Le Pen: “La vittoria è vicina”. Ma si accumulano indagini

Pubblicato il 15 marzo 2017 da ansa

PARIGI. – Inarrestabili. Marine Le Pen e Fran‡ois Fillon non si fermano nella loro corsa verso l’Eliseo, nonostante inchieste e contenziosi che li riguardano. Lo scenario che si propone a 40 giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali è inedito e anche la sinistra vive un momento singolare con un rischio di implosione sempre più evidente: dietro il candidato Ps Benoit Hamon c’é più solitudine che sostegno mentre l’onda anomala di Emmanuel Macron si ingrossa ogni giorno.

Marine Le Pen, sfruttando l’immunità di europarlamentare, dal giudice non ci andrà prima della fine delle elezioni. Lo ha ribadito forte e chiaro con la stessa veemenza con cui ha dichiarato in un comizio nel sud della Francia: “Il profumo della vittoria è vicino, la vittoria è vicina”, ha detto rivolgendosi ai militanti a Saint-Raphael. “La speranza in questo campo di rovine siamo noi”, ha continuato la candidata anti-euro, dicendosi convinta che “stiamo vincendo”.

Le Pen ha anche bacchettato i suoi sfidanti, a cominciare da Emmanuel Macron (En Marche!) e Francois Fillon (Les Républicains). E ha poi deplorato che “la finanza e l’immigrazione non hanno smesso di governare la Francia in questi ultimi dieci anni”. “Non è la Francia che voglio, non è il destino che voglio per noi e per il nostro Paese”, ha detto tra le ovazioni dei militanti: “Marine presidente!”.

Intanto le inchieste su di lei e sul Front National si accumulano: ci sono quelle sugli impieghi fittizi degli assistenti all’Europarlamento con due indagati, quelle del fisco sul patrimonio immobiliare dichiarato che sarebbe inferiore rispetto al valore reale, e quelle sul finanziamento illegale delle campagne elettorali dal 2012. Ora anche la denuncia dell’ex autista del padre per lavoro nero. Imperturbabile, lei si rimette al giudizio del popolo.

Come Fillon che ha ripetuto: “Sono innocente”, ribadendo che la colpa è dei giudici che lo hanno messo sotto inchiesta per i presunti impieghi fittizi come assistenti parlamentari a moglie e figli. Tesi sostenuta con vigore anche quando l’ex uomo forte dei Républicains è stato convocato dai magistrati, a cui ha preferito rispondere leggendo una lettera: “Mi avete convocato con urgenza per quanto accaduto circa 20 anni fa”.

Il fatto che sia formalmente incriminato per ‘appropriazione indebita di fondi pubblici’ non lo ferma, anzi pare diventato un supplizio da sopportare in nome del popolo, l’unico che secondo lui può giudicarlo. “Ho deciso di resistere. Cedere vorrebbe dire che non è il più popolo francese a scegliere il proprio presidente”.

L’opposto della postura tenuta in passato in almeno due occasioni. In un dibattito delle primarie, per affondare i colpi contro Nicolas Sarkozy, alle prese con diversi guai giudiziari, commentò: “Immaginate per un attimo il generale De Gaulle indagato?”. E in tv aveva poi garantito: “Se sono indagato, rinuncio”. Salvo poi rimangiarsi la promessa, optando per minimizzare gli avvenimenti.

A sinistra, invece, il partito socialista sembra andare in frantumi ogni giorno di più. Molti hanno deciso di appoggiare il centrista Macron. Al momento, il candidato di En Marche! vive un’ascesa quotidiana, anche se è in atto un’inchiesta preliminare della Procura di Parigi per ‘favoritismo’ che lo riguarda indirettamente, in quanto ex ministro dell’Economia, per un suo viaggio fatto organizzare senza gara d’appalto alla società Havas di Vincent Bolloré.

Il socialista Hamon è sempre più solo e ha dovuto incassare anche “il tradimento’ di Manuel Valls, suo avversario alle primarie, che non lo sosterrà ma che ha smentito pure un’eventuale preferenza per Macron. La scelta di Valls, secondo alcuni politologi, rappresenta simbolicamente ‘la tomba dove verrà sepolto il Ps”. Hamon perde consensi nei sondaggi e l’accordo con Jean-Luc Mélenchon della ‘France insoumise’, partito della sinistra radicale, non è andato in porto. E il Ps smarrito si interroga sul suo futuro.

(di Alessandra Bianchi/ANSA)

Ultima ora

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

12:23Skinheads:movimento Dodici Raggi,in rete foto manifestazione

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Eccoci! Ci accusavate di agire la notte...ma il San Martino è nostro dall'alba al tramonto. Ci troverete sempre qui, oggi come allora!": sono le parole scritte dai militanti della Comunità Militante dei Dodici Raggi per accompagnare le foto della manifestazione organizzata lo scorso 18 novembre sul Monte San Martino di Duno (Varese), poco lontano dal Sacrario eretto in memoria dei caduti partigiani, per ricordare i morti dell'esercito tedesco. Manifestazione per cui, insieme ad altri episodi, alcuni militanti ora sono sotto indagine. Sul loro sito i "ragazzi con il bomber nero" come si definiscono, ricostruiscono la storia dei Varese Skinheads, nati nel 1993: "L'impronta da subito inconfutabilmente - scrivono - è quella di ispirazione nazionalsocialista e di matrice pagana". Raccontano dei periodi più duri, "come quelli degli allontanamenti di membri più o meno importanti e quelli delle prime carcerazioni, anche con accuse molto gravi". "Guai giudiziari, che ad oggi - si legge sul sito - hanno portato alla carcerazione di sei membri del gruppo e l'incriminazione per vari reati di quasi tutti gli altri". Poi cinque anni fa "dall'unione con gli ultras 7LAGHI nasce la COMUNITA' MILITANTE DEI DODICI RAGGI con l'apertura di un fight-club e di una sede, base logistica per le attività dei due gruppi. Il territorio di influenza della nostra scena - ammettono - è sempre stato molto limitato. Le città più grandi della provincia, Busto Arsizio, Tradate, Saronno, Gallarate gravitano nell'orbita di altre realtà o ne hanno una propria, il che fa di Varese qualcosa al di fuori del comune, se non altro per la dimensione".

12:19Austria: esplosione impianto gas, feriti e un morto

(ANSA) - BERLINO, 12 DIC - In un'esplosione in un impianto di distribuzione di gas a Baumgarten an der March, in Austria, decine di persone sono rimaste ferite e almeno una persona ha perso la vita. Lo scrivono i media austriaci. Il giornale der Standard, nella sua edizione online, parla di 60 feriti. Secondo l'Apa, che cita la Croce rossa, i feriti sarebbero 18, e ci sarebbe una vittima. Le cause dell'esplosione non sono ancora chiare.

Archivio Ultima ora