Uganda, Ambasciata d’Italia e AVSI sostengono la formazione “rosa”

Pubblicato il 15 marzo 2017 da redazione

KAMPALA – L’eccellenza dell’artigianato italiano si fonde con la creatività femminile per dare vita ad un piccolo progetto che stupisce per semplicità ed efficacia.

Dall’Italia e completamente a sua spese arriva in Uganda Elena Pavel, esperta in camiceria di lusso e laureanda in Scienze Internazionali. Di origini rumene, ma all’estero già da molti anni, Elena gestisce assieme al suo compagno un laboratorio di sartoria, La Bottega dell’Artigianato, circondata dalla stima e dall’affetto di tanti clienti tra le sedi di Roma e Milano.

 

 

Elena lavora da sempre per le donne, italiane, extracomunitarie, tutte. Questo con la convinzione testarda che investire sulla loro formazione sia redditizio per tutti, soprattutto in chiave umana.

 

 

 

 

 

Lo scorso anno ha accettato la sfida di partire per l’Uganda per insegnare la camiceria “all’italiana” ad un gruppo di studenti del COWA Vocational Training Centre di Kampala, con cui AVSI, organizzazione non governativa presente attivamente nel Paese sin dagli anni ’70, collabora da tempo.

Il prossimo maggio Elena sarà di nuovo in prima linea per due settimane, porterà dall’Italia le stoffe ed anche il materiale necessario per insegnare a venti studenti della scuola come fare camicie di qualità, dalle misure, al taglio, al cucito, sino ai consigli da dispensare ai clienti sulla scelta del modello e della stoffa.

 

 

 

 

 

Per sostenere la scuola, l’Ambasciata d’Italia in Uganda ha patrocinato ed ospitato una sfilata di beneficenza a cui hanno partecipato dieci stilisti proventi da una vasta scena non soltanto africana: Repubblica Democratica del Congo, Madagascar, Nigeria, Canada ed India. Il risultato? Un evento multiculturale in cui l’impegno sociale si è mescolato con grazia all’intrattenimento e alla leggerezza.

 

Stilisti prevalentemente poco conosciuti, ma selezionati per la loro creatività; modelle rigorosamente non professioniste, di tutte le taglie e di tutte le età, provenienti da 4 continenti, in un clima allegro e collaborativo, come non è scontato vedere tra donne.

 

 

 

Oltre 200 i partecipanti che hanno contribuito con entusiasmo alla raccolta fondi. Ospite d’onore della serata una donna di spicco del panorama politico e sociale ugandese, la presidente del Parlamento Rebecca A.Kadaga che ha partecipato con entusiasmo al programma mostrando un forte interesse a seguire l’evoluzione del progetto.

 

 

 

Subito dopo la performance, la residenza d’Italia ha ospitato anche un rinfresco e un vero e proprio mercatino dove gli stilisti hanno potuto presentare le loro creazioni, vendere e farsi quella pubblicità, cosa che per chi inizia può fare la differenza tra far decollare l’attività o dover viceversa rinunciare nonostante il talento. Per alcune di loro è davvero molto difficile iniziare e persino avere uno spazio espositivo in un negozio altrui è proibitivo in termini di costi.

Creatività e determinazione possono essere necessari, ma non sufficienti soprattutto per una donna africana nello scenario complesso di un Paese in via di sviluppo. Da qui l’idea di sostenere delle giovani menti, a vari livelli. Le stiliste, ma anche le stesse studentesse della scuola. Donne che aiutano altre donne, una rete fitta, multicolore, energica e vibrante in una città multiculturale, centro nevralgico dell’Africa dell’est, ricca di potenzialità, di idee, di talenti che aspettano solo di essere scoperti.

La vita delle donne è spesso in salita, ma per noi occidentali la possibilità di poter studiare e poi lavorare è scontata, nonostante le persistenti difficoltà. In Africa, invece, la vera differenza la può fare proprio la formazione. L’educazione, cioè, delle nuove generazioni di donne, la possibilità di avere almeno l’occasione di mettersi alla prova, di mostrare tutto il proprio valore. Per questo iniziative del genere, piccole ma concrete, possono davvero fare la differenza.

