Manlio Di Stefano: “Il popolo venezuelano dovrà determinare il suo futuro”

Pubblicato il 14 marzo 2017 da Mauro Bafile

L’incontro della delegazione “cinque-stelle” con alcuni esponenti della Collettività

CARACAS – Ha visitato recentemente il Venezuela, per partecipare alla commemorazione dell’anniversario della morte del presidente Hugo Chávez, una delegazione del Movimento 5 Stelle composta da Manlio Di Stefano, capogruppo M5S in Commissione Affari Esteri della Camera; Ornella Bertorotta, Capogruppo alla Commissione Affari Esteri del Senato e Vito Petrocelli, Vice-Presidente del Comitato Italiani all’Estero. I parlamentari pentastellati hanno avuto occasione di incontrare rappresentanti del governo, delegazioni latinoamericane presenti alle celebrazioni, esponenti della maggioranza parlamentare e membri della nostra Collettività. Al termine della tournèe venezuelana, la “Voce” ha posto alcune domande al capo della delegazione grillina, l’on. Manlio Di Stefano.

– Dopo aver sostenuto conversazioni con i rappresentanti del governo e del Parlamento e soprattutto dopo aver incontrato alcuni esponenti della nostra Collettività, cosa riferirà in Parlamento? Quali iniziative proporrà il “Movimento” per favorire gli italiani in Venezuela, in questo momento particolarmente difficile? Considera che chiedere di ripristinare i voli dell’Alitalia col Venezuela, come annunciato, sia una priorità per la nostra Collettività?
– Gli incontri avuti con le varie parti ci hanno aiutato a conoscere da vicino un Paese che oggi vive una grandissima fase di difficoltà economica e sociale. Il ripristino della tratta Roma-Caracas è solo uno dei tanti problemi che ci ha esposto la comunità italiana residente. In particolare, al nostro arrivo, dai nostri connazionali c’è stato fornito un quadro allarmante per quanto riguarda il tema sicurezza. Ne abbiamo parlato con alcuni rappresentanti governativi e con lo stesso ambasciatore Mignano. Il nostro primo obiettivo è che gli italiani in Venezuela si sentano al sicuro.

– Perché si è preferito ascoltare alcuni esponenti della Collettività nell’intimità della residenza del nostro Ambasciatore e cancellare l’incontro previsto con la comunità nel Centro Italiano Venezuelano di Caracas?

– Veramente non si è cancellato alcun incontro. Al contrario, per noi era importante incontrare prima di ogni altro la comunità italiana. Lo abbiamo fatto nella residenza dell’ambasciata per motivi organizzativi, visto che la sera ci saremmo dovuti intrattenere con l’ambasciatore per approfondire alcuni temi sul Paese. “Nell’intimità”, se mi consente, è una sua strettissima valutazione. All’incontro c’erano anche diversi giornalisti.

L’On. Manlio Di Stefano

– Perché si è voluta far coincidere la presenza del M5s in Venezuela con la commemorazione della morte del presidente Hugo Chávez, un personaggio con tanto carisma ma che tutt’oggi è al centro di polemiche che dividono il paese?
– La commemorazione della scomparsa di Chávez era semplicemente un’occasione per incontrare altre delegazioni di Paesi sudamericani con cui intratteniamo da tempo rapporti istituzionali. E’ stato un momento per presentare il M5S a più Paesi, che poi è stato l’obiettivo della nostra visita, vorrei ricordarlo, non solo in Venezuela ma anche in Argentina.

– Il M5s agisce in un Paese, l’Italia, in cui esiste il rispetto tra i poteri e il Parlamento non è privato delle prerogative stabilite dalla Costituzione. Quale sarebbe l’atteggiamento del M5s qualora ci fosse anche in Italia un tentativo di diminuire l’autorità del Parlamento o solo ignorare la sua funzione legislativa?
– Che in Italia ci sia il rispetto dei poteri è tutto dire. Gli ultimi governi, da Letta a Renzi passando per Gentiloni, hanno abusato della decretazione di urgenza come nessun altro aveva mai fatto prima. Renzi stesso pose la questione di fiducia sulla legale elettorale, una mossa tale l’Italia la conobbe solo durante il Ventennio fascista.

