Allarme Onu su fame e carestia, crisi più grave dal 1945

Pubblicato il 11 marzo 2017 da ansa

ROMA. – La più terribile crisi umanitaria dalla fine della Seconda guerra mondiale, una carestia devastante che colpisce oltre 20 milioni di persone, uno stillicidio quotidiano di uomini, donne e bambini che muoiono di fame, di sete, di malattie che potrebbero essere curate ma per le quali non arrivano medicine.

L’ultimo grido d’allarme è arrivato dalle Nazioni Unite dove, in Consiglio di sicurezza, ha parlato Stephen O’Brien, sottosegretario Onu per gli Affari umanitari. Quattro i Paesi dove gli aiuti umanitari devono essere portati subito se non ci si vuole assumere la responsabilità di un’ecatombe. Sono Yemen, Sud Sudan, Somalia e Nigeria nord-occidentale, territori già allo stremo dopo anni di guerra e guerriglia, ora colpiti da una siccità persistente che fa sparire i fiumi, rende la terra pietra, uccide gli animali, impedisce qualunque coltivazione.

“La peggior carestia dalla creazione delle Nazioni Unite nel 1945 – ha scandito O’Brian -. Più di 20 milioni di persone senza cibo che, senza un impegno collettivo e coordinato a livello mondiale, moriranno di fame insieme ad altri che saranno uccisi dalle malattie”.

“Per evitare una catastrofe servono subito 4,4 miliardi di dollari. Devono essere dati adesso e portati al più presto alle popolazioni inermi. Basteranno solo fino a luglio – ha spiegato l’incaricato Onu – ma potrebbero aiutare migliaia di persone, salvare la vita e ridare futuro e speranza a bambini altrimenti destinati a morte certa”.

Poi O’Brian ha snocciolato cifre che non sono solo la ‘fredda’ contabilità dei decessi ma anche l’atroce realtà dei più fragili che soccombono agli interessi dei signori della guerra e delle multinazionali. Il disastro più pesante e meno noto si sta consumando nello YEMEN, dove dal 2015 la guerra del governo sostenuto dai sauditi (sunniti) e dagli Usa contro i ribelli (sciiti) Houthi appoggiati dall’Iran impedisce ormai qualunque accesso umanitario.

Solo da gennaio il numero degli affamati che non sanno se e dove troveranno un po’ di cibo è salito da 4 a 7 milioni, e due terzi della popolazione complessiva di 18,8 milioni ha bisogno di aiuti. I civili abbandonano i loro villaggi bombardati ma non possono che rimanere all’interno dei confini yemeniti, ‘schiacciati’ tra l’Arabia Saudita e il mare. Senza cibo né cure mediche – ha martellato O’Brian – morire di fame e di stenti è l’unico futuro che li aspetta. In SUD SUDAN “la fame è colpa dell’uomo”.

Il Paese nato recentemente dalla frattura dal Sudan è da tre anni travolto da una sanguinosa guerra civile e dall’indifferenza di chi sta a guardare. Niente più coltivazioni, villaggi saccheggiati, 3,4 milioni di sfollati e un totale di 7 milioni e mezzo di persone spossate dagli stenti.

“Più di un milione di bambini soffrono di malnutrizione acuta. Se non riceveranno aiuti, tra loro 270.000 moriranno di fame nelle prossime settimane. O saranno uccisi dal colera che, mancando l’acqua potabile, si va propagando sempre più rapidamente”.

La tragica lista continua con la SOMALIA. Ventisei anni di guerra ne hanno fatto un Paese dove anche sopravvivere per i civili è quasi impossibile. “Ho visto donne e bambini camminare per settimane alla ricerca di cibo e acqua. Hanno perso gli animali, le sorgenti sono secche, non c’è più nulla – ha descritto O’Brian -. Metà della popolazione (6,2 milioni di persone) ha bisogno di assistenza umanitaria, 2,9 milioni stanno morendo”.

Uguale tragedia nel nord-est della NIGERIA, sopraffatto dai soprusi e dalle violenze degli integralisti islamici Boko Haram: “Ho visto adulti incapaci di muovere anche un solo passo, ho visto bambini nascere e subito morire”. Un discorso lungo chiuso con poche, secche parole. “Vi chiedo aiuto. Subito”.

(di Rossella Benevenia/ANSA)

Ultima ora

13:02Sci: Goggia, ho sbagliato nel salto ma adesso riparto

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - E' stato fortunatamente più spettacolare che altro il presentat'arm - con le punte degli sci paralleli rivolte al cielo - che Sofia Goggia ha fatto sul lungo e ripido salto che immette sullo Schuss delle Tofane. E' atterrata in un tratto ancora in forte pendenza e la sua schiena per alcuni metri, in una nube di neve, ha toccato il fondo pista. Poi, però, con un colpo di reni e uno sci che ha preso la giusta inclinazione, si è rialzata indenne. "Ho sbagliato all'attacco del dente sopra il salto. Non ero nella giusta posizione per il salto, ma ancora troppo arretrata. Sono però riuscita a controllare la caduta e tutto è andato bene", ha raccontato l'azzurra. "Per il SuperG di domani nessun problema. Ora resetto tutto - ha annunciato l'azzurra - e si riparte da zero: andare e via".

