Uganda, Ambasciata d’Italia e AVSI sostengono la formazione “rosa”

Pubblicato il 15 marzo 2017 da redazione

KAMPALA – L’eccellenza dell’artigianato italiano si fonde con la creatività femminile per dare vita ad un piccolo progetto che stupisce per semplicità ed efficacia.

Dall’Italia e completamente a sua spese arriva in Uganda Elena Pavel, esperta in camiceria di lusso e laureanda in Scienze Internazionali. Di origini rumene, ma all’estero già da molti anni, Elena gestisce assieme al suo compagno un laboratorio di sartoria, La Bottega dell’Artigianato, circondata dalla stima e dall’affetto di tanti clienti tra le sedi di Roma e Milano.

 

 

Elena lavora da sempre per le donne, italiane, extracomunitarie, tutte. Questo con la convinzione testarda che investire sulla loro formazione sia redditizio per tutti, soprattutto in chiave umana.

 

 

 

 

 

Lo scorso anno ha accettato la sfida di partire per l’Uganda per insegnare la camiceria “all’italiana” ad un gruppo di studenti del COWA Vocational Training Centre di Kampala, con cui AVSI, organizzazione non governativa presente attivamente nel Paese sin dagli anni ’70, collabora da tempo.

Il prossimo maggio Elena sarà di nuovo in prima linea per due settimane, porterà dall’Italia le stoffe ed anche il materiale necessario per insegnare a venti studenti della scuola come fare camicie di qualità, dalle misure, al taglio, al cucito, sino ai consigli da dispensare ai clienti sulla scelta del modello e della stoffa.

 

 

 

 

 

Per sostenere la scuola, l’Ambasciata d’Italia in Uganda ha patrocinato ed ospitato una sfilata di beneficenza a cui hanno partecipato dieci stilisti proventi da una vasta scena non soltanto africana: Repubblica Democratica del Congo, Madagascar, Nigeria, Canada ed India. Il risultato? Un evento multiculturale in cui l’impegno sociale si è mescolato con grazia all’intrattenimento e alla leggerezza.

 

Stilisti prevalentemente poco conosciuti, ma selezionati per la loro creatività; modelle rigorosamente non professioniste, di tutte le taglie e di tutte le età, provenienti da 4 continenti, in un clima allegro e collaborativo, come non è scontato vedere tra donne.

 

 

 

Oltre 200 i partecipanti che hanno contribuito con entusiasmo alla raccolta fondi. Ospite d’onore della serata una donna di spicco del panorama politico e sociale ugandese, la presidente del Parlamento Rebecca A.Kadaga che ha partecipato con entusiasmo al programma mostrando un forte interesse a seguire l’evoluzione del progetto.

 

 

 

Subito dopo la performance, la residenza d’Italia ha ospitato anche un rinfresco e un vero e proprio mercatino dove gli stilisti hanno potuto presentare le loro creazioni, vendere e farsi quella pubblicità, cosa che per chi inizia può fare la differenza tra far decollare l’attività o dover viceversa rinunciare nonostante il talento. Per alcune di loro è davvero molto difficile iniziare e persino avere uno spazio espositivo in un negozio altrui è proibitivo in termini di costi.

Creatività e determinazione possono essere necessari, ma non sufficienti soprattutto per una donna africana nello scenario complesso di un Paese in via di sviluppo. Da qui l’idea di sostenere delle giovani menti, a vari livelli. Le stiliste, ma anche le stesse studentesse della scuola. Donne che aiutano altre donne, una rete fitta, multicolore, energica e vibrante in una città multiculturale, centro nevralgico dell’Africa dell’est, ricca di potenzialità, di idee, di talenti che aspettano solo di essere scoperti.

La vita delle donne è spesso in salita, ma per noi occidentali la possibilità di poter studiare e poi lavorare è scontata, nonostante le persistenti difficoltà. In Africa, invece, la vera differenza la può fare proprio la formazione. L’educazione, cioè, delle nuove generazioni di donne, la possibilità di avere almeno l’occasione di mettersi alla prova, di mostrare tutto il proprio valore. Per questo iniziative del genere, piccole ma concrete, possono davvero fare la differenza.

Luca Marfé

Instagram: @lucamarfe – Twitter: @marfeluca
www.lucamarfe.com

Ultima ora

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

Archivio Ultima ora