Papa: quattro anni di pontificato. Oppositori all’attacco

Pubblicato il 10 marzo 2017 da ansa

CITTÀ DEL VATICANO. – Il quarto anno del pontificato di Francesco, che si conclude lunedì 13 marzo con l’anniversario della “fumata bianca” in Piazza San Pietro, è quello in cui sono più venute allo scoperto le opposizioni alle riforme del Papa “venuto dalla fine del mondo” e al suo modo di intendere la Chiesa e la stessa testimonianza cristiana.

Ed è stato l’atto d’inizio di quella delicatissima – e decisiva – fase in cui si misurerà quanto l’innovazione, per non dire la “rivoluzione” portata dal Pontefice, ormai ottantenne, riuscirà ad attecchire nel profondo, non solo nelle gerarchie cattoliche, dove tuttora sì annidano le maggiori resistenze, ma in tutta la comunità ecclesiale.

Il vero momento di svolta per quanto riguarda l’atteggiamento, ormai non più soltanto strisciante, della “fronda” anti-Bergoglio è stata la pubblicazione, l’8 aprile di un anno fa – nel pieno del Giubileo straordinario della Misericordia -, dell’esortazione apostolica “Amoris Laetitia”, in cui Francesco ha elaborato le sue conclusioni a partire dai due Sinodi da lui convocati sulla pastorale familiare.

E in cui ha sancito la sua apertura sulla “vexata quaestio” dei sacramenti ai divorziati risposati, rimuovendo nella prassi pastorale il vecchio divieto e affidando ai vescovi, in rapporto con i confessori, la possibilità di decidere caso per caso attraverso il necessario “discernimento” e “accompagnamento”, nel segno dell’accoglienza e, appunto, della misericordia.

Un’innovazione contro cui s’erano battuti, prima, durante e dopo i due Sinodi, i cardinali e vescovi più conservatori, e che ha portato allo scatenarsi di una vera e propria battaglia da parte di siti e blog tradizionalisti, allarmatissimi nel denunciare la “confusione” e lo “smarrimento” in cui sarebbero caduti i fedeli e i sacerdoti in tutto il mondo.

Fino all’aperta opposizione di quattro anziani cardinali (Raymond Burke, Carlo Caffarra, Walter Brandmueller e Joachim Meisner) che hanno scritto nel settembre scorso al Papa i loro “dubia” su quelli che ritenevano attentati alla dottrina cattolica (soprattutto la possibilità che ricevessero la comunione coppie di risposati senza l’obbligo della continenza sessuale), senza però ricevere da lui alcuna risposta. Il che, oltre alla pubblicazione della lettera, ha spinto il card. Burke a minacciare il Papa di un atto formale di “correzione”.

Lo stesso Burke è stato al centro di un altro caso: l’inedita ribellione del vertice dell’Ordine di Malta, di cui è tuttora cardinale patrono, contro la decisione del Papa di istituire una commissione d’inchiesta sul’estromissione del gran cancelliere Albrecht von Boeselager.

Vicenda poi conclusasi con la destituzione da parte di Francesco del gran maestro Matthew Festing (quindi l’indizione di nuove elezioni), il reintegro di Boeselager, la nomina di un delegato papale nella persona di mons. Angelo Becciu e, di fatto, l’esautoramento di Burke, poi spedito sull’isola pacifica di Guam a indagare su un caso di pedofilia.

Nonostante le opposizioni, nonostante i manifesti anonimi che lo hanno preso di mira a Roma, nonostante le critiche, o le tesi sull’esistenza di “due Papi”, Francesco va avanti sulla sua strada: segna momenti storici come l’incontro a Cuba col patriarca di Mosca Kirill o la partecipazione a Lund, in Svezia, alle celebrazioni per i 500 anni della Riforma (anche la ‘riabilitazione’ di Lutero gli ha attirato violenti attacchi), ricuce i rapporti con l’università sunnita di Al-Azhar, spinge ancora per l’attuazione della riforma economica, per una Curia sempre più sobria, per una lotta senza quartiere verso gli abusi sessuali e chi li copre.

Ma anche qui, le recenti dimissioni della ex vittima Marine Collins dalla Commissione pontificia anti-pedofilia, hanno clamorosamente dimostrato che dentro e fuori le mura vaticane Bergoglio ha ancora tanto lavoro da fare.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

05:09Terremoto Ischia: estratto vivo bimbo sette mesi

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - E' stato estratto vivo il neonato di sette mesi rimasto intrappolato sotto le macerie di una casa crollata a Casamicciola, ad Ischia, in seguito al terremoto. Lunghissimo applauso dei soccorritori che dicono 'sta benissimo'. La mamma è corsa sulle macerie per andargli incontro. Ora si scava per estrarre i suoi fratellini.

04:06Terremoto Ischia: ultimo bilancio, due donne le vittime

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Al momento sale a due morti, quattro persone tratte in salvo e tre bimbi ancora sotto le macerie il bilancio del terremoto che ieri sera ha colpito il comune di Casamicciola, sull'isola di Ischia. Poco dopo mezzanotte un uomo ed una donna sono stati estratti vivi dalle macerie, poi è stata salvata un'anziana risultata ferita. Poco fa, tratto in salvo anche il papà dei bimbi che sono ancora sotto le macerie.

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

00:46Terremoto Ischia: Napoli ‘vicini a famiglie colpite’

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Vicini alle famiglie colpite dal terremoto: Ischia''. Con un breve tweet che termina con un cuore azzurro sul suo profilo social, il Napoli, impegnato domani nel ritorno del preliminare di Champions League a Nizza, dimostra la sua vicinanza alla popolazione di Ischia colpita dal terremoto.

00:21Trump e Melania ammirano eclissi, lui sbircia senza occhiali

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Anche Donald Trump e Melania hanno osservato l'eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady l'hanno ammirata dal Truman Balcony della Casa Bianca. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sbirciato per qualche secondo il sole durante l'eclissi senza occhiali protettivi, contravvenendo così ai consigli ripetuti da più parti di proteggere accuratamente gli occhi.

Archivio Ultima ora