Uganda, Ambasciata d’Italia e AVSI sostengono la formazione “rosa”

Pubblicato il 15 marzo 2017 da redazione

KAMPALA – L’eccellenza dell’artigianato italiano si fonde con la creatività femminile per dare vita ad un piccolo progetto che stupisce per semplicità ed efficacia.

Dall’Italia e completamente a sua spese arriva in Uganda Elena Pavel, esperta in camiceria di lusso e laureanda in Scienze Internazionali. Di origini rumene, ma all’estero già da molti anni, Elena gestisce assieme al suo compagno un laboratorio di sartoria, La Bottega dell’Artigianato, circondata dalla stima e dall’affetto di tanti clienti tra le sedi di Roma e Milano.

 

 

Elena lavora da sempre per le donne, italiane, extracomunitarie, tutte. Questo con la convinzione testarda che investire sulla loro formazione sia redditizio per tutti, soprattutto in chiave umana.

 

 

 

 

 

Lo scorso anno ha accettato la sfida di partire per l’Uganda per insegnare la camiceria “all’italiana” ad un gruppo di studenti del COWA Vocational Training Centre di Kampala, con cui AVSI, organizzazione non governativa presente attivamente nel Paese sin dagli anni ’70, collabora da tempo.

Il prossimo maggio Elena sarà di nuovo in prima linea per due settimane, porterà dall’Italia le stoffe ed anche il materiale necessario per insegnare a venti studenti della scuola come fare camicie di qualità, dalle misure, al taglio, al cucito, sino ai consigli da dispensare ai clienti sulla scelta del modello e della stoffa.

 

 

 

 

 

Per sostenere la scuola, l’Ambasciata d’Italia in Uganda ha patrocinato ed ospitato una sfilata di beneficenza a cui hanno partecipato dieci stilisti proventi da una vasta scena non soltanto africana: Repubblica Democratica del Congo, Madagascar, Nigeria, Canada ed India. Il risultato? Un evento multiculturale in cui l’impegno sociale si è mescolato con grazia all’intrattenimento e alla leggerezza.

 

Stilisti prevalentemente poco conosciuti, ma selezionati per la loro creatività; modelle rigorosamente non professioniste, di tutte le taglie e di tutte le età, provenienti da 4 continenti, in un clima allegro e collaborativo, come non è scontato vedere tra donne.

 

 

 

Oltre 200 i partecipanti che hanno contribuito con entusiasmo alla raccolta fondi. Ospite d’onore della serata una donna di spicco del panorama politico e sociale ugandese, la presidente del Parlamento Rebecca A.Kadaga che ha partecipato con entusiasmo al programma mostrando un forte interesse a seguire l’evoluzione del progetto.

 

 

 

Subito dopo la performance, la residenza d’Italia ha ospitato anche un rinfresco e un vero e proprio mercatino dove gli stilisti hanno potuto presentare le loro creazioni, vendere e farsi quella pubblicità, cosa che per chi inizia può fare la differenza tra far decollare l’attività o dover viceversa rinunciare nonostante il talento. Per alcune di loro è davvero molto difficile iniziare e persino avere uno spazio espositivo in un negozio altrui è proibitivo in termini di costi.

Creatività e determinazione possono essere necessari, ma non sufficienti soprattutto per una donna africana nello scenario complesso di un Paese in via di sviluppo. Da qui l’idea di sostenere delle giovani menti, a vari livelli. Le stiliste, ma anche le stesse studentesse della scuola. Donne che aiutano altre donne, una rete fitta, multicolore, energica e vibrante in una città multiculturale, centro nevralgico dell’Africa dell’est, ricca di potenzialità, di idee, di talenti che aspettano solo di essere scoperti.

La vita delle donne è spesso in salita, ma per noi occidentali la possibilità di poter studiare e poi lavorare è scontata, nonostante le persistenti difficoltà. In Africa, invece, la vera differenza la può fare proprio la formazione. L’educazione, cioè, delle nuove generazioni di donne, la possibilità di avere almeno l’occasione di mettersi alla prova, di mostrare tutto il proprio valore. Per questo iniziative del genere, piccole ma concrete, possono davvero fare la differenza.

Luca Marfé

Instagram: @lucamarfe – Twitter: @marfeluca
www.lucamarfe.com

Ultima ora

21:20Calcio: Florenzi, messaggio a Milik

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Ci vedremo al San Paolo e ci scambieremo la maglia. Fieri della nostra forza e più forti del nostro destino. Un grande abbraccio! Ale". Con questi messaggio, pubblicato sul proprio account di Twitter, il romanista Alessandro Florenzi ha dato appuntamento al collega del Napoli, Arkadiusz Milik, che, come il giallorosso, ha subito due gravi infortuni al ginocchio a poche settimane di distanza. L'attaccante dei partenopei oggi è stato operato a Roma e tornerà in campo fra cinque-sei mesi.

21:10Calcio: Van Bronckhorst, il Feyenoord punta alla vittoria

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - "Arriviamo a Napoli con molti infortunati ma dobbiamo vedere le cose in modo positivo e giocare meglio come squadra, sarebbe ideale trovare subito il vantaggio domani ma sarà molto difficile. Non saremo favoriti". Lo ha detto Giovanni Van Bronckhorst, allenatore del Feyenoord, alla vigilia della sfida contro il Napoli in Champions League. Il Feyenoord arriva a Napoli senza il bomber Jorgensen e il difensore Botteghin che il tecnico olandese ricorda "tornerà a gennaio-febbraio", precisa Van Bronckhorst che punta a vincere: "Domani ci servono i tre punti - dice - giocheremo senza paura ma con equilibrio. Sarà importante non prendere gol in avvio. Sappiamo di non essere favoriti ma sappiamo come gioca il Napoli, fanno un pressing molto alto e noi non dovremo rischiare di perdere palloni, ma allo stesso tempo impostare da dietro".

20:56Sport: Lotti palleggia con atleti paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Io vengo a giocare ragazzi. Invitatemi e vengo". Così il ministro dello Sport Luca Lotti che si è fermato a palleggiare con i calciatori della nazionale italiana Calcio Amputati al termine della inaugurazione del centro di preparazione paralimpica al Tre Fontane. Lotti si è fermato a palleggiare a lungo scherzando con gli atleti paralimpici che durante lo scambio del pallone lo esortavano ironicamente con queste parole: "Se cade (la palla, ndr) cade il governo".

20:47Calcio: condanna Agnelli, Malagò non si espone

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "La cosa peggiore è che il presidente di un Comitato olimpico giudichi una sentenza di primo grado. Penso che la giustizia sportiva ha tre gradi di giudizio, è giusto, doveroso, aspettare il completamento di tutto il percorso". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commenta la sentenza del Tribunale federale nazionale della Figc che ha condannato a un anno di inibizione il presidente della Juve Andrea Agnelli per la vicenda legata alla vendita dei biglietti ai tifosi. "Dispiace comunque che il calcio e il nostro mondo - ha aggiunto Malagò a margine dell'inaugurazione del Centro di preparazione paralimpica - ogni tanto vada agli onori o agli oneri delle cronache con delle cose che indubbiamente dispiacciono a tutti in assoluto". "Non commento le sentenze", ha invece detto il ministro dello Sport Luca Lotti. Per quanto riguarda le infiltrazioni dei mafiosi nel calcio - ha aggiunto - la Commissione Antimafia ha fatto un ottimo lavoro sul quale poter lavorare come parlamento e come governo per il futuro".

20:36Sport: Lotti esalta Centro Paralimpici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Vivo questa giornata con gioia, orgoglio e grande senso di responsabilità per quello che stiamo facendo oggi. L'inaugurazione della Cittadella dello Sport paralimpico, un modello unico, deve essere vissuta come si fa quando si inaugura la grande infrastruttura di interesse strategico per tutto il Paese. L'augurio è che la Cittadella dello Sport Paralimpico possa essere un'altra pietra miliare su cui costruire il futuro". E' quanto espresso dal ministro dello Sport, Luca Lotti, intervenuto all'inaugurazione del centro di preparazione olimpica del Comitato Italiano Paralimpico al Tre Fontane. "Il cammino davanti a noi è ancora lungo - ha precisato Lotti - per questo il governo ha approvato lo stanziamento di altri 6.5 milioni per il completamento del Centro con un palazzetto polifunzionale e foresteria che lo farà diventare davvero all'avanguardia nel mondo".

20:26Calcio: Udinese, Danilo salta anche la Sampdoria

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Lesione tra il primo e il secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: è il risultato evidenziato dagli esami strumentali cui si è sottoposto Danilo dopo l'infortunio che mercoledì scorso, nella sfida persa contro il Torino, l'ha costretto ad abbandonare il campo (e a mancare il successivo impegno contro la Roma). Il difensore seguirà ora il programma di recupero predisposto dallo staff medico della società bianconera saltando, dunque, anche la sfida casalinga con la Sampdoria (sabato alle 18). Intanto, Stipe Perica è tornato a lavorare con il gruppo, mentre Silvan Widmer sta completando il proprio percorso riabilitativo.

20:21Giappone: premier Abe, elezioni anticipate a ottobre

(ANSA) - TOKYO, 25 SET - Il premier giapponese annuncia lo scioglimento delle camere ed elezioni anticipate per avviare una 'rivoluzione della produttività' attraverso una maggiore equità fiscale e il mantenimento della sicurezza contro le minacce della Corea del Nord. Nel suo discorso alla nazione il premier si è fatto 'paladino della patria' e ha usato tutta l'esperienza dei suoi due precedenti mandati, approfittando dello scompiglio dell'opposizione. Lo scioglimento della Camera bassa - le elezioni sono previste per il 22 ottobre - anticipa di un anno la fine della legislatura e coincide con il recupero del tasso di approvazione del premier che, complice la crisi nella penisola coreana, è risalito intorno al 50% dopo un progressivo declino nei mesi estivi. Il tutto coincide con la divulgazione di due scandali di clientelismo riconducibili direttamente ad Abe, il cui clamore il partito democratico all'opposizione non è riuscito a capitalizzare.

Archivio Ultima ora