Pressing del M5s, battaglia sulla sfiducia a Lotti. Renzi nel mirino

Pubblicato il 06 marzo 2017 da ansa

Da regole pedoni a fuga cervelli;proposte legge M5S

ROMA. – Il “non poteva non sapere” che spesso echeggiò nelle indagini di Mani Pulite, risuona oggi nella vicenda dell’inchiesta Consip. A pronunciare la frase sono Luigi Di Maio e i capigruppo di M5s, che chiamano in correo Matteo Renzi. Un innalzamento dello scontro politico in chiave giudiziaria che avrà poi il primo passaggio parlamentare: la Conferenza dei Capigruppo del Senato dovrà discutere infatti la richiesta di M5s di calendarizzare subito la mozione di sfiducia al ministro Luca Lotti, richiesta alla quale il Pd si opporrà. Con la probabile soluzione che i tempi per l’arrivo in aula si dovrebbero alquanto allungare.

I primi a domandarsi retoricamente se l’ex premier non fosse a conoscenza dell’inchiesta Consip, sono stati i capigruppo di M5s di Camera e Senato, Vincenzo Caso e Michela Montevecchi. Ma a tirare in ballo esplicitamente Renzi è Di Maio, che dopo aver attaccato Lotti (“siamo al ministro rivelatore delle indagini”), porta l’affondo: “Renzi non minimizzi questa torbida storia di tangenti. Renzi non poteva non sapere”, visto che è coinvolto il papà Tiziano e, per una vicenda collaterale, Lotti.

Il vicepresidente della Camera ha poi sostenuto che la dimostrazione che Lotti sia colpevole, è dimostrata nel fatto che non abbia querelato Marroni, colui che lo ha accusato di avergli rivelato dell’inchiesta Consip. Affermazione che avrebbe fatto sorridere Lotti: essendo stato interrogato dai magistrati – spiega chi lo ha sentito – non c’è bisogno di querela, dato che la eventuale “notitia criminis” della calunnia di Marroni i Pm l’hanno avuta.

Lotti è difeso da quasi tutto il Pd, a cominciare da Andrea Orlando, collega di Lotti al governo ma concorrente di Renzi per la segreteria del Pd. Freddo Michele Emiliano, che continua a sollecitare il ministro dello sport al passo indietro (“ma non spetta a me chiederle”).

Un po’ in difficoltà Mdp. I bersaniani hanno fatto una scissione dal Pd avendo tra gli obiettivi il prolungamento della legislatura alla sua scadenza naturale: ora chiedono in coro le dimissioni di Lotti, che indebolirebbero ulteriormente Renzi, ma anche il governo Gentiloni che vogliono sostenere. La capogruppo in Senato Cecilia Guerra ha detto che Mdp non voterà la mozione di sfiducia, ma che forse presenterà un “documento” critico con il ministro renziano.

Ernesto Carbone, Dem vicino a Renzi critica a sua volta Mdp: “Il garantismo è scritto nella Costituzione. Svendono un valore fondante della sinistra per colpire Renzi, ma non mi meravigliano: è gente abituata a cambiare spesso idea…”.

La mozione non ha i numeri per essere approvata in Senato, visto che può contare solo sui voti di M5s (35), Lega (12), Si (8) e alcuni ex M5s (5). Ma al netto dei numeri il Pd, quando si riunirà la Conferenza dei Capigruppo, si opporrà alla richiesta dei pentastellati di cambiare il calendario dell’Aula per inserire la mozione di sfiducia.

Il “niet” del capogruppo Luigi Zanda, concordata con l’ufficio di presidenza del Gruppo Dem, si baserà su questo ragionamento: se si concedesse uno spazio straordinario ad ogni mozione di sfiducia individuale, allora incentiveremo le opposizione a presentarne molte altre come strumento di ostruzionismo, perché per calendarizzarle dovremmo rinviare le proposte di legge della maggioranza, bloccando così il proprio programma di governo.

E solo questa settimana in Aula ci sono le pdl per il contrasto alla povertà, sulla cittadinanza, sul processo penale e sulla commissione di inchiesta su Mps, e una mozione sul sisma. Insomma, come ha detto domenica il premier Gentiloni, la maggioranza vuole riempire lo scampolo di legislatura continuando a lavorare sulle riforme.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

00:15Calcio: Juric, con il Chievo la sfida più importante

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Non sono dispiaciuto della prestazione dei ragazzi. Sono consapevole del divario, la Juve ci ha punito alla prima occasione ma la squadra ha fatto il massimo e non ho nulla da rimproverare". Ivan Juric guarda già oltre il 4-0 incassato sul campo della Juventus. Il Genoa è atteso dalla partita con il Chievo, fondamentale: "Sì, ora noi abbiamo cinque finali, dobbiamo essere tutti uniti per conquistare la salvezza perche sarà durissimo. Ho pensato a questo nei cambi di Laxalt e Burdisso". "Ora avremo tre partite in casa su cinque e dobbiamo fare il massimo numero di punti possibili - conclude l'allenatore - La classifica non ci dà garanzie. Contro il Chievo sarà una delle partite più importanti della storia recente del Genoa, dovremo vincere a tutti i costi: l'ambiente dovrà essere molto unito".

