Juve all’ultimo respiro, ma è rabbia rossonera

Pubblicato il 11 marzo 2017 da ansa

Massimiliano Allegri
DI MARCO

TORINO. – Si erano appena spente le polemiche di Juve-Napoli ed eccone altre a infiammare il campionato: con il Milan, nell’anticipo della 28/a giornata, vince la Juve con un calcio di rigore al 94′ concesso da Massa dopo un consulto con l’arbitro d’area Doveri per un fallo di mano di De Sciglio sull’ultimo cross, alla disperata, di Lichsteiner. Il pallone forse sbatte contro il braccio del difensore rossonero, ma la posizione è molto ravvicinata.

Più no che sì, insomma, ma Massa dopo tre minuti di proteste e rabbia rossonera indica il dischetto. Dybala, spazzando via una volta per tutte l’errore di Doha batte Donnarumma che protende corpo, braccia e dita cercando di toccare il pallone, ma non ci arriva e si abbatte sul prato dello ‘Stadium’ incredulo e deluso.

Finisce con i tifosi Juve in visibilio, molti giocatori del Milan furibondi, quasi accerchiano l’arbitro in mezzo al campo. Un successo pesantissimo, quello della Juve, bloccata da uno straordinario Donnarumma fino al discusso epilogo: il secondo pareggio consecutivo, il primo in casa dopo una serie di 30 successi consecutivi in campionato, avrebbe riaperto il campionato.

Con quel finale, la Juve invece, riprende la corsa. Ma tanti sono stati gli errori in fase di disimpegno e ripartenza di una squadra apparsa stanca, annebbiata nel secondo tempo, forse un effetto collaterale, alla distanza, anche del dispendioso 4-2-3-1.

Una colica intestinale dell’ultima ora ha costretto Allegri, già privo dello squalificato Cuadrado, a ritoccare ancora il 4-2-3-1 cambiando entrambi gli esterni del tridente dietro Higuain: Pjaca sulla sinistra, con Dani Alves a destra.

Nel Milan Suso in panchina per un fastidio muscolare, fuori Locatelli febbricitante. Pronti via e il Milan prova a mordere sul collo la Juve: Delofeu, che in Coppa Italia aveva portato i rossoneri a un passo dal pareggio in extremis, soffia la palla ad Asamoah, il suo cross viene ribattuto.

Ci vogliono 1′ e 45″ prima che la Juve riesca a superare la metà campo, ma poi prende il sopravvento, e comincia a bombardare Donnarumma: 4′, controllo in area di Pjaca, finta e tiro con gran risposta del portiere rossonero. Al 9′ protesta Dybala che rovina a terra per un tocco sul suo piede destro; poi la ‘Joya’ calcia un sinistro con palla alta, ma ancora Donnarumma si oppone.

Higuain su assist di Pjaca aggiusta la mira e scarica una palla velenosa perché rimbalza proprio davanti a Donnarumma che però respinge con prontezza. Il Milan capitola al 24′: Paletta e Romagnoli si fermano pensando che Benatia sia in fuorigioco, il difensore bianconero, in lnea, può controllare e battere Donnarumma.

Liscio di Bonucci ma Bacca fallisce l’aggancio e la fuga verso Buffon (36′), Delofeu si tuffa platealmente e Massa lo punisce con il giallo, ma è il catalano a scappare sul contropiede aperto da Pasalic e a imbeccare Bacca per il pareggio rossonero al 43′.

La ripresa si apre con Donnarumma in volo sulla punizione di Pjanic, sull’angolo Bacca rischia l’autogol, poi il portiere rossonero toglie dalla porta un tiro ravvicinato di Khedira (8′) spazza Roamagnoli. Bacca, dolorante per una botta, esce sostituito da Kucka, diagonale sul palo più lontano di Pjaca dopo errore grave di De Sciglio, fuori di qualche centimetro (15′); traversa Pjanic con deviazione di Donnarumma.

Pjaca spara alto un contropiede su assist di Dani Alves. Azione travolgente Juve: duetto Higuain-Dyvbala, ma l’ultimo passaggio è un rimpallo sulle gambe del numero 21. Doppia pararissima di Donnarumma su Khedira prima e rovesciata di Higuain. La sicurezza bianconera si incrina: destro Sosa, respinge Buffon 30′ che poi disorienta Delofeu (32′) arrivano a tu tu con il portiere dopo un retropassaggio suicida di un dolorante Benatia.

Donnarumma para rtutto, su Khedira, due volte Higuain, si arrende solo al rigore quando sul cronometro scorre il minuto 52.

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

18:05Calcio: ufficiale, la Fiorentina è in vendita

(ANSA) - FIRENZE, 26 GIU - La Fiorentina è in vendita. La decisione, presa direttamente da Diego e Andrea Della Valle, è stata annunciato sul sito ufficiale del club viola: "La proprietà della Acf Fiorentina comunica di essere assolutamente disponibile, vista l'insoddisfazione di parte della tifoseria, a farsi da parte e mettere la società a disposizione di chi voglia acquistarla per poterla poi gestire come ritiene più giusto fare".

