L’Ue euforica per il voto in Olanda, volano i mercati

Pubblicato il 16 marzo 2017 da ansa

Il Primo Ministro olandese Mark Rutte festeggia dando il “cinque” ad alcuni elettori. (ANSA/AP Photo/Patrick Post)

L’AJA. – La diga europeista liberale, democristiana, ecologista (ma anche quella di centrosinistra ed oltre) in Olanda ha salvato l’Ue dallo tsunami della rivoluzione populista che ha già provocato la Brexit e l’elezione di Donald Trump. Il risultato fa volare i mercati (Amsterdam e Londra aggiornano i massimi storici, Madrid e Milano sono le migliori di giornate con +1,7%).

Ed esultano i leader europei da Merkel a Juncker, da Gentiloni a Hollande e Rajoy, ma irrita il sultano di Ankara. Erdogan in un comizio ha parlato di una Europa che, per la sentenza della Corte di giustizia sul velo islamico, “sta rapidamente scivolando verso i giorni precedenti la seconda guerra mondiale”.

“Puoi aver concluso le elezioni come primo partito, ma devi sapere che hai perso un amico come la Turchia”, ha rincarato il presidente turco rivolto a Mark Rutte. Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha invece rilanciato l’accusa di fascismo. Nei partiti olandesi “non c’è differenza tra i socialdemocratici e il fascista Wilders, hanno tutti la stessa mentalità”, ha sostenuto per poi concludere: “Avete dato inizio al collasso dell’Europa. La state trascinando nell’abisso. Presto in Europa inizieranno le guerre di religione”.

I leader europei invece sono raggianti. Già nella notte, fidandosi degli exit poll, Juncker è stato tra i primi a congratularsi con il premier liberale che ha fermato i populisti parlando di “un voto per l’Europa”. Paolo Gentiloni, anche lui a caldo, aveva twittato: “No #Nexit. La destra anti Ue ha perso le elezioni in Olanda. Impegno comune per cambiare e rilanciare l’Unione”.

E Francois Hollande ha celebrato la “chiara vittoria contro l’estremismo”, sostenendo che “i valori dell’apertura, del rispetto per gli altri, la fede nel futuro dell’Europa sono l’unica vera risposta agli impulsi nazionalisti e agli isolazionismi che stanno scuotendo il mondo”. Angela Merkel ha invece atteso i risultati definitivi prima di parlare di quella di ieri come di “una buona giornata per la democrazia” in cui dalle urne è arrivato il “chiaro segnale” di “un voto a favore dell’Europa”. Idea condivisa dal presidente della Commissione europea: “I risultati delle elezioni in Olanda saranno un’ispirazione per molti”.

In Olanda il giorno dopo la vita riprende il ritmo di sempre, magari con un abbozzo di fiducia in più e con il (gradevole) mal di testa di Rutte per il lungo negoziato che sarà necessario per comporre la coalizione di governo. L’ipotesi più accreditata è una formula a quattro, guidata dal Vvd assieme ai democristiani del Cda ed ai liberali progressisti del D66, imbarcando anche gli ecologisti del GroenLinks (vero fenomeno del voto).

Ma il premier dovrà gestire anche la prima assoluta dell’ingresso in parlamento di 3 parlamentari del DENK, il partito antirazzista fondato da due turco-olandesi che reclama diritti per gli immigrati. “Speculare ed uguale al Pvv” dicono nei bar dell’Aja attorno al Parlamento.

Il paese ha però la conferma che ancora una volta il pericolo non viene dal mare, ancestrale ‘nemico’ dei Paesi Bassi ed origine della sua ricchezza, ma dalla parte di terra. L’assalto populista, islamofobo ed antieuropeista di Geert Wilders al primo posto nel paese è fallito. Ma Rutte, il premier entrato nei panni dello statista nello scontro con la Turchia, ha avuto la conferma che il Pvv di Wilders cresce.

Il suo Vvd di governo ha sì vinto mantenendo il primato e 33 eletti, ma è calato in seggi (-8) e percentuali di consenso. E i fedeli alleati socialdemocratici del Labour, che hanno piazzato il ‘falco’ Jeroen Dijsselbloem alle Finanze e all’Eurogruppo, sono stati addirittura decimati (solo 9 seggi, -29 in 5 anni).

Sulla mappa del paese prevalentemente blu-Vvd, Rutte vede le macchie dei comuni in cui il Pvv ha vinto. Roccaforti consolidate ed in espansione, tutte nell’entroterra, al confine tedesco. Il grosso nella lingua di comuni del sud stretta fra Belgio e Germania.

Capofila, benché madre e fratello che ancora ci abitano non lo abbiano votato, la Venlo in cui Wilders è nato. “Rutte non si è sbarazzato di me”, ha detto il platinato leader islamofobo, sapendo bene che la partita non è affatto finita e ora si sposta in Francia.

L’elemento nuovo per Wilders ed il suo popolo è però lo sbocciare del Denk fondato tre anni fa da Tunahan Kuzu e Selcuk Ozturk, deputati fuorusciti dal Labour per divergenze sulla questione del monitoraggio delle attività dei musulmani in Olanda.

(dell’inviato Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora