Manlio Di Stefano: “Il popolo venezuelano dovrà determinare il suo futuro”

Pubblicato il 14 marzo 2017 da Mauro Bafile

L’incontro della delegazione “cinque-stelle” con alcuni esponenti della Collettività

CARACAS – Ha visitato recentemente il Venezuela, per partecipare alla commemorazione dell’anniversario della morte del presidente Hugo Chávez, una delegazione del Movimento 5 Stelle composta da Manlio Di Stefano, capogruppo M5S in Commissione Affari Esteri della Camera; Ornella Bertorotta, Capogruppo alla Commissione Affari Esteri del Senato e Vito Petrocelli, Vice-Presidente del Comitato Italiani all’Estero. I parlamentari pentastellati hanno avuto occasione di incontrare rappresentanti del governo, delegazioni latinoamericane presenti alle celebrazioni, esponenti della maggioranza parlamentare e membri della nostra Collettività. Al termine della tournèe venezuelana, la “Voce” ha posto alcune domande al capo della delegazione grillina, l’on. Manlio Di Stefano.

– Dopo aver sostenuto conversazioni con i rappresentanti del governo e del Parlamento e soprattutto dopo aver incontrato alcuni esponenti della nostra Collettività, cosa riferirà in Parlamento? Quali iniziative proporrà il “Movimento” per favorire gli italiani in Venezuela, in questo momento particolarmente difficile? Considera che chiedere di ripristinare i voli dell’Alitalia col Venezuela, come annunciato, sia una priorità per la nostra Collettività?
– Gli incontri avuti con le varie parti ci hanno aiutato a conoscere da vicino un Paese che oggi vive una grandissima fase di difficoltà economica e sociale. Il ripristino della tratta Roma-Caracas è solo uno dei tanti problemi che ci ha esposto la comunità italiana residente. In particolare, al nostro arrivo, dai nostri connazionali c’è stato fornito un quadro allarmante per quanto riguarda il tema sicurezza. Ne abbiamo parlato con alcuni rappresentanti governativi e con lo stesso ambasciatore Mignano. Il nostro primo obiettivo è che gli italiani in Venezuela si sentano al sicuro.

– Perché si è preferito ascoltare alcuni esponenti della Collettività nell’intimità della residenza del nostro Ambasciatore e cancellare l’incontro previsto con la comunità nel Centro Italiano Venezuelano di Caracas?

– Veramente non si è cancellato alcun incontro. Al contrario, per noi era importante incontrare prima di ogni altro la comunità italiana. Lo abbiamo fatto nella residenza dell’ambasciata per motivi organizzativi, visto che la sera ci saremmo dovuti intrattenere con l’ambasciatore per approfondire alcuni temi sul Paese. “Nell’intimità”, se mi consente, è una sua strettissima valutazione. All’incontro c’erano anche diversi giornalisti.

L’On. Manlio Di Stefano

– Perché si è voluta far coincidere la presenza del M5s in Venezuela con la commemorazione della morte del presidente Hugo Chávez, un personaggio con tanto carisma ma che tutt’oggi è al centro di polemiche che dividono il paese?
– La commemorazione della scomparsa di Chávez era semplicemente un’occasione per incontrare altre delegazioni di Paesi sudamericani con cui intratteniamo da tempo rapporti istituzionali. E’ stato un momento per presentare il M5S a più Paesi, che poi è stato l’obiettivo della nostra visita, vorrei ricordarlo, non solo in Venezuela ma anche in Argentina.

– Il M5s agisce in un Paese, l’Italia, in cui esiste il rispetto tra i poteri e il Parlamento non è privato delle prerogative stabilite dalla Costituzione. Quale sarebbe l’atteggiamento del M5s qualora ci fosse anche in Italia un tentativo di diminuire l’autorità del Parlamento o solo ignorare la sua funzione legislativa?
– Che in Italia ci sia il rispetto dei poteri è tutto dire. Gli ultimi governi, da Letta a Renzi passando per Gentiloni, hanno abusato della decretazione di urgenza come nessun altro aveva mai fatto prima. Renzi stesso pose la questione di fiducia sulla legale elettorale, una mossa tale l’Italia la conobbe solo durante il Ventennio fascista.

