8 marzo: parità linguistica, linee guida dal Piemonte

Pubblicato il 08 marzo 2017 da ansa

TORINO. – Il Piemonte è in prima fila contro le discriminazioni di genere nascoste nel linguaggio: stereotipi e maschili inclusivi saranno banditi non solo dagli atti interni all’amministrazione regionale, ma anche dalle leggi. La scelta, portata avanti con convinzione dal presidente del Consiglio regionale Mauro Laus, arriva alla fine di un complesso lavoro il cui frutto sono delle linee guida che ora Laus intende proporre anche alla Conferenza dei presidenti dei Consigli regionali italiani, di cui è coordinatore per le politiche di genere.

Una proposta che troverà sensibile il livello centrale, visto l’impegno espresso su questi temi dalla presidente della Camera, Laura Boldrini. E poiché, come rimarca la segretaria generale del Consiglio regionale piemontese Aurelia Jannelli “le parole cambiano il pensiero”, presto nello Statuto regionale del Piemonte dovrebbe comparire un nuovo articolo: “La Regione – questo il testo previsto – adotta nella propria attività un linguaggio non discriminatorio e rispettoso dell’identità di genere”.

Le linee guida sono state redatte con la collaborazione di linguisti e giuristi, vincendo alcuni scetticismi inizialmente presenti, è stato rivelato, perfino all’interno del stesso gruppo di lavoro. Obiettivo, una sorta di rieducazione linguistica che induca un cambiamento culturale e di mentalità. Nella convinzione che il linguaggio non si limiti a descrivere l’esistente ma contribuisca alla costruzione e al rafforzamento di vecchi e nuovi stereotipi.

“La sorpresa emersa da questo lavoro – ha detto presentando le linee guida Jannelli, che ha coordinato l’operazione – è che basta rispolverare la grammatica italiana, senza bisogno di alcuna forzatura. Il documento che abbiamo redatto contiene anche un glossario e delle indicazioni per usare un linguaggio neutro, per esempio ‘chi presiede’ anziché il/la presidente”.

“Quanto fatto dal Piemonte – ha rimarcato la linguista Rachele Raus dell’Università di Torino – rappresenta una novità nel panorama italiano. E’ uno sforzo unico, esempio fondamentale di quanto di deve fare per passare dalla teoria alla pratica”.

“Per noi uomini – ha affermato Laus – l’8 marzo è il giorno della vergogna. Guardando al percorso non ancora concluso per la parità di genere provo un profondo disagio, che mi induce a dare concretezza alle parole. Non vogliamo aggiustare la grammatica ma fare in modo che venga usata in modo corretto, liberandoci dalla schiavitù delle cattive abitudini”.

(di Barbara Paloschi/ANSA)

Ultima ora

12:53Birmania: Cina sui Rohingya, sosteniamo ‘pace e stabilità’

(ANSA) - PECHINO, 21 OTT - La Cina sostiene la Birmania nelle attività "a tutela di pace e stabilità" rifiutando di unirsi alle altre nazioni che hanno denunciato una pulizia etnica in corso a danno dei Rohingya, la minoranza musulmana nel Paese. Pechino condanna inoltre gli "atti di violenza e terrore" sostenendo le azioni per ristabilire l'ordine, ha detto Guo Yezhou, vice ministro del Dipartimento internazionale del Partito comunista cinese, in una conferenza stampa a margine del 19/mo congresso del Pcc, all'apparenza in merito alle mosse dei ribelli Rohingya contro le forze di sicurezza birmane.

12:41Madrid, da Puigdemont ‘disobbedienza sistematica’

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Per il governo spagnolo il president catalano Carles Puigdemont si è reso responsabile di una "disobbedienza ribelle, sistematica e consapevole" degli obblighi previsti dalla legge e dalla costituzione e ha "gravemente attentato" all'interesse generale dello stato. Lo affermano le motivazioni della richiesta di attivazione dell'articolo 155 all' esame della riunione straordinaria del consiglio dei ministri a Madrid.

