Allarme Onu su fame e carestia, crisi più grave dal 1945

Pubblicato il 11 marzo 2017 da ansa

ROMA. – La più terribile crisi umanitaria dalla fine della Seconda guerra mondiale, una carestia devastante che colpisce oltre 20 milioni di persone, uno stillicidio quotidiano di uomini, donne e bambini che muoiono di fame, di sete, di malattie che potrebbero essere curate ma per le quali non arrivano medicine.

L’ultimo grido d’allarme è arrivato dalle Nazioni Unite dove, in Consiglio di sicurezza, ha parlato Stephen O’Brien, sottosegretario Onu per gli Affari umanitari. Quattro i Paesi dove gli aiuti umanitari devono essere portati subito se non ci si vuole assumere la responsabilità di un’ecatombe. Sono Yemen, Sud Sudan, Somalia e Nigeria nord-occidentale, territori già allo stremo dopo anni di guerra e guerriglia, ora colpiti da una siccità persistente che fa sparire i fiumi, rende la terra pietra, uccide gli animali, impedisce qualunque coltivazione.

“La peggior carestia dalla creazione delle Nazioni Unite nel 1945 – ha scandito O’Brian -. Più di 20 milioni di persone senza cibo che, senza un impegno collettivo e coordinato a livello mondiale, moriranno di fame insieme ad altri che saranno uccisi dalle malattie”.

“Per evitare una catastrofe servono subito 4,4 miliardi di dollari. Devono essere dati adesso e portati al più presto alle popolazioni inermi. Basteranno solo fino a luglio – ha spiegato l’incaricato Onu – ma potrebbero aiutare migliaia di persone, salvare la vita e ridare futuro e speranza a bambini altrimenti destinati a morte certa”.

Poi O’Brian ha snocciolato cifre che non sono solo la ‘fredda’ contabilità dei decessi ma anche l’atroce realtà dei più fragili che soccombono agli interessi dei signori della guerra e delle multinazionali. Il disastro più pesante e meno noto si sta consumando nello YEMEN, dove dal 2015 la guerra del governo sostenuto dai sauditi (sunniti) e dagli Usa contro i ribelli (sciiti) Houthi appoggiati dall’Iran impedisce ormai qualunque accesso umanitario.

Solo da gennaio il numero degli affamati che non sanno se e dove troveranno un po’ di cibo è salito da 4 a 7 milioni, e due terzi della popolazione complessiva di 18,8 milioni ha bisogno di aiuti. I civili abbandonano i loro villaggi bombardati ma non possono che rimanere all’interno dei confini yemeniti, ‘schiacciati’ tra l’Arabia Saudita e il mare. Senza cibo né cure mediche – ha martellato O’Brian – morire di fame e di stenti è l’unico futuro che li aspetta. In SUD SUDAN “la fame è colpa dell’uomo”.

Il Paese nato recentemente dalla frattura dal Sudan è da tre anni travolto da una sanguinosa guerra civile e dall’indifferenza di chi sta a guardare. Niente più coltivazioni, villaggi saccheggiati, 3,4 milioni di sfollati e un totale di 7 milioni e mezzo di persone spossate dagli stenti.

“Più di un milione di bambini soffrono di malnutrizione acuta. Se non riceveranno aiuti, tra loro 270.000 moriranno di fame nelle prossime settimane. O saranno uccisi dal colera che, mancando l’acqua potabile, si va propagando sempre più rapidamente”.

La tragica lista continua con la SOMALIA. Ventisei anni di guerra ne hanno fatto un Paese dove anche sopravvivere per i civili è quasi impossibile. “Ho visto donne e bambini camminare per settimane alla ricerca di cibo e acqua. Hanno perso gli animali, le sorgenti sono secche, non c’è più nulla – ha descritto O’Brian -. Metà della popolazione (6,2 milioni di persone) ha bisogno di assistenza umanitaria, 2,9 milioni stanno morendo”.

Uguale tragedia nel nord-est della NIGERIA, sopraffatto dai soprusi e dalle violenze degli integralisti islamici Boko Haram: “Ho visto adulti incapaci di muovere anche un solo passo, ho visto bambini nascere e subito morire”. Un discorso lungo chiuso con poche, secche parole. “Vi chiedo aiuto. Subito”.

(di Rossella Benevenia/ANSA)

Ultima ora

16:05Bankitalia: Renzi, evidente mancanza vigilanza efficace

(ANSA) - RECANATI, 18 OTT - "Se qualcuno vuol raccontare che in questi anni nel settore banche non è successo niente, non siamo noi, perché è successo di tutto. È mancata evidentemente una vigilanza efficace. C’è bisogno di scrivere una pagina nuova". Lo dice Matteo Renzi, segretario Pd, tornando su Bankitalia. “Se qualcuno spiega la mancanza di vigilanza di questi anni risponde agli italiani, non al Pd".

15:49Bankitalia: Renzi, rispetteremo scelta ma pagina nuova

(ANSA) - RECANATI (ANCONA), 18 OTT - "La nostra mozione di ieri spiega con forza che c'è bisogno di scrivere una pagina nuova. Chiunque sarà il governatore e le scelte che farà il Governo e le autorità preposte, avranno il pieno rispetto istituzionale da parte del Pd ma ieri la mozione l'ha votata il Pd sulla base delle indicazioni del Governo". Lo ribadisce Matteo Renzi, segretario del Pd, a margine di un incontro a Recanati.

