L’Ue euforica per il voto in Olanda, volano i mercati

Pubblicato il 16 marzo 2017 da ansa

Il Primo Ministro olandese Mark Rutte festeggia dando il “cinque” ad alcuni elettori. (ANSA/AP Photo/Patrick Post)

L’AJA. – La diga europeista liberale, democristiana, ecologista (ma anche quella di centrosinistra ed oltre) in Olanda ha salvato l’Ue dallo tsunami della rivoluzione populista che ha già provocato la Brexit e l’elezione di Donald Trump. Il risultato fa volare i mercati (Amsterdam e Londra aggiornano i massimi storici, Madrid e Milano sono le migliori di giornate con +1,7%).

Ed esultano i leader europei da Merkel a Juncker, da Gentiloni a Hollande e Rajoy, ma irrita il sultano di Ankara. Erdogan in un comizio ha parlato di una Europa che, per la sentenza della Corte di giustizia sul velo islamico, “sta rapidamente scivolando verso i giorni precedenti la seconda guerra mondiale”.

“Puoi aver concluso le elezioni come primo partito, ma devi sapere che hai perso un amico come la Turchia”, ha rincarato il presidente turco rivolto a Mark Rutte. Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha invece rilanciato l’accusa di fascismo. Nei partiti olandesi “non c’è differenza tra i socialdemocratici e il fascista Wilders, hanno tutti la stessa mentalità”, ha sostenuto per poi concludere: “Avete dato inizio al collasso dell’Europa. La state trascinando nell’abisso. Presto in Europa inizieranno le guerre di religione”.

I leader europei invece sono raggianti. Già nella notte, fidandosi degli exit poll, Juncker è stato tra i primi a congratularsi con il premier liberale che ha fermato i populisti parlando di “un voto per l’Europa”. Paolo Gentiloni, anche lui a caldo, aveva twittato: “No #Nexit. La destra anti Ue ha perso le elezioni in Olanda. Impegno comune per cambiare e rilanciare l’Unione”.

E Francois Hollande ha celebrato la “chiara vittoria contro l’estremismo”, sostenendo che “i valori dell’apertura, del rispetto per gli altri, la fede nel futuro dell’Europa sono l’unica vera risposta agli impulsi nazionalisti e agli isolazionismi che stanno scuotendo il mondo”. Angela Merkel ha invece atteso i risultati definitivi prima di parlare di quella di ieri come di “una buona giornata per la democrazia” in cui dalle urne è arrivato il “chiaro segnale” di “un voto a favore dell’Europa”. Idea condivisa dal presidente della Commissione europea: “I risultati delle elezioni in Olanda saranno un’ispirazione per molti”.

In Olanda il giorno dopo la vita riprende il ritmo di sempre, magari con un abbozzo di fiducia in più e con il (gradevole) mal di testa di Rutte per il lungo negoziato che sarà necessario per comporre la coalizione di governo. L’ipotesi più accreditata è una formula a quattro, guidata dal Vvd assieme ai democristiani del Cda ed ai liberali progressisti del D66, imbarcando anche gli ecologisti del GroenLinks (vero fenomeno del voto).

Ma il premier dovrà gestire anche la prima assoluta dell’ingresso in parlamento di 3 parlamentari del DENK, il partito antirazzista fondato da due turco-olandesi che reclama diritti per gli immigrati. “Speculare ed uguale al Pvv” dicono nei bar dell’Aja attorno al Parlamento.

Il paese ha però la conferma che ancora una volta il pericolo non viene dal mare, ancestrale ‘nemico’ dei Paesi Bassi ed origine della sua ricchezza, ma dalla parte di terra. L’assalto populista, islamofobo ed antieuropeista di Geert Wilders al primo posto nel paese è fallito. Ma Rutte, il premier entrato nei panni dello statista nello scontro con la Turchia, ha avuto la conferma che il Pvv di Wilders cresce.

Il suo Vvd di governo ha sì vinto mantenendo il primato e 33 eletti, ma è calato in seggi (-8) e percentuali di consenso. E i fedeli alleati socialdemocratici del Labour, che hanno piazzato il ‘falco’ Jeroen Dijsselbloem alle Finanze e all’Eurogruppo, sono stati addirittura decimati (solo 9 seggi, -29 in 5 anni).