Luca Marfé

Instagram: @lucamarfe – Twitter: @marfeluca
www.lucamarfe.com

Ultima ora

21:51Le Pen, ‘io la grande alternativa. Macron erede Hollande’

(ANSA) - HENIN-BEAUMONT, 23 APR - "Io vi propongo l'alternanza fondamentale che fondi un'altra politica. Questo non accadrà con l'erede di François Hollande e del suo quinquennato catastrofico". Lo ha detto Marine Le Pen ai militanti nel suo quartier generale, senza tuttavia nominare il suo avversario al secondo turno, Emmanuel Macron. "Mi avete portato al secondo turno delle presidenziali. Ne sono onorata con umiltà e riconoscenza. Vorrei esprimere a voi elettori patrioti la mia più profonda gratitudine. E' un risultato storico, un atto di fierezza di un popolo che solleva la testa, che confida nel futuro", ha aggiunto.

21:40Francia: Fillon si schiera con Macron, ‘fermare Le Pen’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Francois Fillon riconosce la sconfitta e invita gli elettori a votare per Emmanuel Macron contro Marine Le Pen. "L'estremismo porta solo disgrazie e divisioni", ha detto. "Non sono riuscito a convincervi - ha detto Fillon davanti ai suoi - al momento giusto la verità su queste elezioni sarà scritta. E' una mia sconfitta, io solo ne debbo portare il peso. Alle legislative potranno far sentire la voce del centro e della destra, per questo vi chiedo di restare uniti e determinati". "In attesa - ha continuato - dobbiamo scegliere chi è preferibile, l'astensione non fa parte dei miei geni, soprattutto quando c'è un partito estremista, conosciuto per la sua violenza e l'intolleranza. Il suo programma porterebbe il paese al fallimento, aggiungerebbe caos europeo. Non c'è altra scelta che votare per Emmanuel Macron".

21:18Francia, premier Cazeneuve invita a votare Macron

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Il primo ministro socialista, Bernard Cazeneuve, ha invitato questa sera - dopo i primi risultati del primo turno delle presidenziali - a votare al ballottaggio per il candidato di En Marche!, Emmanuel Macron.

21:15L. elettorale: Orlando, si può fare se Pd assume iniziativa

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Se il Pd assume l'iniziativa una legge elettorale si può fare", trattando su un premio di governo, collegi uninominali e la cancellazione dei capilista bloccati. Lo ha detto il candidato alla segreteria del Pd e ministro della Giustizia, Andrea Orlando a Che tempo che fa. "Una delle ragioni che mi ha convinto a candidarmi è l'aver visto persone che volevano solo andare a votare: di questo ho parlato anche con Prodi. E' importante anche andare a votare sapendo come scegliere gli eletti, evitare che si debba tornare al voto un'altra volta subito dopo le elezioni ed evitare un altro rischio, quello di dover fare un'alleanza tra centrosinistra e centrodestra. Ecco - conclude - questo non lo possiamo fare".

21:10Renzi, M5S proponga, disposti a tavolo su Legalicum

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Il Pd da solo non ha i numeri, aspettiamo che ci facciano proposte. Se il M5S ci chiede di sedersi al tavolo e dice "Vi diamo la nostra legge elettorale senza capilista bloccati" noi siamo disponibili... Sarà bellissimo batterli con la loro legge elettorale". Lo afferma Matteo Renzi nel corso del "#MatteoRisponde" in diretta Facebook. "Lavoreremo fino all'ultimo per una legge maggioritaria sennò voteremo le leggi degli altri", aggiunge. "Abbiamo chiesto il Mattarellum e ci hanno detto di no (e a naso credo sia difficile trovare i numeri sul Mattarellum) e la legge proporzionale ci riporta alla Prima Repubblica", prosegue Renzi invitando gli altri a fare proposte. Se il M5S si fa avanti "siamo pronti a ragionare... o su una proposta di FI, ma le facciano", sottolinea ancora l'ex premier che poi si rivolge ai Cinque Stelle: "Dicono "via i capilista bloccati" ma poi non sanno chi gli entra dentro, e finisce come a Genova con Grillo che dice che chi vince non va bene. Noi le preferenze le prendiamo".

21:04Francia: Macron esulta, ‘oggi si volta pagina’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - "Si volta oggi chiaramente pagina nella vita politica francese": è la prima dichiarazione di Emmanuel Macron, candidato di 'En Marche!', dopo la vittoria nel primo turno delle presidenziali. Dopo la sua prima dichiarazione, Macron, si è affacciato dal tetto del suo quartier generale a Parigi, esultando davanti ai militanti.

20:58++ Francia: Macron esulta, ‘oggi si volta pagina’ ++

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - "Si volta oggi chiaramente pagina nella vita politica francese": è la prima dichiarazione di Emmanuel Macron, candidato di 'En Marche!', dopo la vittoria nel primo turno delle presidenziali.

Archivio Ultima ora