Le Pen: “La vittoria è vicina”. Ma si accumulano indagini

Pubblicato il 15 marzo 2017 da ansa

PARIGI. – Inarrestabili. Marine Le Pen e Fran‡ois Fillon non si fermano nella loro corsa verso l’Eliseo, nonostante inchieste e contenziosi che li riguardano. Lo scenario che si propone a 40 giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali è inedito e anche la sinistra vive un momento singolare con un rischio di implosione sempre più evidente: dietro il candidato Ps Benoit Hamon c’é più solitudine che sostegno mentre l’onda anomala di Emmanuel Macron si ingrossa ogni giorno.

Marine Le Pen, sfruttando l’immunità di europarlamentare, dal giudice non ci andrà prima della fine delle elezioni. Lo ha ribadito forte e chiaro con la stessa veemenza con cui ha dichiarato in un comizio nel sud della Francia: “Il profumo della vittoria è vicino, la vittoria è vicina”, ha detto rivolgendosi ai militanti a Saint-Raphael. “La speranza in questo campo di rovine siamo noi”, ha continuato la candidata anti-euro, dicendosi convinta che “stiamo vincendo”.

Le Pen ha anche bacchettato i suoi sfidanti, a cominciare da Emmanuel Macron (En Marche!) e Francois Fillon (Les Républicains). E ha poi deplorato che “la finanza e l’immigrazione non hanno smesso di governare la Francia in questi ultimi dieci anni”. “Non è la Francia che voglio, non è il destino che voglio per noi e per il nostro Paese”, ha detto tra le ovazioni dei militanti: “Marine presidente!”.

Intanto le inchieste su di lei e sul Front National si accumulano: ci sono quelle sugli impieghi fittizi degli assistenti all’Europarlamento con due indagati, quelle del fisco sul patrimonio immobiliare dichiarato che sarebbe inferiore rispetto al valore reale, e quelle sul finanziamento illegale delle campagne elettorali dal 2012. Ora anche la denuncia dell’ex autista del padre per lavoro nero. Imperturbabile, lei si rimette al giudizio del popolo.

Come Fillon che ha ripetuto: “Sono innocente”, ribadendo che la colpa è dei giudici che lo hanno messo sotto inchiesta per i presunti impieghi fittizi come assistenti parlamentari a moglie e figli. Tesi sostenuta con vigore anche quando l’ex uomo forte dei Républicains è stato convocato dai magistrati, a cui ha preferito rispondere leggendo una lettera: “Mi avete convocato con urgenza per quanto accaduto circa 20 anni fa”.

Il fatto che sia formalmente incriminato per ‘appropriazione indebita di fondi pubblici’ non lo ferma, anzi pare diventato un supplizio da sopportare in nome del popolo, l’unico che secondo lui può giudicarlo. “Ho deciso di resistere. Cedere vorrebbe dire che non è il più popolo francese a scegliere il proprio presidente”.

L’opposto della postura tenuta in passato in almeno due occasioni. In un dibattito delle primarie, per affondare i colpi contro Nicolas Sarkozy, alle prese con diversi guai giudiziari, commentò: “Immaginate per un attimo il generale De Gaulle indagato?”. E in tv aveva poi garantito: “Se sono indagato, rinuncio”. Salvo poi rimangiarsi la promessa, optando per minimizzare gli avvenimenti.

A sinistra, invece, il partito socialista sembra andare in frantumi ogni giorno di più. Molti hanno deciso di appoggiare il centrista Macron. Al momento, il candidato di En Marche! vive un’ascesa quotidiana, anche se è in atto un’inchiesta preliminare della Procura di Parigi per ‘favoritismo’ che lo riguarda indirettamente, in quanto ex ministro dell’Economia, per un suo viaggio fatto organizzare senza gara d’appalto alla società Havas di Vincent Bolloré.

Il socialista Hamon è sempre più solo e ha dovuto incassare anche “il tradimento’ di Manuel Valls, suo avversario alle primarie, che non lo sosterrà ma che ha smentito pure un’eventuale preferenza per Macron. La scelta di Valls, secondo alcuni politologi, rappresenta simbolicamente ‘la tomba dove verrà sepolto il Ps”. Hamon perde consensi nei sondaggi e l’accordo con Jean-Luc Mélenchon della ‘France insoumise’, partito della sinistra radicale, non è andato in porto. E il Ps smarrito si interroga sul suo futuro.