– Su facebook l’On. Manlio Di Stefano ha scritto che nella sua visita in America latina avrebbe portato con fierezza la politica estera del M5s; “una politica estera che si basa sul rispetto della sovranità, dell’indipendenza, dello stato di diritto e dell’autodeterminazione di ogni popolo per la costruzione di un mondo realmente multipolare e che rispetti il diritto alla pace di tutte le popolazioni”. “L’autodeterminazione dei popoli” è applicabile anche in quei paesi in cui non si permette ai cittadini di esprimersi liberamente attraverso il suffragio o, come ad esempio in Corea del Nord, in Somalia, in Sudan, in Cuba solo per nominarne alcuni, si castiga con il carcere la dissidenza?
– L’autoderminazione dei popoli è un valore assoluto, è l’essenza stessa della democrazia, nel rispetto, sempre, del diritto internazionale e delle convenzioni Onu. In molti dei Paesi che lei ha citato questo non accade, così come non accade in molti altri che lei, però, non ha citato. Come l’Arabia Saudita, ad esempio. In alcuni casi però non c’è alcuna levata di scudi. Lei mi vuole dire che bisognerebbe intervenire solo in determinate circostanze? Bene, mi dica lei come e, soprattutto, quali casi vanno e bene e quali no. E perché, soprattutto…

– Nel corso della permanenza in Venezuela, nonostante i molteplici impegni avete avuto modo di muovervi in città, di osservare le lunghe file di cittadini di fronte ai supermarket piccoli e grandi in attesa di poter acquistare qualche genere alimentare? Con quali autorità avete commentato quanto osservato? Cosa vi è stato detto? Siete stati propositivi? Quali sono state le reazioni?
– Sì, abbiamo avuto modo di vedere che il Paese sta attraversando una crisi profonda. Ne abbiamo parlato con rappresentanti del governo e delle opposizioni. In particolare, abbiamo chiesto chiarimenti sul doppio cambio di valuta, che oggi rappresenta un ostacolo non solo per gli italiani residenti, ma per milioni di venezuelani. In questo senso, l’auspicio è che possano giungere quanto prima delle risposte. Ma, le ripeto, non crediamo affatto che la soluzione a questi problemi possa essere un’interferenza esterna, così come fatto negli anni ’70 in Cile o in altri Paesi del Sud America. Al contrario, in questa fase delicata un’intromissione negli affari interni di Caracas rischierebbe, al contrario, di innescare una escalation di tensione pericolosissima. Per il 2018 sono previste le elezioni presidenziali e saranno queste a determinare il futuro del Venezuela. Sarà il popolo venezuelano a determinare il suo futuro e qualsiasi esito dovrà essere accettato dalle parti.

– Che opinione vi siete formati sulla “rivoluzione chavista”, sulla gestione del presidente Maduro e sulla realtà che oggi vive il Venezuela?
– Le ribadisco: non è nostra consuetudine ingerire negli affari interni di un altro Paese. Non siamo andati in Venezuela per dare una valutazione su una o l’altra parte. Sarà il popolo venezuelano a scegliere.

– In più occasioni avete espresso pareri negativi sul voto degli italiani all’estero. Perché? Quali sarebbero le vostre proposte?
– Non ci siamo espressi negativamente sul voto degli italiani all’estero, bensì sul sistema in sé. Il problema non è chi vota, ma come si vota e le ingenti spese economiche che ne conseguono da una gestione del tutto incontrollata. E’ il feedback che ci hanno dato anche molti consolati. L’obiettivo è neutralizzare quei centri di potere interni che si sono instaurati in alcuni Paesi ed ottimizzare le spese durante il processo di voto.
Mauro Bafile

  • Lucia Mariani

    Ottimo, chiaro e deciso il nostro Manlio Di Stefano. Quello che ha detto è perfettamente aderente al pensiero del Movimento 5 stelle. E’ un bene che all’estero conoscano questa realtà del movimento, ciò comporterà nel tempo un’allargamento della consapevolezza dei diritti dei cittadini in tutto il mondo.

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora