Libertadores, debutto vittorioso per la Chapecoense con dedica speciale

Pubblicato il 08 marzo 2017 da redazione

CARACAS – Pregare nello spogliatoio, farsi il segno della croce ogni volta che si entra in campo o indicare il cielo dopo il gol. Per molti giocatori la fede in Dio va al di là del terreno di gioco. In alcuni spogliatoi ci sono dei posti speciali dove pregare: con figurine dei santi e le candeline. Come una sorta di santuario. Uno di questi casi, è quello della Chapecoense, che ieri sera ha espugnato il Pachencho Romero di Maracaibo battendo per 1-2 lo Zulia. Questa era la prima gara oltre i confini del proprio paese per la formazione brasiliana, 99 giorni dopo la tragedia.

Al 33’ è Reinaldo a sbloccare il risultato con un missile che non lascia scampo al portiere Renny Vega (non esente da colpe) su calcio di punizione dalla destra. Nella ripresa arriva il raddoppio di Luiz Antonio al 69′. Indolore il goal del 2-1 per i venezuelani firmato da Juan Arango (78’).

Per la Chapecoense, la vittoria contro lo Zulia in Copa Libertadores è il simbolo della rinascita, una sorta di punto di ripartenza 99 giorni dopo la tragedia di Medellín. Quella del Pachencho Romero è stata la prima partita fuori dai confini brasiliani per la ‘Chape’. E che miglior modo per ritornare a giochare a livello che nello scenario della prestigiosa Coppa Libertadores.

L’occasione giusta per sorridere e lasciarsi alle spalle il dolore, e questa volta piangere ma dalla gioia. Della rosa per la massima manifestazione continentale fanno parte anche due sopravvissuti al disastro: Neto e Alan Ruschel. Entrambi non sono ancora pronti per tornare in campo, ma hanno voluto comunque viaggiare assieme ai compagni di squadra ed essere presenti alla gara. Ed ora la Chapecoense può continuare a coltivare quel sogno di sedersi sul tetto d’America.

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

19:32Confederations: Cile-Australia 1-1

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Il Cile si è qualificato per le semifinali della Confederations Cup pareggiando 1-1 con l'Australia in una partita del gruppo B giocata oggi allo Spartak Stadium di Mosca. Reti di Troisi al 42' pt e Rodriguez al 22' st. In semifinale i cileni affronteranno il Portogallo mercoledì a Kazan. Questa la classifica finale del gruppo B: Germania 7 3 2 1 0 7 4 Cile 5 3 1 2 0 4 2 Australia 3 3 0 2 1 4 5 Camerun 1 3 0 1 2 2 6.

19:31Confederations: 3-1 al Camerun, Germania in semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - La Germania si è qualificata per le semifinali della Confederations Cup vincendo il gruppo B grazie al successo di oggi per 3-1 (0-0) sul Camerun in un match giocato a Sochi. Le reti sono state segnate da Demirbay al 3' st, Werner al 21' st e al 36' st e Aboubakar al 33' st. Giovedì prossimo a Sochi i tedeschi affronteranno il Messico nella seconda semifinale.

18:56Fifa: confermata inchiesta su Russia,doping a Mondiali 2014

(ANSA) - ZURIGO (SVIZZERA), 25 GIU - La Fifa ha confermato che sta collaborando con l'agenzia mondiale antidoping nell'indagine successiva ad articoli del giornale 'Daily Mail', secondo cui i 23 giocatori che hanno partecipato al Mondiale di Brasile 2014 sono sotto inchiesta da parte per doping. A questi se ne aggiungerebbero altri 11 all'epoca non convocati. Nel suo comunicato l'ente calcistico mondiale precisa che i giocatori russi vennero "tutti sottoposti a controlli a sorpresa su sangue ed urina", e che tali test dettero esito negativo. Ci sono poi stati anche i controlli del post-partita, anche questi negativi. "La Fifa ha inviato i campioni organici affinché venissero analizzati in un laboratorio di Losanna accreditato presso la Wada". Quattro 'reduci' di quella nazionale russa hanno giocato anche nella Confederations Cup in corso: Kanunnikov, Glushakov, Akinfeev e Samedov. Il presidente della federcalcio russa Vitaly Mutko, ha negato qualsiasi ipotesi di doping nel calcio e ha accusato i media britannici di "cospirazione".