(di Alessandra Bianchi/ANSA)

Ultima ora

13:44Afghanistan: presidente Ghani loda strategia Usa

(ANSA) - KABUL, 22 AGO - Il presidente afghano Ashraf Ghani ha salutato positivamente oggi la decisione di Donald Trump che, ha detto, "mostra il duraturo impegno da parte del partner essenziale dell'Afghanistan in questo conflitto globale". Il capo dello Stato afghano sostiene si tratti di "un sostegno ai nostri sforzi per raggiungere l'autonomia e per la nostra lotta comune per liberare la regione dalla minaccia del terrorismo". "La cooperazione fra Afghanistan e Usa è più forte che mai per sconfiggere il terrorismo che ci minaccia tutti", conclude Ghani, per cui "la solidità delle nostre forze di sicurezza dovrebbe far capire ai talebani e ad altri che non possono ottenere una vittoria militare. L'obiettivo della pace è importantissimo. La pace resta la nostra priorità".

13:44Ischia: Gentiloni, Italia si unisce nel dolore vittime

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Italia si unisce nel dolore per le vittime e nella solidarietà. Siamo tutti a fianco delle forze impegnate nei soccorsi". Cosi' il premier Paolo Gentiloni, su twitter, dopo il sisma a Ischia.

13:43Calcio: Kalinic, volevo solo il Milan e ora vinciamo

(ANSA) - MILANO, 22 AGO - "Volevo solo il Milan. Ora dobbiamo vincere". Bagno di folla a Casa Milan per Nikola Kalinic, nuovo attaccante rossonero. "Sono molto felice, molto contento. Ho voluto - aggiunge il croato - fortemente il Milan e sono finalmente qui, dopo due mesi di trattativa. Ora de dare il massimo in campo, per me è molto importante giocare per la squadra". Kalinic, prima di firmare autografi ai tifosi e recarsi a Milanello per il primo allenamento, ammette di avere "come idolo" un ex attaccante del Milan, ovvero Shevchenko: "Era un grande giocatore".

13:41Siria: ong, 167 morti in raid Usa a Raqqa in 8 giorni

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 AGO - Sono almeno 167 i civili, di cui 59 minori, morti a partire dal 14 agosto e fino a ieri sotto i bombardamenti della Coalizione internazionale a guida Usa su Raqqa, a sostegno dell'offensiva delle forze a predominanza curda che avanzano nella città siriana per strapparla al controllo dell'Isis. Lo afferma l'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Secondo la stessa fonte, 27 persone sono state uccise domenica e 42 ieri.

13:40Calcio: giudice, un turno di stop a Hysaj e Ceccherini

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il giudice sportivo della Lega nazionale di Serie A, in relazione alle partite dell'ultimo week-end valide per la 1/a giornata di campionato, ha squalificato per una giornata solo due calciatori: Hysaj (Napoli) e Ceccherini (Crotone), entrambi espulsi. L'organo di giustizia sportiva ha inoltre inflitto un'ammenda di 30 mila euro e diffidato il Verona per cori offensivi, oltre che di discriminazione territoriale nei confronti dei tifosi del Napoli, ma in particolare di un calciatore ospite. Ammenda di 20 mila euro alla Roma per lancio di fumogeni, di 10 mila euro all'Inter per cori di discriminazione territoriale, di 5 mila al Crotone e di 3 mila alla Lazio. Sul caso dei cori all'indirizzo del portiere spallino Gomis, il giudice ha girato l'incartamento al procuratore federale per gli opportuni e dettagliati accertamenti, i cui risultati dovranno arrivare entro il primo settembre.

13:35Barcellona: terroristi in Francia prima dell’attacco

(ANSA) - PARIGI, 22 AGO - Alcuni membri della cellula terroristica responsabile degli attentati di Barcellona erano in Francia poche settimane prima dell'attentato. Lo ha affermato il ministro dell'Interno, Gerard Collomb, ai microfoni di Bfm-tv, sottolineando che l'Audi A3 utilizzata per l'attacco a Cambrils era stata fotografata da un autovelox nella regione parigina. "Questo gruppo è venuto a lavorare a Parigi ma è stata un'andata e ritorno rapida", ha poi affermato Collomb.

13:25Morto Faccia da mostro: Procura sequestra casa e barca

(ANSA) - CATANZARO, 22 AGO - La Procura antimafia di Reggio Calabria ha disposto il sequestro probatorio della casa, della barca e del telefono cellulare di Giovanni Aiello, l'ex poliziotto della Mobile di Palermo conosciuto come "Faccia da mostro", deceduto ieri mattina sulla spiaggia di Montauro. Il provvedimento è stato disposto dal procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo titolare dell'inchiesta "'Ndrangheta stragista" che vedeva coinvolto lo stesso Aiello già sottoposto a perquisizione lo scorso 24 luglio. Si tratta di un sequestro probatorio in attesa degli esiti dell'autopsia disposta dalla Procura di Catanzaro. Gli accertamenti degli uomini della Squadra mobile sono proseguiti fino a tarda notte. Gli investigatori hanno raccolto anche la testimonianza della moglie di Aiello. Nell'attesa che venga effettuato l'esame autoptico, il corpo di Aiello si trova nel policlinico universitario di Catanzaro.

Archivio Ultima ora