Voucher verso abrogazione totale, stop a referendum

Pubblicato il 16 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Abrogazione totale: i voucher si apprestano ad essere cancellati e così ‘salterebbe’ il referendum promosso dalla Cgil. La commissione Lavoro della Camera ha approvato il testo che va in questa direzione e domani il governo dovrebbe portare in Consiglio dei ministri il decreto legge che, recependo quel testo, abolirà i buoni lavoro.

La Cgil si prepara a cantare vittoria. Se l’intervento dell’esecutivo, dice il segretario generale Susanna Camusso, “dovesse corrispondere” al quesito referendario “lo considereremmo uno straordinario risultato ma, come noto, deve essere una legge”.

Partono, intanto, le prime 30mila lettere per gli assegni di ricollocazione, la novità introdotta dal Jobs act, rivolte ai disoccupati in cerca di un nuovo impiego, annunciate dal premier Paolo Gentiloni da Avellino, dove ha visitato il Centro per l’impiego insieme al presidente dell’Anpal (la nuova Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro), Maurizio Del Conte.

“Sono il 10% del totale di quelle che verranno inviate a regime”, ha detto il presidente del Consiglio. Sui voucher il testo della commissione Lavoro della Camera prevede un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2017 per permettere di utilizzarli a chi li ha già acquistati. In questo lasso di tempo, ha fatto sapere il capogruppo Pd Ettore Rosato, “lavoriamo per nuove norme che mettano uno strumento a disposizione delle famiglie per pagare ciò che oggi si paga con i voucher e delle imprese per accedere in modo più semplice al mercato del lavoro”. E su questi nuovi strumenti “apriremo un confronto con le parti sociali”.

Passa, dunque, la linea della maggioranza per l’intervento radicale. Ma il dibattito politico resta aperto. “Pare che il Governo salti il fosso e cancelli totalmente i voucher, andando forse oltre quello che è il ragionevole. Evidentemente c’è paura del referendum”, dice Pierluigi Bersani.

Dall’altro ramo del Parlamento, il presidente della commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi, parla di “balzo indietro” e di “schizofrenia legislativa”. E’ un “governo allo sbando e terrorizzato dal voto popolare”, attaccano i deputati M5S della commissione Lavoro.

Ma anche dal fronte sindacale e imprenditoriale arrivano dure critiche. “Il sistema dei voucher va cambiato, non abolito”, attacca la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan. Mentre il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, dice che l’eliminazione dei voucher “non ci piace e nemmeno il modo: se ‘s’ha da fare’ si faccia il referendum”.

Contraria anche Confcommercio, che la bolla come vicenda “dall’epilogo paradossale”. Per il leader della Uil, Carmelo Barbagallo, sarebbe stato “meglio fare un accordo prima del referendum” puntando ad una drastica riduzione dei buoni lavoro.

In casa Cgil, il leader della Fiom, Maurizio Landini, tra i primi promotori dei referendum (compreso quello sull’articolo 18, non ammesso dalla Corte costituzionale), sottolinea che l’abrogazione dei voucher è “quello che chiedevamo, l’obiettivo che volevamo raggiungere”, quindi “vuol dire che abbiamo fatto bene a fare il referendum”.

Camusso e Landini continuano a puntare l’attenzione però anche sull’altro quesito referendario per la reintroduzione della responsabilità solidale negli appalti, che riguarda “milioni di persone”. E sulla reintroduzione del reintegro nel posto di lavoro in caso di licenziamento illegittimo: “Noi abbiamo intenzione di continuare la battaglia sul Jobs act”, ribadisce Landini. La campagna elettorale “va avanti”, insiste Camusso.

Le prime 30mila lettere per la richiesta dell’assegno di ricollocazione stanno partendo in queste ore, destinate al primo gruppo di disoccupati percettori di Naspi da almeno quattro mesi. Il buono è compreso tra i 250 e i 5.000 euro, a seconda dell’occupabilità del lavoratore e del contratto che si ottiene, e potrà essere “speso” per usufruire di servizi di “assistenza intensiva” alla ricollocazione presso un centro per l’impiego o un’agenzia per il lavoro accreditata. E’ “la prima misura nazionale di politica attiva – rimarca Del Conte – e rappresenta per il nostro Paese un radicale cambio di prospettiva”.

Ultima ora

12:38Calcio:oltraggio e risarcimento agente,Novellino chiude caso

(ANSA) - CROTONE, 29 GIU - Non ci sarà alcun processo a Crotone per l'allenatore Walter Novellino imputato del reato di oltraggio a pubblico ufficiale nel corso di una gara del campionato di calcio di Serie B del 2013. Lo ha deciso il Tribunale di Crotone prendendo atto che il tecnico ha risarcito il danno causato e dichiarando quindi di "non doversi procedere nei confronti di Novellino in ordine al reato per estinzione per intervenuto risarcimento del danno". Il fatto era accaduto il 24 settembre del 2013 nel corso della gara Crotone-Modena valida. L'attuale tecnico dell'Avellino ha scelto la strada del bonario componimento che prevede un risarcimento del danno con l'estinzione del reato.

