Al vertice di Versailles nasce l’Europa a più velocità

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Da sinistra: Mariano Rajoy, Paolo Gentiloni, Francois Hollande e Angela Merkel (ANSA/AP Photo/Michel Euler) [

VERSAILLES. – E’ arrivato il tempo di un’Europa a più velocità, che consenta di progredire verso una maggiore integrazione, altrimenti crolla tutto. A tre settimane dalle celebrazioni del sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma del 25 marzo 1957, da Versailles arriva il solenne appello dei leader di Italia, Francia, Germania e Spagna, le prime quattro potenze demografiche ed economiche del continente, unite come non mai nel dire che lo statu quo dell’Unione non è più accettabile.

Oggi più che mai urgono cooperazioni rafforzate e geometrie variabili per dare nuovo impulso al continente. Dopo Brexit, le bordate anti-Ue di Donald Trump e i populisti alle porte del potere in Paesi come Francia (Le Pen) e Olanda (Wilders) è il momento del grande balzo in avanti. Italia, Germania, Spagna e Francia hanno “la responsabilità di tracciare la via.

Non per imporla agli altri ma per essere una forza al servizio dell’Europa che dà impulso agli altri”, dice Francois Hollande nella dichiarazione ai giornalisti giunti per l’occasione nella reggia del Re Sole, la stessa dove quasi cento anni fa, nel giugno 1919, venne firmato il Trattato che sancì la fine della prima guerra mondiale.

“L’Europa è stata costruita sulla pace, Versailles ne è uno dei simboli”, ma “se ci fermiamo ora tutto quello che abbiamo costruito potrebbe crollare”, gli ha fatto eco la cancelliera Angela Merkel nella conferenza di apertura del vertice a cui è seguita una cena a quattro. “Abbiamo tutti l’obbligo di continuare la costruzione europea”, ha aggiunto, aprendo chiaramente all’idea di diversi livelli di integrazione.

“L’Europa che rinuncia alla sua dimensione politica sarebbe una regressione”, ha puntualizzato il padrone di casa, in questo tentativo di rilancio dell’Ue a due mesi dalla scadenza del suo mandato all’Eliseo. L’Europa insomma deve saper dimostrare “la solidarietà a 27, ma anche la capacità di avanzare a ritmi diversi”, è il messaggio ribadito a Versailles. E condiviso dal premier Paolo Gentiloni.

Serve un’Ue “più integrata ma che possa consentire diversi livelli di integrazione – spiega il presidente del Consiglio -. E’ giusto e normale che i Paesi possano avere ambizioni diverse e che a queste ambizioni ci siano risposte diverse, mantenendo il progetto comune”.

Il 25 marzo, in occasione delle celebrazioni dei Trattati di Roma – per cui le 27 cancellerie europee sono al lavoro per preparare una dichiarazione congiunta che sta già circolando tra le cancellerie, probabilmente discussa anche a Versailles – “l’Unione riparte dal popolo europeo”.

Per il premier, inoltre, “non solo i nostri Paesi, ma tutti i 27 devono fare delle scelte, dentro la cornice del Libro Bianco della Commissione Ue, senza le quali rischiamo di mettere in difficoltà il futuro stesso del progetto europeo”.

Gentiloni ha poi insistito sulla necessità di un’Europa sociale, che guardi alla crescita e agli investimenti. “Un’Europa – ha detto – in cui chi rimane indietro non consideri l’Ue come una fonte di difficoltà ma come una risposta alle proprie difficoltà”.

Purtroppo, ha deplorato, “non siamo ancora a questo livello”. C’è poi, la questione importantissima, della “difesa comune” per “proteggere la nostra sicurezza”. Altrettanti temi su cui è possibile maggiore integrazione, nello spirito dei padri fondatori e del sogno di quegli Stati Uniti d’Europa delineato da Altiero Spinelli durante il confino a Ventotene.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

16:35Nozze gay: piloti Apache dicono sì

(ANSA) - NEW YORK, 23 GEN - Alta uniforme e sciabole: due capitani dell'esercito americano si sono sposati a West Point nel primo matrimonio gay di due militari in servizio attivo celebrato nella storica accademia da cui escono i vertici delle forze armate Usa. Daniel Hall, 30 anni, e Vincent Franchino, 26, si erano conosciuti nel 2009, quando erano cadetti e all'epoca in cui era ancora in vigore il compromesso del "non chiedere, non dire" inaugurato sotto Bill Clinton. I due capitani, che pilotano elicotteri Apache, hanno pronunciato il 'fatidico sì nella cappella neogotica di West Point davanti a 150 parenti e amici, molti dei quali militari in divisa. Il New York Times ha raccontato la loro storia sotto i titolo: "For the Love of the Country and Each Other", per amore della Patria e l'uno dell'altro.

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

Archivio Ultima ora