Pressing del M5s, battaglia sulla sfiducia a Lotti. Renzi nel mirino

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Da regole pedoni a fuga cervelli;proposte legge M5S

ROMA. – Il “non poteva non sapere” che spesso echeggiò nelle indagini di Mani Pulite, risuona oggi nella vicenda dell’inchiesta Consip. A pronunciare la frase sono Luigi Di Maio e i capigruppo di M5s, che chiamano in correo Matteo Renzi. Un innalzamento dello scontro politico in chiave giudiziaria che avrà poi il primo passaggio parlamentare: la Conferenza dei Capigruppo del Senato dovrà discutere infatti la richiesta di M5s di calendarizzare subito la mozione di sfiducia al ministro Luca Lotti, richiesta alla quale il Pd si opporrà. Con la probabile soluzione che i tempi per l’arrivo in aula si dovrebbero alquanto allungare.

I primi a domandarsi retoricamente se l’ex premier non fosse a conoscenza dell’inchiesta Consip, sono stati i capigruppo di M5s di Camera e Senato, Vincenzo Caso e Michela Montevecchi. Ma a tirare in ballo esplicitamente Renzi è Di Maio, che dopo aver attaccato Lotti (“siamo al ministro rivelatore delle indagini”), porta l’affondo: “Renzi non minimizzi questa torbida storia di tangenti. Renzi non poteva non sapere”, visto che è coinvolto il papà Tiziano e, per una vicenda collaterale, Lotti.

Il vicepresidente della Camera ha poi sostenuto che la dimostrazione che Lotti sia colpevole, è dimostrata nel fatto che non abbia querelato Marroni, colui che lo ha accusato di avergli rivelato dell’inchiesta Consip. Affermazione che avrebbe fatto sorridere Lotti: essendo stato interrogato dai magistrati – spiega chi lo ha sentito – non c’è bisogno di querela, dato che la eventuale “notitia criminis” della calunnia di Marroni i Pm l’hanno avuta.

Lotti è difeso da quasi tutto il Pd, a cominciare da Andrea Orlando, collega di Lotti al governo ma concorrente di Renzi per la segreteria del Pd. Freddo Michele Emiliano, che continua a sollecitare il ministro dello sport al passo indietro (“ma non spetta a me chiederle”).

Un po’ in difficoltà Mdp. I bersaniani hanno fatto una scissione dal Pd avendo tra gli obiettivi il prolungamento della legislatura alla sua scadenza naturale: ora chiedono in coro le dimissioni di Lotti, che indebolirebbero ulteriormente Renzi, ma anche il governo Gentiloni che vogliono sostenere. La capogruppo in Senato Cecilia Guerra ha detto che Mdp non voterà la mozione di sfiducia, ma che forse presenterà un “documento” critico con il ministro renziano.

Ernesto Carbone, Dem vicino a Renzi critica a sua volta Mdp: “Il garantismo è scritto nella Costituzione. Svendono un valore fondante della sinistra per colpire Renzi, ma non mi meravigliano: è gente abituata a cambiare spesso idea…”.

La mozione non ha i numeri per essere approvata in Senato, visto che può contare solo sui voti di M5s (35), Lega (12), Si (8) e alcuni ex M5s (5). Ma al netto dei numeri il Pd, quando si riunirà la Conferenza dei Capigruppo, si opporrà alla richiesta dei pentastellati di cambiare il calendario dell’Aula per inserire la mozione di sfiducia.

Il “niet” del capogruppo Luigi Zanda, concordata con l’ufficio di presidenza del Gruppo Dem, si baserà su questo ragionamento: se si concedesse uno spazio straordinario ad ogni mozione di sfiducia individuale, allora incentiveremo le opposizione a presentarne molte altre come strumento di ostruzionismo, perché per calendarizzarle dovremmo rinviare le proposte di legge della maggioranza, bloccando così il proprio programma di governo.

E solo questa settimana in Aula ci sono le pdl per il contrasto alla povertà, sulla cittadinanza, sul processo penale e sulla commissione di inchiesta su Mps, e una mozione sul sisma. Insomma, come ha detto domenica il premier Gentiloni, la maggioranza vuole riempire lo scampolo di legislatura continuando a lavorare sulle riforme.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

19:59Uccise un consigliere comunale, bracciante assassinato

(ANSA) - PALAGONIA (CATANIA), 23 AGO - Il cadavere di un bracciante agricolo di 58 anni, Francesco Calcagno, ucciso con cinque colpi di pistola, è stato trovato nel suo podere di Palagonia (Ct) dai carabinieri. Calcagno il 4 ottobre dello scorso anno a Palagonia uccise sparandogli in un bar il consigliere comunale Marco Leonardo, di 41 anni e dopo si costituì ai carabinieri confessando l'omicidio e parlando di un credito di 3.000 euro che vantava dalla vittima. Nella sparatoria rimase ferito in maniera non grave il gestore del locale, Paolo Sangiorgi, 52 anni. L'uomo era tornato in libertà, dopo un paio di mesi trascorsi in carcere e dopo aver scontato gli arresti domiciliari fino allo scorso aprile, dopo che il gip aveva riconosciuto la possibilità della legittima difesa. Era stato rinviato a giudizio per omicidio e porto abusivo di armi ed era in attesa della fissazione della prima udienza del processo

19:45Ischia: Merkel a Gentiloni, personalmente colpita

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - La cancelliera tedesca Angela Merkel, in una telefonata avuta oggi con il premier Paolo Gentiloni ha espresso al premier, a quanto si apprende da fonti di governo italiano, il proprio cordoglio, sentendosi personalmente colpita dal terremoto che ha scosso Ischia, dove ha trascorso tante delle sue vacanze italiane.

