Il governo della Gb tira diritto e vara il “bilancio della Brexit”

Pubblicato il 09 marzo 2017 da ansa

(ODD ANDERSEN/AFP/Getty Images)

LONDRA. – Il pessimismo della ragione, l’ottimismo della volontà. Chissà se il conservatore Philip Hammond, cancelliere dello Scacchiere nel governo britannico di Theresa May, ha mai letto il comunista Antonio Gramsci: ma certo è a quel motto arcinoto che sembra ispirare la finanziaria 2017 del regno, la prima dopo il referendum sul divorzio dall’Ue, presentata ai Comuni nella prospettiva d’una Brexit considerata come un destino ormai segnato.

A dispetto del colpo di freno (reversibile) dato dalla Camera dei Lord con l’approvazione di un emendamento alla legge sul via libera al negoziato di divorzio dall’Ue che – se mai restasse in vigore – attribuirebbe al parlamento una sorta di diritto di veto. Il bilancio è segnato da un dato ancora confortante della crescita del Pil, aggiornata al rialzo dall’1,4 all’2% almeno per l’anno prossimo, ha sottolineato Hammond evocando appunto un messaggio “ottimista” sulla Brexit.

Ottimismo “senza compiacimento”, tuttavia, temperato dalla consapevolezza che “le difficoltà” non mancheranno fin dalla transizione negoziale che il governo intende innescare entro marzo. In un contesto in cui i timori di recessione rimangono lontani, ma il trend positivo viene ridimensionato a un +1,7% già nel 2019 (contro le stime precedenti del 2,1), per tornare in linea di galleggiamento nel 2021, se tutto andrà bene.

E intanto l’inflazione cresce: al 2,4% nel 2017, con l’auspicio di un ritorno al 2 dal 2018. Nel complesso la manovra del tandem Hammond-May si configura dunque nel segno della cautela, testimoniata fra le pieghe del testo da un accantonamento d’un cospicuo fondo di riserva per le emergenze: 26 miliardi di sterline calcolati giocando sul tetto del deficit, di cui non dovrebbe essere speso neppure un penny.

Ma testimoniata anche, nero su bianco, da un incremento immediato di tasse (sui contributi sul lavoro autonomo, oltre che su alcolici, tabacco e altro) a copertura di qualche spesa sociale aggiuntiva (2 miliardi in 3 anni); di un limitato aumento di stanziamenti per la devolution (allargata a Londra); del controverso rilancio delle ‘grammar schools’ (simbolo d’istruzione elitaria); per i primi aiuti a settori del business in preda all’incertezza (con annesso sollievo ai pub in crisi).

Resta poi pendente la spada di Damocle di ulteriori interventi fiscali e tagli futuri, a tutela del rivendicato equilibrio dei conti pubblici: secondo un approccio che fa gridare il leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, allo scandalo di una nuova “austerity” e d’un’economia che tira, finche’ tira, tagliando pur sempre fuori “milioni di persone”.

Hammond in ogni modo guarda avanti, giurando sulla sostenibilità d’un bilancio destinato a suo dire a por le basi di “un Paese più forte, più equo e migliore” fuori dall’Ue. Le somme si tireranno alla fine, quando potrebbe essere troppo tardi per ripensarci. Ma per ora l’impianto della manovra rivela che May si sente salda in sella. Alcuni ministri, scrive il Times, starebbero cercando addirittura di convincerla a valutare l’azzardo delle elezioni anticipate, per capitalizzare il consenso che il clima della Brexit pare tuttora garantirle e per approfittare di un Labour “a pezzi”.

Downing Street, però, ha escluso questa strada. Lady Theresa è convinta evidentemente di non averne bisogno e di poter seppellire in un solo giorno gli emendamenti dei Lord (dopo aver silurato a tamburo battente dalla carica di consigliere del governo il vecchio ribelle Michael Heseltine, raro Tory europeista) con la votazione finale ai Comuni di lunedì 13. Per poi avviare davvero il suo testa a testa con Bruxelles. A mani libere.

(di Alessandro Logroscino/ANSA)

Ultima ora

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

20:42Mondadori: giornalisti in stato agitazione, timore chiusure

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Stato d'agitazione per i giornalisti della Mondadori, messi in allarme dalle notizie della possibile vendita e chiusura di alcune testate. L' assemblea ha dato mandato al Cdr di chiedere un immediato incontro con i massimi vertici della Periodici e del gruppo per conoscerne le reali intenzioni. Da subito è stato dichiarato lo stato d'agitazione affidando all'organismo sindacale un pacchetto iniziale di cinque giorni di sciopero. Nelle ultime settimane sono apparse sui giornali notizie su possibili cessioni, chiusure o ristrutturazioni di alcune testate Mondadori (Tustyle, Panorama, Il mio Papa). Da parte sua - si legge in una nota del Cdr - il gruppo editoriale, interpellato dalla rappresentanza sindacale dei giornalisti, non ha smentito possibili vendite, sottolineando la necessità di interventi strutturali nella Periodici Italia. La 'pace sociale' legata all'accordo di stato di crisi del giugno 2017 (fino al giugno 2018) "è stata così slealmente incrinata".

Archivio Ultima ora