– Su facebook l’On. Manlio Di Stefano ha scritto che nella sua visita in America latina avrebbe portato con fierezza la politica estera del M5s; “una politica estera che si basa sul rispetto della sovranità, dell’indipendenza, dello stato di diritto e dell’autodeterminazione di ogni popolo per la costruzione di un mondo realmente multipolare e che rispetti il diritto alla pace di tutte le popolazioni”. “L’autodeterminazione dei popoli” è applicabile anche in quei paesi in cui non si permette ai cittadini di esprimersi liberamente attraverso il suffragio o, come ad esempio in Corea del Nord, in Somalia, in Sudan, in Cuba solo per nominarne alcuni, si castiga con il carcere la dissidenza?
– L’autoderminazione dei popoli è un valore assoluto, è l’essenza stessa della democrazia, nel rispetto, sempre, del diritto internazionale e delle convenzioni Onu. In molti dei Paesi che lei ha citato questo non accade, così come non accade in molti altri che lei, però, non ha citato. Come l’Arabia Saudita, ad esempio. In alcuni casi però non c’è alcuna levata di scudi. Lei mi vuole dire che bisognerebbe intervenire solo in determinate circostanze? Bene, mi dica lei come e, soprattutto, quali casi vanno e bene e quali no. E perché, soprattutto…

– Nel corso della permanenza in Venezuela, nonostante i molteplici impegni avete avuto modo di muovervi in città, di osservare le lunghe file di cittadini di fronte ai supermarket piccoli e grandi in attesa di poter acquistare qualche genere alimentare? Con quali autorità avete commentato quanto osservato? Cosa vi è stato detto? Siete stati propositivi? Quali sono state le reazioni?
– Sì, abbiamo avuto modo di vedere che il Paese sta attraversando una crisi profonda. Ne abbiamo parlato con rappresentanti del governo e delle opposizioni. In particolare, abbiamo chiesto chiarimenti sul doppio cambio di valuta, che oggi rappresenta un ostacolo non solo per gli italiani residenti, ma per milioni di venezuelani. In questo senso, l’auspicio è che possano giungere quanto prima delle risposte. Ma, le ripeto, non crediamo affatto che la soluzione a questi problemi possa essere un’interferenza esterna, così come fatto negli anni ’70 in Cile o in altri Paesi del Sud America. Al contrario, in questa fase delicata un’intromissione negli affari interni di Caracas rischierebbe, al contrario, di innescare una escalation di tensione pericolosissima. Per il 2018 sono previste le elezioni presidenziali e saranno queste a determinare il futuro del Venezuela. Sarà il popolo venezuelano a determinare il suo futuro e qualsiasi esito dovrà essere accettato dalle parti.

– Che opinione vi siete formati sulla “rivoluzione chavista”, sulla gestione del presidente Maduro e sulla realtà che oggi vive il Venezuela?
– Le ribadisco: non è nostra consuetudine ingerire negli affari interni di un altro Paese. Non siamo andati in Venezuela per dare una valutazione su una o l’altra parte. Sarà il popolo venezuelano a scegliere.

– In più occasioni avete espresso pareri negativi sul voto degli italiani all’estero. Perché? Quali sarebbero le vostre proposte?
– Non ci siamo espressi negativamente sul voto degli italiani all’estero, bensì sul sistema in sé. Il problema non è chi vota, ma come si vota e le ingenti spese economiche che ne conseguono da una gestione del tutto incontrollata. E’ il feedback che ci hanno dato anche molti consolati. L’obiettivo è neutralizzare quei centri di potere interni che si sono instaurati in alcuni Paesi ed ottimizzare le spese durante il processo di voto.
Mauro Bafile

  • Lucia Mariani

    Ottimo, chiaro e deciso il nostro Manlio Di Stefano. Quello che ha detto è perfettamente aderente al pensiero del Movimento 5 stelle. E’ un bene che all’estero conoscano questa realtà del movimento, ciò comporterà nel tempo un’allargamento della consapevolezza dei diritti dei cittadini in tutto il mondo.

Ultima ora

16:59Terremoto: Preci ‘Comune amico degli Stati Uniti’

(ANSA) - PERUGIA, 30 APR - Preci, piccolo comune della Valnerina al confine con le Marche, è "Comune amico degli Stati Uniti d'America": lo ha sancito un attestato ufficiale della Fondazione Italia-Usa, con il riconoscimento di entrambe le Ambasciate. La consegna dell'attestato è avvenuta in occasione dell'assemblea di coordinamento regionale del club dei Borghi più Belli d'Italia, a Bevagna. Ha ritirato il riconoscimento il vicesindaco di Preci, Paolo Masciotti. "La certificazione intende avviare percorsi virtuosi di accoglienza del turismo di lingua inglese. La conferma dell'attestato dimostra che non ci pieghiamo agli eventi, ma al contrario lavorare per ricostruire le bellezze e la capacità attrattiva che hanno sempre contraddistinto Preci", dice il vicesindaco di Preci. Il progetto di collaborazione tra Preci e la Fondazione Italia-Usa si era sviluppato nell'ambito dall'adesione del Comune all'associazione dei Borghi più belli d'Italia, ottenuta il 13 agosto scorso. "Abbiamo oggi la necessità - sottolinea il vicesindaco di Preci - di tenere accesi i riflettori sulla nostra terra, fornendo però sempre più comunicazioni positive e rassicuranti. Ricevere proprio ora questa importante attestazione ci riempie di orgoglio e testimonia l'attenzione che può essere riservata a Preci dal mondo del turismo. Attenzioni che ci danno la forza per ricostruire il nostro borgo, caratterizzato - conclude il vicesindaco - dai cinquecenteschi palazzi e dai suoi gioielli come il museo della Scuola chirurgica preciana e l'Abbazia benedettina di Sant'Eutizio, ora profondamente feriti dal sisma".