12:37Moto:al Mugello campionato italiano, Pirro a punteggio pieno

(ANSA) - SCARPERIA (FIRENZE), 29 GIU - Il Campionato italiano velocità di motociclismo torna al Mugello per disputare questo fine settimana i round 5 e 6. Dieci le gare fra sabato e domenica. In superbike, il leader della classifica tricolore Michele Pirro (Ducati) si presenta a punteggio pieno. Proverà a frenare la cavalcata del compagno di marca Lorenzo Zanetti, distanziato in classifica di 31 punti. In moto3 Kevin Zannoni (Ktm) torna al Mugello da leader provvisorio della classe, dopo aver ottenuto la sua prima vittoria in carriera lo scorso anno proprio su questa pista. Infine nella supersport 300 il pilota da battere sarà Luca Bernardi (Yamaha). Questa classe sarà orfana di Simone Mazzola, lo sfortunato pilota caduto rovinosamente nel corso delle prove libere sul circuito di Misano. Il pilota è attualmente ricoverato in una struttura riabilitativa e il Civ, per aiutare lui e la sua famiglia, ha organizzato una lotteria di beneficenza che avrà inizio al Mugello e che si concluderà il 30 luglio

12:32Maltempo: oltre 5000 fulmini su Fvg, a Trieste vento 100 kmh

(ANSA) - TRIESTE, 29 GIU - Oltre 5.000 fulmini si sono abbattuti da ieri pomeriggio sul Friuli Venezia Giulia investito da un'ondata di maltempo con violenti temporali e bufere di vento che hanno causato numerosi allagamenti, cadute di alberi e interruzioni nella circolazione stradale in una trentina di Comuni, compresa Trieste dove, la scorsa notte, il vento ha raggiunto i cento chilometri all'ora. Lo si apprende dalla Protezione civile regionale alla cui centrale operativa sono giunte oltre 500 chiamate. Nelle varie località sono intervenuti più di 250 volontari della Protezione civile, con una settantina di mezzi. La Guardia Costiera ha soccorso due barche a vela con il motore in avaria: una a quattro miglia al largo di Lignano Sabbiadoro (Udine) con tre persone a bordo, e l'altra (con due persone a bordo) bloccata nel canale di accesso al porto di Lignano. I Vigili del fuoco di Trieste la scorsa notte hanno fatto oltre una trentina di interventi in città.

12:24Migranti: sbarco Cagliari, riprese identificazioni in porto

(ANSA) - CAGLIARI, 29 GIU - Sono riprese questa mattina le operazioni di identificazione e le visite mediche dei migranti arrivati ieri al porto di Cagliari. Dei 903 profughi, circa 450 hanno trascorso la notte all'interno del terminal crociere, allestito con brande e lettini da Caritas, Protezione civile e associazioni di volontariato. Gli altri 450 sono stati invece trasferiti nei vari centri di accoglienza sparsi di tutta la Sardegna: 429 rimarranno nel cagliaritano, 273 andranno a Sassari, 117 a Nuoro e 84 a Oristano. Per primi a lasciare il porto sono stati i bambini e le donne, tra queste sei incinte, poi tutti gli altri. Tutte le procedure si stanno svolgendo senza intoppi. I pullman con a bordo i profughi vengono scortati dalla Polizia stradale fino a destinazione, mentre le forze dell'ordine lavorano in porto per le identificazioni. Tutte le operazioni saranno ultimate entro la giornata.

12:21Yara: difesa Bossetti, corpo non in campo per 3 mesi

(ANSA) - MILANO, 29 GIU - La difesa di Massimo Bossetti, condannato all'ergastolo in primo grado per l'omicidio della 13enne Yara Gambirasio, ha prodotto nei motivi aggiunti dell'atto d'appello "una fotografia satellitare scattata il 24 gennaio 2011 che ritrae la zona del campo di Chignolo d'Isola dove successivamente, il 26 febbraio, è stato trovato il corpo della ragazzina, ma il cadavere quel giorno di fine gennaio non era là". A questo punto, spiega il legale Claudio Salvagni, "la sentenza va riscritta, perché l'accusa e i giudici hanno sostenuto che Yara scomparve e venne uccisa il 26 novembre 2010 e il cadavere restò in quel campo per tre mesi". Il nuovo elemento portato dalla difesa del muratore, è stato depositato lo scorso 15 giugno alla Corte d'assise d'appello di Brescia, dove domani inizierà il processo di secondo grado. La foto accompagna la richiesta della difesa di una maxi perizia su più elementi, tra cui il Dna. Come consulente i difensori hanno ora ingaggiato Peter Gill, uno dei 'padri' della genetica forense.

12:19Torino: Spataro, nessun indagato per nostra iniziativa

(ANSA) - TORINO, 29 GIU - "La Procura non ha disposto di propria iniziativa alcuna iscrizione nel registro degli indagati di persone aventi responsabilità istituzionali. Nella ipotesi in cui pervengano all'Ufficio querele-denunce da parte di privati, l'iscrizione dei querelati nel predetto registro costituisce atto dovuto, sia nel loro interesse che dei querelanti, anche perché determina l'inizio del decorso dei termini delle indagini preliminari". Così il procuratore di Torino, Armando Spataro, sui fatti di piazza San Carlo. "Allo stato non sono previsti interrogatori di persone che rivestono pubblici uffici (con connesse responsabilità istituzionali) o altri atti che richiedano la presenza di loro eventuali avvocati", aggiunge a proposito dell'inchiesta. Spataro annuncia che la procura continuerà a fornire informazioni solo attraverso "comunicati stampa nella convinzione che possano servire a favorire la diffusione di notizie affidabili".(ANSA).

12:18Iraq: esercito conquista rovine moschea-simbolo Mosul

(ANSA) - BAGHDAD, 29 GIU - Il comandante dell'offensiva governativa irachena per riconquistare Mosul ha detto che le forze lealiste hanno occupato oggi le rovine della storica moschea Al Nuri, distrutta alcuni giorni fa, da dove nel luglio del 2014 Abu Bakr al Baghdadi proclamò la rinascita del Califfato.

Archivio Ultima ora