Presidente Maduro spera nelle buone relazioni con l’America di Trump

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro

CARACAS – Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, non demorde. E insiste nel considerare indispensabile mantenere relazioni di dialogo e di rispetto con gli Stati Uniti di Donald Trump.
Il capo dello Stato, dopo aver chiesto alle autorità che si agisca con “mano di ferro” nei confronti di chi chiede l’intervento straniero in terra venezuelana, ha confermato che il Paese non rappresenta alcuna minaccia né per gli Stati Uniti né per altri Paesi.
– Tanti sono andati a chiedere che si intervenga in Venezuela – ha affermato il presidente Maduro nel corso di una manifestazione a “Los Próceres” organizzata dal Psuv per condannare ogni manifestazione imperialista.
Il presidente Maduro, evidentemente riferendosi ai deputati che si sono recati all’estero per illustrare la crisi che attraversa il Paese e sollecitare l’applicazione della “Carta Democrática”, ha detto che nessuno “ha immunità per chiedere l’intervento straniero nel Paese”.
Non è mancato il riferimento al decreto di Barack Obama, che considera il Venezuela una minaccia per la sicurezza nordamericana, e la richiesta di derogare il provvedimento.
Il presidente Maduro si è rammaricato per la posizione intransigente presa a suo tempo dall’ex presidente Obama.

Condividi: