Manlio Di Stefano: “Il popolo venezuelano dovrà determinare il suo futuro”

Pubblicato il 14 marzo 2017 da Mauro Bafile

L’incontro della delegazione “cinque-stelle” con alcuni esponenti della Collettività

CARACAS – Ha visitato recentemente il Venezuela, per partecipare alla commemorazione dell’anniversario della morte del presidente Hugo Chávez, una delegazione del Movimento 5 Stelle composta da Manlio Di Stefano, capogruppo M5S in Commissione Affari Esteri della Camera; Ornella Bertorotta, Capogruppo alla Commissione Affari Esteri del Senato e Vito Petrocelli, Vice-Presidente del Comitato Italiani all’Estero. I parlamentari pentastellati hanno avuto occasione di incontrare rappresentanti del governo, delegazioni latinoamericane presenti alle celebrazioni, esponenti della maggioranza parlamentare e membri della nostra Collettività. Al termine della tournèe venezuelana, la “Voce” ha posto alcune domande al capo della delegazione grillina, l’on. Manlio Di Stefano.

– Dopo aver sostenuto conversazioni con i rappresentanti del governo e del Parlamento e soprattutto dopo aver incontrato alcuni esponenti della nostra Collettività, cosa riferirà in Parlamento? Quali iniziative proporrà il “Movimento” per favorire gli italiani in Venezuela, in questo momento particolarmente difficile? Considera che chiedere di ripristinare i voli dell’Alitalia col Venezuela, come annunciato, sia una priorità per la nostra Collettività?
– Gli incontri avuti con le varie parti ci hanno aiutato a conoscere da vicino un Paese che oggi vive una grandissima fase di difficoltà economica e sociale. Il ripristino della tratta Roma-Caracas è solo uno dei tanti problemi che ci ha esposto la comunità italiana residente. In particolare, al nostro arrivo, dai nostri connazionali c’è stato fornito un quadro allarmante per quanto riguarda il tema sicurezza. Ne abbiamo parlato con alcuni rappresentanti governativi e con lo stesso ambasciatore Mignano. Il nostro primo obiettivo è che gli italiani in Venezuela si sentano al sicuro.

– Perché si è preferito ascoltare alcuni esponenti della Collettività nell’intimità della residenza del nostro Ambasciatore e cancellare l’incontro previsto con la comunità nel Centro Italiano Venezuelano di Caracas?

– Veramente non si è cancellato alcun incontro. Al contrario, per noi era importante incontrare prima di ogni altro la comunità italiana. Lo abbiamo fatto nella residenza dell’ambasciata per motivi organizzativi, visto che la sera ci saremmo dovuti intrattenere con l’ambasciatore per approfondire alcuni temi sul Paese. “Nell’intimità”, se mi consente, è una sua strettissima valutazione. All’incontro c’erano anche diversi giornalisti.

L’On. Manlio Di Stefano

– Perché si è voluta far coincidere la presenza del M5s in Venezuela con la commemorazione della morte del presidente Hugo Chávez, un personaggio con tanto carisma ma che tutt’oggi è al centro di polemiche che dividono il paese?
– La commemorazione della scomparsa di Chávez era semplicemente un’occasione per incontrare altre delegazioni di Paesi sudamericani con cui intratteniamo da tempo rapporti istituzionali. E’ stato un momento per presentare il M5S a più Paesi, che poi è stato l’obiettivo della nostra visita, vorrei ricordarlo, non solo in Venezuela ma anche in Argentina.

– Il M5s agisce in un Paese, l’Italia, in cui esiste il rispetto tra i poteri e il Parlamento non è privato delle prerogative stabilite dalla Costituzione. Quale sarebbe l’atteggiamento del M5s qualora ci fosse anche in Italia un tentativo di diminuire l’autorità del Parlamento o solo ignorare la sua funzione legislativa?
– Che in Italia ci sia il rispetto dei poteri è tutto dire. Gli ultimi governi, da Letta a Renzi passando per Gentiloni, hanno abusato della decretazione di urgenza come nessun altro aveva mai fatto prima. Renzi stesso pose la questione di fiducia sulla legale elettorale, una mossa tale l’Italia la conobbe solo durante il Ventennio fascista.

– Su facebook l’On. Manlio Di Stefano ha scritto che nella sua visita in America latina avrebbe portato con fierezza la politica estera del M5s; “una politica estera che si basa sul rispetto della sovranità, dell’indipendenza, dello stato di diritto e dell’autodeterminazione di ogni popolo per la costruzione di un mondo realmente multipolare e che rispetti il diritto alla pace di tutte le popolazioni”. “L’autodeterminazione dei popoli” è applicabile anche in quei paesi in cui non si permette ai cittadini di esprimersi liberamente attraverso il suffragio o, come ad esempio in Corea del Nord, in Somalia, in Sudan, in Cuba solo per nominarne alcuni, si castiga con il carcere la dissidenza?
– L’autoderminazione dei popoli è un valore assoluto, è l’essenza stessa della democrazia, nel rispetto, sempre, del diritto internazionale e delle convenzioni Onu. In molti dei Paesi che lei ha citato questo non accade, così come non accade in molti altri che lei, però, non ha citato. Come l’Arabia Saudita, ad esempio. In alcuni casi però non c’è alcuna levata di scudi. Lei mi vuole dire che bisognerebbe intervenire solo in determinate circostanze? Bene, mi dica lei come e, soprattutto, quali casi vanno e bene e quali no. E perché, soprattutto…

– Nel corso della permanenza in Venezuela, nonostante i molteplici impegni avete avuto modo di muovervi in città, di osservare le lunghe file di cittadini di fronte ai supermarket piccoli e grandi in attesa di poter acquistare qualche genere alimentare? Con quali autorità avete commentato quanto osservato? Cosa vi è stato detto? Siete stati propositivi? Quali sono state le reazioni?
– Sì, abbiamo avuto modo di vedere che il Paese sta attraversando una crisi profonda. Ne abbiamo parlato con rappresentanti del governo e delle opposizioni. In particolare, abbiamo chiesto chiarimenti sul doppio cambio di valuta, che oggi rappresenta un ostacolo non solo per gli italiani residenti, ma per milioni di venezuelani. In questo senso, l’auspicio è che possano giungere quanto prima delle risposte. Ma, le ripeto, non crediamo affatto che la soluzione a questi problemi possa essere un’interferenza esterna, così come fatto negli anni ’70 in Cile o in altri Paesi del Sud America. Al contrario, in questa fase delicata un’intromissione negli affari interni di Caracas rischierebbe, al contrario, di innescare una escalation di tensione pericolosissima. Per il 2018 sono previste le elezioni presidenziali e saranno queste a determinare il futuro del Venezuela. Sarà il popolo venezuelano a determinare il suo futuro e qualsiasi esito dovrà essere accettato dalle parti.

– Che opinione vi siete formati sulla “rivoluzione chavista”, sulla gestione del presidente Maduro e sulla realtà che oggi vive il Venezuela?
– Le ribadisco: non è nostra consuetudine ingerire negli affari interni di un altro Paese. Non siamo andati in Venezuela per dare una valutazione su una o l’altra parte. Sarà il popolo venezuelano a scegliere.

– In più occasioni avete espresso pareri negativi sul voto degli italiani all’estero. Perché? Quali sarebbero le vostre proposte?
– Non ci siamo espressi negativamente sul voto degli italiani all’estero, bensì sul sistema in sé. Il problema non è chi vota, ma come si vota e le ingenti spese economiche che ne conseguono da una gestione del tutto incontrollata. E’ il feedback che ci hanno dato anche molti consolati. L’obiettivo è neutralizzare quei centri di potere interni che si sono instaurati in alcuni Paesi ed ottimizzare le spese durante il processo di voto.
Mauro Bafile

  • Lucia Mariani

    Ottimo, chiaro e deciso il nostro Manlio Di Stefano. Quello che ha detto è perfettamente aderente al pensiero del Movimento 5 stelle. E’ un bene che all’estero conoscano questa realtà del movimento, ciò comporterà nel tempo un’allargamento della consapevolezza dei diritti dei cittadini in tutto il mondo.

    • Mike El Kebir

      Beh.. Dio mio, costui, fa parte di un Movimento che in Italia, diceva che il regime di Chavez,era una democrazia da seguire. Mentre adesso dice che il popolo venezuelano, dovra’ determinare il suo futuro..Giravolte e frasi senza senso. E ci mancherebbe pure che non fosse cosi’.

Ultima ora

08:48Libia, oggi faccia a faccia Sarraj-Haftar a Parigi

(ANSA) - PARIGI, 24 LUG - Faccia a faccia questo pomeriggio a Parigi tra il presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Sarraj e il comandante dell'Esercito nazionale libico Khalifa Haftar. L'incontro è previsto per le ore 16 nel castello di La Celle Saint Cloud, alle porte di Parigi, in presenza del presidente francese Emmanuel Macron e del neoinviato speciale dell'Onu per la Libia, Ghassan Salamé. La crisi libica contiene due problemi ritenuti "prioritari" dal governo francese: la lotta alla minaccia terroristica e quella contro il traffico di migranti. "La sfida - spiegano all'Eliseo - è costruire uno Stato capace di rispondere ai bisogni fondamentali dei libici, dotato di un esercito regolare unificato sotto l'autorità del potere civile", un passo considerato "necessario per il controllo del territorio libico". La speranza è che dal vertice possa scaturire "una dichiarazione congiunta condivisa" dai due antagonisti sui "grandi principi di una transizione politica".

