Alitalia cerca di chiudere il piano di rilancio. Montezemolo verso l’addio

Pubblicato il 14 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Il consiglio di amministrazione di Alitalia torna a riunirsi per cercare di chiudere sul piano di rilancio della compagnia. L’attesa, secondo le indicazioni dell’ultimo cda, era che che si arrivasse all’approvazione finale questa settimana. Quello di domani, però, potrebbe non essere un passaggio definitivo: secondo quanto si apprende, infatti, il finanziamento del piano da parte degli azionisti potrebbe essere subordinato all’accordo con i sindacati sul contratto e sul piano.

Si concretizza intanto l’uscita di scena di Luca Cordero di Montezemolo, che però resterà consigliere, mentre si avvicina l’arrivo di Luigi Gubitosi al vertice della compagnia, con un primo passaggio domani con la cooptazione nel cda. La nomina dell’ex direttore della Rai, che dovrebbe andare a ricoprire il ruolo di presidente esecutivo e guidare il rilancio della compagnia in tandem con l’amministratore delegato Cramer Ball, avverrà per gradi: nel cda di domani, convocato per il primo pomeriggio a Fiumicino, ci sarà la cooptazione nel consiglio; mentre per la nomina a presidente esecutivo servono prima altri passaggi formali, cioè l’assemblea dei soci e un successivo cda per il conferimento delle deleghe.

Intanto Montezemolo si prepara a lasciare l’incarico di presidente, ma non la compagnia, dove resterà come membro del cda. E’ da mesi ormai, sin dal novembre dello scorso anno, che l’ex manager Ferrari ha espresso l’intenzione di abbandonare la carica di presidente senza poteri esecutivi, ma dai soci della compagnia è arrivata a più riprese la richiesta di rimanere fino all’approvazione del piano per il suo ruolo di collegamento con Abu Dhabi.

Ora, con il via libera al piano e l’avvio di una nuova fase per Alitalia, Montezemolo sarebbe pronto a lasciare. L’addio non verrebbe ufficializzato però nel cda di domani: per le dimissioni sono infatti necessari una serie di passaggi formali e la convocazione di un nuovo cda.

Il nuovo management avrà il compito di tradurre in realtà la ricetta per il rilancio individuata dal piano, che l’ultimo cda ha giudicato “serio e realistico”. Si tratta di una manovra che dovrebbe valere tra 900 milioni e 1,2 miliardi e che ridisegna il modello business dividendo la compagnia in due, una ‘divisione’ per il lungo raggio ed una con una formula ‘ibrida’ sul breve e medio raggio.

Sul fronte del taglio dei costi, i risparmi potrebbero arrivare ad 1 miliardo in tre anni: escluso il costo del lavoro, solo quest’anno i tagli dovrebbero salire a 190 milioni per arrivare a regime a 300-320 milioni nell’arco dei 5 anni di piano. Si tratta ora di capire quale sarà l’indicazione che uscirà dal board di domani.

Se il finanziamento dei soci dovesse essere subordinato all’accordo con i sindacati, i tempi rischiano di allungarsi. Visto che la trattativa riguarda temi delicati come gli esuberi e il costo del lavoro. I sindacati, che attendono da mesi di vedere il piano, tornano ad esprimere preoccupazione: “Rivediamo gli stessi problemi e presagiamo il fallimento degli stessi obiettivi, ogni volta riproposti”, osserva il segretario della Filt Cgil Alessandro Rocchi, avvertendo che “la terza crisi in otto anni si cala su una condizione del lavoro fortemente stressata dalle due precedenti ristrutturazioni”.

(di Enrica Piovan/ANSA)

Ultima ora

13:17Bimbo di 26 mesi muore schiacciato da tv in Salento

(ANSA) - LEVERANO (LECCE), 20 OTT - Un bambino di 26 mesi é morto schiacciato dal televisore che gli è caduto addosso mentre tentava di accenderlo. La tragedia é avvenuta nell'abitazione della famiglia della vittima a Leverano, in Salento. Il piccolo, figlio unico, era in casa con la madre. Approfittando di un momento di disattenzione della donna, il piccolo si é diretto nel soggiorno, è salito sul carrello sul quale era posizionata la tv, un vecchio modello col tubo catodico e, nel tentativo di accenderla, l'ha fatta cadere. L'apparecchio l'ha schiacciato. Vano il disperato tentativo dei sanitari del 118 di rianimarlo. La mamma è sotto choc. Sul posto sono al lavoro i carabinieri della scientifica.