18:04Tiro: double trap, quasi impossibile che torni a Giochi

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Voglio essere onesto, è quasi impossibile che il Double Trap dopo il 2020 torni nel programma". Con queste parole, riferite alle Olimpiadi e dette al sito britannico 'Inside the Games' a margine dell'Assemblea straordinaria di Monaco, il presidente della federazione mondiale di tiro (Issf) Olegario Vazquez Rana smorza le speranze di quanti, fra tecnici e tiratori, auspicavano un ritorno al passato dopo i Giochi di Tokyo. "E' una disciplina costosa, il doppio delle altre - ha aggiunto il presidente della Issf - e le donne non la praticano anche per via del peso delle armi sulle loro spalle, che in questo caso è notevole. Negli ultimi 15-20 anni praticamente non ci sono state donne che si sono dedicate al double trap, e noi dobbiamo seguire le indicazioni del Cio: se non c'è' 'equity gender', non ci può essere spazio per certe prove. E tutto questo vale, parzialmente, anche per la gara di pistola da 50 metri".

18:04Appalto rifiuti pilotato: assolto ex sindaco di Sestu

(ANSA) - CAGLIARI, 26 GIU - Sentenza riformata. Nella vicenda dell'appalto milionario sui rifiuti non ci fu corruzione, almeno da parte dell'ex sindaco di Sestu Aldo Pili (Pd). Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione penale della Corte d'appello di Cagliari che hanno assolto l'ex primo cittadino, l'unico dei quattro ex amministratori del comune alle porte del capoluogo ad avere rinunciato alla prescrizione dopo la condanna a due anni inflitta in primo grado. E oggi, il collegio presieduto da Claudio Gatti ha assolto Aldo Pili dalla corruzione, dichiarando invece prescritto il reato per l'ex vicesindaco Sergio Cardia, l'ex assessore ai Servizi Tecnologici, Claudio Lai, e l'ex consigliere comunale Natalino Loi. Erano accusati di aver cercato di pilotare l'appalto per la raccolta e il conferimento dei rifiuti di Sestu in cambio di assunzioni a tempo di operai segnalati dagli amministratori. Durante il processo d'appello, Aldo Pili - difeso dall'avvocato Alberto Filippini - aveva preso la parola rivolgendosi ai giudici con voce visibilmente emozionata, dichiarando la sua intenzione a non avvalersi della prescrizione e chiedendo di essere giudicato nel merito perché riteneva di non aver mai commesso alcun reato. Nel primo pomeriggio, il collegio è uscito dalla camera di consiglio pronunciando la sentenza che chiude definitivamente la vicenda: l'ex sindaco assolto, mentre per tutti gli altri è stata decretata la prescrizione del reato.(ANSA).

17:58Calcio: Baccaglini ‘interregno Zamparini è normale’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Che ci sia un interregno è normale. Il passaggio di proprietà avviene con i suoi tempi e quelli calcistici non corrispondono a quelli finanziari". Lo ha detto il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, durante una diretta Facebook. I tifosi, che vogliono la totale uscita dell'ex presidente e attuale proprietario Maurizio Zamparini, non l'hanno presa bene e nei commenti chiedono all'italo-americano di fare chiarezza sui tempi del closing. Chiarezza che non è arrivata. La sensazione è che si andrà oltre il 30 giugno, data entro la quale il Palermo dovrà formalizzare l'iscrizione al campionato di Serie B. In queste condizioni sarà la proprietà a fare l'iscrizione, così come è stato per le scelte dell'allenatore e del direttore sportivo.

17:56Calcio: Preziosi ‘irrealizzabile azionariato popolare’

(ANSA) - GENOVA, 26 GIU - "In attesa di sviluppi la squadra devo costruirla io". A parlare ai microfoni di Telenord è il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, che ha confermato l'intenzione per il momento di andare avanti da solo. "Il Genoa è in totale sicurezza - ha spiegato Preziosi -. E smentisco che ci sia una cordata genovese pronta a subentrare al sottoscritto. Ho solo incontrato una persona seria che ha presentato un progetto di azionariato popolare, una possibilità che non mi sembra percorribile. Serve invece presentare un conto corrente con i soldi". Preziosi ha poi parlato del mercato. "Sono impegnato a fare una squadra pronta per il ritiro - ha aggiunto -. Stiamo lavorando a fari spenti. Non vogliamo commettere gli stessi errori dello scorso anno. I giocatori costano e bisogna avere le giuste risorse per poterli prendere".

17:50Maltempo: temporali e venti forti al nord

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - Il transito di una perturbazione di origine atlantica sul nostro Paese porterà una nuova fase di maltempo sulle regioni settentrionali, specie su Piemonte e Lombardia. Per questo il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'avviso prevede, dal pomeriggio di oggi, precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere temporalesco, su Piemonte e Lombardia specie sui settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata, per la giornata di domani, allerta gialla su gran parte del Piemonte e della Lombardia.

17:46Calcio: Palermo, ecco Tedino ‘per me è occasione importante’

(ANSA) - PALERMO, 26 GIU - "Sono orgoglioso di essere in una squadra storica. Per me e per il mio staff è un'occasione importante, ma è un'occasione importante anche per il Palermo: siamo molto carichi e molto motivati". Sono queste le prime parole dell'allenatore Bruno Tedino, arrivato a Palermo. "Cercheremo di creare - ha proseguito - un certo tipo di staff, un certo tipo di zoccolo duro e abbiamo bisogno di tutti: città, stampa. Tutti devono portare il proprio mattoncino per costruire questa bellissima casa". E' arrivato in città anche Fabio Lupo, il nuovo direttore sportivo. Il primo colpo di mercato è il giovane difensore Andrea Ingegneri.

Archivio Ultima ora