13:02Volvo ocean race: scontro barca-peschereccio, un morto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - E' davvero tragico l'epilogo della 4/a tappa della Volvo ocean race di vela, che ha portato le barche da Melbourne a Hong Kong ed è stata vinta da Sun Hung Kai/Scallywag. A poche miglia dal traguardo, Vestas 11th Hour racing dello skipper Charlie Enright è stata coinvolta in una collisione con un piccolo peschereccio che ha provocato un morto. La notizia è stata confermata dagli organizzatori della regata che manifestano "i più profondi sentimenti di cordoglio alla famiglia della vittima". L'incidente è avvenuto a circa 30 miglia dal traguardo della 4/a tappa, fuori dalle acque di Hong Kong. Fra i componenti il team Vestas 11th Hour racing non ci sono feriti: dall'imbarcazione - secondo quanto informano gli organizzatori - è partito il segnale di 'mayday' verso il Centro di coordinamento del soccorso in Mare di Hong Kong. Immediato l'intervento dei soccorritori che hanno potuto recuperare nove componenti dell'equipaggio, mentre il decimo è stato trasportato in ospedale con un elicottero, ma è spirato poco dopo.

12:58Sci: discesa Cortina, vittoria Vonn

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - Sofia Goggia ha sbagliato, facendo uno spettacolare e pericoloso presentat'arm sul salto che immette sullo Schuss delle Tofane e ha così lasciato strada libera al successo della statunitense Lindsey Vonn nella discesa di Cdm di Cortina. Vonn ha vinto in 1'36"48, lasciandosi alle spalle Tina Weirather del Liechtenstein in 1'37"40 e l'altra statunitense Jacqueline Wiles (1'37"46). Per Vonn è il 12/o successo a Cortina, il 79/o in Coppa del mondo. Fuori Goggia - che atterrando sul salto è finita con la schiena sulla neve, scivolando per alcuni metri, ma rialzandosi indenne con un formidabile colpo di reni - per l'Italia la migliore è stata Johanna Schnarf 9/a in 1'38"29. Più indietro, al momento 16/a, c'è Nicol Delago in 1'38"69: poi, Nadia Fanchini in 1'38"80, Federica Brignone in 1'38"81, Verena Stuffer in 1'38"95. Domani per Goggia e compagne ci sarà modo di rifarsi con il SuperG che chiude la tappa di Cortina.

12:55Tennis: Australia, Berdych agli ottavi e sfiderà Fognini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sarà Tomas Berdych l'avversario di Fabio Fognini, negli ottavi di finale degli Open d'Australia Il ceco, 19/a testa di serie, ha regolato per 6-3, 6-3, 6-2 l'argentino Juan Martin Del Potro, n. 12 del seeding. Esce a sorpresa il tedesco Alexander Zverev, testa di serie n. 4, battuto dal sudcoreano Hyeon Chung, vincitore a novembre delle Next Gen Atp Finals, che si è imposto in 5 set con il punteggio di 5-7, 7-6 (7-3), 2-6, 6-3, 6-0. Avanza l'austriaco Dominic Thiem, testa di serie n. 5, che ha superato per 6-4, 6-2, 7-5 il francese Adrien Mannarino (n. 26). Altri risultati Sandgren-Marterer 5-7, 6-3, 7-5, 7-6 (7-5); Fucsovics-Kicker 6-3, 6-3, 6-2.

12:53Giappone: Forze di autodifesa pronte a schierare caccia F-35

(ANSA) - TOKYO, 20 GEN - Le Forze di autodifesa in Giappone sono pronte a schierare il primo caccia di quinta generazione F-35s nella base aerea di Misawa, localizzata nella prefettura di Aomori a nord est dell'arcipelago. La prima consegna avrà luogo a fine mese, rende noto il ministero della Difesa, ed è parte di un ordine di 42 aerei multiruolo F-35s, commissionati agli Stati Uniti. Ogni caccia costa 135 milioni di dollari e verrà utilizzato con l'apporto dei missili aria-superficie Jsm di fabbricazione norvegese, trasportati nelle baie interne degli F-35s dotati di una gittata di 500 chilometri. Chi si oppone alla decisione fa notare che la composizione e la disponibilità di tali apparati sono contrari al principio della costituzione pacifista del Giappone, che tramite l'Articolo 9 non riconosce allo stato il diritto di belligeranza. Lo scorso dicembre il governo di Tokyo aveva ratificato il budget per la Difesa 2018 con un record di stanziamenti - 46 miliardi di dollari - e corrispondente al 5% del budget nazionale.

12:48Sci: Cdm, nella libera a Cortina la Goggia fuori

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO, 20 GEN - Delusione Goggia nella seconda discesa libera di Cdm di sci di Cortina. L'azzurra, vincitrice ieri, è uscita di pista dopo 25 secondi di gara. Scesa con il pettorale numero 3, è volata a 130 km l'ora su un salto dopo uno 'schuss' ed è rimasta in piedi ma ha saltato una porta. Al comando per ora la statunitense Lindsey Vonn, seconda ieri, in 1'36" 48. Al momento la migliore delle azzurre è Johanna Schnarf, nona con 1"81 di ritardo.

12:41Nba: vincono New York e Lakers, bene anche Toronto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sette le partite disputate la scorsa notte nel campionato Nba di basket. Vittoria esterna di misura (117-115) per i New York Knicks sugli Utah Jazz. Miglior realizzatore dell'incontro la guardia di New York Tim Hardaway jr, che ha realizzato 31 punti. Vincono anche i Los Angeles Lakers, trascinati da Jordan Clarkson (33 punti), che piegano gli Indiana Pacers 99-86. I Washington Wizards passano sul parquet dei Detroit Pistons per 122-112, grazie ai 26 punti di Bradley Beal e Kelly Oubre. i Memphis Grizzlies non hanno avuto difficoltà a regolare i Sacramento Kings (106-88) mentre i Phoenix Suns hanno vinto in trasferta 108-100 sui Denver Nuggets. Vittorie interne infine per Toronto Raptors (86-83 sui San Antonio Spurs) e Brooklyn Nets (101-95 sui Miami Heat).

Archivio Ultima ora