15:48Calcio: Napoli, contrattura per Insigne

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Lorenzo Insigne ha riportato ieri sera nel match contro il Manchester City una contrattura da affaticamento all'adduttore destro. Lo afferma in una nota il Napoli, precisando che le condizioni dell'attaccante verranno valutate "giorno per giorno". Oggi Insigne non si è allenato con i compagni a Manchester, in un campo vicino all'Etihad Stadium messo a disposizione dal City, ma ha svolto terapie. Difficile che Insigne possa essere impiegato sabato sera contro l'Inter. il tecnico Sarri sta valutando le diverse opzioni, tra cui l'impiego di Ounas.

15:47Università italiane riunite a Torino in nome Francofonia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - L' Università di Torino da due giorni è capitale italiana della Francofonia riunendo rettori e rappresentanti d' ateneo, tra cui quelli di Napoli, Genova, Firenze, Udine, Milano, Marche, Valle d'Aosta, assieme al rettore dell'Agenzia Universitaria della Francofonia, Jean Paul De Gaudemar e al poeta e diplomatico Salah Stétié. La realtà Francofona conta nel mondo 274 milioni di persone e coinvolge 84 Stati. La rete Auf, che federa 845 atenei di 111 nazioni, è la più importante al mondo con un budget per il 2017 di 39,46 milioni di euro. L' aver avuto dal Miur la gestione delle attività dell' Università Italo-Francese, la posizione geografica, la sua tradizione e la sua storia, candida l'Università di Torino - ha detto il rettore Gianmaria Ajani - a ospitare un ufficio permanente dell'Auf. Una possibilità che ha visto il favore di De Gaudemar. Torino conta, infatti, 251 accordi bilaterali di mobilità con università francesi e 135 accordi di cooperazione internazionale, di cui 68 stipulati con la Francia. Nell'anno accademico 2016-2017 dei 3993 studenti stranieri, 688 erano francofoni. Il mondo sconfinato della Francofonia - hanno sottolineato Stétié e De Gaudemar - che va dal Canada al Madagascar, passando per l'Africa e il bacino Mediterraneo, non è caratterizzato soltanto dalla lingua. Le docenti Marie-Berthe Vittoz e Cristina Giacoma dell'ateneo torinese che hanno promosso l'evento, hanno sottolineato come nel mondo si sia passati in 5 anni da 100 milioni studenti a 200 milioni e che parlare di Francofonia non significhi soltanto imparare il francese, ma, in un ottica interdisciplinare, coinvolgere i diversi rami dei sapere. Il francese è materia di studio in diversi Dipartimenti, da quello di Giurisprudenza a quelli di Filosofia e Scienze economico-sociali. (ANSA).

15:45Sieropositivo contagiò donne: procura chiede l’ergastolo

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - La procura di Roma ha chiesto la condanna all'ergastolo, con isolamento diurno per due anni, di Valentino Talluto, il sieropositivo accusato di aver contagiato con rapporti sessuali non protetti una trentina di donne. L'uomo è accusato di epidemia dolosa e di lesioni gravissime. Secondo il pm Elena Neri, all'imputato "non possono essere concesse le attenuanti generiche non avendo mai dimostrato pentimento". "Talluto - ha detto il rappresentante dell'accusa durante la requisitoria - non ha mai collaborato, ha reso false dichiarazioni: il suo era un modo per seminare morte". Sono 57 i casi contestati tra contagi diretti (oltre 30), indiretti (un bimbo e tre partner di donne in precedenza infettate), nonché episodi di donne scampate alla trasmissione del virus. Il processo si tiene in corte di assise e la sentenza è prevista per il 25 ottobre prossimo.

15:31Battisti: appello dell’ex moglie a presidente Corte Suprema

(ANSA) - SAN PAOLO, 18 OTT - L'ex moglie di Cesare Battisti, Priscila Pereira, ha inviato una lettera alla presidente del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano, Carmen Lucia, chiedendole che all'ex membro dei Pac sia concesso di rimanere in Brasile per occuparsi del figlio. Lo ha reso noto la giornalista Monica Bergamo nella sua colonna sul quotidiano Folha de Sao Paulo, citando vari brani della missiva, nella quale l'ex moglie sottolinea che Battisti ha "il diritto di continuare ad esercitare la sua paternità in modo totale". "Ho vissuto queste ultime giornate al limite dell'angoscia", scrive Pereira, spiegando che non dispone dei mezzi necessari per sostentarsi ed occuparsi del figlio che ha avuto con Battisti. Il prossimo 24 ottobre la Corte deve riunirsi per emettere un parere sulla richiesta di 'habeas corpus' presentata dagli avvocati dell'ex terrorista. Il governo di Michel Temer ha fatto sapere che non prenderà nessuna iniziativa su un'eventuale estradizione di Battisti finché l'alta corte non avrà preso una decisione

15:28Lavoro: rider fanno causa a Foodora, è la prima in Italia

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - È iniziata a Torino la causa, la prima in Italia, intentata da sei rider contro Foodora. I fattorini, seguiti dagli avvocati Sergio Bonetto e Giulia Druetta, chiedono di essere reintegrati nel posto di lavoro. Dopo la mobilitazione dello scorso anno, l'azienda non ha più fatto lavorare i sei giovani, nonostante avessero dato la disponibilità. A quanto si apprende dagli avvocati, il tentativo di conciliazione è fallito e l'impresa ha escluso ogni possibilità di reintegro. Si tratta della prima azione legale in Italia nei confronti di Foodora. Dopo gli scioperi dello scorso anno contro le condizioni di lavoro di Foodora, i sei rider non vennero più chiamati. "Un licenziamento orale", che secondo i ricorrenti è illegittimo.(ANSA).

Archivio Ultima ora