12:30Droga: spaccio via WhatsApp, 9 indagati

(ANSA) - BERGAMO, 21 OTT - Nove persone - 7 marocchini e due italiani, tra i 20 e i 50 anni - sono state indagate nell'ambito di un'operazione antidroga dei carabinieri di Treviglio (Bergamo), supportati dai colleghi cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Eseguite all'alba dieci perquisizioni di locali pubblici e abitazioni. Lo spaccio avveniva tramite WhatsApp e l'operazione è stata infatti ribattezzata 'WhatsApp 2017'. Per l'accusa, i magrebini avevano attivato una fitta rete di spaccio sulla piazza di Treviglio, ma non solo. Anche i comuni di Medolago, Terno d'Isola, Calusco d'Adda, Bonate Sopra, Chignolo d'Isola e Casirate d'Adda erano piazze 'occupate' degli indagati che trafficavano in prevalenza in cocaina, ma anche in hashish. Lo spaccio avveniva per strada, nei giardini pubblici ma anche in bar del centro di Treviglio. (ANSA).

12:29Anche Catalunya Radio seguirà referendum

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Anche Catalunya Radio è fra i 130 media accreditati per poter seguire l'andamento del voto e dello spoglio delle schede del referendum sull'autonomia che si terrà domani in Lombardia. Lo spiega Gianni Fava, assessore e coordinatore della consultazione per la Regione. A Palazzo Lombardia, nella Sala Biagi, è stata allestita una sala stampa che sarà operativa dalle 7 di domani mattina fino al termine dello scrutinio. Fra le testate accreditate, numerose sono straniere come l' agenzia di stampa Russia Oggi, le emittenti televisive Aptn, BBc arabic, France 24, Euronews, Rtv Sloveija, Rtl Television. Sono previste dirette televisive dalla sala stampa da parte di Rai, Mediaset, Sky e La7 e sui principali siti online dei quotidiani nazionali.

12:24Calcio: Verratti, lasciando il Psg avrei guadagnato di più

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Non mi aspettavo di trascorrere un'estate così. Io non ho mai detto che volevo lasciare il Psg". Marco Verratti, in un'intervista a L'Equipe, racconta la decisione di arrivare a rompere con il suo ormai ex procuratore, Donato Di Campli, per passare alla corte di Mino Raiola. "La gente pensa che sia rimasto al Paris Saint Germain per i soldi, ma avrei potuto guadagnarli anche in altri posti - afferma il centrocampista azzurro - Se la scorsa estate avessi lasciato Parigi ne avrei presi anche di più, c'erano club che offrivano quasi 100 milioni per me. Neymar potrebbe vincere di più nel Manchester City o nel Chelsea, ma ha scelto il Psg per il progetto. Lo stesso ho fatto io". "Raiola lo conoscevo perché era l'agente di Ibrahimovic - spiega tra l'altro Verratti - La sola cosa che gli ho detto era che non volevo più finire sui giornali. Ha esperienza e buoni rapporti con i club. E mi è stato consigliato da Zlatan. Ogni volta che gli ho dato ascolto, in campo e fuori, mi sono trovato bene".

12:03Attacco con coltello a Monaco, è caccia all’uomo

(ANSA) - BERLINO, 21 OTT - È caccia aperta all'uomo, che ha colpito con un coltello a Monaco, ferendo alcune persone (finora quattro). La polizia sta intervenendo "con tutte le forze in campo", ha affermato un portavoce delle forze dell'ordine. Al momento viene ricercato un uomo sulla quarantina, che porterebbe dei pantaloni grigi, una giacca verde e uno zaino. Un identikit reso possibile dalla descrizione fatta sul web da un testimone.

11:46Catalogna: sondaggio, 68% per elezioni

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il 68,6% dei catalani è favorevole alla convocazione di elezioni per uscire dall'attuale crisi istituzionale mentre il 66,5% è contro un commissariamento della regione da parte di Madrid con l'attivazione dell'art.155, secondo un sondaggio Gesop pubblicato da El Periodico. Alla domanda su che cosa dovrebbe fare ora il presidente Carles Puigdemont, il 29,3% risponde chiedendo la proclamazione immediata dell'indipendenza, il 24,8% la rinuncia all'indipendenza e il 36,5% un ritorno alle urne per evitare il commissariamento.

Archivio Ultima ora