16:56F1: Vettel, Bottas ha vinto gara alla partenza

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Complimenti a Bottas, è la sua giornata oggi". Nella festa del podio, Sebastian Vettel rende omaggio a Valtteri Bottas autore di una grande gara nel Gran Premio di Russia. ''Io sono partito anche bene - ha detto Vettel - lui ha avuto più slancio e una grande scia, è li che ha vinto la gara, poi ha fatto uno stint superbo e non ha commesso errori".

16:54Pd: 701.373 cittadini hanno votato alle 12 a primarie

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Alle 12 l'affluenza ai seggi delle primarie del PD è risultata essere di 701.373 cittadini. Grazie per questa straordinaria partecipazione che siamo certi si rafforzerà nelle prossime ore. Grazie agli oltre 80mila volontari che rendono possibile questo importantissimo evento democratico. E' quanto si legge in una nota della Commissione nazionale per il Congresso PD.

16:53Destra a Milano:Boldrini, Stato non si faccia deridere

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Le manifestazioni fasciste in Italia non possono essere consentite: né il 25 aprile, né in qualsiasi altro giorno dell'anno. I raduni con tanto di saluti romani che si sono tenuti ieri a Milano e Cremona, in aperta e provocatoria violazione di quanto stabiliscono la Costituzione e la legge, rappresentano un affronto alla democrazia nata dalla Resistenza". Lo afferma la Presidente della Camera Laura Boldrini, che aggiunge "lo Stato non si fa deridere dai nostalgici" e chiede legge del Parlamento.

16:51Calcio: Juve, Cuadrado “pari Bergamo utile per crescere”

(ANSA) - TORINO, 30 APR - "A Bergamo non abbiamo giocato da Juve, ma ci sarà utile crescere". Così Juan Cuadrado, attaccante della Juventus, dopo il pareggio per 2-2 sul campo dell'Atalanta, ultimo test prima della semifinale d'andata di Champions League con i monegaschi: "Anche questo piccolo stop ci è utile", ha spiegato il colombiano ai microfoni di Jtv. "Stiamo disputando una grande stagione, da quando il mister ha cambiato il modulo di gioco tutto è cambiato. Abbiamo lavorato come un grande gruppo, mettendoci tutti a disposizione".

16:47Valanghe: pericolo marcato (3 su 5) in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 30 APR - Pericolo marcato (di grado 3 in una scala da 1 a 5) in Alto Adige previsto per domani, 1 maggio, soprattutto dal pomeriggio. Se infatti inizialmente sarà marcato solo dai 2.300-2.400 metri di quota, per la neve ventata, nel corso della giornata da Ovest inizierà nuovamente a nevicare, e in combinazione con il vento forte si formeranno nuovi accumuli eolici delicati e il pericolo valanghe aumenterà. Specie sulle esposizioni settentrionali e nelle quote glaciali su tutte le esposizioni gli accumuli di neve ventata andranno a poggiare su neve polverosa e saranno così facilmente staccabili con debole sovraccarico. Non sono previsti però più di 10 fino 25 cm di neve fresca. Per le cattive condizioni di visibilità il riconoscimento dei punti pericolosi risulterà difficile. (ANSA).

16:38Gb: 20 anni fa il trionfo di Tony Blair

(ANSA) - LONDRA, 30 APR - "E' un nuovo giorno, non è vero?". Con queste parole Tony Blair, il 2 maggio del 1997, diventava a 43 anni il più giovane primo ministro britannico dal 1812 grazie a un trionfo a valanga nelle elezioni per il rinnovo dei Comuni che segnavano lo storico ritorno del Labour al potere dopo l'epoca Thatcher-Major. A distanza di 20 anni esatti da quel momento di gloria poco resta della controversa eredità blairiana in un partito profondamente mutato e che si trova ad affrontare uno dei suoi tornanti più difficili: a picco nei sondaggi e con un nuovo leader radicale, Jeremy Corbyn, che - inviso all'establishment e sotto il fuoco 'amico' dell'opposizione interna - rischia un tracollo nel voto anticipato dell'8 giugno. Appariva invece luminoso il destino dell'inventore del New Labour che in quel 1997 portava a Downing Street un programma liberal-riformatore, un look tutto nuovo, un'oratoria irresistibile e la promessa di rendere finalmente 'cool' la Gran Bretagna. Spazzando via il tradizionale grigiore Tory.

Archivio Ultima ora