13:16Rogo nel forlivese scatenato da petardi, tre denunciati

(ANSA) - MODIGLIANA (FORLÌ-CESENA), 20 OTT - Due cacciatori di 47anni e il figlio 17enne di uno di loro sono stati denunciati dai carabinieri per incendio colposo. Il tutto ha preso il via nel tardo pomeriggio di ieri col divampare di un violento incendio in un podere di Modigliana, sull'Appennino forlivese. Sono stati distrutti oltre quattro ettari di macchia mediterranea e solo il faticoso lavoro dei vigili del fuoco ha impedito che il rogo raggiungesse un'abitazione. L'incendio, hanno verificato i militari intervenuti, è stato provocato dallo scoppio di alcuni petardi, e tre persone erano state viste allontanarsi velocemente a bordo di due auto subito dopo il divampare delle fiamme. I tre sono stati ben presto identificati e raggiunti nelle loro abitazioni. Si tratta di due cacciatori del posto e del minorenne. Secondo quanto emerso il 17enne avrebbe fatto scoppiare i petardi con l'intenzione di indirizzare i volatili impauriti verso i fucili del padre e dell'amico. (ANSA).

13:0713enne giù da finestra scuola a Roma, è morto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un ragazzino di 13 anni è morto dopo essere precipitato da una finestra della scuola Santa Maria, di via Tasso, nel centro di Roma. Secondo quanto si è appreso, il ragazzino, è stato soccorso in gravissime condizioni dal 118 ed è deceduto poco dopo. Ancora da chiarire le circostanze della caduta del ragazzo.

12:59L. Elettorale: 179 emendamenti in Commissione al Senato

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sono solo 179 gli emendamenti al Rosatellum 2.0 presentati in Commissione Affari costituzionali del Senato. Lo riferisce il presidente della Commissione e relatore Salvatore Torrisi, contattato al telefono. "Ci sono emendamenti di M5s, di Mdp, del Misto, di Gal e Qualcuno anche da parte di deputati del Pd e della Lega. Lunedì alle 16 iniziamo e proseguiamo ad oltranza", ha concluso.

12:58Bankitalia: Cav, sinistra vuole posti, no asse con Renzi

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Sul caso Bankitalia la mia posizione è stata di massima trasparenza e chiarezza: ho denunciato l'antico vizio della sinistra per l'occupazione dei posti e ribadito, allo stesso tempo, che è comprensibile la volontà di controllo su quello che è successo in questi anni. Tutto questo ho detto anche per invocare il rispetto delle regole, che qualcuno ha disinvoltamente dimenticato o addirittura violato. Nessun "asse con Renzi", come qualche giornale ha maliziosamente insinuato". Lo afferma il leader di FI Silvio Berlusconi.

12:52Solo e in pigiama, a 3 anni di notte in piazza Maggiore

(ANSA) - BOLOGNA, 20 OTT - Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino, cantava Lucio Dalla. Invece ben prima dell'alba di mercoledì un bimbo di tre anni, solo, scalzo e in pigiama, è stato soccorso dai carabinieri in piazza Maggiore. Verso le 4.30 la centrale operativa del 112 è stata informata della presenza del piccolo, che stava vagando per la piazza. Una pattuglia della stazione Bologna è intervenuta e i militari sono risaliti ai genitori del bimbo, una coppia d'italiani residenti in zona. La madre era assente per motivi di lavoro, il padre e la domestica stavano dormendo e non si erano accorti che era uscito di casa.(ANSA).

12:51Uomo accoltellato e ucciso durante lite a Roma, un arresto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un uomo è stato accoltellato e ucciso stamattina alla periferia di Roma. La vittima è un 50enne che è stato raggiunto da più coltellate durante una lite. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma che hanno bloccato il responsabile, un 32enne. Non si esclude che possa avere problemi psichici. Ancora da chiarire i motivi della lite.

Archivio Ultima ora