07:55Operazione Dia, 8 arresti in ospedale Sant’Anna a Caserta

(ANSA) - NAPOLI, 25 LUG - Agenti della Direzione investigativa antimafia (Dia) di Napoli stanno portando a termine in queste ore tra Napoli e Caserta un provvedimento restrittivo della liberta personale nei confronti di otto persone, disposto dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale Procura della Repubblica. Gli arrestati sono dirigenti e funzionari della direzione sanitaria dell'ospedale 'Sant'Anna e San Sebastiano' di Caserta, oltre che diversi imprenditori napoletani e casertani titolari di importanti aziende nel settore dei servizi sanitari ed ospedalieri. I particolari dell'operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso la Procura di S. Maria Capua Vetere alle ore 10:30.

07:39Spianata delle moschee, Israele toglie i metal detector

(ANSA) - TEL AVIV, 25 LUG - Il governo israeliano ha deciso di togliere i metal detector dagli ingressi alla Spianata delle moschee a Gerusalemme, ma ci saranno le telecamere di sorveglianza. Per i fedeli musulmani non va bene, ha detto ad al-Jazeera Sheikh Najeh Bakirat, il direttore della moschea al-Aqsa, la più grande di Gerusalemme, che si trova sulla Spianata, che gli ebrei chiamano il Monte del Tempio.

22:07Omosessualità è ‘malattia’, Torino Pride contro libro prete

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Definisce l'omosessualità "una malattia" e una "anomalia sessuale". E' polemica per il libro 'Ti amo. La sessualità raccontata agli adolescenti' di don Paolo Gariglio, con prefazione dell'arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, distribuito ad un centinaio di adolescenti che partecipano ai campi estivi delle parrocchie di Nichelino, nel Torinese. Per il Torino Pride si tratta di un libro "disseminato di affermazioni omofobe oggi non più accettabili". Dal Torino Pride e dal suo coordinatore Alessandro Battaglia, la richiesta "ufficiale alla Città di Nichelino di prendere posizione. Quello che più ci lascia attoniti - attacca - non sono i contenuti, ai quali siamo abituati, quanto i destinatari", guidati "con menzogne e affermazioni anti scientifiche di un anziano uomo di fede che forse non ha immaginato il male che avrebbe provocato a ragazzi in una fase della vita così delicata. Il germe della discriminazione e del non amore - conclude - purtroppo nasce sempre dalla non conoscenza". (ANSA).

22:07A Milano tuffo in Darsena non autorizzato per consiglieri

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - Tuffo nella Darsena di Milano per tre consiglieri comunali della lista civica 'Noi Milano', ma senza l'autorizzazione del Comune. Franco D'Alfonso, Enrico Marcora e Marco Fumagalli (della lista del sindaco Beppe Sala) hanno fatto una nuotata per dimostrare che il bagno si può fare. Anche per questo presenteranno un ordine del giorno per proporre una balneazione regolamentata. I consiglieri bagnanti, tra cui anche Alessandro Morelli, il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, avevano chiesto il permesso di balneazione con una lettera al sindaco, Giuseppe Sala, all'assessore al Bilancio e Demanio Roberto Tasca e all'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Il permesso di balneazione è stato però negato dall'assessorato alla Sicurezza. I consiglieri si sono tuffati comunque alle 13 di oggi, come avevano annunciato, anche perché, come ha fatto notare Alessandro Morelli, la lettera "è arrivata alle 12:59 quando noi ci stavamo già per tuffare". Ora rischiano una multa fino a 150 euro.

21:44Benzina per eliminare pidocchi, mamma e bimba ustionate

(ANSA) - FIRENZE, 24 LUG - Una bambina di 12 anni e la sua mamma sono ricoverate con gravi ustioni per il tentativo di aver cercato di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. La bimba è ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni di secondo e di terzo grado alla testa, la mamma al centro grandi ustionati di Pisa con bruciature agli arti e al volto. Entrambe sono in prognosi riservata. E' accaduto alcuni giorni fa a Firenze ma è emerso solo oggi. La donna avrebbe avuto il suggerimento dell'uso della benzina per eliminare i parassiti dai capelli della figlia alla quale avrebbe praticato un impacco di liquido infiammabile. Non è chiaro se anche lei si sia sottoposta allo stesso trattamento. La vicinanza di una fiamma avrebbe dato poi fuoco al preparato ferendo mamma e figlia. (ANSA).

21:27Gerusalemme: colloquio Netanyahu-Abdallah,’soluzione vicina’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 LUG - Una telefonata di mezz'ora fra il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, e re Abdallah di Giordania si è conclusa positivamente. Adesso pare vicina una intesa che prevede in parallelo la rimozione dei metal detector dalla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e il ritorno in Israele dell'agente di sicurezza coinvolto in incidente nell' ambasciata di Israele ad Amman. Lo sostiene la televisione commerciale Canale 10. Fonti nell'ufficio di Netanyahu si limitano per il momento ad affermare che "i contatti fra Israele e Giordania si sono svolti in un'atmosfera di cooperazione" e che "non c'è stata alcuna richiesta giordana di collegare il ritorno dell'agente con la rimozione dei metal detector dal Monte del Tempio", ossia la Spianata delle Moschee.

Archivio Ultima ora