19:42Ius soli: Ap, nessun accordo sottobanco, non è nel programma

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - "Lo ius soli non rientra né tra le emergenze né tra le necessità impellenti del Paese e non fa parte del programma di Governo. Dunque, non ha nessun legame né con la Legge di Stabilità né con nessun altro aspetto politica. Inoltre, dal momento che riguarda un argomento delicato soprattutto per l'opinione pubblica, non può essere alla base di accordi politici". A dirlo è Valentina Castaldini, portavoce nazionale di Alternativa Popolare. "Il nostro obiettivo ora è portare a casa una Legge di Stabilità che dia slancio alla ripresa dell'economia e favorisca il lavoro dei giovani. Chi racconta di falsi accordi sottobanco - conclude - è fuori strada o si presta a inutili strumentalizzazioni".

19:37Cavalli usati per carrozze in ore calde, multe a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 23 AGO - Nonostante l'ordinanza del Comune di Napoli, hanno utilizzato i cavalli che trainano le carrozze nelle ore più calde della giornata, dalle ore 13 alle 16. Per questo, a piazza Municipio, sono scattate multe per quattro conduttori; uno di loro è stato trovato in pieno divieto per due giorni di seguito ed altrettante volte sanzionato. Ad un secondo conduttore che esercitava al posto della madre titolare è stata ritirata la licenza e sarà trasmessa al servizio comunale che gestisce il rilascio delle licenze per il noleggio con conducente, per gli ulteriori provvedimenti. Tutti saranno segnalati alla direzione sanitaria veterinaria per valutare eventuali sofferenze patite dai cavalli e alla direzione tutela animali del Comune e alla garante degli animali. La sanzione prevista dall'ordinanza comunale va da 25 a 500 euro ma in questi casi non si esclude l'ipotesi del maltrattamento o la sospensione delle licenze.

19:30Anarchici: giudici, su Fuoriluogo no prove piano criminale

(ANSA) - BOLOGNA, 23 AGO - In quasi due anni di intercettazioni non è mai stata colta "nessuna pianificazione di imprese criminali" da parte degli anarchici di Fuoriluogo. E' l'osservazione nelle motivazioni della sentenza della Corte di Appello di Bologna che ha confermato le assoluzioni per frequentatori del circolo di via San Vitale, sequestrato nel 2011 quando scattarono misure cautelari. Il Pm Morena Plazzi aveva portato a processo 21 militanti, assolti a marzo 2014. Poi ha impugnato la decisione per 14 posizioni per associazione a delinquere, ma i giudici di appello hanno condiviso l'impostazione del tribunale sulla mancanza del 'pactum sceleris' tra imputati. Le conversazioni intercettate, si legge, "hanno ad oggetto la ricerca di una strategia capace di diffondere l'ideologia anarchica e di attirare l'attenzione su temi sociali ritenuti di assoluto rilievo" e "possono giungere al compiacimento quando è colpita la repressione", ma "non contengono la benché minima traccia di progettazione criminosa, né la presuppongono".(ANSA).

19:22Brasile: affonda nave passeggeri, almeno 7 morti

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 23 AGO - Una nave passeggeri con 70 persone a borda è affondata nel fiume Xingu, nel nord del Brasile. Sono almeno 7 i morti accertati ma ci sono decine di dispersi. Ancora ignote la cause del naufragio. Venticinque persone sono riuscite a nuotare fino alla sponda, secondo i servizi di emergenza dello Stato del Parà. La nave era salpata lunedì notte da Santarem ed era diretta a Vitoria do Xingu. Nel nord del Brasile non ci sono grandi strade e usare la nave come mezzo di trasporto è molto comune.

19:13Seu: bimba francese ricoverata a Bari,condizioni stazionarie

(ANSA) - BARI, 23 AGO - Sono stazionarie e al momento sotto controllo le condizioni di una bambina francese di 18 mesi ricoverata con sindrome Seu (Sindrome emolitico-uremica) all'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. La bambina era ospite per turismo con la famiglia in una masseria di Copertino (Lecce) quando ha avvertito i primi sintomi domenica mattina ed è stata inizialmente ricoverata nell'ospedale del paese. Nel pomeriggio di domenica la bimba è stata trasferita a Bari e ricoverata nell'ospedale Giovanni XXIII. Qui, sottoposta ad accertamenti, è stata confermata la patologia e sono state avviate le cure del caso con dialisi ed emotrasfusioni. Parallelamente sono state avviate dalla ASL di Lecce le indagini epidemiologiche per individuare eventuali altri casi. L'ipotesi è che la minore abbiamo contratto il batterio da formaggio fresco fatto con latte non adeguatamente pastorizzato.

Archivio Ultima ora