23:50Calcio: Allegri, per scudetto non è ancora fatta

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Avevamo tre partite da vincere: Pescara, Empoli e Genoa. I ragazzi sono stati bravi a vincerle. Non era facile contro il Genoa che ha fatto bene con la Lazio e ha cambiato l'allenatore, poi dopo la Champions poteva esserci un calo fisico e mentale. Invece i ragazzi sono stati molto bravi". Massimiliano Allegri, nel corso del programma 'Serie A live', loda la Juventus dopo il 4-0 al Genoa. Lo scudetto, però, ancora non se lo sente in tasca: "No, però ora ci mancano otto punti perché la Roma può arrivare a 90 e ci mancano 5 partite. Non dimentichiamoci che abbiamo ancora lo scontro diretto, senza la matematica non si può parlare di Scudetto". Una vittoria che rende più tranquillo l'avvicinamento alle semifinali di Champions: "Ora avremo qualche giorno per preparare la trasferta di Bergamo e poi quella di Monaco. Ho la possibilità di cambiare molti giocatori per avere sempre energie fresche. C'è molto entusiasmo, ma dobbiamo pensare a una gara alla volta perché per il momento non abbiamo vinto niente".

23:44Portavoce Merkel, auguri a Macron

(ANSA) - BERLINO, 23 APR - "Bene che Emmanuel Macron con il suo corso per una forte Europa e un'economia sociale di mercato abbia avuto successo. Auguri per le prossime due settimane". È quello che ha twittato Steffen Seibert, portavoce di Angela Merkel, commentando il primo risultato delle elezioni francesi.

23:38Macron, ‘sarò presidente contro i nazionalismi’

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Spero tra 15 giorni di diventare presidente del popolo francese, dei patrioti, per farla finita con tutti i nazionalismi": lo ha detto Emmanuel Macron, vincitore del primo turno alle presidenziali francesi. Voglio andare oltre" i risultati di stasera "e unire tutti i francesi". Lo ha detto il leader di En Marche! Emmanuel Macron davanti ai suoi sostenitori in festa. "Porterò avanti l'esigenza di ottimismo e la speranza che noi vogliamo per il nostro Paese e per l'Europa", ha aggiunto. 'Oggi domenica 23 aprile il popolo francese si è espresso. Nel momento in cui il nostro paese attraversa un periodo inedito della nostra storia, colpita dal terrorismo e dalle sofferenze economiche ha risposto nel più bello dei modi, andando a votare massicciamente e ha deciso di mettermi in testa al primo turno", ha detto ancora Macron che parlava con alla spalle la bandiera francese e quella europea.

23:36Calcio: Barcellona vince 3-2 a Madrid, decide Messi

(ANSA) - ROMA, 23 APR - Un gol di Leo Messi al 47' della ripresa ha deciso il 'Clasico' e decretato il successo del Barcellona sul terreno del Real Madrid. I catalani hanno così momentaneamente agganciato la squadra allenata da Zidane in vetta alla Liga, con 75 punti, ma il Real deve recuperare una partita. Al Santiago Bernabeu i padroni di casa sono passati per primi in vantaggio con la rete di Casemiro al 28', pareggiata appena cinque minuti dopo dal solito Messi, su assist di Rakitic. Il quale, al 28' della ripresa, ha portato il Barcellona in vantaggio con un sinistro preciso da fuori area. Al 32' il Real è rimasto in 10 per l'espulsione di Sergio Ramos, intervenuto fallosamente su Messi. Ma è riuscito comunque ad agguantare il pareggio al 40' con la rete di Jaimes Rodriguez. Il 2-2 poteva stare bene al Real, non al Barcellona che ha continuato ad attaccare, fino ad essere premiato dall'ennesima magia della 'Pulce'.

21:51Le Pen, ‘io la grande alternativa. Macron erede Hollande’

(ANSA) - HENIN-BEAUMONT, 23 APR - "Io vi propongo l'alternanza fondamentale che fondi un'altra politica. Questo non accadrà con l'erede di François Hollande e del suo quinquennato catastrofico". Lo ha detto Marine Le Pen ai militanti nel suo quartier generale, senza tuttavia nominare il suo avversario al secondo turno, Emmanuel Macron. "Mi avete portato al secondo turno delle presidenziali. Ne sono onorata con umiltà e riconoscenza. Vorrei esprimere a voi elettori patrioti la mia più profonda gratitudine. E' un risultato storico, un atto di fierezza di un popolo che solleva la testa, che confida nel futuro", ha aggiunto.

21:40Francia: Fillon si schiera con Macron, ‘fermare Le Pen’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Francois Fillon riconosce la sconfitta e invita gli elettori a votare per Emmanuel Macron contro Marine Le Pen. "L'estremismo porta solo disgrazie e divisioni", ha detto. "Non sono riuscito a convincervi - ha detto Fillon davanti ai suoi - al momento giusto la verità su queste elezioni sarà scritta. E' una mia sconfitta, io solo ne debbo portare il peso. Alle legislative potranno far sentire la voce del centro e della destra, per questo vi chiedo di restare uniti e determinati". "In attesa - ha continuato - dobbiamo scegliere chi è preferibile, l'astensione non fa parte dei miei geni, soprattutto quando c'è un partito estremista, conosciuto per la sua violenza e l'intolleranza. Il suo programma porterebbe il paese al fallimento, aggiungerebbe caos europeo. Non c'è altra scelta che votare per Emmanuel Macron".

Archivio Ultima ora