto: i competitori scommettono che l’ex segretario Renzi, fiaccato dai riverberi dell’inchiesta Consip, possa non raggiungere il 50% dei consensi nei gazebo e possa essere messo in minoranza nell’assemblea che dovrà eleggere il segretario. Ma l’ex premier si mostra tutt’altro che “intristito” e prepara il suo rilancio dal Lingotto: “Se qualcuno pensa che qui ci sia gente che si impaurisce o si rassegna, ha sbagliato indirizzo!”.

La ricandidatura di Renzi alla segreteria è l’ultima a pervenire al Nazareno, alle 17.50, a soli dieci minuti dal termine delle 18. Ma, afferma chi ha raccolto le firme, è supportata da una valanga di sottoscrizioni, fino a 40mila. Il segretario ha dalla sua anche la maggioranza dei ministri (da Minniti a Pinotti e Franceschini) e dei parlamentari: circa 200 deputati e 58 senatori, 8 in più del 2013.

L’ex segretario nella bozza della sua mozione parla della necessità di ripensare l’organizzazione della “militanza” Dem, abbandonando l’idea del partito liquido e bocciando il partito “privato” ma proponendo “partecipazione orizzontale, trasparenza e responsabilità pubblica”.

Renzi, a differenza degli avversari, resta convinto che le figure di segretario e candidato premier debbano coincidere. E vuole più integrazione politica in Europa, col traino di Italia, Francia e Germania. Quanto al resto, a partire dalle ricette per l’abbassamento delle tasse (giù l’Irpef ai giovani, anticipa Nannicini), rinvia al Lingotto dove questo weekend sarà elaborato il suo programma.

All’evento dovrebbe prendere parte domenica anche Paolo Gentiloni. E a lui Renzi plaude all’indomani dell’annuncio di taglio del cuneo fiscale. Quanto all’orizzonte di fine legislatura indicato dal premier, i renziani spiegano che appare ormai il più probabile ma aggiungono che solo dopo il congresso Pd si potrà davvero dire.

Il congresso misurerà innanzitutto la forza dell’ex segretario dopo la sconfitta al referendum e l’inchiesta Consip che ha lambito, in modi diversi, Luca Lotti e il padre Tiziano. Qualche parlamentare renziano, più pessimista, afferma che ora l’obiettivo è arrivare al 50% più uno dei voti alle primarie, per evitare “ribaltoni” a favore di un altro candidato. Ma Renzi mostra di non volersi accontentare e ricorda che prima delle europee Grillo lo attaccò sul padre ma poi il Pd “prese il 40%”.

L’inchiesta Consip, afferma lo sfidante Andrea Orlando, deve restare “fuori dal congresso”. Ma Emiliano, pur ammorbidendo i toni, continua ad attaccare: “Renzi per Ignazio Marino a Roma non attese la sentenza”. E lo scontro si infiamma anche tra Orlando e Michele Emiliano: l’uno critica il doppio ruolo di candidato e magistrato, l’altro stigmatizza il doppio ruolo di ministro e candidato. “Conflitto d’interessi rispetto al caso Consip? Sono sereno”, commenta Orlando. “Se dovessi lasciare la politica chiederei di lavorare in un ministero, non tornare alla giurisdizione”, afferma Emiliano.

Ma i toni di questi giorni spingono il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda a mettere fine agli attacchi personali e rispettare poi chiunque vinca le primarie. “E’ un auspicio che ho espresso nei giorni scorsi”, rivendica Orlando. “Sì ma nessuno usi argomenti scorretti”, risponde Emiliano, che su Twitter lamenta i toni dei “renzini”.

Orlando, unico ad andare in persona al Nazareno a depositare la sua candidatura, raccoglie 18mila firme a suo sostegno, inclusi 110 parlamentari. Con lui ci sono esponenti della sinistra come Cuperlo e Damiano ma anche lettiani e bindiani. Una composizione – sottolineano i suoi – che ricorda l’Ulivo. E Orlando cita quell’esperienza depositando 1.996 firme (anno di nascita dell’Ulivo).

Emiliano parte con circa 6.000 firme e una manciata di parlamentari a suo sostegno (solo due senatori), ma rivendica il sostegno dal basso come un punto di forza: “Non ci sono molto deputati – spiega Francesco Boccia – perché una nostra proposta molto forte è cancellare i capilista bloccati”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora