Juve all’ultimo respiro, ma è rabbia rossonera

Pubblicato il 11 marzo 2017 da ansa

Massimiliano Allegri
DI MARCO

TORINO. – Si erano appena spente le polemiche di Juve-Napoli ed eccone altre a infiammare il campionato: con il Milan, nell’anticipo della 28/a giornata, vince la Juve con un calcio di rigore al 94′ concesso da Massa dopo un consulto con l’arbitro d’area Doveri per un fallo di mano di De Sciglio sull’ultimo cross, alla disperata, di Lichsteiner. Il pallone forse sbatte contro il braccio del difensore rossonero, ma la posizione è molto ravvicinata.

Più no che sì, insomma, ma Massa dopo tre minuti di proteste e rabbia rossonera indica il dischetto. Dybala, spazzando via una volta per tutte l’errore di Doha batte Donnarumma che protende corpo, braccia e dita cercando di toccare il pallone, ma non ci arriva e si abbatte sul prato dello ‘Stadium’ incredulo e deluso.

Finisce con i tifosi Juve in visibilio, molti giocatori del Milan furibondi, quasi accerchiano l’arbitro in mezzo al campo. Un successo pesantissimo, quello della Juve, bloccata da uno straordinario Donnarumma fino al discusso epilogo: il secondo pareggio consecutivo, il primo in casa dopo una serie di 30 successi consecutivi in campionato, avrebbe riaperto il campionato.

Con quel finale, la Juve invece, riprende la corsa. Ma tanti sono stati gli errori in fase di disimpegno e ripartenza di una squadra apparsa stanca, annebbiata nel secondo tempo, forse un effetto collaterale, alla distanza, anche del dispendioso 4-2-3-1.

Una colica intestinale dell’ultima ora ha costretto Allegri, già privo dello squalificato Cuadrado, a ritoccare ancora il 4-2-3-1 cambiando entrambi gli esterni del tridente dietro Higuain: Pjaca sulla sinistra, con Dani Alves a destra.

Nel Milan Suso in panchina per un fastidio muscolare, fuori Locatelli febbricitante. Pronti via e il Milan prova a mordere sul collo la Juve: Delofeu, che in Coppa Italia aveva portato i rossoneri a un passo dal pareggio in extremis, soffia la palla ad Asamoah, il suo cross viene ribattuto.

Ci vogliono 1′ e 45″ prima che la Juve riesca a superare la metà campo, ma poi prende il sopravvento, e comincia a bombardare Donnarumma: 4′, controllo in area di Pjaca, finta e tiro con gran risposta del portiere rossonero. Al 9′ protesta Dybala che rovina a terra per un tocco sul suo piede destro; poi la ‘Joya’ calcia un sinistro con palla alta, ma ancora Donnarumma si oppone.

Higuain su assist di Pjaca aggiusta la mira e scarica una palla velenosa perché rimbalza proprio davanti a Donnarumma che però respinge con prontezza. Il Milan capitola al 24′: Paletta e Romagnoli si fermano pensando che Benatia sia in fuorigioco, il difensore bianconero, in lnea, può controllare e battere Donnarumma.

Liscio di Bonucci ma Bacca fallisce l’aggancio e la fuga verso Buffon (36′), Delofeu si tuffa platealmente e Massa lo punisce con il giallo, ma è il catalano a scappare sul contropiede aperto da Pasalic e a imbeccare Bacca per il pareggio rossonero al 43′.

La ripresa si apre con Donnarumma in volo sulla punizione di Pjanic, sull’angolo Bacca rischia l’autogol, poi il portiere rossonero toglie dalla porta un tiro ravvicinato di Khedira (8′) spazza Roamagnoli. Bacca, dolorante per una botta, esce sostituito da Kucka, diagonale sul palo più lontano di Pjaca dopo errore grave di De Sciglio, fuori di qualche centimetro (15′); traversa Pjanic con deviazione di Donnarumma.

Pjaca spara alto un contropiede su assist di Dani Alves. Azione travolgente Juve: duetto Higuain-Dyvbala, ma l’ultimo passaggio è un rimpallo sulle gambe del numero 21. Doppia pararissima di Donnarumma su Khedira prima e rovesciata di Higuain. La sicurezza bianconera si incrina: destro Sosa, respinge Buffon 30′ che poi disorienta Delofeu (32′) arrivano a tu tu con il portiere dopo un retropassaggio suicida di un dolorante Benatia.

Donnarumma para rtutto, su Khedira, due volte Higuain, si arrende solo al rigore quando sul cronometro scorre il minuto 52.

(di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

12:48Migranti: assessore Turismo, no accoglienza in comuni Unesco

(ANSA) - CATANIA, 18 AGO - Una delle "emergenze che danneggia le nostre eccellenze è l'immigrazione. Non sono razzista e sono per l' accoglienza, ma con alcuni limiti di buon senso. Uno di questi: non distribuire i profughi nei comuni turistici. Non si possono fare Sprar con decine di migranti a Taormina, a Bronte o nel patrimonio Unesco. I migranti vanno distribuiti altrove. Perciò chiedo ai nostri solerti prefetti di esentare dall'obbligo di accoglienza i sindaci dei comuni turistici siciliani". Lo afferma l'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, in un'intervista a La Sicilia. "La deroga - aggiunge - riguarderebbe circa una cinquantina di Comuni: tutti quelli sedi di siti Unesco, più quelli a evidente vocazione turistica. Non è difficile, secondo me si può fare. Sin da subito". Tra le altre emergenze che danneggiano il turismo nell'Isola, l'assessore ha citato "i pesantissimi danni d' immagine" causati dai "rifiuti, per i quali, oltre ai controlli, urge una rivoluzione culturale" e "quest'anno dagli incendi".

12:36Barcellona: arbitri e Figc, 1′ raccoglimento a Coverciano

(ANSA) - COVERCIANO (FIRENZE), 18 AGO - Un minuto di raccoglimento per l'attentato di Barcellona è stato osservato nel Centro tecnico federale di Coverciano, dove si svolge il tradizionale incontro organizzato dall'AIA in vista dell'inizio della Serie A. Di fronte agli arbitri impegnati nell'ultimo raduno precampionato, intervengono il Presidente federale Carlo Tavecchio, il Presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi ed i rappresentanti delle Leghe e delle componenti tecniche, i responsabili di CAN A e CAN B.

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

Archivio Ultima ora