Gentiloni: “Quadro più fragile, ma non tirerò a campare”

Pubblicato il 14 marzo 2017 da ansa

ROMA. – “Non mi rassegno a un governo e una maggioranza che tirano a campare. Non è così e non lo sarà”. Paolo Gentiloni, a tre mesi dalla nascita del suo governo, incontra per la prima volta i deputati del Pd riuniti in assemblea a Montecitorio. “Mai avrei pensato di essere qui da premier…”, si schernisce tra i sorrisi dei colleghi.

E tiene un discorso programmatico che prima ancora dei contenuti, con la tanta carne al fuoco del governo, mira a segnare un punto politico: da qui a fine legislatura si sente investito, spiega, di una “personale missione compiuta” che è “preparare una nuova stagione” positiva per il Pd portandolo alle elezioni “nelle migliori condizioni possibili”. Gli applausi dei deputati lo interrompono diverse volte e alla fine nessuno interviene in replica, anche gli esponenti delle mozioni congressuali non renziane che avevano preventivato di farlo.

Gentiloni arriva alla Camera poco dopo le 20, al termine di una giornata aperta da un Cdm che ha fissato la data del referendum sul Jobs act per il 28 maggio. Si lavorerà per evitare quel passaggio “correggendo” le norme sui voucher, conferma ai deputati. Ma non dice di più, perché il lavoro dovrà essere condiviso: “Ne discuteremo nel gruppo”, afferma.

E’ il suo ruolo di ‘servizio’, lo sottolinea in diversi passaggi del suo intervento. Fino al 2018 o comunque finché ci saranno “le condizioni” per portare avanti la legislatura, il governo non si “limiterà a tenere a galla la barca” e provare a “concludere dignitosamente una stagione” ma si darà “obiettivi ambiziosi che vanno oltre l’attuazione del programma di riforme”. E in questo ha bisogno dell’apporto del Pd, “architrave della maggioranza”.

In mattinata, alla presentazione di iniziative del Fai, il premier cita Gaber: “Libertà è partecipazione”. In serata al gruppo Dem cita con un sorriso Cocciante: “Io non posso stare fermo…”. Ettore Rosato, che apre la riunione, ricorda che in Parlamento le cose si sono fatte più complicate dopo la scissione del Pd, anche alla Camera dove i numeri sono ampi.

E Gentiloni lo dice in modo ancor più chiaro: “Il quadro politico – sarebbe miope non riconoscerlo – è più frammentato di quanto non fosse a novembre. Gli italiani vogliono essere rassicurati”, sottolinea. “Ho le mie idee e molti di voi sanno come la penso da molti anni ma lo sforzo di questi mesi sarà tenere il governo per quanto possibile al riparo dalle tensioni politiche”.

Quanto all’agenda delle cose da fare, cita il terremoto (al Salone di Milano saranno presentati i primi progetti di Casa Italia), l’immigrazione, i diritti civili come il biotestamento e il Sud (a Matera ad aprile ci sarà un “grande evento” sul tema), la povertà (“Sono quasi pronti i decreti attuativi”). E poi la battaglia in Europa, dove nel 2018 potrebbe esserci “un’implosione” dell’Ue, ma anche l’avvio di un periodo di “grande cambiamento” se Macron vincerà in Francia e Schulz in Germania.

Non ignora, il premier, che il tema più atteso è quello economico, con il Def e la ‘manovrina’ da varare ad aprile. Ma rinvia a un altro momento: “I conti, di cui certamente parleremo, non sono tutto. Abbiamo grandi priorità che vanno al di là delle leggi di bilancio dei prossimi 7-8 mesi”, sottolinea. E aggiunge che tanto è stato fatto, anche se non è emerso a causa della “dieta mediatica che mi sono imposto e penso fosse utile dopo mesi di campagna” referendaria.

Gli applausi più forti sono per il passaggio dedicato, senza mai citarli, ai Cinque stelle: “La denigrazione delle istituzioni è una delle malattie del nostro Paese e una delle cause della crisi italiana. Ho il privilegio di non partecipare al talk show ma la campagna continua di denigrazione della politica e del Parlamento non la dobbiamo subire, la dobbiamo contrastare con la forza della politica come fanno Renzi e gli altri leader candidati alla guida del Pd”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

13:17Bimbo di 26 mesi muore schiacciato da tv in Salento

(ANSA) - LEVERANO (LECCE), 20 OTT - Un bambino di 26 mesi é morto schiacciato dal televisore che gli è caduto addosso mentre tentava di accenderlo. La tragedia é avvenuta nell'abitazione della famiglia della vittima a Leverano, in Salento. Il piccolo, figlio unico, era in casa con la madre. Approfittando di un momento di disattenzione della donna, il piccolo si é diretto nel soggiorno, è salito sul carrello sul quale era posizionata la tv, un vecchio modello col tubo catodico e, nel tentativo di accenderla, l'ha fatta cadere. L'apparecchio l'ha schiacciato. Vano il disperato tentativo dei sanitari del 118 di rianimarlo. La mamma è sotto choc. Sul posto sono al lavoro i carabinieri della scientifica.