Sulla mappa del paese prevalentemente blu-Vvd, Rutte vede le macchie dei comuni in cui il Pvv ha vinto. Roccaforti consolidate ed in espansione, tutte nell’entroterra, al confine tedesco. Il grosso nella lingua di comuni del sud stretta fra Belgio e Germania.

Capofila, benché madre e fratello che ancora ci abitano non lo abbiano votato, la Venlo in cui Wilders è nato. “Rutte non si è sbarazzato di me”, ha detto il platinato leader islamofobo, sapendo bene che la partita non è affatto finita e ora si sposta in Francia.

L’elemento nuovo per Wilders ed il suo popolo è però lo sbocciare del Denk fondato tre anni fa da Tunahan Kuzu e Selcuk Ozturk, deputati fuorusciti dal Labour per divergenze sulla questione del monitoraggio delle attività dei musulmani in Olanda.

(dell’inviato Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

22:26Pugilato: arriva il Bar, potrà ribaltare verdetti Olimpiadi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Dopo la Var nel calcio ecco il Bar nel pugilato. E' un ausilio video e tecnologico, la cui denominazione è "Bout Analisys Review" che servirà a riesaminare e analizzare, dopo ricorso di chi ritiene di essere stato danneggiato da arbitro o giudici, le fasi di un match il cui verdetto potrà perfino essere ribaltato. Finora dopo la protesta ufficiale, come fece l'Italia a Rio dopo il verdetto dell'incontro dei massimi fra Russo e Tischenko, si poteva arrivare (come successe in terra carioca) solo all'esclusione dal torneo di quei giudici le cui decisioni avevano suscitato a dir poco perplessità. Il risultato dell'incontro però non poteva essere modificato: ora si cambia. Il Bar verrà introdotto alle Olimpiadi, già a Tokyo 2020, e dovrebbe servire a risolvere il problema dei verdetti scandalosi che troppo spesso hanno danneggiato ai Giochi l'immagine della 'nobile arte', fino a spingere il Cio a minacciarne la cancellazione dal programma. Questa novità è stata ufficializzata oggi, dopo le riunioni dell'Aiba a Roma.

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

21:21Gb: zoo di Londra ‘battezza’ okapi in omaggio a Meghan

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - Lo zoo di Londra rende omaggio a modo suo a Meghan Markle, l'attrice americana che il 19 maggio prossimo sposerà il principe Harry a Windsor: 'battezzando' con il suo nome, Meghan, un esemplare cucciolo di okapi nato di recente in cattività. "E' una grande opportunità anche per attirare l'attenzione sulle okapi, una specie in estremo pericolo di estinzione", ha sottolineato Gemma Metcalf, un'addetta dello zoo che ha seguito le fasi della nascita di 'Meghan' e che la sta ora assistendo assieme alla madre Oni. L'okapi è un animale africano che ha il suo habitat naturale nella martoriata Repubblica Democratica del Congo. Assomiglia a una zebra, ma é imparentata con le giraffe.

21:17Pena morte: il boia tornerà in azione in Texas dopo un anno

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - La mano del boia torna in azione in Texas dopo un anno. A essere giustiziato oggi sarà Anthony Shore, 55 anni, detto 'Tourniquet Killer' (killer del laccio emostatico), serial killer e stupratore anche di minorenni reo confesso. L'uomo commise i suoi crimini tra gli anni '80 e '90 ma fu arrestato solo nel 2003, incastrato dal suo Dna trovato su una delle vittime. Shore stuprò e uccise ragazzine dai 9 ai 14 anni di età e una 21enne, in totale cinque persone. Shore è il primo a essere giustiziato da quando un anno fa si è insediato il nuovo procuratore della contea di Harris, la democratica Kim Ogg. Un precedente che non si verificava da oltre 30 anni. La Ogg non crede nella pena di morte come deterrente per i crimini, tuttavia nel caso di Shore ritiene sia la cosa giusta.

21:12Incidente Milano: morto anche il quarto operaio

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' terminato il periodo di accertamento della morte cerebrale per Giancarlo Barbieri, 62 anni, uno degli operai coinvolti nell'incidente alla Lamina avvenuto martedì, che ha provocato la morte di altre tre persone, compreso suo fratello Arrigo. I medici dell'ospedale San Raffaele hanno quindi decretato la morte dell'uomo anche dal punto di vista legale.

Archivio Ultima ora