Le Pen: “La vittoria è vicina”. Ma si accumulano indagini

Pubblicato il 15 marzo 2017 da ansa

PARIGI. – Inarrestabili. Marine Le Pen e Fran‡ois Fillon non si fermano nella loro corsa verso l’Eliseo, nonostante inchieste e contenziosi che li riguardano. Lo scenario che si propone a 40 giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali è inedito e anche la sinistra vive un momento singolare con un rischio di implosione sempre più evidente: dietro il candidato Ps Benoit Hamon c’é più solitudine che sostegno mentre l’onda anomala di Emmanuel Macron si ingrossa ogni giorno.

Marine Le Pen, sfruttando l’immunità di europarlamentare, dal giudice non ci andrà prima della fine delle elezioni. Lo ha ribadito forte e chiaro con la stessa veemenza con cui ha dichiarato in un comizio nel sud della Francia: “Il profumo della vittoria è vicino, la vittoria è vicina”, ha detto rivolgendosi ai militanti a Saint-Raphael. “La speranza in questo campo di rovine siamo noi”, ha continuato la candidata anti-euro, dicendosi convinta che “stiamo vincendo”.

Le Pen ha anche bacchettato i suoi sfidanti, a cominciare da Emmanuel Macron (En Marche!) e Francois Fillon (Les Républicains). E ha poi deplorato che “la finanza e l’immigrazione non hanno smesso di governare la Francia in questi ultimi dieci anni”. “Non è la Francia che voglio, non è il destino che voglio per noi e per il nostro Paese”, ha detto tra le ovazioni dei militanti: “Marine presidente!”.

Intanto le inchieste su di lei e sul Front National si accumulano: ci sono quelle sugli impieghi fittizi degli assistenti all’Europarlamento con due indagati, quelle del fisco sul patrimonio immobiliare dichiarato che sarebbe inferiore rispetto al valore reale, e quelle sul finanziamento illegale delle campagne elettorali dal 2012. Ora anche la denuncia dell’ex autista del padre per lavoro nero. Imperturbabile, lei si rimette al giudizio del popolo.

Come Fillon che ha ripetuto: “Sono innocente”, ribadendo che la colpa è dei giudici che lo hanno messo sotto inchiesta per i presunti impieghi fittizi come assistenti parlamentari a moglie e figli. Tesi sostenuta con vigore anche quando l’ex uomo forte dei Républicains è stato convocato dai magistrati, a cui ha preferito rispondere leggendo una lettera: “Mi avete convocato con urgenza per quanto accaduto circa 20 anni fa”.

Il fatto che sia formalmente incriminato per ‘appropriazione indebita di fondi pubblici’ non lo ferma, anzi pare diventato un supplizio da sopportare in nome del popolo, l’unico che secondo lui può giudicarlo. “Ho deciso di resistere. Cedere vorrebbe dire che non è il più popolo francese a scegliere il proprio presidente”.

L’opposto della postura tenuta in passato in almeno due occasioni. In un dibattito delle primarie, per affondare i colpi contro Nicolas Sarkozy, alle prese con diversi guai giudiziari, commentò: “Immaginate per un attimo il generale De Gaulle indagato?”. E in tv aveva poi garantito: “Se sono indagato, rinuncio”. Salvo poi rimangiarsi la promessa, optando per minimizzare gli avvenimenti.

A sinistra, invece, il partito socialista sembra andare in frantumi ogni giorno di più. Molti hanno deciso di appoggiare il centrista Macron. Al momento, il candidato di En Marche! vive un’ascesa quotidiana, anche se è in atto un’inchiesta preliminare della Procura di Parigi per ‘favoritismo’ che lo riguarda indirettamente, in quanto ex ministro dell’Economia, per un suo viaggio fatto organizzare senza gara d’appalto alla società Havas di Vincent Bolloré.

Il socialista Hamon è sempre più solo e ha dovuto incassare anche “il tradimento’ di Manuel Valls, suo avversario alle primarie, che non lo sosterrà ma che ha smentito pure un’eventuale preferenza per Macron. La scelta di Valls, secondo alcuni politologi, rappresenta simbolicamente ‘la tomba dove verrà sepolto il Ps”. Hamon perde consensi nei sondaggi e l’accordo con Jean-Luc Mélenchon della ‘France insoumise’, partito della sinistra radicale, non è andato in porto. E il Ps smarrito si interroga sul suo futuro.

(di Alessandra Bianchi/ANSA)

Ultima ora

01:29Calcio: De Biasi, addolorato per i petardi dei nostri tifosi

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Sono addolorato per il lancio di petardi e fumogeni di alcuni nostri tifosi: mai avrei pensato di vedere una cosa del genere". Sono le parole di Gianni De Biasi, ct italiano dell'Albania, dopo la sconfitta di Palermo contro gli azzurri e lo stop di 8' alla partita per il lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. "Mi è dispiaciuto tantissimo per il lancio di fumogeni - aggiunge - Mi ha fatto vedere un'altra realtà, che non conoscevo. Sono molto deluso da questo evento. Non so cosa sia successo, mi sembra così assurdo, non so spiegarla. Da cinque anni sono in Albania e all'Europeo i nostri tifosi si erano distinti per quanto di bello avevano fatto. Sono deluso, soprattutto se queste cose accadono davanti agli occhi del mondo, ad una platea così vasta. Ho sempre cercato di "vendere" sempre l'Albania in un certo modo, per questo sono ancora più seccato. Se farò valutazioni con il presidente della Federcalcio? A 60 anni ho imparato a non fare valutazioni immediate".

01:15Calcio: Ventura, non esaltanti ma piccolo passo avanti

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Anche in una serata non esaltante, abbiamo fatto un piccolo passo avanti": Giampiero Ventura analizza così la vittoria dell'Italia sull'Albania, nelle qualificazioni ai Mondiali 2018. "Sta nascendo qualcosa di importante per il futuro della Nazionale - ha detto il ct azzurro a RaiSport - Quando capiranno le cose che possono fare, a questi ragazzi si aprirà un mondo nuovo". "A parte il primo tiro, l'Albania non ci ha mai messo in difficoltà - ha aggiunto Ventura - e noi ogni, volta che andavamo davanti, potevamo essere pericolosi. Nel secondo tempo siamo cresciuti in maturità". Infine, una valutazione su Verratti: "La partita di stasera dice che non hanno senso le questioni se deve giocare in un centrocampo a due o a tre: ha fatto una grande partita".

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

Archivio Ultima ora