13:16Rogo nel forlivese scatenato da petardi, tre denunciati

(ANSA) - MODIGLIANA (FORLÌ-CESENA), 20 OTT - Due cacciatori di 47anni e il figlio 17enne di uno di loro sono stati denunciati dai carabinieri per incendio colposo. Il tutto ha preso il via nel tardo pomeriggio di ieri col divampare di un violento incendio in un podere di Modigliana, sull'Appennino forlivese. Sono stati distrutti oltre quattro ettari di macchia mediterranea e solo il faticoso lavoro dei vigili del fuoco ha impedito che il rogo raggiungesse un'abitazione. L'incendio, hanno verificato i militari intervenuti, è stato provocato dallo scoppio di alcuni petardi, e tre persone erano state viste allontanarsi velocemente a bordo di due auto subito dopo il divampare delle fiamme. I tre sono stati ben presto identificati e raggiunti nelle loro abitazioni. Si tratta di due cacciatori del posto e del minorenne. Secondo quanto emerso il 17enne avrebbe fatto scoppiare i petardi con l'intenzione di indirizzare i volatili impauriti verso i fucili del padre e dell'amico. (ANSA).

13:0713enne giù da finestra scuola a Roma, è morto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un ragazzino di 13 anni è morto dopo essere precipitato da una finestra della scuola Santa Maria, di via Tasso, nel centro di Roma. Secondo quanto si è appreso, il ragazzino, è stato soccorso in gravissime condizioni dal 118 ed è deceduto poco dopo. Ancora da chiarire le circostanze della caduta del ragazzo.

12:59L. Elettorale: 179 emendamenti in Commissione al Senato

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sono solo 179 gli emendamenti al Rosatellum 2.0 presentati in Commissione Affari costituzionali del Senato. Lo riferisce il presidente della Commissione e relatore Salvatore Torrisi, contattato al telefono. "Ci sono emendamenti di M5s, di Mdp, del Misto, di Gal e Qualcuno anche da parte di deputati del Pd e della Lega. Lunedì alle 16 iniziamo e proseguiamo ad oltranza", ha concluso.

12:58Bankitalia: Cav, sinistra vuole posti, no asse con Renzi

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Sul caso Bankitalia la mia posizione è stata di massima trasparenza e chiarezza: ho denunciato l'antico vizio della sinistra per l'occupazione dei posti e ribadito, allo stesso tempo, che è comprensibile la volontà di controllo su quello che è successo in questi anni. Tutto questo ho detto anche per invocare il rispetto delle regole, che qualcuno ha disinvoltamente dimenticato o addirittura violato. Nessun "asse con Renzi", come qualche giornale ha maliziosamente insinuato". Lo afferma il leader di FI Silvio Berlusconi.

12:52Solo e in pigiama, a 3 anni di notte in piazza Maggiore

(ANSA) - BOLOGNA, 20 OTT - Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino, cantava Lucio Dalla. Invece ben prima dell'alba di mercoledì un bimbo di tre anni, solo, scalzo e in pigiama, è stato soccorso dai carabinieri in piazza Maggiore. Verso le 4.30 la centrale operativa del 112 è stata informata della presenza del piccolo, che stava vagando per la piazza. Una pattuglia della stazione Bologna è intervenuta e i militari sono risaliti ai genitori del bimbo, una coppia d'italiani residenti in zona. La madre era assente per motivi di lavoro, il padre e la domestica stavano dormendo e non si erano accorti che era uscito di casa.(ANSA).

12:51Uomo accoltellato e ucciso durante lite a Roma, un arresto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un uomo è stato accoltellato e ucciso stamattina alla periferia di Roma. La vittima è un 50enne che è stato raggiunto da più coltellate durante una lite. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma che hanno bloccato il responsabile, un 32enne. Non si esclude che possa avere problemi psichici. Ancora da chiarire i motivi della lite.

Archivio Ultima ora