18:55Shaesta, la mia impresa su un monomotore

(ANSA) - CAGLIARI, 25 GIU - Ieri Londra, domani Atene. E oggi Cagliari, unica tappa in Italia. Poi Cairo, Manama, Dubai, Mumbai, Calcutta e tanti altri aeroporti. Sino al ritorno al punto di partenza, Daytona beach, in Florida. Shaesta Waiza, ventinove anni è una pilota afghana, ma trasferita a Richmond, Stati Uniti, da quando era bambina. Da sola sta cercando di fare il giro del mondo a bordo di un piccolo aereo. Un monomotore a pistoni, appositamente equipaggiato per la coraggiosa impresa. Tanta fatica, ma anche tanta gioia. Quando è arrivata all'aeroporto di Cagliari Elmas, alle 14, era raggiante. A riceverla il vicepresidente della Sogear, Gabor Pinna, e il direttore di Enac Sardegna, Marco Di Giugno. Sembrava, nonostante il gran caldo, fresca come una rosa. "Sardegna, Italia, bellissimi posti - ha detto subito dopo essere scesa dal suo fedele compagno di viaggio - sono contentissima di essere qui". Ma non è né un giro turistico, né una scommessa personale. Una sfida, quella sì. Per dare coraggio ad altre donne. Come lei. Per dire che ce la possono fare. A volare, a fare il giro del mondo. In senso stretto, ma anche in senso metaforico. Lontano dalle violenze, dalle limitazioni, dalle barbarie. Lontano da quello che succede in Afghanistan: "Il burka? - ha spiegato - a Kabul c'è abbastanza libertà per le donne, ma nel resto del Paese la situazione è diversa. Poi dipende anche dalle famiglie". Un giro del mondo che suona come un invito a tutte le ragazze del mondo. A guidare gli aerei, o comunque a volare alto: "Se credete in voi stesse - ha sottolineato sull'aeroporto di Elmas - potete farcela, potete inseguire il vostro sogno e raggiungere qualsiasi cosa desideriate". Un'occasione di incontro, visti i temi comuni sulla parità di genere, che non si sono lasciate sfuggire le donne della rete Heminas e dell'Associazione Giulia Giornaliste: una delegazione ha avuto modo di scambiare le esperienze tra i due Paesi in un colloquio, con la pilota, aperto e produttivo. Un messaggio quello sulle pari opportunità lanciato anche dal sito internet Dream Soar, quartier geniale virtuale dell'impresa. "Solo lo 0,6% dei piloti sono donne. Le ragazze hanno bisogno di sapere che possono farcela". (ANSA).

18:49Sanità:Campania, consiglieri Verdi,scarafaggi al Loreto Mare

(ANSA) - NAPOLI, 25 GIU - Il consigliere regionale dei Verdi della Campania, Francesco Borrelli, in una nota dice di aver ricevuto la segnalazione che alcuni "scarafaggi sono stati trovati al reparto di Radiologia dell'ospedale 'Loreto Mare'" di Napoli. Si tratta, a suo giudizio, di una ulteriore testimonianza di sporcizia e di degrado. "Per questo chiedo immediatamente come è già avvenuto per l'ospedale San Paolo e il San Giovanni Bosco - aggiunge Borrelli - che sia realizzata rapidamente una disinfestazione dell'ospedale e insisto nel chiedere che siano rapidamente bandite le gare per realizzare nuove gare d'appalto per le pulizie degli ospedali della Asl Napoli e di tutta la Campania in generale". Borrelli fa sapere, infine, che domani si recherà al Loreto Mare "per ottenere immediate spiegazioni dal Direttore Sanitario".(ANSA).

18:47Moto: Renzi “giù il cappello per Rossi, entusiasma mondo”

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - "Per noi amanti dello sport fine settimana con più luci che ombre. Peccato per la Ferrari anche se comunque Vettel mette in cascina altri due punti in più di Hamilton. Ma il weekend sportivo è segnato da alcune prodezze, tra le quali mi è impossibile non citare quella di Federico Bernardeschi nell'Under21 che vola in semifinale. Ma il gradino più alto del podio, tanto per cambiare, spetta a lui, Valentino Rossi che vince in Olanda. Ormai sono finiti anche gli aggettivi per definirlo: semplicemente giù il cappello per un pilota che a 38 anni continua a entusiasmare il mondo". Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi.

18:45Ciclismo: Aru tricolore, lacrime per Scarponi

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Lacrime di Fabio Aru, che si è commosso mentre commentava a caldo la sua vittoria nel campionato italiano professionisti, con dedica a un compagno di squadra nell'Astana che non c'è più. "Sto correndo con la maglia di Michele Scarponi - ha detto commuovendosi il sardo neocampione d'Italia -, me l'aveva data a Sierra Nevada e ora la restituirò alla famiglia. La vita è fatta di momenti belli e brutti, l'importante è rialzarsi, ma sto ritrovando la luce". "E' stata veramente dura - ha aggiunto Aru -, sono andato a tutta e ho deciso di attaccare in salita perché volevo fare la differenza, e ci sono riuscito".

Archivio Ultima ora